Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] La ville des Pirates

Traduzione anonimo, timing bowman

13 risposte a questa discussione

#1 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 27 June 2010 - 11:19 AM

Immagine inserita

La ville des Pirates

Francia/Portogallo, 1983
111 min.
Regia: Raoul Ruiz
Sceneggiatura: Raoul Ruiz
Fotografia: Acácio de Almeida
Montaggio: Valeria Sarmiento
Musiche: Jorge Arriagada
Cast: Hugues Quester, Anne Alvaro, André Engel, Melvil Poupaud, Duarte de Almeida, Clarisse Dole, Clarisse Dole, André Gomes


Immagine inserita


È forse il più estremo, labirintico, inspiegabile (impermeabile a qualsiasi riduzione schematica) tra i film del prolifico R.Ruiz. Non ci sono pirati e tanto meno una città, sostituita da un'isola semideserta e ventosa nei 'territori d'oltremare'.

La ville des pirates è (de)composto sotto il segno del surrealismo, con il suo confidare nell'estasi, nello scandalo, nel richiamo alla natura selvaggia, alla mistificazione, ai sogni profetici, all'umorismo, al perturbante e viste le sorprendenti disorientanti evocazioni di Buñuel e Dalí, e l'affinità al discorso poetico di Eluard e Péret, ci si chiede se Ruiz non abbia elaborato il suo scenario utilizzando la modalità di scrittura automatica surrealista.

Immagine inserita

Immagine inserita


Isidore è un'eroina puramente surrealista, in parte Ofelia, in parte Salomé, in parte Berenice, incline alla trance, al sonnambulismo, al contatto con 'l'altra parte'.
La surrealtà abitata dalle macchine desideranti di Ruiz è fondata sull'enigma, sul paradosso, dettagli delle storie raccontate dai suoi personaggi riecheggiano le une nelle altre in un infinito gioco di rimandi, tanto da suggerire un ordine occulto dietro eventi distinti; ci si muove in avanti restando sempre nello stesso luogo o citando Elisa Veronica Zucchi:
"Il cinema di Ruiz è attraversato dal gusto per l'anagramma narrativo ovvero per quel rebus costruito entro il linguaggio filmico e filosofico a cui - perché si chiuda - manca sempre qualcosa, o c'è sempre qualcosa in più. È proprio a partire da questo manque, da questo 'qualcosa che c'è, ma in quel che c'è non c'è' come affermava Carmelo Bene… insomma dal quadro mancante e decisivo per lo scioglimento del rebus, che può aver luogo quella ricerca impossibile… la ricerca impossibile dell'imago incompiuta e del punto di vista impossibile e, pertanto frammentario, cieco, che soli sono in grado di dar voce a una muta testimonianza di un vizio inconfessabile e di alludere a una cerimonia. Ma di che cerimonia si tratta? Quale regola tacita dobbiamo superare per prendervi parte?"

Le rocce e il mare non sono gli unici echi del film surrealista per eccellenza, L'Age d'or, l'umorismo criptico del maestro spagnolo viene ampiamente omaggiato, così come il Dalì dell'hitchcockiano Spellbound, gli scritti di Jacques Vaché e Robert Desnos, la fotografia di Bill Brandt, una costellazione di congruenze che ha il merito di estendere e non svuotare la ricchezza del lavoro di Ruiz.


Anime perdute in attesa dell'eterno ritorno…


Immagine inserita


"L'inquadratura è come un'isola, vista attraverso gli occhi di un bambino che isola l'oggetto: per un bambino, tutto il mondo è l'oggetto con cui gioca"
R. Ruiz

Immagine inserita


Buona visione


SOTTOTITOLI
Allega file  La Ville Des Pirates (1984 - Raoul Ruiz).rar   28.89K   221 Numero di downloads


Messaggio modificato da JulesJT il 20 December 2014 - 06:32 PM
Riordino RECE


#2 *StevE*

    Microfonista

  • Membro
  • 119 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 27 June 2010 - 11:28 AM

Ho l'onore di essere il primo a ringraziarti! :em15: Questo film è stupendo, lo vidi tanti tanti anni fa (non ricordo se su fuori orario o rai sat cinema). Ho visto anche altri film di Ruiz ma nessuno mi è piaciuto come questo (forse solo "le tre corone del marinaio"). Oltre agli artisti già citati a me ha ricordato molto Maya Deren. Monumento per bowman!!! :em15:

Messaggio modificato da *StevE* il 27 June 2010 - 11:32 AM


#3 feder84

    Direttore del montaggio

  • Membro+
  • 2610 Messaggi:
  • Location:Brescia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 27 June 2010 - 02:45 PM

Sub uppati. Grazie per la proposta.
In una notte della tarda primavera del quinto anno dell'era Meiwa, finisco di scrivere quest'opera, accanto alla mia finestra, mentre, cessata la pioggia, è apparsa la luna appena velata; perciò, nell'affidarla al tipografo, la intitolo Racconti di pioggia e di luna.


Firmato: Seishi kijin
Sigillo: Shikyo kojin
Yugi Sanmai

#4 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3562 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 27 June 2010 - 05:05 PM

Thanks!!

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#5 Kitano

    Operatore luci

  • Membro
  • 482 Messaggi:
  • Location:Pescara
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 27 June 2010 - 06:57 PM

Grazie!!



#6 Sazuke

    Operatore luci

  • Membro
  • 251 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 28 June 2010 - 10:39 PM

Sembra stupendo... grazie! :em41:

#7 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 30 June 2010 - 06:02 PM

*StevE*, il 27 June 2010 - 11:28 AM, ha scritto:

Ho visto anche altri film di Ruiz ma nessuno mi č piaciuto come questo (forse solo "le tre corone del marinaio").
:em63: Film straordinario, probabilmente il suo capolavoro.

*StevE*, il 27 June 2010 - 11:28 AM, ha scritto:

Oltre agli artisti giŕ citati a me ha ricordato molto Maya Deren.
Maya Deren cosě come alcuni lavori di Frans Zwartjes, ma le suggestioni di questo film sono infinite...
Sottotitoli per Altro Cinema: Spalovač mrtvol, Golem, Sanatorium Pod Klepsydra, Vtáčkovia, siroty a blázni, Das schloss , Postava k podpírání , PrevraŠčenije, Mucedníci lásky, Posetitel Muzeya, Kinetta, O slavnosti a hostech, Iavnana, Pokój saren, Amerika, Sami, Menschenkörper, Klassenverhältnisse, Woyzeck, De grafbewaker, Muukalainen, Na wylot, Zbehovia a pútnici, Cztery noce z Anna, Kynodontas, Katalin Varga, Gyerekgyilkosságok, Liverpool, Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles, Höhenfeuer, La Chevelure, La ville des Pirates, Szegénylegények, PVC-1, Die Verwandlung, Adoration, Zamok, Las, Toute une nuit, Ohio Impromptu, Catastrophe, Die Linkshändige frau, Mange, ceci est mon corps , L'evangile du cochon créole, A erva do rato, Le puits et le pendule, Gospodin Oformitel, Traumstadt, Fövenyóra, Le professeur Taranne, L'imitation du cinéma, Büntetőexpedició, Pőrgu, Cuadecuc, vampir, Stićenik, Filme do Desassossego, Tren de sombras, Schakale und Araber, Estorvo, O cerco (traduzione di Polax), Ha'Meshotet, What Where, Rockaby, Come and go, Naufragio, Barăo Olavo, O Horrivél, La influencia, Zirneklis, La femme 100 tętes, Alpeis, Szürkület, V gorakh moyo serdtse, Brillianty. Pokhischenie, Basta, Devyat Sem Sem, Two Gates of Sleep, Saç, You Are Not I, Sevmek zamani, Koniec świata, Poyraz, Mikres eleftheries, Uncut family, Que hay para cenar, querida?, Els Porcs, Ice cream, La invención de la carne, Dafnis y Cloe, Swedenborg, Ombres de foc, A zona, Ja tože choču, Tokyo Giants, Raoul Servais, l'Intégrale des courts métrages, Prostaya smert, Hitparkut

Sottotitoli per AsianWorld: Jao nok krajok, Hagane, Hako



...fredde luci parlano...


#8 *StevE*

    Microfonista

  • Membro
  • 119 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 30 June 2010 - 10:18 PM

bowman, il 30 June 2010 - 06:02 PM, ha scritto:

Maya Deren cosě come alcuni lavori di Frans Zwartjes, ma le suggestioni di questo film sono infinite...
Caro bowman Frans Zwartjes proprio non lo conosco :em15: con uno sforzo surreale vedrň di rimediare al piů presto a questa mia lacuna. ;)

#9 mariolini

    Microfonista

  • Membro
  • 140 Messaggi:
  • Location:Salento
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 June 2010 - 10:25 PM

Bowman, buongustaio! :em15: ;) ;)





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi