Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Come on Children


3 risposte a questa discussione

#1 paxy

    Microfonista

  • Collaboratore
  • 103 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 October 2017 - 12:25 PM

Immagine inserita

Titolo: Come on Children
Regia: Allan King
Paese: Canada
Anno: 1973
Durata: 92'
Lingua: Inglese


Immagine inseritaImmagine inserita



Nel pieno di una carriera artistica concentrata fino ad allora sulle realtà più scomode (dal vagabondaggio alla crisi matrimoniale), Allan King dirige questo esperimento di carattere prettamente sociologico, un’indagine sull'adolescenza vista con gli occhi degli stessi soggetti ripresi. Dieci ragazzi sono stati selezionati per vivere altrettante settimane in una fattoria, lontano da parenti, amici, scuole, istituzioni: completamente “fuori dal mondo”. L’autore, assieme al supporto di due cameraman, ha il compito di riprendere la loro routine all’interno dell’abitato.
Come già accaduto per “Warrendale”, anche qui il film viene girato su commissione televisiva, ciononostante non vi si può riscontrare nulla di mediatico, fittizio o distorsivo, tutt’altro. Allan King è uno dei più celebri esponenti del direct cinema, il suo stile, difatti, risulta sempre assecondante, volutamente invisibile, volto a lasciar trasparire la realtà quanto più puramente possibile. Nessuna enfasi, nessuna ricerca dell’atto. Un voyeurismo che non distorce la realtà, semmai si compiace nell’essere a servizio totale e disinteressato della stessa, tendendo a consacrarla in un gesto che è soprattutto riflessione legata al suo oggetto. Un documentarismo alquanto singolare, dunque, quello in questione, da un lato perché estremamente impulsivo e votato a cogliere l’autenticità del momento, dall’altro perché nell’imposizione inflessibile di tale legame ne deriva un vincolo a doppio taglio che potrebbe far trasparire l’opera meno autoriale.

Immagine inserita

Immagine inserita

Distante dal cinéma vérité europeo di Marker e Watkins, per esempioil lavoro di King predilige la naturalezza del contesto per studiarlo ed esaminarlo, sempre molto accorto a non apportarvi alcun artificio, un’operazione che lo rende più vicino al Cinema contestatorio inglese (Ken Loach e Mike Leigh, per fare due nomi), tanto è vero che, a conti fatti, il discorso risultante è sempre ribellistico ed anti-borghese; in questo senso “Come on Children” non fa eccezione, anzi, rientra perfettamente in tale definizione. Un’altra analisi dell’individuo focalizzata sul suo rapporto con la società all’interno (ma anche all'esterno) della stessa. Tuttavia, più che interrogarsi su cosa può accadere ad un gruppo di ragazzi lasciati vivere in autonomia, il film si pone come obiettivo di entrare nell’ottica dei giovani, scoprirne le ansie, le inquietudini, le preoccupazioni, le aspettative per il futuro, dunque tentare di capirli dandogli finalmente voce, considerando la loro prospettiva, la loro concezione della vita, stando sempre dalla loro parte, lontani pertanto da ogni forma di moralismo.
Storicamente al tramonto della cultura hippy eppure ancora così vicino a quella logica ribelle, avversa a qualsiasi modello sociale e disegno di vita preimposto. L’anarchia della parola, del comportamento, un’organizzazione di vita libera e sciolta dal legame con istituzioni, schemi e schematismi. L’opera riprende tutto ciò e nel farlo non si perita ad includere i momenti più sconvenienti, dai litigi fino alla scoperta dei fallimenti: i disagi di una generazione giovanile, tutt’ora fortemente attuali. King lavora sempre con una notevole autonomia di ripresa (come già dimostrato ampiamente in “A married couple”, ma ancor più in Warrendale, fortemente osteggiato dalla censura) forse la stessa grazie alla quale vige un’armonia così cristallina nell’atmosfera, quasi come venisse esaltata la libertà di potersi esprimere, essere se stessi in una realtà sociale che non lo permette. Ecco che viene valorizzato il forte senso di anarchia presente, ciò che si rivela poi il vero valore aggiunto dell’opera.

[fonte: cinepaxy]

Immagine inserita

Immagine inserita



Traduzione e recensione: paxy




SOTTOTITOLI

(Versione: DVD Criterion)
Allega file  Come.On.Children.AsianWorld.zip   36.2K   42 Numero di downloads







RETROSPETTIVA ALLAN KING


Messaggio modificato da JulesJT il 25 October 2017 - 12:35 PM

Sito web - Pagina Facebook - Canale YouTube

Traduzioni Cinema Asiatico:
The Clone Returns Home (Nakajima); The Backwater (Aoyama); Over Your Dead Body (Miike); Behemoth (Liang); Genpin (Kawase)

Traduzioni L'altro Cinema:
Je t'aime, je t'aime (Resnais); Horse Money (Costa); Nathalie Granger (Duras), Our Man (Costa), Ossos (Costa), Ne change rien (Costa); Slow Action (Rivers); Come on Children (King); A Married Couple (King); La valle chiusa (Rousseau)

Focus:
Pedro Costa, Allan King

#2 paxy

    Microfonista

  • Collaboratore
  • 103 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 October 2017 - 12:47 PM

Prima proposta della retrospettiva su King. È un film che merita anche solo per il suo carattere atemporale e per le relative generalizzazioni del contesto che vi si possono applicare.
Sito web - Pagina Facebook - Canale YouTube

Traduzioni Cinema Asiatico:
The Clone Returns Home (Nakajima); The Backwater (Aoyama); Over Your Dead Body (Miike); Behemoth (Liang); Genpin (Kawase)

Traduzioni L'altro Cinema:
Je t'aime, je t'aime (Resnais); Horse Money (Costa); Nathalie Granger (Duras), Our Man (Costa), Ossos (Costa), Ne change rien (Costa); Slow Action (Rivers); Come on Children (King); A Married Couple (King); La valle chiusa (Rousseau)

Focus:
Pedro Costa, Allan King

#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4194 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 October 2017 - 02:16 PM

Grazie davvero, paxy! Sottotitoli allegati. Ottima proposta che - come hai già anticipato - dà il via alla pubblicazione dei sub inerenti la retrospettiva in questione.
Che dire? Ho apprezzato molto la spontaneità di certi momenti, soprattutto le sequenze tra genitori e figli; sono stati attimi nei quali ci si è letteralmente dimenticati della presenza di una troupe cinematografica/televisiva (per quanto risicata che fosse) e sono quindi emersi sentimenti/sensazioni in cui è arduo non rispecchiarsi proprio per la loro connotazione estremamente umana.

Messaggio modificato da JulesJT il 05 October 2017 - 02:17 PM


#4 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4078 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 14 October 2017 - 12:24 PM

Grazie. Interessante entrare nella vita di questi ragazzi e vedere/sentire come si raccontano. Mi sono piaciuti molto i momenti all'aperto, sulla neve, e la parte verso la fine con i genitori





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi