Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] A Reason to Live


9 risposte a questa discussione

#1 yotsuya-san

    Ciakkista

  • Membro
  • 55 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 08 June 2013 - 09:58 AM

A Reason to Live


(O-neul) (2011)

Scritto e diretto da Lee Jeong-hyang
Interpreti principali:
Song Hye-kyo (Da-hye), Song Chang-ee (Ji-seok), Nam Ji-hyeon (Ji-min), Ki Tae-yeong (Sang-woo), Jin Kyeong
Paese: Corea del Sud
Durata: 119'
Versione sottotitoli: BeFRee


Allega file  arl_locandina_350x500.jpg   49.28K   4 Numero di downloads


Dae-he ha perso da un anno il fidanzato San-woo, investito ed ucciso da un giovane delinquente. Spinta dalla comunità cattolica di cui fa parte, aveva firmato una petizione che ha consentito al giovane di abbreviare notevolmente il proprio periodo detentivo.

La realizzazione di un documentario commissionato dalla comunità stessa è l'occasione per Dae-he di riflettere sulla capacità della società di perdonare l'assassino dei propri cari e mettere in dubbio la sua non più salda convinzione della giustezza della sua scelta, forse un po' troppo affrettata.

A piantare e a far germogliare il seme del dubbio contribuisce in maniera determinante Jin-mi, sorella del migliore amico del fidanzato, vittima di un padre violento e che vede in Dae-he un'amica, una confidente, una persona da aiutare e da cui essere aiutata.


Allega file  arl_01_350.jpg   20.33K   4 Numero di downloadsAllega file  arl_05_350.jpg   16.05K   3 Numero di downloads


Ho iniziato, tempo fa, a tradurre i sottotitoli di questo film perchè ad una prima visione il senso di alcune frasi, in inglese, mi sfuggiva o mi sembrava fuori contesto. La traduzione ha portato alla luce, secondo me, un tessuto narrativo meno superficiale di quanto sembri ad una prima visione, durante la quale potrebbe essere difficile filtrare il film dalle molte similitudini col magnifico Secret Sunshine di Lee Chang-dong, con l'ovvia (s)proporzione di valori, non solo cinematografica. Ciò che nel film di Lee era allegorico, o mostrato con livore, in A Reason to Live si fa didascalico, perdendo di intensità. Ma questo non vuol dire che questo film non meriti di essere considerato.



Allega file  arl_03_350.jpg   21.58K   2 Numero di downloadsAllega file  arl_06_350.jpg   19.88K   2 Numero di downloads


Da ateo praticante non ho potuto ignorarlo, ho sempre trovato particolarmente interessanti i casi, più che altro cinematografici visto che nella vita reale avvengono di rado sotto i propri occhi, di ravvedimento da parte dei credenti. Come già detto, la potenza e l'intensità emotiva del riferimento Secret Sunshine qui si affievolisce parecchio, e si concretizza essenzialmente nella presa di consapevolezza che su certi argomenti, a certe domande, la Chiesa non sa (pur credendo, o facendo credere, di poterlo fare) rispondere. O, meglio, lo fa attraverso una cantilena che può andar bene finchè viene ripetuta ad oltranza alla Messa domenicale, ma che mostra i suoi evidenti limiti (per qualcuno, non per tutti! Altrimenti non se ne parlerebbe a 2000 anni di distanza...) quando i fatti riguardano le persone che ci stanno vicino. Limiti che, questo mi pare voglia dire con una certa insistenza il film, sono presenti anche altrove, nella società stessa, nel modo di amministrarla e di tenerla controllata.

Infatti nel film si parla frequentemente di pena di morte, alla quale in molti (me compreso) sono contrari, ma è impossibile ignorare il sentimento di vendetta, o di compensazione, di chi ha subito la perdita violenta di un proprio caro da parte di delinquenti che non mostrano il minimo segnale di pentimento. Il perdono a prescindere, dunque, ha limiti strutturali, perchè non lascia a colui che perdona, dice il film, la possibilità di scelta, e sembra fare di tutto ed in fretta per non lasciare il dubbio di stare facendo la cosa sbagliata. Il dubbio però si insinua in Dae-he, e la porta a riconoscere che le parole cristiane che l'hanno convinta a perdonare per essere generali non fanno che perdere di vista i casi personali, risultando vuote e staccate dalla realtà.

Un ruolo fondamentale nell'elaborazione del lutto ad un anno di distanza la fa il giovane grillo parlante Ji-min, che cercando aiuto e conforto nel piccolo appartamento di Dae-he la aiuta, più o meno volontariamente, a liberarsi da un po' di tara e a cominciare ad avere qualche dubbio sulle sue certezze. Nonostante la sua forza d'animo e determinazione sarà in grado di mettere anche lei in discussione le sue di certezze non minate dal velo ipocrita delle donne di Chiesa. Il suo personaggio (spesso un po' forzato, a dire il vero) pone la questione del rapporto genitori-figli, ma la "riconoscenza a suon di scapaccioni" non fa parte della mia cultura e dunque mi risulta difficile parlarne.



Allega file  arl_02_350.jpg   20.71K   5 Numero di downloadsAllega file  arl_04_350.jpg   18.55K   2 Numero di downloads


Vorrei ringraziare creep per la revisione e per aver permesso a questi sottotitoli di uscire dallo scantinato in cui erano finiti. Mi auguro che possano rendere meno ostica la visione di questo film ben lontano dall'essere un capolavoro, ma che pone molte domande senza avere la pretesa di dare una risposta, ponendo l'accento sulle dubbie risposte calate dall'alto. Purtroppo mancano anche guizzi di originalità ed il film nel complesso non è proprio indimenticabile, ma come detto all'inizio alcuni passaggi e dialoghi mi sono sembrati interessanti.



Allega file  A.Reason.to.Live.AsianWorld.ita.zip   36.57K   38 Numero di downloads



Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 08 June 2013 - 12:36 PM


#2 Woody

    Microfonista

  • Membro
  • 167 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 June 2013 - 11:30 AM

Grazie, sembra molto interessante, anche se nella tua recensione l'hai un po' demolito....

#3 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4407 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 June 2013 - 12:31 PM

Visto a Firenze al Korean Film Festival nel 2012. Recupero il mio commentino:

Premettendo che il solo paragone è una bestemmia, il film per certe riflessioni fa venire in mente “Secret Sunshine” di Lee Chang-dong. Come si può perdonare, accettare il dolore come volere di Dio, ritrovare una ragione per vivere? Il parallelo si ferma qui perché il confronto non regge. La cosa migliore il rapporto d’amicizia che si forma tra la donna che ha perso il fidanzato e una ragazza vittima di abusi in famiglia, continuamente picchiata dal padre.

----------

grazie dei sottotitoli !

#4 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 June 2013 - 12:45 PM

Grazie per questa proposta!

Immagine inserita


#5 yotsuya-san

    Ciakkista

  • Membro
  • 55 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 08 June 2013 - 02:09 PM

Visualizza MessaggioWoody, il 08 June 2013 - 11:30 AM, ha scritto:

Grazie, sembra molto interessante, anche se nella tua recensione l'hai un po' demolito....

Ciao, forse non l'ho trattato benissimo, ma per chi è interessato all'argomento non è malaccio, come ho scritto nella recensione. Non mi è mai parso somigliare a un prodotto occidentale, e questo è già tanto per me. Non è superficiale, ma a tratti un po' forzato, soprattutto nella costruzione dei personaggi. Quanto essi, gli argomenti e gli accadimenti tocchino le corde dello spettatore, bè, dipende appunto dallo spettatore...

#6 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4486 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 June 2013 - 04:15 PM

Arigatou! :em69:

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#7 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5672 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 09 June 2013 - 06:50 PM

Interessante nello sviluppare un discorso articolato sul perdono sulla falsariga di Secret Sunshine, da cui prende spunti a manbassa (addirittura la scena del pianto accucciata vestita di nero fuori dalla chiesa), ma che finisce col diventare stucchevole nella sua verbosità. Non lesina cadute di stile (la sfuriata davanti al prete) e buchi nella sceneggiatura (non si capisce che fine faccia la ragazza). Buono comunque il finale irrisolto e tormentato.

Immagine inserita


#8 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1708 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 12 June 2013 - 12:33 PM

Questo mi piace!
Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2001: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002), Mio in the Land of Faraway (1987); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), Secret Chronicle: She Beast Market (1974), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013), Empress Wu Tse-Tien (1963), Be with You (2018), Rage (2016), Himeanole (2016), Her Love Boils Bathwater (2016), Cutie Honey: Tears (2016), Good Morning Show (2016); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema -.

#9 andreapulp

    Microfonista

  • Membro
  • 157 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 19 June 2013 - 10:23 PM

Un dramma tutto coreano che non vedo l'ora di vedere, mi incuriosisce:) Grazie mille!





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi