Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Chronicle of a Disappearance


3 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4320 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 October 2014 - 11:38 AM

Chronicle of a Disappearance

Segell ikhtifa


Immagine inserita


di Elia Suleiman


Anno: 1996

Durata: 88 min.

Paese: Israele, Palestina


con:

Elia Suleiman (se stesso)

Nazira Suleiman (la madre)

Fuad Suleiman (il padre)

Ula Tabari (Adan)



Il film ha vinto il premio Luigi de Laurentiis per la migliore opera prima

alla 53ª edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia



Immagine inserita



Il regista palestinese Elia Suleiman torna a Nazareth in occasione di un funerale dopo 12 anni passati negli Stati Uniti a studiare cinema e realizzare cortometraggi. Passerà qualche giornata con amici, conoscenti e visiterà anche Gerusalemme. Osserverà la quotidianità dei luoghi a lui familiari e sarà il pretesto per uno sguardo spietato, comico, cinico e severo sulle persone che abitano quella terra senza pace.


Immagine inserita

Recensione di Re Nah Toh

È interessante leggere l’anno di realizzazione del film: 1996. Prima della seconda intifada e durante il periodo dei fallimentari trattati di pace di Oslo. Un fallimento che si respira durante tutta la pellicola anche se il regista è bravo a non cadere nella tentazione del facile “j’accuse”. D’altronde la serie di “scenette” simboliche e grottesche alle quali assistiamo fanno pensare ad un diario personale, politico e culturale di morettiana memoria ma senza la verbosità del regista romano e con il keatoniano e silente regista che testimonia di un popolo privo di identità e stabilità che compie azioni a volte inspiegabili e a volte che ripiegano in una routine ammorbante senza però come detto puntare il dito contro nessuno in particolare. Nessuna costruzione narrativa. Solo la cronaca, scandita dai vari capitoli, della sparizione di un popolo e di una cultura che contempla i luoghi sacri nelle risibili cartoline e souvenir per i turisti. Quegli stessi luoghi come le acque sulle quali ha camminato Gesù che ora fanno da pista a mirabolanti esibizioni di turisti sugli acqua scooter. Quei luoghi pieni di alberghi e kibbutz dove poco tempo prima c’era il deserto e un sacro colle da contemplare. Anche i genitori dell’autore sembrano aver raggiunto il livello più totale di rassegnazione. Che siano veramente loro l’ultima patria?

L’ultima osservazione la dedico all’inizio di “Il tempo che ci rimane” girato 13 anni più tardi e fortemente legato al film in questione. Appena arrivato a Gerusalemme, Elia (che si vede fuori fuoco come una fantasmatica presenza) sale su un taxi e l’autista si perde non riconoscendo più i luoghi che per lui dovrebbero essere familiari mentre fuori si scatena un temporale biblico. Ecco, questo senso di spaesamento (che trasporterà pari pari nella Cuba finta-idealista e labirintica del suo splendido corto in “7 days in Havana”), è la sua risposta più potente e simbolica della condizione israeliana vista da uno dei più grandi autori cinematografici internazionali.


Immagine inserita

SOTTOTITOLI
(versione: 699)
Allega file  Chronicle.of.a.Disappearance.AsianWorld.zip   15.98K   65 Numero di downloads

Traduzione: GraziaSS



Immagine inserita



LO STAFF RICORDA CHE
È VIETATO HARDSUBBARE O CARICARE IN STREAMING
I SOTTOTITOLI PUBBLICATI SU ASIANWORLD.IT


Messaggio modificato da JulesJT il 15 October 2014 - 05:31 PM


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4320 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 October 2014 - 11:47 AM

Nuova traduzione della nostra super ghostsubber GraziaSS , su proposta di Re Nah Toh. Ne arriveranno altre, progetti che nascono dalle nostre profonde discussioni al bar o al ristorante cinese :) :em89:

Per quanto riguarda il film non posso che quotare il commento di Re Nah Toh, grande appassionato conoscitore del cinema di Suleiman. Ci sono delle "scenette" davvero forti, nello stile del regista, e il finale è molto bello.

Messaggio modificato da fabiojappo il 15 October 2014 - 11:49 AM


#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4422 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 October 2014 - 05:43 PM

Grazie mille! Il "Triangolo sardo delle meraviglie" colpisce ancora! :em66: Sottotitoli caricati.

Messaggio modificato da JulesJT il 15 October 2014 - 05:57 PM

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#4 mariolini

    Microfonista

  • Membro
  • 140 Messaggi:
  • Location:Salento
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 26 October 2014 - 01:16 PM

GRAZIE a tutti voi :em83: :em83: :em83:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi