Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * - - 1 Voti

[RECE][SUB] Susa


5 risposte a questa discussione

#1 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4092 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 31 March 2015 - 11:41 AM

Immagine inserita


Regia: Rusudan Pirveli

Paese: Georgia

Anno: 2010

Genere: Drammatico

Durata: 80'

Lingua: Georgiano
Interpreti: Gia Gogishvili, Ekaterine Kobakhidze,
Avtandil Tetradze



Immagine inserita Immagine inserita

Sinossi

La complicata esistenza di un giovane ragazzo che vive nei dintorni di Tbilisi, Georgia.
Degrado sociale, soprusi, povertà, istituzioni (più o meno) assenti, socializzazione ridotta all'osso... poco spazio per qualunque barlume di speranza.


Immagine inserita


Commento di JulesJT

*CONTIENE SPOILER*

Lungometraggio di purissimo stampo neorealista che dipinge una realtà sociale assai deprimente, o meglio, priva di qualunque aspetto positivo. Non c'è tempo per concedersi un po' di svago poiché l'estrema povertà nella quale sono sommerse le persone non lo consente. Bisogna per forza di cose vivere alla giornata. Non vi è un attimo di respiro. Si deve lavorare per mangiare. Quindi via le chiacchiere, via le lacrime, via la musica, via la rabbia che potrebbe scaturire da un sentimento di rivalsa sociale. Non vi è spazio per tutto ciò.
Ogni minimo sforzo va concentrato al fine di "tirare avanti la baracca"... e di baracche è costituto il paesaggio in cui vaga Susa, il protagonista. Egli è vittima di raggiri e talvolta lavora per una distilleria illegale (nella quale è già impiegata la madre) allo scopo di racimolare qualche soldo extra che in ogni caso utilizzerebbe per la propria famiglia.
Il padre lavora fuori città e lo si intravede soltanto in un secondo momento. Viene rispettato in quanto figura maschile che dovrebbe portare il cibo in casa ma non si comprende bene quanto sia in grado di aiutare la sua stessa famiglia.
In questo contesto si muove il giovane Susa, che ogni giorno copre a piedi lunghe distanze immerso in scenari spogli di vita, in cui la natura è arida, in cui regnano le case abbandonate e/o edifici ricchi di metallo arrugginito.
Grigiore esistenziale all'ennesima potenza, in sintesi.
Trattasi di un film relativamente corto (poco più di un'ora di durata), dallo stile decisamente minimalista e nel quale le battute rappresentano un semplice contorno. Chi cerca forti emozioni, urla e disperazione infernale ne rimarrà probabilmente deluso. Ciò che scorgiamo è una delle tante situazioni di cui magari si parla di rado, forse in qualche documentario televisivo in seconda serata. Però è una realtà che continuerà a esistere, seppur nel dimenticatoio.


Immagine inserita


Traduzione e recensione: JulesJT


SOTTOTITOLI
(Versione: DVD)
Allega file  Susa.AsianWorld.zip   5.38K   35 Numero di downloads



Messaggio modificato da JulesJT il 15 November 2015 - 02:34 PM


#2 fabiojappo

    Produttore

  • Moderatore
  • 3999 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 31 March 2015 - 07:00 PM

Stampo neorealista, realtà deprimente, pochi dialoghi... Molto bene !!!

Messaggio modificato da fabiojappo il 31 March 2015 - 07:03 PM


#3 tartakirka

    Ciakkista

  • Membro
  • 68 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 April 2015 - 08:15 PM

grazie, sapevo dell'esistenza di questo film e ora arrivano i sub!

#4 tartakirka

    Ciakkista

  • Membro
  • 68 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 April 2015 - 09:46 AM

guardatelo, è davvero bello!

#5 fabiojappo

    Produttore

  • Moderatore
  • 3999 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 June 2015 - 10:53 AM

Visto anche io. Buon esempio di cinema di derivazione neorelista, con stile essenziale, trama ridotta all'osso, niente colonna sonora. Ti lascia addosso un profondo senso di grigiore.

Messaggio modificato da fabiojappo il 08 June 2015 - 10:53 AM


#6 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4092 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 June 2015 - 10:45 AM

Visualizza Messaggiofabiojappo, il 08 June 2015 - 10:53 AM, ha scritto:

Ti lascia addosso un profondo senso di grigiore.

Esattamente... ma anche di impotenza, direi. Una sorta di sensazione di immutabilità degli eventi nonostante tutti gli sforzi che si possano fare per "tirare avanti la baracca".
Desolante, quindi bello. ;)
Grazie per averlo visto e commentato, senpai.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi