Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * * 2 Voti

[RECE][SUB] Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles

Sottotitoli bowman

17 risposte a questa discussione

#1 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 31 May 2010 - 03:13 PM

Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles

Immagine inserita


Francia/Belgio, 1976
195 min.
Regia: Chantal Akerman
Soggetto e Sceneggiatura: C. Akerman.
Montaggio: Patrizia Canino.
Produzione: Evelyn Paul, Corinne Jénart
Cast: Delphin Seyring, Jan Decorte, Henri Stork, Jacques Doniol-Valcroze, Yves Bical



Immagine inserita



[…]Jeanne Dielman è un film sul quotidiano spendere il tempo. Al di là della lettura femminista che si può attuare alla pellicola, a chi scrive pare più spontaneo soffermarsi sulla peculiare caratteristica temporale e sul significato che lo spettatore è indotto ad attribuire ad essa. Jeanne Dielman è un film che racconta i rituali quotidiani di una casalinga. Dunque protagonista è la donna, una donna: con un nome, un cognome, un indirizzo specifico.

[…]La trama non è schematica, non segue una giornata tipo: il quotidiano si ripete, ancora ed ancora, con le sue variazioni minime, i colpi di scena che non danno alcuno scuotimento né recano sorprese a chi guarda. Eppure la protagonista non sta un attimo ferma, malgrado l'occhio della macchina da presa sia composto e gentile, tutt'altro che feticista come altro tipo di cinema sarebbe capace di essere. Lo sguardo di Chantal Akerman alla regia, un'altra donna, è attento a non invadere uno spazio scenico e di vita così coinvolgente nel suo essere nient'altro che palcoscenico. Ed è proprio il Cinema che rende quello spazio artificiale, non è un set ricostruito né modificato ma nel momento in cui viene filmato si trasforma in qualcosa di altro, che nessun realismo può credibilmente spacciare per autentico. L'emulazione diviene efficace strumento di riproposta del reale, partendo da un principio inviolato in tutto il film: non soffocare il fascino dello svolgersi del tempo nei fatti. Il montaggio seleziona e ricostruisce un puzzle in nome dell'armonia delle immagini e dei suoni, ignorando il desiderio di raccontare qualcosa di sorprendente. Le immagini sono linde e scevre di elementi che potrebbero distrarci dalla protagonista, vengono messi in risalto gli istanti secondari della giornata, ciò che di solito in un film verrebbe ignorato: Jeanne si lava, accende la stufa, mette la tovaglia, prende l'ascensore. Azioni comuni a chiunque, oggi. Eppure vederlo fare sullo schermo infonde un senso di meraviglia, quasi di novità. Perché? Non perché chi guarda non lo abbia mai fatto. Forse perché non siamo abituati a vedere queste cose in un film o più semplicemente, quando le vediamo, non conferiamo loro nessuna utilità. Ecco: l'utilità. Ma qualcosa per essere bello dev'essere utile? Che praticità ha una cosa bella? L'arte sa superarsi, spesso: non solo sa essere non-utile ma qualche volta riesce anche ad eludere il bello. Il che la rende estremamente più interessante.

Il tempo e il suo riempire lo spazio. Le immagini del film sono tutte frontali: come se noi fossimo lì, sulla sedia a guardare in silenzio. E in effetti lo siamo, benché al di qua dello schermo. Si susseguono le stesse stanze e le stesse inquadrature, per renderci più familiare l'ambientazione e per aumentare la confidenza con i colori, le linee, la profondità. È un film davvero molto pittorico, nella sua semplicità delle composizioni, la omogenea illuminazione dei volumi e della messa a fuoco. La grammatica del film si risolve in una ferrea sintassi che ripropone con schemi fissi la scelta delle immagini, che da un lato sono oggettivamente statiche, quasi stessimo sfogliando un album di foto tutte simili fra loro, eppure lei, Jeanne, non fa che attraversare l'inquadratura, modificarla, plasmarla quasi, nel suo ricomporre gli oggetti quotidiani, renderli utili, dunque utilizzarli per poi riporli dopo la loro funzione: gli oggetti attendono, anch'essi. Il pettine, la spazzola, la lacca: attendono per varie inquadrature mentre la donna si occupa di un altro particolare nella scena, poi svolgono il loro ruolo e nuovamente vengono messi da parte. Nella sua durata il film non si svolge nella stessa stanza, naturalmente Jeanne esce di casa, sia di giorno che di notte, si reca alle poste, al caffé, al supermercato. Ed è sempre lei e il suo tempo che ci avvolge. Passa con lei, senza darci l'idea di accelerazioni o rallentamenti (malgrado le differenti durate delle sequenze) lei secondo dopo secondo muta lentamente, invecchia, evidentemente, ed è questo. Vedere come il nostro tempo se ne va, come una vita si spende perché è così che deve essere, senza accorgercene ci avviciniamo alla morte. E tutto, a ripensarci, è importante. Anche ciò che poi viene dimenticato, tutto quello che abbiamo vissuto, c'è stato e non perché non ci appaga raccontarlo, non per questo non è valso viverlo. Certo, lo dimenticheremo. Eppure è anche questo ciò che siamo.

Immagine inserita



Jeanne si prostituisce. Ma non è importante. Sì, c'è anche questo nella sua vita ed è certamente una peculiarità che incide sul suo modus vivendi. Eppure. Eppure lo sguardo si sofferma al momento in cui arriva il cliente e a quando questi va via. Tutto il resto lo sappiamo già. Lo ricorderemo.

Immagine inserita



[…]Chantal Akerman sa affascinare misteriosamente con uno specchio deformante della realtà, e di ciò che l'inconscio può memorizzare. Il realismo diviene così quasi surreale in una fusione di impagabile maestria, dove non è il senso che viene cancellato. La focalizzazione diviene estrema, l'attenzione per il particolare è talmente accurata che non collima più col totale: divengono la stessa cosa. Non serve uno zoom per avvicinarci ad un particolare individuale (questo strumento tecnico infatti non è mai utilizzato nel film): è come restare davanti ad un paesaggio in continuo, dolce, movimento e passare i minuti ad osservarne i cambiamenti. Solo che questo paesaggio è uno specchio, una sorta di ritratto filmato in differita in cui poter riguardarsi non mentre si vive, ma rivedere il nostro vissuto, appena impercettibilmente registrato in una parte non considerata importante del nostro bagaglio mnemonico.
Jeanne Dielman, 23, quai du Commerce, 1080 Bruxelles fotografa ciò che abbiamo scordato d'essere, con una qualità figurativa che crediamo sprecata: è la nostra foto più bella, più autentica, quella in cui davvero la nostra essenza è stata colta, in una genuinità fuori dal tempo. La nostra immagine più rappresentativa che però noi, tutti, abbiamo preferito dimenticare.
Tratto da Lankelot.ue


SOTTOTITOLI


Allega file  Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles.rar   7.87K   180 Numero di downloads




Buona visione


Messaggio modificato da JulesJT il 20 December 2014 - 06:10 PM
Riordino RECE


#2 feder84

    Direttore del montaggio

  • Membro+
  • 2610 Messaggi:
  • Location:Brescia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 31 May 2010 - 03:35 PM

Sub uppati.

Grazie per la proposta..



EDIT: è edito anche dalla Criterion :em41: :em41:
Bravo bowman :em88:

Messaggio modificato da feder84 il 31 May 2010 - 03:52 PM

In una notte della tarda primavera del quinto anno dell'era Meiwa, finisco di scrivere quest'opera, accanto alla mia finestra, mentre, cessata la pioggia, è apparsa la luna appena velata; perciò, nell'affidarla al tipografo, la intitolo Racconti di pioggia e di luna.


Firmato: Seishi kijin
Sigillo: Shikyo kojin
Yugi Sanmai

#3 *StevE*

    Microfonista

  • Membro
  • 119 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 02 June 2010 - 10:33 AM

Grazie mille a bowman per l'ennesima proposta interessantissima :em41:

#4 Sazuke

    Operatore luci

  • Membro
  • 251 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 June 2010 - 12:34 PM

Ehi, se più veloce tu a tradurre che io a vedere film... :em41:
Grazie ancora!

#5 mariolini

    Microfonista

  • Membro
  • 140 Messaggi:
  • Location:Salento
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 June 2010 - 01:21 PM

Grazie Bow :em41: :em87:
Già preso, lo vedrò quando avrò tre orette libere...

#6 _Benares_

    Soft Black Star

  • Membro storico
  • 4763 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 02 June 2010 - 01:46 PM

Grazie!

#7 moonblood

    Microfonista

  • Membro
  • 184 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 June 2010 - 05:34 PM

L'ho visto un mesetto fa, l'avevo trovato estremamente inquietante.
C'è un'atmosfera degna di un film horror.

#8 giornodifesta

    PortaCaffé

  • Membro
  • 26 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 04 June 2010 - 05:11 PM

Mi si legge nel pensiero?
Stavo iniziando a visionarlo con i sub in inglese, controllo su asianworld e guarda che sorpresa.
Grazie.
Social network? No grazie!

#9 moonblood

    Microfonista

  • Membro
  • 184 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 June 2010 - 06:15 PM

 giornodifesta, il 04 June 2010 - 05:11 PM, ha scritto:

Mi si legge nel pensiero?
Stavo iniziando a visionarlo con i sub in inglese, controllo su asianworld e guarda che sorpresa.
Grazie.

Ma il film, senza nulla togliere al lavoro di bowman, in tre ore avrà una cinquantina di battute.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi