Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * - 2 Voti

[RECE][SUB] Cztery noce z Anna

Sottotitoli bowman

13 risposte a questa discussione

#1 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 07 April 2010 - 07:26 PM

Immagine inserita


Czery noce z Anna aka Four Nights with Anna
Polonia/Francia, 2008
87 min.
Regia: Jerzy Skolimowski
Sceneggiatura: Ewa Piaskowska, Jerzy Skolimowski
Fotografia: Adam Sikora
Montaggio: Cezary Grzesiuk
Scenografia: Marek Zawizrucha
Costumi: Joanna Kaczynska
Musica: Michał Lorenc
Cast: Artur Steranko, Kinga Preis, Jerzy Fedorowicz
Produttore: Paulo Branco, Jerzy Skolimowski
Produzione: Alfama Films, Skopia Film, Wild Bunch Production, Telewizja Polska - Agencja Filmowa


Immagine inserita


"Quattro notti con Anna si muove, con modestia lungo i binari di quel cinema di paese (di villaggio, di borgata: chiamatelo come volete) che sembra appartenere alla tradizione della sua Polonia […] La modestia cui si accennava in precedenza è solo apparente, perché sin dalle prime immagini del film ci si rende conto di trovarsi di fronte a un'opera maggiore, se non altro per la stupefacente bellezza plastica delle immagini. Usando il digitale come una tavolozza da pittore, Skolimowski reinventa la materia di cui è fatto il film, immerge i paesaggi e gli interni in un'atmosfera irreale, filtra la luce sino a far apparire lo schermo come la parete di un acquario. I personaggi sembrano muoversi rallentati da un liquido invisibile ma denso, i dialoghi sono quasi assenti, le emozioni si riflettono nelle inquadrature sonnambuliche che mimano l'atteggiamento del protagonista, l'ironia tragicomica della situazione va a braccetto con la suspence. Le quattro notti da sognatore cui allude il titolo sono quelle che Leon, l'addetto all'inceneritore nell'ospedale del villaggio, decide di trascorrere nella camera da letto di una non più giovane infermiera. Qualche anno prima, aveva involontariamente assistito alla scena brutale del suo stupro, senza osare o volere intervenire. Ossessionato da quella visione, dopo aver trascorso innumerevoli serate a spiarla dalla propria abitazione, decide di passare all'azione. Con metodo e scrupolo insospettabili in un mezzo idiota, riesce a introdursi nottetempo attraverso la sua finestra, limitandosi a contemplare, senza neppure sfiorarlo, l'oggetto del suo desiderio. Colto in flagrante, sarà processato per il delitto non commesso, ma chi può dire con precisione dove s'interrompe la linea del desiderio per confondersi quella della colpa?


Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


Skolimowski si guarda bene dal procedere per facili contrapposizioni. Al contrario, tutto sembra fatto per confondere le acque, intorbidare la visione, sospendere il giudizio. Il suo protagonista è una sorta di Anthony Perkins al limite dell'autismo, destinato ad attirare in eguale misura il sospetto e la simpatia dello spettatore. Ci ripugna la sua costante goffaggine, ma siamo a costretti ad ammirare la meticolosità con cui persegue il suo scopo e, alla fine, non possiamo non provare tenerezza per l'ingenuità della sua casta ossessione che si limita alla contemplazione sognante. La meravigliosa tristezza di cui parla il regista a proposito del personaggio, il paradosso di un esistenza dissociata, la cifra di una poetica che insegue da sempre la rappresentazione della poesia triviale del desiderio incapace di accordarsi con la realtà, alla quale Skolimowski ci aveva abituato sin dai suoi primi film. Solo che lì era all'opera un principio di esaltazione dell'erranza, di elogio dell'immaturità, un'energia della disperazione che, film dopo film, si è progressivamente incupita, per cedere infine il posto a un sentimento d'impotenza fatalista, un senso oscuro di malattia incurabile, tormentata e inquietante. Film voyeurista sul voyeurismo, Quattro notti con Anna è un'opera astratta, quasi teorica, benché fortemente debitrice della collocazione rurale che il regista gli ha voluto conferire. Il villaggio in cui si svolge l'azione, ancorché indubitabilmente polacco, non solo potrebbe trovarsi ovunque ma, soprattutto, è fuori dal tempo. Un "non luogo" per eccellenza. Nessun elemento concreto permette di collocarlo in un'epoca determinata. Potrebbero essere gli anni Cinquanta, ma anche un oggi intemporale dal quale sono stati semplicemente estromessi i segni della modernità: automobili, cellulari, televisori. La messa in scena privilegia la dimensione simbolica del racconto, contesa fra l'acqua (dei laghi, dei fiumi, sulla quale il villaggio sembra galleggiare) e il fuoco del crematorio, che incombe minaccioso sulla quotidianità del protagonista. Elementi naturali contrapposti e inscindibili, come le forze oscure che determinano l'agire dei personaggi, ambiguamente sospesi fra toccante romanticismo e irritante fragilità, colpevolezza innata e disumano candore. Film senza compromessi, cinema disinteressato: Skolimowski non poteva scegliere modo migliore per la sua rentré, a lungo attesa e da tutti auspicata."
Cineforum, 2009


Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


SOTTOTITOLI
Allega file  Four nights with anna.rar   5.03K   179 Numero di downloads


Buona visione


Messaggio modificato da JulesJT il 20 December 2014 - 09:20 PM
Riordino RECE


#2 feder84

    Direttore del montaggio

  • Membro+
  • 2610 Messaggi:
  • Location:Brescia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 April 2010 - 10:51 AM

Sub uppati.
In una notte della tarda primavera del quinto anno dell'era Meiwa, finisco di scrivere quest'opera, accanto alla mia finestra, mentre, cessata la pioggia, è apparsa la luna appena velata; perciò, nell'affidarla al tipografo, la intitolo Racconti di pioggia e di luna.


Firmato: Seishi kijin
Sigillo: Shikyo kojin
Yugi Sanmai

#3 ronnydaca

    Cameraman

  • Membro
  • 803 Messaggi:
  • Location:Sardegna
  • Sesso:

Inviato 08 April 2010 - 02:49 PM

Questo mi ispira parecchio, grazie. :em83:

In attesa di migrazione


#4 Sazuke

    Operatore luci

  • Membro
  • 251 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 April 2010 - 08:19 PM

Ce l'avevo bello pronto... ma, seduto sulla sponda del fiume,
aspettavo fiducioso che passasse il sottotitolo di qualche anima pia...
Qualche (rara) volta i cinesi ci pigliano!!!
Grazie!!! :em83:

#5 giornodifesta

    PortaCaffé

  • Membro
  • 26 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 30 April 2010 - 04:24 PM

Scorre via che č un piacere. Grazie per la traduzione.
Social network? No grazie!

#6 BadGuy

    Cameraman

  • Membro
  • 622 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 12 May 2010 - 05:59 PM

Visualizza Messaggiobowman, il 07 April 2010 - 07:26 PM, ha scritto:


"Il suo protagonista č una sorta di Anthony Perkins al limite dell'autismo..."

Cineforum, 2009

No, Anthony Perkins no! E neppure 'al limite dell'autismo'. Leon č una specie di Mr. Hire (Leconte :em41:) ingenuo.
Alla domanda del giudice, che gli chiede perché faceva quello che faceva, semplicemente (e sensatamente) risponde: <Per amore>.


Visualizza Messaggiobowman, il 07 April 2010 - 07:26 PM, ha scritto:

"Usando il digitale come una tavolozza da pittore, Skolimowski reinventa la materia di cui č fatto il film, immerge i paesaggi e gli interni in un'atmosfera irreale, filtra la luce sino a far apparire lo schermo come la parete di un acquario. I personaggi sembrano muoversi rallentati da un liquido invisibile ma denso..."
Cineforum, 2009
Ok, la luce č filtrata, l'atmosfera sospesa, ma io tutto 'sto liquido invisibile e denso proprio non l'ho visto. Neppure le inquadrature sonnamboliche... 'ste cose riesce a farle solo Sokurov.

Visualizza Messaggiobowman, il 07 April 2010 - 07:26 PM, ha scritto:

"... Il villaggio in cui si svolge l'azione, ancorché indubitabilmente polacco, non solo potrebbe trovarsi ovunque ma, soprattutto, č fuori dal tempo. Un "non luogo" per eccellenza. Nessun elemento concreto permette di collocarlo in un'epoca determinata. Potrebbero essere gli anni Cinquanta, ma anche un oggi intemporale dal quale sono stati semplicemente estromessi i segni della modernitŕ: automobili, cellulari, televisori..."
Cineforum, 2009
No, non č vero. Mica tutte le volte in cui un film č ambientato in un paesino sconosciuto si puň menarla con la storia del non-luogo e del fuori-dal-tempo. Oltretutto in una scena al supermercato c'č l'aggeggio che legge i codici a barre, quindi non č poi cosě atemporale...

Va beh, ci do un taglio. :em11:
Comunque questo Skolimosky č bellissimo!
Sull'incipit gioca un po' con lo spettatore, poi no: č lirico, ma con i piedi ben piantati per terra.

Grazie infinite per avermelo fatto vedere... :em16:


#7 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 14 May 2010 - 07:19 PM

Visualizza MessaggioBadGuy, il 12 May 2010 - 05:59 PM, ha scritto:

No, Anthony Perkins no!
Alla domanda del giudice, che gli chiede perché faceva quello che faceva, semplicemente (e sensatamente) risponde: <Per amore>.

Anthony Perkins non č Norman Bates e viveversa; e comunque anche lui agiva <Per amore>


Citazione

Ok, la luce č filtrata, l'atmosfera sospesa, ma io tutto 'sto liquido invisibile e denso proprio non l'ho visto. Neppure le inquadrature sonnamboliche... 'ste cose riesce a farle solo Sokurov.

Descrizione un po' eccessiva... ma il notevole risultato ottenuto da Skolimowski credo rimanga; e no, Sokurov non č il solo a riuscirci...


Citazione

No, non č vero. Mica tutte le volte in cui un film č ambientato in un paesino sconosciuto si puň menarla con la storia del non-luogo e del fuori-dal-tempo.

D'accordo con te, di non-luoghi oramai se ne contano a migliaia :biggrin:


Citazione

Comunque questo Skolimosky č bellissimo!

Un buon film, il vero Skolimowski č altrove.


Citazione

Grazie infinite per avermelo fatto vedere... :)

Grazie a te per il commento :)
Sottotitoli per Altro Cinema: Spalovač mrtvol, Golem, Sanatorium Pod Klepsydra, Vtáčkovia, siroty a blázni, Das schloss , Postava k podpírání , PrevraŠčenije, Mucedníci lásky, Posetitel Muzeya, Kinetta, O slavnosti a hostech, Iavnana, Pokój saren, Amerika, Sami, Menschenkörper, Klassenverhältnisse, Woyzeck, De grafbewaker, Muukalainen, Na wylot, Zbehovia a pútnici, Cztery noce z Anna, Kynodontas, Katalin Varga, Gyerekgyilkosságok, Liverpool, Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles, Höhenfeuer, La Chevelure, La ville des Pirates, Szegénylegények, PVC-1, Die Verwandlung, Adoration, Zamok, Las, Toute une nuit, Ohio Impromptu, Catastrophe, Die Linkshändige frau, Mange, ceci est mon corps , L'evangile du cochon créole, A erva do rato, Le puits et le pendule, Gospodin Oformitel, Traumstadt, Fövenyóra, Le professeur Taranne, L'imitation du cinéma, Büntetőexpedició, Pőrgu, Cuadecuc, vampir, Stićenik, Filme do Desassossego, Tren de sombras, Schakale und Araber, Estorvo, O cerco (traduzione di Polax), Ha'Meshotet, What Where, Rockaby, Come and go, Naufragio, Barăo Olavo, O Horrivél, La influencia, Zirneklis, La femme 100 tętes, Alpeis, Szürkület, V gorakh moyo serdtse, Brillianty. Pokhischenie, Basta, Devyat Sem Sem, Two Gates of Sleep, Saç, You Are Not I, Sevmek zamani, Koniec świata, Poyraz, Mikres eleftheries, Uncut family, Que hay para cenar, querida?, Els Porcs, Ice cream, La invención de la carne, Dafnis y Cloe, Swedenborg, Ombres de foc, A zona, Ja tože choču, Tokyo Giants, Raoul Servais, l'Intégrale des courts métrages, Prostaya smert, Hitparkut

Sottotitoli per AsianWorld: Jao nok krajok, Hagane, Hako



...fredde luci parlano...


#8 BadGuy

    Cameraman

  • Membro
  • 622 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 15 May 2010 - 12:43 PM

Visualizza Messaggiobowman, il 14 May 2010 - 07:19 PM, ha scritto:

Anthony Perkins non č Norman Bates e viveversa; e comunque anche lui agiva <Per amore>
Uhm, č proprio che per me Leon non č cosě 'psyco' come quel commento vuole far credere... Immagine inserita

Visualizza Messaggiobowman, il 14 May 2010 - 07:19 PM, ha scritto:

Descrizione un po' eccessiva... ma il notevole risultato ottenuto da Skolimowski credo rimanga; e no, Sokurov non č il solo a riuscirci...

Sě č vero, Sokurov non č l'unico - adesso mi viene in mente pure Gus Van Sant -, ma č uno che in quello eccelle: nessuno m'invischia gli occhi aperti di sogno denso come fa lui. :em84:

Visualizza Messaggiobowman, il 14 May 2010 - 07:19 PM, ha scritto:

Un buon film, il vero Skolimowski č altrove.


Di Skolimowski purtroppo non un'idea globale perché ho visto solo "L'Australiano" (ottimo!), perň questo film č davvero riuscito... anche se magari č un 'finto' Skolimowski... :rotfl:

#9 polpa

    It’s Suntory Time!

  • Membro storico
  • 9215 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

Inviato 15 May 2010 - 01:57 PM

Visualizza MessaggioBadGuy, il 15 May 2010 - 12:43 PM, ha scritto:

nessuno m'invischia gli occhi aperti di sogno denso come fa lui.

:rotfl:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi