Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Tren de sombras


4 risposte a questa discussione

#1 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 20 December 2011 - 02:05 PM

Tren de sombras aka Train of shadows

Spagna, 1997

80 min.

Regia: José Luis Guerín

Fotografia: Tomás Pladevall

Montaggio: Manel Almiñana

Prodotto da Pere Portabella

Interpreti: Jessica Andrieu, Anne Céline Auché, Juliette Gautier, Marc Montserrat, Ivon Orvain



Immagine inserita


Il titolo di Tren de sombras è estratto da un testo di Gorki sui limiti del cinema nel ricreare la realtà in termini realisti; realizzato in pieno centenario del cinema, il film procede tra i piani dell’omaggio e del requiem all’invenzione dei fratelli Lumière.



Immagine inserita


“Ci sono diverse prospettive del tempo nei miei film.
Il tempo oggettivo per realizzare il film. Il tempo come tema all'interno della storia, come in Tren de Sombras.
Il tempo come ritmo narrativo.
Quello che mi affascina maggiormente è la capacità del cinema di catturare la fugacità del tempo…
L’origine e la fine si incontrano in più di una occasione… quei due poli che si attraggono, il principio e la fine, ci sono anche in Tren de sombras attraverso le immagini che rinviano all’infanzia del cinema ma anche alla sua distruzione materiale.



Immagine inserita


Immagine inserita

Provo a lavorare con la musica in una prospettiva organica, con il montaggio lascio che i rumori s'integrino nel film.
In Tren de sombras ho lavorato alla musica che potevano sentire i personaggi di quelle vecchie pellicole familiari che ho trovato in Normandia, in Francia.
Sono i commenti di Ravel e Rosembach, Debussy, Bela Bartok.
La musica lì appariva come una forma astratta: quando le ombre inondano la casa e si crea una forma spettrale fantasmagorica, emerge la musica.
Come attraverso un ponte onirico.
Come le ombre dell'espressionismo tedesco.
Senza musica il cinema sarebbe una forma retorica, ma la musica deve essere una costruzione sonora che rappresenta la gente del film.
Bresson dice che nel cinema sono i suoni dei luoghi a trasformarsi in musica…


Immagine inserita



Immagine inserita


È un film di riflessi e ombre, di immagini virtuali. Questa è un’espressione che, prima di farmi pensare ai video e alle nuove tecnologie, mi suggerisce l’idea delle ombre e dei riflessi, e ambedue sono onnipresenti in tutto il film, anche nella sua parte più documentaria.
C’è una progressione di riflessi nei vetri, negli specchi, o di quell’altra immagine spettrale che si va impadronendo del film: è come un complotto tra il tempo e la luce che si concretizzava quando, a una cert’ora del pomeriggio, un raggio di sole si incideva sul pendolo e, con la sua intermittenza, provocava una piccola proiezione.”
José Luis Guerín



Immagine inserita


Immagine inserita



Buona visione


SOTTOTITOLI

Allega file  Tren De Sombras (Jose Luis Guerin, 1997).AsianWorld.it.rar   1.3K   58 Numero di downloads


Messaggio modificato da Shimamura81 il 20 December 2011 - 08:05 PM

Sottotitoli per Altro Cinema: Spalovač mrtvol, Golem, Sanatorium Pod Klepsydra, Vtáčkovia, siroty a blázni, Das schloss , Postava k podpírání , PrevraŠčenije, Mucedníci lásky, Posetitel Muzeya, Kinetta, O slavnosti a hostech, Iavnana, Pokój saren, Amerika, Sami, Menschenkörper, Klassenverhältnisse, Woyzeck, De grafbewaker, Muukalainen, Na wylot, Zbehovia a pútnici, Cztery noce z Anna, Kynodontas, Katalin Varga, Gyerekgyilkosságok, Liverpool, Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles, Höhenfeuer, La Chevelure, La ville des Pirates, Szegénylegények, PVC-1, Die Verwandlung, Adoration, Zamok, Las, Toute une nuit, Ohio Impromptu, Catastrophe, Die Linkshändige frau, Mange, ceci est mon corps , L'evangile du cochon créole, A erva do rato, Le puits et le pendule, Gospodin Oformitel, Traumstadt, Fövenyóra, Le professeur Taranne, L'imitation du cinéma, Büntetőexpedició, Pőrgu, Cuadecuc, vampir, Stićenik, Filme do Desassossego, Tren de sombras, Schakale und Araber, Estorvo, O cerco (traduzione di Polax), Ha'Meshotet, What Where, Rockaby, Come and go, Naufragio, Barăo Olavo, O Horrivél, La influencia, Zirneklis, La femme 100 tętes, Alpeis, Szürkület, V gorakh moyo serdtse, Brillianty. Pokhischenie, Basta, Devyat Sem Sem, Two Gates of Sleep, Saç, You Are Not I, Sevmek zamani, Koniec świata, Poyraz, Mikres eleftheries, Uncut family, Que hay para cenar, querida?, Els Porcs, Ice cream, La invención de la carne, Dafnis y Cloe, Swedenborg, Ombres de foc, A zona, Ja tože choču, Tokyo Giants, Raoul Servais, l'Intégrale des courts métrages, Prostaya smert, Hitparkut

Sottotitoli per AsianWorld: Jao nok krajok, Hagane, Hako



...fredde luci parlano...


#2 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3562 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 20 December 2011 - 08:06 PM

Subs aggiunti, grazie bowman :em69:

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#3 Sazuke

    Operatore luci

  • Membro
  • 251 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 20 December 2011 - 09:32 PM

Grazie!

#4 mariolini

    Microfonista

  • Membro
  • 140 Messaggi:
  • Location:Salento
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 20 December 2011 - 11:13 PM

Grazie BOW! :em83:

#5 Umberto D.

    Microfonista

  • Membro
  • 149 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 01 January 2012 - 08:32 PM

grazie mille bowman, lo vedo con gran piacere! sapresti dirmi la versione?

La maggior parte dei film segue lo stesso schema: azione, cut, azione, cut.

Si limitano a seguire una trama. Ma la storia non è solo nelle azioni umane,

tutto può essere storia. Un uomo che aspetta in un angolo può essere una storia." Béla Tarr






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi