Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Kriegerin


4 risposte a questa discussione

#1 JulesWU

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 3949 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 19 February 2013 - 08:19 PM


Immagine inserita
(a.k.a. "Combat Girls")


Regista: David Wnendt

Paese: Germania

Anno: 2011

Durata: 103'


Immagine inserita Immagine inserita


Sinossi

Marisa è una giovane ventenne tedesca che, fondamentalmente, odia la realtà nella quale vive e non perde mai occasione per combinare dei casini. Fuma, beve e si comporta in maniera scontrosa con la maggior parte della gente che incontra; l'unica persona con cui ha un rapporto veramente sereno è il nonno.
Tuttavia, Marisa fa parte di un gruppo di giovani filonazisti, individui con i quali sembra andare d'accordo perché, come lei, rifiutano la società in cui vivono e trovano rifugio nelle ideologie nazionalsocialiste. In quel contesto è rispettata da tutti quanti (è inoltre la ragazza del giovane leader, un galeotto) e finisce per diventare un esempio da seguire per la giovanissima neo-affiliata Svenja, una viziatella annoiata e facilmente impressionabile.
Un giorno Marisa entra bruscamente in contatto con Rasul, un rifugiato afgano.
Da quel momento in poi la sua vita cambierà: inizierà a provare sensi di colpa, si estranierà dal suo gruppo e comincerà a rivedere tutte quelle ideologie estremiste nelle quali si era sempre riconosciuta.
Intraprenderà un vero e proprio processo di redenzione che la spingerà ad aiutare Rasul che, non essendo in regola col permesso di soggiorno, deciderà di andare a vivere da un parente in Svezia.
Naturalmente le prese di posizione assunte da Marisa causeranno dei conflitti con le sue vecchie compagnie e, di conseguenza, le cose non potranno fare altro che degenerare.


Commento di JulesJT

Da sempre sono sensibile al tema del razzismo e/o disagi sociali e, devo ammetterlo, il regista del film in questione ha saputo cogliere determinate sfumature e rappresentarle in modo "naturale", per così dire. Ho apprezzato soprattutto quei momenti in cui Marisa, la protagonista, interagisce con Rasul e lo tratta come un suo pari. In quegli attimi si dimentica di tutto ciò che la condizionava e si comporta in maniera spontanea, sincera. Addirittura schiaffeggia il suddetto ragazzo durante una discussione. Ecco, ho trovato che quel gesto fosse profondamente significativo nonché rappresentativo di un atteggiamento che si mostra soltanto con chi si ha a cuore, come con un amico.
Guardando questo film mi frullava sempre in testa una parola: istinto.

L'istinto che ti fa compiere azioni scellerate
L'istinto che ti fa ravvedere
L'istinto che costituisce una componente fondamentale di noi stessi



Traduzione: JulesJT
Revisione: Asaka


SOTTOTITOLI

(Versione: Blu-ray)
Allega file  Kriegerin.AsianWorld.zip   17.02K   87 Numero di downloads




Messaggio modificato da JulesJT il 15 November 2015 - 11:47 AM


#2 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3524 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 19 February 2013 - 08:56 PM

Grazie della traduzione, ora allego i sub

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#3 JulesWU

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 3949 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 19 February 2013 - 09:01 PM

Guardatelo, ragassssssuoli!
È un bel filmozzo drammatico.... l'ideale per andare a dormire con l'angoscia nel cuore...... :em89:

#4 Tsui Hark

    洪 天

  • Membro
  • 2178 Messaggi:
  • Location:四川
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 20 February 2013 - 08:30 AM

Eccolo... :em69: :em41:
Pensavo si potesse votare come per gli asiatici :em66: Il mio primo voto è 8 :em05: Film da proiettare nelle scuole, almeno 2 volte al mese.

Film tradotti per AW: Meat Grinder Die a Violent Death Naked Killer Shanghai Blues(con asturianito) August in the Water Mutant Girls Squad Tokyo 1958(con cignoman) Female Yakuza Tale: Inquisition and Torture

L'abilità di chi traduce non sta soltanto nella comprensione di quello che si legge, ma nella capacità di renderlo correttamente in italiano.

La Cina è un paese incredibile, l'idea comune che si ha in occidente dell'Impero Celeste è completamente sbagliata.

星期五:欢迎我来中国!!!


#5 JulesWU

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 3949 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 August 2013 - 12:42 PM

NUOVA EDICOLA PER "KRIEGERIN". :em72:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi