Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Norte, the End of History


14 risposte a questa discussione

#1 JulesWU

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4033 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 October 2014 - 07:12 PM

Immagine inserita


Titolo originale: "Norte, hangganan ng kasaysayan"
Regia: Lav Diaz
Paese: Filippine
Anno: 2013
Genere: Drammatico
Durata: 250'
Lingue: Tagalog - Inglese
Interpreti: Sid Lucero (Fabian), Angeli Bayani (Eliza), Archie Alemania (Joaquin)


Immagine inserita Immagine inserita

Sinossi

Un uomo è ingiustamente recluso in carcere per omicidio mentre il vero assassino è ancora a piede libero.
Mentre il colpevole è un intellettuale frustrato dall'eterno ciclo di tradimento e apatia che interessa il suo Paese, l'innocente è un semplice uomo che trova la vita in prigione tollerabile fino a quando intorno a lui cominciano ad accadere alcuni strani e misteriosi eventi.
[fonte: filmtv.it]




*CONTIENE SPOILER*

A più di dieci anni da Batang West Side (2001), Lav Diaz torna a lavorare sul colore. Il risultato è straordinariamente intenso – anche, e soprattutto, nelle scene in cui il nero impera.
Non è tutto. Norte fa sfoggio altresì di un nuovo, efficacissimo approccio ai movimenti di macchina: lenti e insinuanti, precisi come un bisturi, vengono usati per meglio "temporalizzare" scene ora di una lunghezza meno estenuata del solito, e spesso singolarmente coincise.
La durata totale stessa è meno estrema: "solo" quattro ore e dieci.
Ad essere immutata è l'ambizione, enorme. Il film prende le mosse da un novello Raskolnikov, ex (ed eterno) studente di giurisprudenza portato dal suo idealismo nichilista a uccidere un'usuraia che sta rendendo la vita impossibile a una donna povera e con marito invalido a carico.
Naturalmente, il suo gesto non fa che peggiorare la situazione: a venire accusato e imprigionato finisce per essere proprio il marito. Per vie differenti, i tre diversissimi protagonisti giungono presto o tardi alla medesima impasse, tutti intrappolati nel proprio vicolo cieco.
Tutti dietro le sbarre, che siano reali o meno poco importa: e abbandonando il suo superlativo bianco-e-nero per una luminosa sensualità cromatica, Diaz ci fa avvertire un mondo ancora più concreto ma paradossalmente ancora più imprigionante dentro la sorda spietatezza della sua fisicità.
A farci sentire sbarre che non ci sono ci pensano, come sempre, e praticamente in ogni inquadratura, le geometrie invisibili della messa in scena, l'organizzazione di corpi e oggetti nello spazio, arte che trova oggi in Diaz uno dei massimi officianti in assoluto.
Tant'è che, ad esempio, appena prima che l'innocente finisca in carcere, il regista si concede persino un vezzo langhiano: architetta un lento movimento di macchina che culmina su di lui, immobile, re-inquadrato nel nero da una finestra, dall'esterno.





Immagine inserita


Il più prigioniero di tutti è proprio il nostro Raskolnikov, colui che più si dimena e si dibatte per sfuggire al destino: più le sue intenzioni sono buone e lodevoli, più le sue azioni si rivelano malvagie (fino a livelli letteralmente traumatici).
Con mossa da grande romanziere (quale è), Diaz lo fa scomparire dalla nostra vista per tutta la parte centrale, appena alludendo qua e là al suo essere al nostro fianco come spettatore impotente del calvario infinito dei due coniugi.
Facendoci assistere alla quotidianità priva di scampo (ecco perché la macchina da presa deve marcare il tempo così stretto, e dedicarsi con tanto zelo alla ricostruzione minuta delle forme del movimento) di colei che egli avrebbe voluto salvare, il racconto di fatto si arresta lungamente.
Eccola, la fine della storia del titolo: ma è solo una pausa, una rincorsa che il protagonista prende per poterla riattivare con un nuovo tentativo di riparare le cose, ugualmente destinato a sbattere contro la coazione a ripetere una fuga che ogni volta si rivela impossibile.
L'intreccio stesso, in sé e per sé, coincide con la fuga: ma il cinema di Diaz abbraccia stretto la forza di gravità, che ne annulla le traiettorie.
Per via dello spessore impenetrabile del mondo, su cui un ineffabile ordine grafico non cessa di farsi strada, è come se il racconto, per intricato che sia, non partisse mai.
Non c'è niente di peggio che sopravvivere a se stessi, vivere al di là di quello che la Storia pretende dalle nostre azioni, ci dice il nostro protagonista già dopo pochi minuti. Non sa (ancora) che questo scavalcamento, quello tra il tempo e la propria stessa impiegabilità, non è che la norma, una norma da cui non si scappa.
[fonte: Marco Grosoli per sentieriselvaggi.it]


Immagine inserita


Traduzione: JulesJT


SOTTOTITOLI
(Versione: DVD/Blu-ray)






Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da JulesJT il 07 November 2015 - 09:24 PM


#2 Darkou

    Cameraman

  • Membro
  • 857 Messaggi:
  • Location:Saffattirrella
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 October 2014 - 09:05 PM

Grazie! il regista non lo conosco ma questo film mi intriga parecchio :em41:

>>AIUTATEMI, CONSIGLIATEMI DEI FILM!!<<


Immagine inserita


Traduzioni "Cinema Asiatico": Legend of the Wolf (Hong Kong; 1997); Shaolin Mantis (Hong Kong; 1978); Crippled Avengers (Hong Kong; 1978); Five Element Ninjas (Hong Kong; 1982); Opium and the Kung Fu Master (Hong Kong; 1984); Rikidōzan (Corea del Sud; 2004); Empress Wu Tse-Tien (Hong Kong; 1963); Shaolin and Wu Tang (Hong Kong; 1983); The Shaolin Temple (Hong Kong; 1982);

Traduzioni "L'altro Cinema": Dancehall Queen (Giamaica; 1997); Khadak (Belgio; 2006); Dragon Ball Z: Light of Hope (USA; 2014); Sleeping Dogs: Live Action (USA; 2012); One Love (Giamaica; 2003);


"Escape from Babylon!"


#3 Rocchio

    PortaCaffé

  • Membro
  • 17 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 October 2014 - 08:12 AM

Non posso che inchinarmi.

#4 JulesWU

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4033 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 October 2014 - 10:51 AM

Commentate e votate, please.
Le opere di Lavrente Indico Diaz dovrebbero essere considerate "patrimonio dell'umanità". :Philippines:

Messaggio modificato da JulesJT il 09 October 2014 - 01:18 PM


#5 *StevE*

    Microfonista

  • Membro
  • 119 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 09 October 2014 - 11:43 PM

Grazie mille! :em41:

#6 Dries

    Microfonista

  • Membro
  • 210 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 October 2014 - 12:06 AM

va be jules ,cacci ste bombe e non mi dici nulla ????? :em41: :em41: :em41:
Dopo questa devono rinominare il sito a tuo nome :em89:

#7 tartakirka

    Ciakkista

  • Membro
  • 68 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 11 October 2014 - 01:30 PM

benissimo! ma visto che ho trovato miracolosamente solo la versione DVD 3,71 si potrebbero avere
i sub uniti? (io sono imbrananata e non sono capace ad unirli)

grazie in anticipo!

Messaggio modificato da François Truffaut il 13 October 2014 - 02:51 PM
Attenzione al disclaimer!


#8 Re Nah Toh

    PortaCaffé

  • Membro
  • 23 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 11 October 2014 - 02:05 PM

Scelta meravigliosa Jules, grazie mille!

#9 JulesWU

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4033 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 11 October 2014 - 03:35 PM

Visualizza Messaggiotartakirka, il 11 October 2014 - 01:30 PM, ha scritto:

(...) si potrebbero avere i sub uniti?

Stiamo provando ad adattarli alla versione Blu-ray singola.
Non appena saranno pronti, lo comunicherò in questo topic.

Messaggio modificato da JulesJT il 11 October 2014 - 05:04 PM






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi