Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * - 2 Voti

[RECE][SUB] Klassenverhältnisse

Sottotitoli bowman, revisione Sazuke

10 risposte a questa discussione

#1 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 30 January 2010 - 05:44 PM

Immagine inserita

Klassenverhältnisse aka Class Relations

Germania, 1984
126 min.
Regia: Jean-Marie Straub, Danièle Huillet.
Sceneggiatura: Jean-Marie Straub, Danièle Huillet.
Soggetto: tratto dal romanzo "America o Il disperso" di Frank Kafka.
Fotografia: Caroline Champetier, William Lubtchansky, Christophe Pollock.
Interpreti e personaggi: Christian Heinisch (Karl Rossmann), Nazzareno Bianconi (Giacomo), Mario Adorf (Zio), Laura Betti (Brunelda), Harun Farocki (Delamarche), Manfred Blank (Robinson), Reinald Schnell (Il fochista), Klaus Traube (Capitano), Tilman Heinisch (Green).


Immagine inserita


[…] Il titolo del film dovrebbe far capire molte cose. Rapporti di classe: l'America è esclusa dal titolo come dal film, a parte l'iniziale inquadratura della statua della Libertà e il carrello finale sul fiume Missouri. Il finale è l'unica libertà che Straub-Huillet si concedono nei confronti del testo. Le lunghe pratiche per l'assunzione di Karl nel Teatro di Oklahoma sono condensate in una rapida sequenza in cui Karl parla con due impiegati. La suggestiva descrizione del viaggio in treno è «riassunta» nell'immagine del fiume, che diventa (sorta di sineddoche geografica) una parte per il tutto, un «segno» del pianeta America. «...e soltanto ora Karl si rese conto di quanto sia grande l'America».
Rapporti di classe, dunque. Prima di essere uno scrittore, Franz Kafka era un impiegato. Straub-Huillet seguono una parte della critica kafkiana (Lukàcs, soprattutto Günther Anders) vedendo in America una lucida rappresentazione dei rapporti di classe nella società moderna, rapporti che sono ingiusti proprio in quanto incomprensibili da parte degli sfruttati.

Immagine inserita


Ma a questo scopo non hanno bisogno di forzare il testo letterario. America può essere letto come una gigantesca odissea alla ricerca del posto, inteso come lavoro. […] Come Josef K. all'inizio (non alla fine) del Processo, Karl è completamente interno alla logica capitalista. La sua alienazione (per usare un termine marxiano che già Lukàcs ha applicato a Kafka) è nei fatti, non nelle psicologie. Quando Karl viene licenziato dall'Albergo Occidentale, viene definito «inutilizzabile», battuta che rimane nel film. E il suo dialogo con lo studente che lavora da Montly come fattorino (anch'esso presente nel finale del film) è doppiamente indicativo. Perché chiarisce la natura disumana dei rapporti di lavoro e la esemplifichi sul terreno teoricamente più nobile, quello morale (anche «dal basso») è sospeso nel momento in cui altri «valori» più oggettivi hanno il sopravvento.

Immagine inserita


Questa, semplificando parecchio, è l'operazione compiuta da Straub-Huillet sul testo di Kafka. Da un lato quella che potremmo definire «rimozione del fantastico», di tutti quei lati «metafisici» che, secondo i registi, sono sempre stati sopravvalutati con il rischio di leggere Kafka in modo deformato. Scompaiono le fantascientifiche code di autocarri che Karl incontra sulle strade d'America, il palco presidenziale in oro massiccio del Teatro d'Oklahoma, i trenta ascensori dell'Albergo Occidentale, la scrivania dai cento reparti dello zio, i labirintici vicoli e cortili del quartiere in cui Karl sfugge alla polizia con l'aiuto di Delamarche.

Immagine inserita


D'altro canto, l'accentuazione di tutto ciò che nel romanzo riguarda, appunto, i rapporti di classe fra i personaggi.
Sarebbe una lettura riduttiva se Straub-Huillet non fossero capaci di trasformarla in stile. Invece (e questo fa la splendida riuscita del film) il linguaggio è perfettamente finalizzato allo scopo. Per esempio, è dai tempi di Non riconciliati che i due registi fanno un uso sapientissimo del fuoricampo in funzione narrativa. In Rapporti di classe questo tratto stilistico diventa addirittura la chiave di volta del film. I dialoghi (la parte più «conservabile» del testo) sono numerosissimi, e sono tutti girati in modo che l'uso (sempre anti-tradizionale) del campo e controcampo evidenzi immediatamente la separazione (sociale, ovviamente, prima che psicologica) tra i personaggi. Gli interlocutori non sono quasi mai inquadrati insieme. Ciò vale per i dialoghi di Karl con il fuochista, con Klara, con Green e Pollunder, con l'ostessa, con Brunelda, tutti personaggi che sono - nella circostanza - superiori, ovvero più forti (o inferiori, ovvero più deboli: è il caso del fuochista) di Karl.

Immagine inserita


L'eccezione, naturalmente voluta, è il personaggio di Therese, l'unica creatura con cui Karl trova una momentanea solidarietà. I due sono inquadrati insieme, lui sdraiato sul letto, lei seduta al suo fianco. E nella sequenza in cui Therese racconta a Karl della madre, la mdp tende addirittura ad unirli, carrellando sul primo piano di Karl che ascolta il racconto di Therese (fuori campo) e tornando alla fine, con un secondo carrello speculare al primo, sul totale dei due.

Immagine inserita


Un'altra eccezione, altrettanto significativa, è il dialogo tra Karl e l'altro lift che gli spiega perché sia stato licenziato. Il lift è fuori campo, la mdp inquadra Karl che ascolta: in quel momento Karl è «inferiore» perché è stato cacciato, mentre l'ex-collega ha saputo conservare il posto.

Immagine inserita


I movimenti di macchina sono rari e proprio per questo tanto più pregnanti. Vanno ricordati i due lunghissimi carrelli (quello finale sul Missouri, e quello - con inquadratura dal basso - sui docks successivo all'incontro tra Karl e lo zio) che ricordano ovviamente quelli di Lezioni di storia e, soprattutto, la famosa panoramica sulle Apuane di Fortini/Cani.

Immagine inserita


E forse la funzione è la stessa: stabilire un contesto in rapporto al quale il prosciugamento del testo originario viene contraddetto, dialetticamente. Certo, la lettura materialista di Kafka viene portata alle estreme conseguenze stilistiche. Come nelle bellissime inquadrature (il piano americano con lo zio, il brevissimo carrello che lo inquadra prima sdraiato, poi seduto sul letto) in cui Karl viene «scomposto», inquadrato «a pezzi», come a ribadire che la frantumazione dell'individuo è ormai compiuta.

Immagine inserita


Ma nello stesso tempo il «fantastico», rimosso in quanto trascrizione meccanica, rientra in gioco nella struttura (narrativa e figurativa) del film. Perché è quasi inutile affermare che StraubHuillet non danno certo di America una trascrizione «realistica», narrativamente tradizionale. Non basta limitarsi a ricordare che i due registi rifiutano da sempre le convenzioni narrative del cinema classico. Anche perché il loro rapporto con tale cinema non è univoco. È facile sentirsi dire da Straub quanto siano importanti, nel loro stile di ripresa e di montaggio, registi come Hawks, Lang e Hitchcock. Rapporti di classe, inoltre, è per certi versi il più «classico» dei loro film: gli strumenti linguistici con cui Straub-Huillet costruiscono il film sono assai meno «colti» e impervi di quelli utilizzati, per esempio, in Dalla nube alla resistenza o in Fortini/Cani. In un certo senso, Rapporti di classe è costruito con materiali «di riporto» del cinema popolare. Uno spettatore ignaro potrebbe quasi considerarlo un film realistico in cui gli attori recitano male e, di tanto in tanto, succedono cose non poco «strane».
Proprio per questo l'operazione dei registi è ancora più raffinata (e rischiosa) del solito. Il margine tra sperimentazione e comunicazione è estremamente sottile, le convenzioni sono nello stesso tempo negate e utilizzate (si veda l'uso ironico dell'inno americano alla fine del dialogo tra Karl e il fuochista), lo stile «distaccato» della recitazione è esasperato come nelle opere precedenti, ma il potenziale realistico della situazione lo contestualizza in modo differente: lo straniamento non è totale, esiste un continuo andirivieni tra riflessione ed emozioni in cui la «distanza» fra opera e spettatore varia costantemente.[…]

Immagine inserita


La sensazione, insomma, è che mai come in Rapporti di classe Jean-Marie Straub e Danièle Huillet abbiano accettato di confrontarsi a fondo con le contraddizioni insite in ogni dialettica. In questo senso, anche la carrellata finale sul Missouri assume una valenza diversa. È sicuramente la definizione di un contesto, la metaforizzazione di un concetto. Ma è anche l'unico momento lirico del film. Ed è quindi la perfetta visualizzazione di una frase che nel film è solo apparentemente assente: «Questo manifesto era ancora più inverosimile degli altri. Soprattutto c'era in esso un grave sbaglio, non si accennava affatto alla paga. Se questa fosse stata appena rispettabile, il manifesto ne avrebbe certamente parlato; non avrebbe trascurato la cosa più invitante. Non c'era nessuno che volesse diventare artista, ma tutti volevano essere pagati per il loro lavoro».
Si parla del manifesto del teatro di Oklahoma, ma sembra il manifesto del cinema di Jean-Marie Straub e Danièle Huillet. Quanti film «inverosimili» hanno fatto! Quante volte hanno commesso il «grave sbaglio» di non «accennare alla paga», segnatamente per se stessi! E quante volte hanno «trascurato le cose più invitanti»! E proprio per questo (Straub ci perdonerà quest'altro finale «lirico», che quasi certamente gli ripugnerà) hanno dimostrato che l'amara constatazione di Kafka sulla scomparsa degli artisti non sempre è vera. Anche se (o forse soprattutto quando) di rapporti di classe, e non di metafisica, si parla.

Alberto Crespi;
Cineforum n. 255, 6-7/1986


Immagine inserita


Nota personale; impossibile non menzionare, nel ruolo di Brunelda, la presenza di Laura Betti; alla sua straordinaria persona e al suo ricordo questi sottotitoli sono dedicati in un piccolo, ma sentito omaggio.
Infine ringrazio Sazuke per essersi occupato della revisione dei sottotitoli.


Buona visione


SOTTOTITOLI

Allega file  Klassenverhaltnisse (1984).zip   46.62K   154 Numero di downloads


Messaggio modificato da JulesJT il 20 December 2014 - 09:09 PM
Riordino RECE


#2 elgrembiulon

    maledetto punk

  • Membro storico
  • 5736 Messaggi:
  • Location:Ĺ, Norge
  • Sesso:

Inviato 30 January 2010 - 06:13 PM

grazie mille bowman! finalmente il bowfilm! :em69:
Subs Asian: Takeshis' (rece by polpa and subs no longer available, maledizione!!), Aparajito (L'Invitto), 4:30, The Scent Of Green Papaya

Subs Altro Cinema: Ariel (subs no longer available),Kaldaljós, Children of Nature (Börn náttúrunnar), Řyenstikker (TlwtN1),Den brysomme mannen (The bothersome man)(TlwtN2), Voksne Mennesker, La libertad, Vinterkyss (TlwtN3), Valehtelija (The Liar) (RS1), Rosso (RS2), Fantasma, Bleeder, The Man From London (A londoni férfi), Bronson

in work: Mýrin (Jar City) (3%)

Suntoryzzato ufficialmente in data 27/01/2007



Nessuna commedia coreana tradotta dal 24/07/2005.

La natura e le sue leggi erano nascoste nelle tenebre. Poi Dio disse: "Sia fatto Tesla", e tutto fu luce. (B.A. Behrend)

#3 suiseki

    Cameraman

  • Membro
  • 511 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 30 January 2010 - 07:02 PM

si, grazie mille! :em69:

Suntoryzzata ufficialmente in data 27/01/2007 Aisssshipal!!!!

"In viaggio il primo giorno ci si chiede perchč si č partiti, chi ce l'ha fatto fare. I giorni successivi ci si domanda come si farŕ a tornare indietro."

Sub AW: b420; Sub Altro Cinema: Obaba

#4 Sazuke

    Operatore luci

  • Membro
  • 251 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 31 January 2010 - 12:17 AM

Un'impresa TITANICA!!!
Quasi 1600 sottotitoli, moltissimi dei quali su due righe.... :em88:
Cinefili di tutta Italia unitevi per ringraziare bowman... :em69: :em06:

Finalmente bowman si č ricongiunto con il suo Avatar. :em88:

#5 mariolini

    Microfonista

  • Membro
  • 140 Messaggi:
  • Location:Salento
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 31 January 2010 - 11:27 AM

Finalmente posso buttare la vhs vecchia di oltre vent'anni.

GRAZIE BOWMAN :em67: :em83: :em83:

#6 asturianito

    Produttore

  • Membro+
  • 3413 Messaggi:
  • Location:Bancomat d'Italia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 31 January 2010 - 11:35 AM

E mi sembrava che era da un pezzo che bowman non recensiva niente!
Complimenti bow, una bella impresa, so cosa vuol dire.

H&S mi fanno tutt'altro che impazzire, ma proverň a dargli uno sguardo.
Non si possono prendere quattro gol contro aversari
che passano tre volte nostra metà campo. (V. Boskov)


Immagine inserita



Immagine inserita



#7 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 31 January 2010 - 02:32 PM

Visualizza MessaggioSazuke, il 31 January 2010 - 12:17 AM, ha scritto:

Finalmente bowman si è ricongiunto con il suo Avatar. :em67:
"riconciliato" in questo caso... :em83:

Visualizza Messaggioasturianito, il 31 January 2010 - 11:35 AM, ha scritto:

H&S mi fanno tutt'altro che impazzire, ma proverò a dargli uno sguardo.
All'interno della produzione di Straub & Huillet è probabilmente una delle pellicole più "accessibili", ha tutti i pregi e nessuno dei difetti - almeno quelli che vengono ritenuti tali - del fantomatico duo.
Lo ritengo un film straordinario e non posso far altro che consigliarlo vivamente.

Messaggio modificato da bowman il 03 February 2010 - 12:03 PM

Sottotitoli per Altro Cinema: Spalovač mrtvol, Golem, Sanatorium Pod Klepsydra, Vtáčkovia, siroty a blázni, Das schloss , Postava k podpírání , PrevraŠčenije, Mucedníci lásky, Posetitel Muzeya, Kinetta, O slavnosti a hostech, Iavnana, Pokój saren, Amerika, Sami, Menschenkörper, Klassenverhältnisse, Woyzeck, De grafbewaker, Muukalainen, Na wylot, Zbehovia a pútnici, Cztery noce z Anna, Kynodontas, Katalin Varga, Gyerekgyilkosságok, Liverpool, Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles, Höhenfeuer, La Chevelure, La ville des Pirates, Szegénylegények, PVC-1, Die Verwandlung, Adoration, Zamok, Las, Toute une nuit, Ohio Impromptu, Catastrophe, Die Linkshändige frau, Mange, ceci est mon corps , L'evangile du cochon créole, A erva do rato, Le puits et le pendule, Gospodin Oformitel, Traumstadt, Fövenyóra, Le professeur Taranne, L'imitation du cinéma, Büntetőexpedició, Pőrgu, Cuadecuc, vampir, Stićenik, Filme do Desassossego, Tren de sombras, Schakale und Araber, Estorvo, O cerco (traduzione di Polax), Ha'Meshotet, What Where, Rockaby, Come and go, Naufragio, Barăo Olavo, O Horrivél, La influencia, Zirneklis, La femme 100 tętes, Alpeis, Szürkület, V gorakh moyo serdtse, Brillianty. Pokhischenie, Basta, Devyat Sem Sem, Two Gates of Sleep, Saç, You Are Not I, Sevmek zamani, Koniec świata, Poyraz, Mikres eleftheries, Uncut family, Que hay para cenar, querida?, Els Porcs, Ice cream, La invención de la carne, Dafnis y Cloe, Swedenborg, Ombres de foc, A zona, Ja tože choču, Tokyo Giants, Raoul Servais, l'Intégrale des courts métrages, Prostaya smert, Hitparkut

Sottotitoli per AsianWorld: Jao nok krajok, Hagane, Hako



...fredde luci parlano...


#8 *StevE*

    Microfonista

  • Membro
  • 119 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 02 February 2010 - 11:56 PM

uhau!!! grazie mille bowman! :em12: :em12:

#9 cuorenucleare

    Ciakkista

  • Membro
  • 61 Messaggi:
  • Location:Napoli
  • Sesso:

Inviato 17 March 2013 - 04:47 PM

Grazie mille! :clap:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi