Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] The Housemaid

Traduzione di creep

15 risposte a questa discussione

#1 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5670 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 30 October 2010 - 09:25 AM

THE HOUSEMAID

하녀


1960
AW






Immagine inserita Immagine inserita



Trama che contiene spoiler



Dong-sik (Kim Jin-kyu), che insegna musica in un opificio tessile, mostra interesse per un articolo di giornale che racconta di un omicidio occorso a Geumcheon. Il protagonista di quel fatto di cronaca diventa proprio Dong-sik, che riceve una lettera d’amore da parte di Gwak Seon-yeong, un’operaia dell’opificio, e denuncia l’accaduto alla direttrice del dormitorio della fabbrica, costringendo Seon-yeong a lasciare il suo lavoro. Nel frattempo Jo Gyeong-hui (Um Aing-ran), un’altra operaia amica di Seon-yeong, che l’ha incoraggiata a scrivere la lettera, comincia a frequentare la nuova casa di Dong-sik col pretesto di ricevere delle lezioni di piano. Quando la salute di sua moglie (Ju Jeung-nyeo) inizia a vacillare a causa dell’affaticamento dovuto al troppo lavoro alla macchina da cucire per comprare la nuova casa, Dong-sik chiede a Gyeong-hui di raccomandargli una buona domestica (Lee Eun-sim). Gyeong-hui confessa a Dong-sik di amarlo, ma questi la respinge. La domestica, vista la scena dalla finestra, seduce Dong-sik e va a letto con lui. Tre mesi dopo, la domestica scopre di essere incinta. Appena la moglie di Dong-sik lo viene a sapere, convince la domestica ad abortire. Una volta perso il bambino, la domestica diventa sempre più violenta e provoca la morte di Chang-sun (Ahn Sung-ki), il figlio della coppia, che cade ruzzolando dalle scale. E come se non bastasse, la domestica minaccia di rivelare ai dirigenti della fabbrica l’accaduto. Allo scopo di salvaguardare la sua casa e la sua famiglia, la moglie di Dong-sik manda suo marito a dormire nella stanza della domestica al piano di sopra. Dong-sik e la domestica decidono di suicidarsi insieme bevendo del veleno per topi, ma lui la lascia morire sulle scale e spira di fronte alla moglie. A questo punto, la narrazione riprende dalla scena iniziale, in cui Dong-sik sta leggendo l’articolo insieme a sua moglie, e il film si chiude con Dong-sik che punta il dito contro la cinepresa e osserva che chiunque potrebbe trovarsi in una situazione del genere.





Immagine inserita







Il film che segnò una svolta definitiva nella carriera di Kim Ki-young e nello sviluppo della sua poetica, e spunto per tre remake, di cui due dello stesso regista, Woman of Fire (Hwanyeo, 1971) e Woman of Fire 82 (Hwanyeo 82, 1982), e un ultimo ad opera di Im Sang-soo (Hanyo, 2010).

The Housemaid espone per la prima volta lo stile peculiare, eccentrico e grottesco di Kim Ki-young, che si concretizzò con i successivi The Insect Woman (Chungnyeo, 1972), e Carnivorous Animal (Yugsigdongmul, 1984). Il film descrive la disintegrazione della famiglia borghese causata dall’intrusione di una domestica e il terrore che ne consegue. Combinando effetti sonori cacofonici con una messa in scena grottesca realizzata su una casa a due piani divisa da una scala centrale, The Housemaid riesce a destare estrema tensione nello spettatore. L’interesse cinematografico che Kim Ki-young avrebbe continuato a sviluppare nei suoi lavori successivi prende forma in questo film. Contrasto tra ambiente urbano e rurale, ossessione per la sessualità e per il desiderio di riprodursi dell’essere umano, giovani donne che sognano di avanzare di classe sociale, famiglie borghesi sconvolte dalla confusione delle classi, l’ansia degli uomini verso le donne che detengono il potere economico, questi sono gli elementi che costituiscono l’interesse primario di Kim Ki-young. Il titolo, The Housemaid, è già di per sé esemplificativo di un tema che contiene in sé una posizione di sudditanza sia di classe che di genere riguardante donne di bassa estrazione sociale che partono dalle comunità rurali per raggiungere la città e avanzare di stato sociale facendosi mettere incinta. La donna della classe operaia porta confusione nel sistema sociale e rappresenta una grave minaccia per l'uomo del ceto medio, come la rappresentano le donne che hanno indipendenza economica, che si rivelano oppressive e pericolose per la mascolinità. Inoltre Lee Eun-sim, nel ruolo dell’eponima domestica, riesce a impersonificare il desiderio sessuale delle donne attraverso una femminilità spaventosa.


- Basato su fatti reali accaduti a Geumcheon.
- The Housemaid inizialmente aveva una struttura cronologica, ma il regista Kim Ki-young non ne rimase soddisfatto e inserì la prima e l’ultima sequenza per creare confusione tra realtà e finzione. Tecnica poi adottata anche nei lavori successivi.
- Secondo quanto riferito, Kim Ki-young sviluppò un persistente interesse per le teorie psicanalitiche di Freud mentre stava girando il film.

Tratto dal Korean Film Archive





Immagine inserita







Secondo il regista Bong John-ho, colui che insieme a Park Chan-wook, più di ogni altri ha ripreso l’eredità lasciata dal regista Kim Ki-young, The Housemaid è il Quarto Potere della cinematografia coreana. Il film più famoso di Kim Ki-young è anche il film meno rappresentativo della sua poetica e soprattutto del suo stile, che poi sarebbe deflagrato pienamente in tutti i suoi eccessi con le opere successive degli anni 70, ma è sicuramente il più rappresentativo e il più destabilizzante di una cinematografia coreana che pur apprestandosi a vivere a quei tempi il suo periodo d’oro, conosceva per la prima volta un autore che, discostandosi dalla tradizione neorealista, avrebbe assorbito l’influenza di Hitchcock e Bunuel, proponendo un cinema personale, fuori dai canoni fino ad allora praticati. A fare da raccordo tra un esordio neorealista e uno stile personale c’è proprio The Housemaid. Costruito su una struttura che confonde realtà e fantasia connesse da un incipit d’apertura e da un epilogo di chiusura, che poi diverranno marchio di fabbrica del suo cinema, il film si svolge con un ritmo serrato pur essendo girato in un unico locale, non solo grazie a un montaggio e a una regia moderna e fluida, ma anche all’utilizzo del materiale di scena. Il chiudere e aprire le porte scorrevoli e il correre del treno fungono da vero e proprio elemento di transizione tra una scena e l’altra. Gli stessi capovolgimenti di fronte e i cambiamenti improvvisi di tono e comportamento dei personaggi contribuiscono a produrre un ritmo sincopato e narrativamente destrutturante che però non compromette mai un’esposizione che rimane solidamente coerente.





Immagine inserita







Come nel Servo di Joseph Losey, la domestica finisce col dominare dall’alto della scala i suoi padroni, ma mentre in Losey il servo costruiva la sua posizione di potere rendendosi indispensabile ad un’aristocrazia viziata, inetta e decadente, a Kim Ki Young interessa sottolineare il potere di minaccia che la domestica ha in mano nei confronti di un ceto medio il cui unico interesse è salvare la faccia e la posizione.





Immagine inserita
Una scena tratta da The Servant (1963) di Joseph Losey







Domestica e padrona, contrapposte simbolicamente anche dal colore contrastante dei loro abiti, sono le protagoniste che muovono la storia e la società. L’una, ingenua e impulsiva, governa la casa, l’altra, determinata e calcolatrice, lavora alla macchina da cucire per mantenere la famiglia. Tutte e due sono vittime e carnefici dei loro comportamenti, innocenti e mostri, così come i bambini (da sottolineare la presenza di un giovanissimo Ahn Sung-kee) che, diversamente dal remake di Im Sang-soo, sanno essere perfidi. Mentre l’uomo, come in tutta la cinematografia di Kim Ki-young, è un inetto in balia dei suoi istinti e delle trame di queste due tipologie di donne, quasi come se il regista volesse rappresentare con questi tipi di personaggi la sua condizione di regista finanziato e prodotto dalla moglie. Il desiderio (simboleggiato dalla sigaretta per la domestica, dal pianoforte per il padrone e Kyung-hee e dal televisore e la casa per la padrona) porta alla rovina i protagonisti e fa crollare il sistema di valori su cui poggia il ceto medio.





Immagine inserita







Kim Ki-young soleva descrivere l’atto sessuale attraverso dettagli al limite del grottesco, un po’ per evitare la censura, un po’ perché rappresentavano la cifra del suo stile allegorico. Qui un esempio tramite un raffronto con Thirst, che testimonia l’influenza che il regista di Seul ha avuto su Park Chan–wook e molti altri registi.





Immagine inserita Immagine inserita





Titolo Originale
Hanyo

Regia e Sceneggiatura
Kim Ki-young

Interpreti
Lee Eun-shim, Ju Jeung-nyeo,
Kim Jin Kyu, Ahn Sung-kee,
Eom Aeng-ran, Kang Seok-je,
Ko Seon-ae, Na Jeong-ok



Corea del Sud, 1960, 111'





Altri film di Kim Ki-young presenti su AsianWorld:

Yangsan Province
The Sea Knows
Burying old Alive
Woman of Fire
The Insect Woman
Promise of the Flesh
Ieoh Island
A Woman After a Killer Butterfly
Woman of Water
The Woman of Fire '82
Carnivorous Animal





Immagine inserita





Immagine inserita
Kim Ki-Young (1922-1998)







Attraverso i suoi film dell’orrore, The Housemaid (Hanyeo) e The Insect Woman (Chungnyeo), il regista Kim Ki-young creò un personale stile visionario, inconsueto per la grammatica cinematografica degli anni 60. Dopo l’indipendenza coreana, Kim Ki-young cominciò a farsi un nome nel laboratorio teatrale dell’Università Nazionale di Seul. Appena dopo la Guerra di Corea, cominciò a girare filim propagandistici per il Servizio Informazioni degli Stati Uniti e fece il suo debutto cinematografico con The Box of Death (Jugeom-ui sangja) (1955). Realizzò film realisti influenzati pesantemente dal neorealismo italiano come The First Snow (Choseol) (1958) e A defiance of teenager (10dae-ui banhang) (1959). Ma fu negli anni 60 che sviluppò il suo marchio di fabbrica con film espressionistici e psicologici che riflettevano il desiderio misantropico e distruttivo che emergeva dalla modernizzazione della società coreana attraverso l’utilizzo di set e luci surreali. Il primo di questi film fu The Housemaid (Hanyeo). Sebbene i suoi film siano difficilmente analizzabili dentro categorie logiche e razionali e non siano di facile classificazione, Kim Ki-young è uno dei più importanti registi nella storia del cinema coreano. Kim Ki-young morì in un incendio nella sua abitazione all’età di 77 anni, mentre stava lavorando al suo grande ritorno dietro la macchina da presa.

Tratto dal Korean Film Archive











Sottotitoli







Ordina il DVD su

Immagine inserita











Immagine inserita


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4240 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 October 2010 - 10:13 AM

Eccolo ! Questo lo attendevo proprio !!!

Grazie :( :em41: :em41:

#3 Picchi

    Operatore luci

  • Membro
  • 452 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 October 2010 - 10:17 AM

Grazissimissime! :( :em41: :em41:

"猿も木から落ちる" (Anche le scimmie cadono dagli alberi)





Immagine inserita


#4 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 October 2010 - 10:31 AM

Capolavoro! Grazie creep!!! Grandissimo il nostro admin!

Immagine inserita


#5 battleroyale

    Kimkidukkiano Bjorkofilo

  • Collaboratore
  • 4424 Messaggi:
  • Location:Lecco
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 October 2010 - 12:29 PM

Visto ormai una decina di volte (sto consumando il DVD coreano ormai :em28: :em28: )

Film-capolavoro.
Scivola tra ellissi drammatiche a momenti di tensione psicologica inarrivabili.
Un thriller-melò che seduce e distrugge. Un film che dopo cinquant'anni non ha smesso ancora di urlare. :( :em41:

Chi se lo perde, ha tutta la mia diffidenza. :em41:

Meno male che c'è creep! :em73: :em73:

Messaggio modificato da battleroyale il 30 October 2010 - 12:29 PM

Sweet Like Harmony, Made Into Flesh... You dance by my side, children sublime!


Immagine inserita



Le mie recensioni cinematografiche: http://matteo-bjork-...i.blogspot.com/

Lungometraggi subbati per aw: Lunchbox, Wool 100% , Tomie: Revenge, Sexual Parasite: Killer Pussy, Pray, Violated Angels, Go Go Second Time Virgin (Migliore attrice al XIV AW Award), A Slit-Mouthed Woman, Kuchisake, Teenage Hooker Became Killing Machine In DaeHakRoh, Marronnier, Raigyo, X-Cross, Loft (premio alla miglior regia al XV AW Award), The House, Evil Dead Trap 2 , Id, Female Market, The Coffin, Art Of The Devil 3, Coming Soon, Wife Collector, Nang Nak , Whispering Corridors 5: A Blood Pledge, Grotesque, Gonin, 4bia , Lover, Unborn But Forgotten, Life Is Cool , Serial Rapist, Noisy Requiem, Pig Chicken Suicide, Tamami: The Baby's Curse, Nymph, Blissfully Yours, La Belle, February 29, The Cut, Zinda, Rule Number One, Creepy Hide And Seek, M, Visage, Female, Naked Pursuit, Today And The Other Days, Red To Kill, Embracing, Kaleidoscope, Sky, Wind, Fire, Water, Earth, Letter From A Yellow Cherry Blossom, The Third Eye, 4bia 2, The Whispering Of The Gods, My Ex, The Burning, The Haunted Apartments, Vegetarian, Vanished, Forbidden Siren, Hole In The Sky (fabiojappo feat. battleroyale), Invitation Only, Night And Day, My Daughter, Amphetamine, Soundless Wind Chime, Child's Eye, Poetry, Oki's Movie , Natalie, Acqua Tiepida Sotto Un Ponte Rosso, The Echo, Gelatin Silver, Love, Help, Hazard, Late Bloomer, Routine Holiday, Olgami- The Hole, Caterpillar, The Commitment, Raffles Hotel, Ocean Flame, The Sylvian Experiments, Bloody Beach, The Vanished, Dream Affection, White: The Melody Of The Curse, Eighteen, I Am Keiko, Guilty Of Romance, Muscle, Birthday, Journey To Japan, POV: A Cursed Film, Exhausted, Uniform Virgin: The Prey, Gimme Shelter

Serie tv subbate per aw: Prayer Beads

Cortometraggi subbati per aw: Guinea Pig: Flowers Of Flesh And Blood, Guinea Pig: Mermaid In The Manhole, Guinea Pig: He Never Dies ,4444444444, Katasumi , Tokyo Scanner, Boy Meets Boy , Kyoko Vs. Yuki, Dead Girl Walking, Sinking Into The Moon, Suicidal Variations, House Of Bugs, Tokyo March, Emperor Tomato Ketchup, Birth/Mother, I Graduated, But..., Fighting Friends, Ketika, Lalu dan Akhirnya, South Of South, Incoherence, Imagine

L'altro Cinema: Drawing Restraint 9 , La Concejala Antropofaga, Subjektitüde

Inwork: Rec (60%), Kisses (50%), Serbis (90%)

#6 ronnydaca

    Cameraman

  • Membro
  • 803 Messaggi:
  • Location:Sardegna
  • Sesso:

Inviato 30 October 2010 - 02:08 PM

Finalmente, questo lo aspettavo da tanto, grazie Creep :(

In attesa di migrazione


#7 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3561 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 October 2010 - 03:18 PM

Capolavoro assoluto del cinema coreano! Grazie per la notevole recensione e per la traduzione creep. Non vedevamo l'ora di avere i sub!

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#8 Blindevil

    Cameraman

  • Membro
  • 966 Messaggi:
  • Location:Genova
  • Sesso:

Inviato 31 October 2010 - 07:37 AM

Capolavoro, con un finale "bastardo"...sublime in ogni suo componente
Noi samurai,siamo come il vento che passa veloce sulla terra,ma la terra rimane e appartiene ai contadini.

#9 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5670 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 31 October 2010 - 07:45 AM

ronnydaca, il 30 October 2010 - 02:08 PM, ha scritto:

Finalmente, questo lo aspettavo da tanto, grazie Creep :(

Grazie a te Martin, che l'hai restaurato togliendogli quegli orribili sottotitoli sovraimpressi :em41:

Immagine inserita






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi