Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Portrait of the wind

traduzione di Oda

13 risposte a questa discussione

#1 Oda

    gureggu sama

  • Membro
  • 3377 Messaggi:
  • Location:Tokyo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 May 2010 - 08:54 AM

Immagine inserita


Tutto lasciato a metà - LaQuiete

Mio diario inconcluso, è tempo di bruciare. Posso sognare, perché non sono niente. Lasciami morto sul tappeto, fammi morire ad occhi aperti, senza aspettare che sia buio. Liberami dalla mia attesa, respirerà lo stesso. Ma vivo ancora fra le ombre. Ho radici perse nella sabbia. Confondo il pianto dei colori con i gemiti del vento.

Recensione

"Portrait of the wind" non è sicuramente un film giapponese atipico.

Ritmi lenti, pensieri, domande senza risposte destinate allo scorrere del tempo, eventi ai quali rimaniamo impotenti e che per quanto ci sforziamo di farcene una ragione, restano più grandi di noi e ci consumano, piano piano.

Ci troviamo allora immersi nei nostri pensieri, con lo sguardo apparentemente rivolto al vuoto o verso qualcosa che ormai ha perso il suo significato. La vita. Perché da soli, non siamo completi.

Cosa significa quindi perdere qualcuno che si ama? Cosa significa ritrovarsi all'improvviso a convivere con l'assenza perenne di chi ti ha confessato di amarti. A letto. La notte prima.
Cosa diventano tutte le parole dette, le giornate passate insieme, le gioie e tutto il resto?
Diventano e restano ricordi che fomentano un urlo silenzioso che nasce e muore dentro al petto, un suono sordo che nessun' altro può veramente interpretare.

E intanto, là fuori il vento soffia, senza forma, senza colore e resta l'unica certezza che le cose, nonostante tutto, vanno avanti.

La vendetta verso qualcuno, per qualcuno (= "taga tame ni).
Ma è questa la vera soluzione a tutto il male?

Immagine inserita



Commento finale

Il film, che ricordare in certi attimi alcune cose di Kore-eda (Maboroshi, Distance), fa leva principalmente su quella maschera che è Tadanobu Asano che, benché coadiuvato da un ottimo cast, resta l'assoluto protagonista della pellicola.
Nessun particolare virtuosismo della regia che si "limita" a raccontare e osservare una storia che potrebbe essere tristemente reale.
Non un film da strapparsi i capelli, non un capolavoro, ma un ottima storia che vuol far riflettere su tante cose.
Personalmente ho trovato alcuni passaggi (a livello di sceneggiatura) che si sarebbero potuti trascurare oppure, paradossalmente, esprimere in maniera più ampia.

Una piccola nota : arbitrariamente ho tradotto "time capsule" come "macchina del tempo".
Sembra che i giapponesi abbiano molta simpatia di questi contenitori da sotterrare e riaprire decenni dopo.

Buona visione!









Ordina il DVD su

Immagine inserita




Allega File(s)


Messaggio modificato da Kiny0 il 17 October 2012 - 02:57 PM

[/center]

7 days of samsa



Subs per asianworld.itShimokita Glory Days - EP.01,02,03,04, 2006 .::. Aoi Kuruma, A blue automobile - Okuhara Hiroshi, 2004
Aruitemo aruitemo, Even if you walk and walk - Koreeda Hirokazu, 2008 .::. Kamome Shokudo, Kamome Diner - Ogigami Naoko, 2006
Kurai tokoro de machiawase, Waiting in the dark, Daisuke Tengan, 2006 .::. Zenzen Daijobu, Fine totally fine - Fujita Yosuke, 2008
Vacation, Kyuka - Kadoi Hajime, 2008 .::. Portrait of the wind, TagaTameni, Hyugaji Taro, 2005

In work
Happily ever after, Jigyaku no uta - Tsutsumi Yukihito /(30%)
Ai suru Nichiyoubi, Love on sunday, Hiroki Ryuichi

#2 Asaka

    Direttore della fotografia

  • Membro storico
  • 1300 Messaggi:
  • Location:Sotto un pianoforte. O davanti. Dipende.
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 May 2010 - 08:59 AM

Grazie per la rece e per i sub, oda. Prenoto e porto a casa! Immagine inserita

#3 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4098 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 May 2010 - 11:47 AM

"Ricorda in certi attimi alcune cose di Kore-eda (Maboroshi, Distance)".

Wow! Allora non posso perdermelo. Grazie mille per i sub.

#4 Oda

    gureggu sama

  • Membro
  • 3377 Messaggi:
  • Location:Tokyo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 May 2010 - 12:46 PM

sì...ricorda eh! non è che sia la stessa cosa.
[/center]

7 days of samsa



Subs per asianworld.itShimokita Glory Days - EP.01,02,03,04, 2006 .::. Aoi Kuruma, A blue automobile - Okuhara Hiroshi, 2004
Aruitemo aruitemo, Even if you walk and walk - Koreeda Hirokazu, 2008 .::. Kamome Shokudo, Kamome Diner - Ogigami Naoko, 2006
Kurai tokoro de machiawase, Waiting in the dark, Daisuke Tengan, 2006 .::. Zenzen Daijobu, Fine totally fine - Fujita Yosuke, 2008
Vacation, Kyuka - Kadoi Hajime, 2008 .::. Portrait of the wind, TagaTameni, Hyugaji Taro, 2005

In work
Happily ever after, Jigyaku no uta - Tsutsumi Yukihito /(30%)
Ai suru Nichiyoubi, Love on sunday, Hiroki Ryuichi

#5 ronnydaca

    Cameraman

  • Membro
  • 803 Messaggi:
  • Location:Sardegna
  • Sesso:

Inviato 01 May 2010 - 01:14 PM

Grazie Oda, questo mi ispira tanto, prendo e metto in lista. :em67:

Messaggio modificato da ronnydaca il 01 May 2010 - 01:14 PM

In attesa di migrazione


#6 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3553 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 May 2010 - 06:48 PM

Grazie Oda, visto qualche tempo fa. non un capolavoro, ma Asano in formissima e nel complesso un film buono sul tema classioco del perdono.

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#7 Nataku

    L'Estinto

  • Membro
  • 6710 Messaggi:
  • Location:in una stringa
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 May 2010 - 07:35 PM

bel film grazie
(ma le attrici sono belliccime >_< dove le ho gia viste?_?)

PS: la foto della tipa è stupenda, quella dove ride coi capelli bagnati)

Messaggio modificato da Nataku il 01 May 2010 - 07:35 PM

Il mio blog
Il brāhmana Dona vide il Buddha seduto sotto un albero e fu tanto colpito dall'aura consapevole e serena che emanava, nonché dallo splendore del suo aspetto, che gli chiese:
– Sei per caso un dio?
– No, brāhmana, non sono un dio.
– Allora sei un angelo?
– No davvero, brāhmana.
– Allora sei uno spirito?
– No, non sono uno spirito.
– Allora sei un essere umano?
– No, brahmana, io non sono un essere umano [...]
– [...] E allora, che cosa sei? [...]
– [...] Io sono sveglio. »[/size]

Cos'è dunque questo nulla? Come si può descriverlo se è indicibile? Il buddhismo ricorre alla metafora dell'onda. Un'onda non cade dall'acqua dall'esterno, ma proviene dall'acqua senza separarsene. Scompare e torna all'acqua da cui ha tratto origine e non lascia nell'acqua la minima traccia di sé. Come onda si solleva dall'acqua e torna all'acqua. Come acqua esso è il movimento dell'acqua. Come onda l'acqua sorge e tramonta, e come acqua non sorge e non tramonta. Così l'acqua forma mille e diecimila onde e tuttavia resta in sé costante e immutata.

Così rispose ad un tale che sosteneva che non esistesse il movimento: si alzò e si mise a camminare" (Diogene)
Antico proverbio cinese:
"quando torni a casa picchia tua moglie, lei sa perchè".

#8 Oda

    gureggu sama

  • Membro
  • 3377 Messaggi:
  • Location:Tokyo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 May 2010 - 08:39 AM

ok. ricordatevi di votare il film in homepage.grazie
[/center]

7 days of samsa



Subs per asianworld.itShimokita Glory Days - EP.01,02,03,04, 2006 .::. Aoi Kuruma, A blue automobile - Okuhara Hiroshi, 2004
Aruitemo aruitemo, Even if you walk and walk - Koreeda Hirokazu, 2008 .::. Kamome Shokudo, Kamome Diner - Ogigami Naoko, 2006
Kurai tokoro de machiawase, Waiting in the dark, Daisuke Tengan, 2006 .::. Zenzen Daijobu, Fine totally fine - Fujita Yosuke, 2008
Vacation, Kyuka - Kadoi Hajime, 2008 .::. Portrait of the wind, TagaTameni, Hyugaji Taro, 2005

In work
Happily ever after, Jigyaku no uta - Tsutsumi Yukihito /(30%)
Ai suru Nichiyoubi, Love on sunday, Hiroki Ryuichi

#9 Kta

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1241 Messaggi:
  • Location:ナポリ
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 May 2010 - 03:27 PM

Grazie ^^





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi