Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] The Clone Returns Home


27 risposte a questa discussione

#1 paxy

    Microfonista

  • Collaboratore
  • 114 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 29 April 2015 - 09:37 AM

Immagine inserita


Titolo originale: "Kurôn wa kokyô wo mezasu"
Regia: Kanji Nakajima
Paese: Giappone
Anno: 2008
Genere: Drammatico, Fantascienza
Durata: 110'
Lingue: Giapponese
Interpreti: Mitsuhiro Oikawa (Kohei), Eri Ishida (Yoko), Hiromi Nagasaku (Tokie)

Immagine inserita Immagine inserita

Compendiario. Straordinariamente potente. Malinconico e sovrannaturale. Dopo solo due lungometraggi girati,nel 2008 il regista nipponico decide di realizzare un’opera di grandi pretese umane che,fondendo l’elemento personale a quello universale,riesce a tratteggiare il problema ontologico legato al dualismo vita-morte con franchezza ma anche con una tecnica direttiva surreale e quasi grottesca: ne esce fuori “The clone returns home”. Ogni elemento legato alla natura dell’uomo qui viene scomposto ed esaminato alla lente d’ingrandimento attraverso una serie di espedienti tecnici e di geniali trovate sceneggiative che,lungi dall’interessarsi prettamente al genere filmico dichiarato,puntano ad un sunto biologico-filosofico spaventoso in tutto il suo vero e triste risultato;e l’elemento umano qui,perdendo la sua entità carnale,rimane unicamente come un traghettatore d’anime che trasporta l’essere al di là della concezione stessa di vita,al di là di ogni cosa,dove non esistono certezze ma solo misteri.
Un giovane astronauta acconsente a partecipare ad un programma di clonazione che,in caso di decesso,lo riporterebbe in vita attraverso la ricreazione di corpo e mente,e quando egli muore accidentalmente in una missione spaziale,il clone viene utilizzato. Fuori da ogni aspettativa però il primo clone,così come il secondo,regredisce mentalmente fino al tragico momento vissuto nell’infanzia della morte del gemello,evento questo che,in tutta la sua pesante e sconvolgente capacità, distruggerà l’essere stesso,facendo naufragare ogni speranza scientifica a riguardo.
E’ decisamente impressionante notare quanto il cinema giapponese sia capace di spaziare,rinnovarsi continuamente e fornire una qualità sempre così ottima all’interno delle proprie opere; tanto più che assistiamo a veri e propri capolavori da registi semi-sconosciuti o comunque all’ombra dei riflettori,come questo talentuoso Nakajima. Se a prima vista parrebbe nella suddetta opera di assistere ad un’ennesima riproposizione fantascientifica non lontana dal genere “Interstellar”,tale elemento si intuisce immediatamente essere tutt’altro che preponderante,anzi. Come con “Solaris”(i cui rimandi qui sono talmente vari e costanti dall’essere forse anche troppi),ma sempre rielaborando e personalizzando ogni elemento,l’autore utilizza l’elemento spaziale,non semplicemente come un luogo qualsiasi per riproporre le medesime vicende ambientate sul pianeta,o per mostrare banali storie d’azione ricreando un’ipotetica realtà,ma per riflettere sull’intero concetto di umanità e degli elementi che influenzano e caratterizzano la stessa,solo in scala universale. Perchè se l’uomo è imprescindibilmente legato alla propria natura c’è da chiedersi quanto il raggio d’azione dello stesso si possa espandere per non sconfinare nell’immenso campo spaziale dell’immortalità,dell’infinitesimalmente grande,ed è questa la domanda che si pone il regista nell’opera in questione. Ma nel compiere quest’ardua e maestosissima impresa egli mette in confronto non solo l’aspetto universale ed ignoto dell’esistenza ma anche quello prettamente umano,legato all’esperienza vissuta, confrontando la ripercussione della memoria e dei suoi traumi con l’immensa vastità delle possibilità scientifiche,che immancabilmente si ritrovano a scontrarsi con un concetto di vita predestinata, immutabile ed inconoscibile. Tanto meno clonabile. E qui giungiamo al punto centrale della pellicola in questione. Quest’irrealizzabile progetto scientifico infatti non è affatto(o almeno non soltanto)il pretesto per un ragionamento prettamente materiale e conoscitivo, ma bensì l’espressione più grande della presunzione umana,che pretende con continua ed imperterrita ostinazione di avventurarsi in campi ad essa sconosciuti ed occulti,inscenando unicamente una prova di forza perdente per principio e quantomai vana. Perchè,come ampiamente dimostrato qui attraverso la continua distruzione dei cloni messi a punto,l’uomo risulta impossibilitato anche solo ad avvicinarsi a realtà a lui sconosciute.


Immagine inserita
Immagine inserita


Da simili ragionamenti,che di fatto sono solo il guscio dell’insieme di argomentazioni che l’opera attua,ovvero dalla presa in considerazione del concetto di incalcolabilità dell’esistenza,prendono vita una serie di considerazioni che puntano concretamente a riflettere sul vero significato della vita e della sua caducità. Così infatti come il fratello del protagonista e la madre,anche il protagonista stesso morendo diviene il centro di tale ragionamento,portando lo spettatore per forza di cosa a chiedersi cosa davvero significhi vivere,e quanto questo atto,che prescinde dalla scelta volontaria,possa influenzare od essere influenzato,cambiare o essere cambiato. Certo a livello materiale la risposta è che l’uomo rimane un burattino nelle mani di entità ben più superiori ed incalcolabili,quindi di conseguenza impotente nei confronti di chiunque se non di se stesso o al limite dei suoi simili. Dal film in causa infatti ne emerge un giudizio profondamente contraddittorio e contrastante nei confronti di ogni tipo di scienza e di ogni tipo di tentativo atto a sconvolgere il circolo normale della vita;e come in Solaris tale tentativo genera conseguenze incalcolabili ed imprevedibili,e qui subentra l’affascinante quanto suggestivo gioco artistico alla base dell’impianto registico della pellicola,di cui parleremo più avanti. A conti fatti perciò una prova di forza che tenta di riassumere con fedeltà e con rigore intellettuale le reali condizioni di sussistenza di un’esistenza umana tipo,unendo la personale entità del soggetto al concetto universale di possibilità scientifiche,prese in considerazione in quanto atti potenziali e non scoperte intellettuali fini a se stesse. Un gioco di possibilità che si avventura con coraggio nel campo dell’ipotesi, fornendo proprio grazie a tale tentativo una propria definizione di vita,pericolosamente inconoscibile e fatidicamente definitiva nei suoi atti.
Se però tali considerazioni risultano importanti e decisive nella loro natura imponente e generalizzante,è solo grazie all’immenso apporto tecnico che la pellicola in questione compie il passo fondamentale per trasformarsi in un vero e proprio capolavoro culturale. E’ fuori ogni dubbio infatti la spettacolare entità dell’intero apparato direttivo,che riesce con incommensurabile abilità ad accostare sempre più la sceneggiatura con la suggestiva regia,fino ad unire i due aspetti e farli diventare una cosa sola,come vedremo nella sequenza finale, sicuramente una delle più belle della storia del cinema moderno. Notiamo infatti una dilagante attenzione per la resa surreale e visionaria del tutto,atta a confondere le idee e a rendere confusa e terrificante l’intera sezione del film dedicata alla vita dei cloni. Ritornando infatti questi ultimi inevitabilmente al momento della tragica morte del gemello e quindi alla vita infantile,rendono possibile all’autore un bellissimo gioco di sensazioni,di visioni spiritiche,di inspiegabili ripresentazioni(come quella della tuta spaziale),e di mute contemplazioni,che fondono i ricordi del passato con la realtà della situazione creando una sensazione di instabilità e di completa ottenebrazione. A conti fatti quindi notiamo una regia decisamente impareggiabile ed una completa vittoria sotto tutti i punti di vista,dalla splendida fotografia alla grandissima riuscita del ritmo,sempre costante e mai noioso. Nessuna scena è mai superflua e nessun dialogo(nella sua quasi nulla presenza,soprattutto nella seconda parte dell’opera)è imprescindibile.L’attenzione è completamente rivolta verso ciò che l’immagine evoca e suggerisce in quanto il messaggio principale dell’opera viene interamente veicolato ed incanalato attraverso l’immagine stessa,che diventa qui fine unico di comprensione e non mezzo di svago,e questo è l’aspetto principale che rende il film in questione un vero diamante da collezione.
Concludendo perciò un viaggio profondo ed immortale che fa riflettere e che stupisce per la sua potenza espressiva. Un vero e proprio capolavoro nel senso proprio del termine,che ragiona in chiave pessimistica gettando le basi di una comprensione esistenziale non indifferente,oltre ad essere un onesto monumento eretto in onore della memoria e del suo peso nella vita.
[fonte: cinepaxy]


Immagine inserita
Immagine inserita



Traduzione: paxy

Revisione: JulesJT



SOTTOTITOLI







Ordina il DVD su
Immagine inserita


Messaggio modificato da JulesJT il 29 April 2015 - 10:26 AM

Sito web - Facebook - YouTube

Traduzioni Cinema Asiatico:
The Clone Returns Home (Nakajima); The Backwater (Aoyama); Over Your Dead Body (Miike); Behemoth (Liang); Genpin (Kawase)

Traduzioni L'altro Cinema:
Je t'aime, je t'aime (Resnais); Horse Money (Costa); Nathalie Granger (Duras), Our Man (Costa), Ossos (Costa), Ne change rien (Costa); Slow Action (Rivers); Come on Children (King); A Married Couple (King); La valle chiusa (Rousseau); La belle Nivernaise (Epstein); Garoto (Bressane); Tokyo Days (Marker); Be seeing you (Marker); Description of a Struggle (Marker); The Koumiko Mystery (Marker); Wheel of ashes (Goldman); An Example Of Intonation (Sokurov)

Focus:
Pedro Costa, Allan King, Chris Marker

#2 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4519 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 29 April 2015 - 10:35 AM

Grazie mille al caro paxy che con questa release esordisce ufficialmente come traduttore qui su AsianWorld.
Congratulations! :em73:


P.S.
:Japan:

Messaggio modificato da JulesJT il 29 April 2015 - 10:42 AM

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes,
The Seen and Unseen,Killing

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#3 paxy

    Microfonista

  • Collaboratore
  • 114 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 29 April 2015 - 10:51 AM

E' stato un piacere, oltre che un onore, collaborare con voi! :)
Sito web - Facebook - YouTube

Traduzioni Cinema Asiatico:
The Clone Returns Home (Nakajima); The Backwater (Aoyama); Over Your Dead Body (Miike); Behemoth (Liang); Genpin (Kawase)

Traduzioni L'altro Cinema:
Je t'aime, je t'aime (Resnais); Horse Money (Costa); Nathalie Granger (Duras), Our Man (Costa), Ossos (Costa), Ne change rien (Costa); Slow Action (Rivers); Come on Children (King); A Married Couple (King); La valle chiusa (Rousseau); La belle Nivernaise (Epstein); Garoto (Bressane); Tokyo Days (Marker); Be seeing you (Marker); Description of a Struggle (Marker); The Koumiko Mystery (Marker); Wheel of ashes (Goldman); An Example Of Intonation (Sokurov)

Focus:
Pedro Costa, Allan King, Chris Marker

#4 ╬shta

    Cameraman

  • Moderatore
  • 589 Messaggi:
  • Location:Emilia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 29 April 2015 - 03:52 PM

Grazie mille per questa interessante traduzione :em41:
E Benvenuto del team. Congratulazioni :em69:

❀ ••• ••• ••• ❀


Traduzioni: Mai Mai Miracle (di Sunao Katabuchi, 2009) - Happy Ero Christmas (di Lee Geon-dong, 2005) - Flower in the Pocket (di Liew Seng Tat, 2007) - Summer Vacation 1999 (di Shusuke Kaneko, 1988) - Haru's Journey (di Masahiro Kobayashi, 2010) - Otona Joshi no Anime (Special 1, 2011) - Usagi Drop (di Sabu, 2011) - Yellow Elephant (di Ryuichi Hiroki, 2013) - We Were There parte 1&2 (di Miki Takahiro, 2012) - Cherry Tomato (di Jung Young-Bae, 2007) - The Assassin (di Hou Hsiao-Hsien, 2015) - 100 Yen Love (di Masaharu Take, 2014), Fruits Of Faith (di Yoshihiro Nakamura, 2013) - Umi No Futa (di Keisuke Toyoshima, 2015), Close-Knit (di Ogigami Naoko, 2017), Run Genta Run (di Tasaka Tomotaka, 1961)
Traduzioni in Collaborazione: Love For Live (di Gu Changwei, 2011) - Typhoon Club (di Somai Shinji, 1985) - Inochi (di Tetsuo Shinohara, 2002)
Revisioni: Tenchi: The Samurai Astronomer (di Takita Yojiro, 2012)
Drama: Seirei no Moribito (2016-2017), Chang-Ok Letter (di Iwai Shunji, 2017)

FOCUS SOMAI SHINJI: Sailor Suit and Machine Gun (1981) - The Catch (1983) - Moving (1993) - The Friends (1994)








❀ ••• ••• ••• ❀


Immagine inserita


❀ ••• ••• ••• ❀


Immagine inserita


rescue, rehab, release. . . and inspire


#5 paxy

    Microfonista

  • Collaboratore
  • 114 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 29 April 2015 - 04:02 PM

Visualizza MessaggioÎshta, il 29 April 2015 - 03:52 PM, ha scritto:

Grazie mille per questa interessante traduzione :em41:
E Benvenuto del team. Congratulazioni :em69:

Grazie, Ishta :)
Sito web - Facebook - YouTube

Traduzioni Cinema Asiatico:
The Clone Returns Home (Nakajima); The Backwater (Aoyama); Over Your Dead Body (Miike); Behemoth (Liang); Genpin (Kawase)

Traduzioni L'altro Cinema:
Je t'aime, je t'aime (Resnais); Horse Money (Costa); Nathalie Granger (Duras), Our Man (Costa), Ossos (Costa), Ne change rien (Costa); Slow Action (Rivers); Come on Children (King); A Married Couple (King); La valle chiusa (Rousseau); La belle Nivernaise (Epstein); Garoto (Bressane); Tokyo Days (Marker); Be seeing you (Marker); Description of a Struggle (Marker); The Koumiko Mystery (Marker); Wheel of ashes (Goldman); An Example Of Intonation (Sokurov)

Focus:
Pedro Costa, Allan King, Chris Marker

#6 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4429 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 April 2015 - 08:55 AM

Grazie della traduzione e della bella rece-presentazione, che mi ha messo molta curiosità ! Cercherò di recuperarlo presto.

#7 paxy

    Microfonista

  • Collaboratore
  • 114 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 April 2015 - 09:05 AM

Felice che abbiate apprezzato anche la recensione, parte del merito comunque va anche a Jules, che mi ha seguito molto sul forum e non solo...:)
Sito web - Facebook - YouTube

Traduzioni Cinema Asiatico:
The Clone Returns Home (Nakajima); The Backwater (Aoyama); Over Your Dead Body (Miike); Behemoth (Liang); Genpin (Kawase)

Traduzioni L'altro Cinema:
Je t'aime, je t'aime (Resnais); Horse Money (Costa); Nathalie Granger (Duras), Our Man (Costa), Ossos (Costa), Ne change rien (Costa); Slow Action (Rivers); Come on Children (King); A Married Couple (King); La valle chiusa (Rousseau); La belle Nivernaise (Epstein); Garoto (Bressane); Tokyo Days (Marker); Be seeing you (Marker); Description of a Struggle (Marker); The Koumiko Mystery (Marker); Wheel of ashes (Goldman); An Example Of Intonation (Sokurov)

Focus:
Pedro Costa, Allan King, Chris Marker

#8 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1732 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 April 2015 - 02:28 PM

Grazie per la traduzione, sembra un film davvero interessante e poi Wim Wenders è una sicurezza! ^_^

Benvenuto, paxy!
Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2001: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002), Mio in the Land of Faraway (1987); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), Secret Chronicle: She Beast Market (1974), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013), Empress Wu Tse-Tien (1963), Be with You (2018), Rage (2016), Himeanole (2016), Her Love Boils Bathwater (2016), Cutie Honey: Tears (2016), Good Morning Show (2016), Capturing Dad (2013); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema -.

#9 paxy

    Microfonista

  • Collaboratore
  • 114 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 April 2015 - 05:35 PM

Grazie kinyo, hai ragione :)
P.S. Ma quanti moderatori ci sono qui?xD

Messaggio modificato da paxy il 02 May 2015 - 05:03 PM

Sito web - Facebook - YouTube

Traduzioni Cinema Asiatico:
The Clone Returns Home (Nakajima); The Backwater (Aoyama); Over Your Dead Body (Miike); Behemoth (Liang); Genpin (Kawase)

Traduzioni L'altro Cinema:
Je t'aime, je t'aime (Resnais); Horse Money (Costa); Nathalie Granger (Duras), Our Man (Costa), Ossos (Costa), Ne change rien (Costa); Slow Action (Rivers); Come on Children (King); A Married Couple (King); La valle chiusa (Rousseau); La belle Nivernaise (Epstein); Garoto (Bressane); Tokyo Days (Marker); Be seeing you (Marker); Description of a Struggle (Marker); The Koumiko Mystery (Marker); Wheel of ashes (Goldman); An Example Of Intonation (Sokurov)

Focus:
Pedro Costa, Allan King, Chris Marker





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi