Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * - - 1 Voti

[RECE] Alpeis


24 risposte a questa discussione

#1 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 05 October 2012 - 09:18 PM

Immagine inserita



Alpeis aka Alps

Grecia, 2011

83 min.

Regia: Yorgos Lanthimos

Sceneggiatura: Yorgos Lanthimos; Efthymis Filippou

Fotografia: Christos Voudouris

Montaggio: Yorgos Mavropsaridis

Scenografia: Anna Georgiadou

Costumi: Thanos Papastergiou; Vassilia Rozana

Interpreti e personaggi: Aggeliki Papoulia (Infermiera); Aris Servetalis (Paramedico); Johnny Vekris (Allenatore); Ariane Labed (Ginnasta); Stavros Pssillakis (Padre dell'infermiera); Efthymis Filippou (Proprietario negozio luci); Eftihia Stefanidou (Cieca); Constantina Papoulia (Amica); Sotiris Papostamatiou (Padre della tennista); Tina Papanikolaou (Madre della tennista); Nikos Galgadas (Fidanzato della tennista); Maria Kirozi (Tennista); Fotis Zahos (50enne).


Immagine inserita


Quattro attori creano un’agenzia, Alpeis, con la quale si offrono come avatar (nel senso proprio di reincarnazioni in forma diversa) di persone morte, vengono ingaggiati da tutti coloro che non riescono a superare un lutto e insieme ai loro clienti ricostruiscono scene di vita passata. Dall'assenza dei corpi originari emerge l'essenza irreale del sistema delle immagini capitalistico.

Immagine inserita


Immagine inserita


Per comprendere meglio la dinamica (metalinguistica) di Alpeis, ultimo film di Yorgos Lanthimos, passato a Venezia lo scorso anno, si può partire, secondo logica, da Kynodontas, cioè dal referto impassibile, sibillino, della mistificazione linguistica impartita dalla borghesia del terzo millennio e suscitata dalle sue fobie, pruderie irsute e flaccide, da accoppiamento meccanico di vecchi coniugi, ma di una meccanica archeologica, oggi si direbbe vintage, per via del corollario (o sineddoche) di mangianastri portatile e di videoregistratore e videocassette usati poi come arma. A parte questa immagine di espletamento alienato di esigenze corporee, deprivate di ogni residuo del lascito estatico proprio dell'eros, e rese rito funereo, adiacenza di mero carname, c'è un'altra immagine da cui si possono prendere le mosse, quella dell'uccisione inconsapevolmente efferata di un gatto, che è tutt'uno, non solo col sangue e la carcassa che, naturalmente, se ne ricavano, ma proprio con il contesto sterilizzato del giardino, della casa, del pavimento slavato intorno alla piscina, delle forbici eloquentemente minacciose nel loro acuminato e luccicante acciaio.

Immagine inserita


Immagine inserita


Lo sguardo critico di Lanthimos rimanda allo scenario clinico, proprio nell'immagine asetticamente ambulatoriale di vivisezione, che lascia, sul piano, organismi a brandelli, organi nudi e vischiosi (la stessa in-significanza e in-consistenza mortuale del “pasto nudo” burroughsiano), budella, secrezioni spaventosamente bianche e carname di gatto. Il cinema lanthimosiano è questa formazione, questo meccanismo di coercizione-vivisezione lì dove in Alpeis si espleta in quanto serie di piani grotteschi, in cui germina la banalità dello spettacolo e della violenza.
Alpeis è un'associazione di alienati (istupiditi dall'inerenza alla società dello spettacolo) che si propone di assolvere a un compito filantropico – per mezzo delle qualità interpretative di ogni membro –, cioè di sostituire, in una recita automatica e idiota (ma qui l'idiozia è endemica e non posticcia come nella declinazione larsvontrieriana), persone morte, ricavandone dai committenti (mariti vedovi, genitori frustrati dall'incidente mortale della propria figlia, ecc.) un compenso che completa il quadro di illustrazione della società massiva fondata sul volume di spettacolo grezzo e sul principio della contropartita.

Immagine inserita


Immagine inserita


Il film è tutto nelle mosse innaturali, ridicolmente irrigidite degli attori di queste farse ispirate all'enorme parata dello spettacolo pop (da Bruce Lee a Prince ecc.), che sono la materia stessa del film, delle immagini, allora triste parodia, istupidimento di quelle semoventi sequenze bressoniane e dei suoi modelli (a cui sono sussunti gli attori) che asserivano (o semplicemente ricavavano) la propria indipendenza tattile. In Alpeis il tatto, la giustapposizione materica, è di immagini, personaggi svuotati di senso, di sensorialità; si tratta del rapporto, del contatto inane innescato dal liberismo, che a tratti esplode in efferata e automatica violenza (come in Kynodontas) per mezzo di questi vuoti e grotteschi modelli bressoniani, inconsapevolmente violenti, come magari potrebbe esserlo il protagonista del Cosmopolis cronenberghiano, alla ricerca (automatica) del proprio corpo, scoperto asimmetrico, quindi svilito poi, perforato da pallottola, ma prima intento a liquidare corpi altrui come fossero semplici icone sovraesposte nella luccicanza dello schermo, nell'enorme congerie della città spettacolare, televisiva (che al limite è, mettiamo, la New York delle serie tv amicali, domestiche, addomesticate dall'egida della borghesia proprietaria).

Immagine inserita


Immagine inserita


Ma Alpeis si lega strettamente anche a Kinetta, che era per lo più rappresentazione di rappresentazioni, alla cui base c'erano gli istinti malsani dei soggetti nella società pop, tradotti in recite (riproduzione di avvenimenti violenti tratti dalla cronaca o inventati) simili, ancora, a quelle cronenberghiane, ma svuotate dal sostrato di formicolante sensualità che innescava la messa in scena di Crash, in favore di una disfunzione iconologica, proprio corporale, che diviene appunto norma di totale non funzionalità (idiozia) nell'impalcatura autoreferenziale e costitutivamente insignificante dello spettacolo (del) contemporaneo, un grottesco tanto più indicativo (nel suo intrinseco non-senso) in quanto ambientato in quella Grecia deprivata (dal Consumo, quindi dal regime del Debito) anche della sua tradizione tragica.
Luigi Abiusi - www.uzak.it

Immagine inserita


Immagine inserita




TITOLO DISTRIBUITO IN SALA


Messaggio modificato da JulesJT il 28 December 2016 - 01:03 PM
Aggiornamento topic

Sottotitoli per Altro Cinema: Spalovač mrtvol, Golem, Sanatorium Pod Klepsydra, Vtáčkovia, siroty a blázni, Das schloss , Postava k podpírání , PrevraŠčenije, Mucedníci lásky, Posetitel Muzeya, Kinetta, O slavnosti a hostech, Iavnana, Pokój saren, Amerika, Sami, Menschenkörper, Klassenverhältnisse, Woyzeck, De grafbewaker, Muukalainen, Na wylot, Zbehovia a pútnici, Cztery noce z Anna, Kynodontas, Katalin Varga, Gyerekgyilkosságok, Liverpool, Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles, Höhenfeuer, La Chevelure, La ville des Pirates, Szegénylegények, PVC-1, Die Verwandlung, Adoration, Zamok, Las, Toute une nuit, Ohio Impromptu, Catastrophe, Die Linkshändige frau, Mange, ceci est mon corps , L'evangile du cochon créole, A erva do rato, Le puits et le pendule, Gospodin Oformitel, Traumstadt, Fövenyóra, Le professeur Taranne, L'imitation du cinéma, Büntetőexpedició, Pőrgu, Cuadecuc, vampir, Stićenik, Filme do Desassossego, Tren de sombras, Schakale und Araber, Estorvo, O cerco (traduzione di Polax), Ha'Meshotet, What Where, Rockaby, Come and go, Naufragio, Barăo Olavo, O Horrivél, La influencia, Zirneklis, La femme 100 tętes, Alpeis, Szürkület, V gorakh moyo serdtse, Brillianty. Pokhischenie, Basta, Devyat Sem Sem, Two Gates of Sleep, Saç, You Are Not I, Sevmek zamani, Koniec świata, Poyraz, Mikres eleftheries, Uncut family, Que hay para cenar, querida?, Els Porcs, Ice cream, La invención de la carne, Dafnis y Cloe, Swedenborg, Ombres de foc, A zona, Ja tože choču, Tokyo Giants, Raoul Servais, l'Intégrale des courts métrages, Prostaya smert, Hitparkut

Sottotitoli per AsianWorld: Jao nok krajok, Hagane, Hako



...fredde luci parlano...


#2 hyperione

    PortaCaffé

  • Membro
  • 16 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 06 October 2012 - 04:00 PM

Proprio questo film stavo cercando...

Grazie...

(ma i sub arrivano dopo, vero?)

:em16:

#3 vasumitra

    Operatore luci

  • Membro
  • 330 Messaggi:
  • Location:bologna
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 October 2012 - 05:41 PM

consigliatissimo, io ne ho scritto qui
asilo sotto il mio passo tutto il giorno
i loro festini smorzati mentre la carne cade
erompendo senza paura né vento favorevole
le guantilope del senso e del nonsenso corrono
prese dai vermi per quel che sono


1935 samuel beckett

constant shallowness leads to evil

Immagine inserita

#4 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4391 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 October 2012 - 07:21 PM

Oh, grazie mille :em41:

#5 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 07 October 2012 - 01:09 PM

Visualizza Messaggiohyperione, il 06 October 2012 - 04:00 PM, ha scritto:

(ma i sub arrivano dopo, vero?)

Be', sì...

Visualizza Messaggiovasumitra, il 06 October 2012 - 05:41 PM, ha scritto:

consigliatissimo, io ne ho scritto qui

Peccato, a saperlo avrei utilizzato la tua di recensione :)

Messaggio modificato da bowman il 07 October 2012 - 01:10 PM

Sottotitoli per Altro Cinema: Spalovač mrtvol, Golem, Sanatorium Pod Klepsydra, Vtáčkovia, siroty a blázni, Das schloss , Postava k podpírání , PrevraŠčenije, Mucedníci lásky, Posetitel Muzeya, Kinetta, O slavnosti a hostech, Iavnana, Pokój saren, Amerika, Sami, Menschenkörper, Klassenverhältnisse, Woyzeck, De grafbewaker, Muukalainen, Na wylot, Zbehovia a pútnici, Cztery noce z Anna, Kynodontas, Katalin Varga, Gyerekgyilkosságok, Liverpool, Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles, Höhenfeuer, La Chevelure, La ville des Pirates, Szegénylegények, PVC-1, Die Verwandlung, Adoration, Zamok, Las, Toute une nuit, Ohio Impromptu, Catastrophe, Die Linkshändige frau, Mange, ceci est mon corps , L'evangile du cochon créole, A erva do rato, Le puits et le pendule, Gospodin Oformitel, Traumstadt, Fövenyóra, Le professeur Taranne, L'imitation du cinéma, Büntetőexpedició, Pőrgu, Cuadecuc, vampir, Stićenik, Filme do Desassossego, Tren de sombras, Schakale und Araber, Estorvo, O cerco (traduzione di Polax), Ha'Meshotet, What Where, Rockaby, Come and go, Naufragio, Barăo Olavo, O Horrivél, La influencia, Zirneklis, La femme 100 tętes, Alpeis, Szürkület, V gorakh moyo serdtse, Brillianty. Pokhischenie, Basta, Devyat Sem Sem, Two Gates of Sleep, Saç, You Are Not I, Sevmek zamani, Koniec świata, Poyraz, Mikres eleftheries, Uncut family, Que hay para cenar, querida?, Els Porcs, Ice cream, La invención de la carne, Dafnis y Cloe, Swedenborg, Ombres de foc, A zona, Ja tože choču, Tokyo Giants, Raoul Servais, l'Intégrale des courts métrages, Prostaya smert, Hitparkut

Sottotitoli per AsianWorld: Jao nok krajok, Hagane, Hako



...fredde luci parlano...


#6 hyperione

    PortaCaffé

  • Membro
  • 16 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 07 October 2012 - 01:12 PM

Scusate le domande "idiota"... ma certi meccanismi mi sfuggono! ;)

#7 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 07 October 2012 - 01:27 PM

Visualizza Messaggiohyperione, il 07 October 2012 - 01:12 PM, ha scritto:

Scusate le domande "idiota"... ma certi meccanismi mi sfuggono! ;)

Ma ci mancherebbe, è solo che gli unici che possono allegare i sottotitoli sono i moderatori di sezione...
Sottotitoli per Altro Cinema: Spalovač mrtvol, Golem, Sanatorium Pod Klepsydra, Vtáčkovia, siroty a blázni, Das schloss , Postava k podpírání , PrevraŠčenije, Mucedníci lásky, Posetitel Muzeya, Kinetta, O slavnosti a hostech, Iavnana, Pokój saren, Amerika, Sami, Menschenkörper, Klassenverhältnisse, Woyzeck, De grafbewaker, Muukalainen, Na wylot, Zbehovia a pútnici, Cztery noce z Anna, Kynodontas, Katalin Varga, Gyerekgyilkosságok, Liverpool, Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles, Höhenfeuer, La Chevelure, La ville des Pirates, Szegénylegények, PVC-1, Die Verwandlung, Adoration, Zamok, Las, Toute une nuit, Ohio Impromptu, Catastrophe, Die Linkshändige frau, Mange, ceci est mon corps , L'evangile du cochon créole, A erva do rato, Le puits et le pendule, Gospodin Oformitel, Traumstadt, Fövenyóra, Le professeur Taranne, L'imitation du cinéma, Büntetőexpedició, Pőrgu, Cuadecuc, vampir, Stićenik, Filme do Desassossego, Tren de sombras, Schakale und Araber, Estorvo, O cerco (traduzione di Polax), Ha'Meshotet, What Where, Rockaby, Come and go, Naufragio, Barăo Olavo, O Horrivél, La influencia, Zirneklis, La femme 100 tętes, Alpeis, Szürkület, V gorakh moyo serdtse, Brillianty. Pokhischenie, Basta, Devyat Sem Sem, Two Gates of Sleep, Saç, You Are Not I, Sevmek zamani, Koniec świata, Poyraz, Mikres eleftheries, Uncut family, Que hay para cenar, querida?, Els Porcs, Ice cream, La invención de la carne, Dafnis y Cloe, Swedenborg, Ombres de foc, A zona, Ja tože choču, Tokyo Giants, Raoul Servais, l'Intégrale des courts métrages, Prostaya smert, Hitparkut

Sottotitoli per AsianWorld: Jao nok krajok, Hagane, Hako



...fredde luci parlano...


#8 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 07 October 2012 - 05:57 PM

Subbi allegati.
Lor signori mi scusino per il ritardo :em07:

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#9 Sazuke

    Operatore luci

  • Membro
  • 251 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 07 October 2012 - 08:10 PM

Grazie bow!!! Fidando in te ho aspettato a vederlo!
E in effetti sei stato un fulmine! :em07:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi