Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] La Virgen de los sicarios

Traduzione fabiojappo, revisione ronnydaca

7 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Direttore del montaggio

  • Moderatore
  • 2642 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 29 April 2011 - 03:31 PM

La Virgen de los Sicarios


Immagine inserita

(703)


Nazione: Francia - Colombia

Anno: 2000

Genere: Drammatico

Durata: 98 minuti

Regia: Barbet Schroeder

Sceneggiatura: Fernando Vallejo

Con: German Jaramillo, Anderson Ballestreros, David Restrepo


Immagine inserita



Tratto dall’omonimo libro di Fernando Vallejo


Immagine inserita

(Editore Guanda, 1999, 124 pagine)



TRAMA

Fernando Vallejo, un raffinato professore colombiano, torna dopo trent’anni nella sua città natale, Medellin, e la trova trasformata nella capitale della violenza. Le strade della città sono piene di ragazzini allo sbando, al soldo di chiunque abbia un conto da regolare. Nelle chiese si susseguono le processioni dei giovani sicari che vanno a chiedere alla Vergine la grazia di non fallire il bersaglio. Fernando conosce uno di loro, Alexis, e tra i due nasce una storia d’amore.


Immagine inserita

Immagine inserita



COMMENTO

Il film è una trasposizione, piuttosto fedele, del libro di Vallejo. Però non ha la stessa incisività, la stessa forza allucinatoria. Le scene relative agli omicidi non sono troppo convincenti, così come le interpretazioni di parte del cast. Buona però la prova del protagonista, German Jaramillo, nel ruolo di Fernando, personaggio disturbante e interessante allo stesso tempo. Con il suo pessimismo, il suo nichilismo, le pesanti parole contro la società colombiana e l’umanità in generale, il furore antireligioso e anticlericale. Certo molte frasi pronunciate all’interno del film possono suonare come retoriche, ridondanti, banali. Il messaggio tuttavia arriva, duro come la violenza di cui è intriso il film che mostra una facilità nell’uccidere quasi irreale. E l’immergersi nella città (“dolente”) di Medellin appare come una discesa all’inferno “tra la perduta gente”. Un luogo dove sembra risuonare l’eco della frase dantesca: “lasciate ogni speranza o voi ch’entrate” (e voi che/se vi aspettate un grande film: eccezionale non lo è, ma una visione la merita).


Immagine inserita

Immagine inserita

Allega file  La.Virgen.de.los.Sicarios.AsianWorld..zip   28.22K   43 Numero di downloads



N.B. Il film è uscito in Italia, non in dvd, ma - a quanto ne so perché non l'ho mai visto doppiato - in una versione censurata. La mia traduzione si basa sui sottotitoli in inglese e in francese. Prezioso, come sempre, il contributo dell'amico ronnydaca che ringrazio per essersi occupato della revisione.



Messaggio modificato da feder84 il 30 April 2011 - 06:31 PM


#2 Giulio Roma

    Microfonista

  • Membro
  • 160 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 29 April 2011 - 11:12 PM

Per me è un grande film! Lode a Barbera che nel lontano 2000 ebbe il coraggio di portarlo in concorso..

#3 ronnydaca

    Cameraman

  • Membro
  • 803 Messaggi:
  • Location:Sardegna
  • Sesso:

Inviato 29 April 2011 - 11:55 PM

La storia è anche interessante, ma come dice Fabio, è recitato troppo male(si salva solo il protagonista) e la recitazione in un film è la cosa più importante perché se manca quella, manca la credibilità. A quel punto meglio il libro.
Forse con un altro cast, più attenzione ai dialoghi che scritti hanno un peso, declamati ne hanno un altro e possono risultare "pesanti".

Uno sguardo però gli si può dare, il soggetto meritava di più.

In attesa di migrazione


#4 fabiojappo

    Direttore del montaggio

  • Moderatore
  • 2642 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 April 2011 - 09:02 AM

Visualizza MessaggioGiulio Roma, il 29 April 2011 - 11:12 PM, ha scritto:

Per me è un grande film! Lode a Barbera che nel lontano 2000 ebbe il coraggio di portarlo in concorso..
Ovviamente è soltanto un mio parere, forse inquinato dalla precedente lettura del romanzo.

Sottotitoli inviati a feder.

#5 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 April 2011 - 11:19 AM

A mio fratello penso possa interessare assai!

Immagine inserita


#6 Sazuke

    Operatore luci

  • Membro
  • 250 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 April 2011 - 01:01 PM

Lo vidi al cinema, credo doppiato.
Lo ricordo come un bellissimo film.
Me lo rivedo sicuramente. Grazie!

#7 feder84

    Direttore del montaggio

  • Membro+
  • 2607 Messaggi:
  • Location:Brescia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 April 2011 - 06:32 PM

Sub uppati (e scusate per il ritardo)
In una notte della tarda primavera del quinto anno dell'era Meiwa, finisco di scrivere quest'opera, accanto alla mia finestra, mentre, cessata la pioggia, è apparsa la luna appena velata; perciò, nell'affidarla al tipografo, la intitolo Racconti di pioggia e di luna.


Firmato: Seishi kijin
Sigillo: Shikyo kojin
Yugi Sanmai

#8 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3316 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 May 2011 - 08:54 PM

Grazie dei sub :em67:

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles per AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth(Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon.
AltroCinema: Polytechnique, di Denis Villeneuve (2009); Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko.
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi