Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * - 2 Voti

[RECE][SUB] Khadak


5 risposte a questa discussione

#1 Darkou

    Cameraman

  • Membro
  • 896 Messaggi:
  • Location:Saffattirrella
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 July 2015 - 07:17 AM

Khadak


Immagine inserita


Titolo: Khadak
Nazione: Belgio, Germania
Lingua: Mongolo
Anno: 2006
Genere: Drammatico
Durata: 104'
Regia: Peter Brosens, Jessica Woodworth
Cast: Batzul Khayankhyarvaa, Tsetsegee Byamba, Banzar Damchaa, Tserendarizav Dashnyam, Dugarsuren Dagvadorj, Uuriintuya Enkhtaivan


Trama: Il film prende parte nelle steppe della Mongolia in inverno verso la fine del 20° secolo. Conosceremo le vicende di Bagi, un mandriano nomade, durante il raggiungimento della maggior'età e la rilocazione forzata del suo popolo. Bagi soffre di attacchi epilettici che gli causano visioni extra-corporali...

Immagine inserita


Commento: Ad essere sincero non ricordo molto di questo film.. l'avrò visto una volta, quasi un anno fa. Mi ricordo però che non è stato molto facile per me finire la visione, c'erano dei momenti che non avevo propriamente capito o forse sono solo io che mi faccio sempre troppe domande. Comunque rimane un film che consiglio, se non per la trama in se, per vedere come i clan mongoli si sono dovuti adattare all'implacabile arrivo della tecnologia.

Immagine inserita



SOTTOTITOLI

(Versione: drS)

Allega file  Khadak.2006.AsianWorld.zip   8.71K   49 Numero di downloads



Traduzione: Darkou

Revisione: Shimamura




Messaggio modificato da Darkou il 06 July 2015 - 08:08 PM

>>AIUTATEMI, CONSIGLIATEMI DEI FILM!!<<


Immagine inserita


Traduzioni "Cinema Asiatico": Legend of the Wolf (Hong Kong; 1997); Shaolin Mantis (Hong Kong; 1978); Crippled Avengers (Hong Kong; 1978); Five Element Ninjas (Hong Kong; 1982); Opium and the Kung Fu Master (Hong Kong; 1984); Rikidōzan (Corea del Sud; 2004); Empress Wu Tse-Tien (Hong Kong; 1963); Shaolin and Wu Tang (Hong Kong; 1983); The Shaolin Temple (Hong Kong; 1982); The Kid from the Big Apple (Malesia; 2016); Slice (Thailandia; 2009); Tiger on the Beat (Hong Kong; 1988);

Traduzioni "L'altro Cinema": Dancehall Queen (Giamaica; 1997); Khadak (Belgio; 2006); Dragon Ball Z: Light of Hope (USA; 2014); Sleeping Dogs: Live Action (USA; 2012); One Love (Giamaica; 2003);


"Escape from Babylon"


#2 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4378 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 July 2015 - 10:13 AM

Grazie, Darkou! :em73:
Sottotitoli allegati.

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#3 Iloveasia

    Microfonista

  • Membro
  • 111 Messaggi:
  • Location:Milano
  • Sesso:

Inviato 25 July 2015 - 11:13 AM

La cripticità è funzionale allo spirito ancestrale del paese - incarnato dall'indomita sciamana - votato alla perdita della propria identità. Un film indimenticabile, visto nella rassegna di Venezia del 2006 (dove ha vinto un premio). I sottotitoli c'erano già on line, ma ben vengano anche su Asianworld.

#4 Darkou

    Cameraman

  • Membro
  • 896 Messaggi:
  • Location:Saffattirrella
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 July 2015 - 02:57 PM

 Iloveasia, il 25 July 2015 - 11:13 AM, ha scritto:

I sottotitoli c'erano già on line, ma ben vengano anche su Asianworld.
si, non me n'ero accorto ma ho cercato di distanziarmene il più possibile cercando anche di migliorarne la qualità. :em89:

>>AIUTATEMI, CONSIGLIATEMI DEI FILM!!<<


Immagine inserita


Traduzioni "Cinema Asiatico": Legend of the Wolf (Hong Kong; 1997); Shaolin Mantis (Hong Kong; 1978); Crippled Avengers (Hong Kong; 1978); Five Element Ninjas (Hong Kong; 1982); Opium and the Kung Fu Master (Hong Kong; 1984); Rikidōzan (Corea del Sud; 2004); Empress Wu Tse-Tien (Hong Kong; 1963); Shaolin and Wu Tang (Hong Kong; 1983); The Shaolin Temple (Hong Kong; 1982); The Kid from the Big Apple (Malesia; 2016); Slice (Thailandia; 2009); Tiger on the Beat (Hong Kong; 1988);

Traduzioni "L'altro Cinema": Dancehall Queen (Giamaica; 1997); Khadak (Belgio; 2006); Dragon Ball Z: Light of Hope (USA; 2014); Sleeping Dogs: Live Action (USA; 2012); One Love (Giamaica; 2003);


"Escape from Babylon"


#5 Alakirti

    PortaCaffé

  • Membro
  • 11 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 12 August 2015 - 07:13 PM

...Khadak è un racconto universale che risuona lontano oltre il suo contesto e mira ad evocare la ricerca e la "contemplazione". La ricerca dei misteri dell'esistenza e la "contemplazione" sulle responsabilità dell'uomo in questo mondo. Come nell'arte e nella religione, tale senso di risveglio e di ricerca possono essere evocati soltanto attraverso la forma - nel nostro caso in stile filmico. Raccontando una storia apparentemente semplice, il `Khadak è una pellicola che consolida sia la complessità della realtà che il senso dell'uomo in relazione a questa complessa realtà. Lo spettatore non si aspetti di trovare univoche risposte e significati. E' invece, invitato a cercare e scoprire il significato all'interno della propria realtà. È invitato a condividere la "ricerca" che pervade l'intera pellicola. In questo senso, la pellicola è la materia prima per la potenziale e personale esperienza. Crediamo fortemente che ci sia, complessivamente, unsignificativo pubblico intorno al globo che ha bisogno di cinematografia intelligente...

Oltre a questo Il Colore dell'Acqua evidenzia aspetti politici post-sovietici, lo sfruttamento minorile minerario, la delocalizzazioni dei nomadi, la diffusione delle epidemie, la desertificazione...

Con Michel Schöpping (The Third Ear...)
come Sound Designer & Music Supervisor alcune chicche:
- Il Naraa’s Poem basato sul poema di B. Galsansukh
- Concerto for two violins in D minor BWW 1043 di J.S.Bach
- Arches e Symphonie de L'espor del compositore belga di nuova consonanza Dominique Lawalree.
- La folk rock band Altan Urag e Christian Fennesz...

Messaggio modificato da Alakirti il 12 August 2015 - 07:17 PM


#6 Iloveasia

    Microfonista

  • Membro
  • 111 Messaggi:
  • Location:Milano
  • Sesso:

Inviato 30 January 2017 - 03:15 PM

Vorrei richiamare l’attenzione su questo magnifico film ambientato in Mongolia. Trascrivo la recensione di Benédicte Prot su Cineuropa: non saprei dire di meglio.


Come sottolineato da film recenti, il destino della Mongolia è spesso associato a quello dei suoi animali. In Khadak di Jessica Woodworth e Peter Brosens, un’epidemia creata in laboratorio infetta il bestiame, permettendo alle compagnie minerarie di strappare i nomadi alle loro tradizioni e metterli a lavorare nelle miniere.

Tutto ciò che rimane del passato viene descritto dal fantasma di un nonno, interiorizzato da un giovane personaggio, Bagi, come suo 'dono'– come se, e scena della guarigione sciamanica lo rivela, la steppa fosse ora 'in mezzo' – ma anche dal film stesso, soffuso di un’atmosfera fiabesca sin dall’inizio, quando la voce della madre dice "c’era una volta"– un tempo senza peccati in cui ognuno aveva la sua mela.

Khadak ci porta a vedere attraverso le lenti l’universo etereo nel quale lo sciamanesimo sembra l’unica via di fuga da questo mondo innaturale e moderno, in cui tutto e tutti devono essere 'rivestiti'. Per questa ragione Bagi vaga di istituto in istituto, dalla cava alla prigione, passando per l’ospedale.

Qualcosa non va, grida continuamente uno dei personaggi, la speranza è andata via, ('Nulla ha più un significato qui') e ciò che resta si strugge per la morte, e l’epifania, e questa è la ragione per cui Bagi, alla fine, si rassegna al suo destino e accetta, attraverso la morte, la transsustanzializzazione che gli permette di tornare a sperare. E, mentre l’eroe fa questo regalo agli altri, all’improvviso la sceneggiatura, come un prisma (che sovrappone molteplici tempi e molteplici realtà, o, piuttosto, molteplici visioni della realtà), s’interrompe e si risolve in una sinfonia onirica di movimenti e di colori.

Nonostante l’apparente tristezza, non soltanto lo humour nero del nonno ma anche il trattamento del plot, poetico ed estetico, danno l’impressione che ogni cosa sia, invero, illuminata. E, alla fine del film, il ricordo della bella fotografia continua a vivere in noi, dall’immagine del cavallo morto nella stalla a Bagi che piange su un mucchio di carbone, a rappresentare ciò che resta di un mondo ormai estinto, simile ai tableaux vivants di Canaletto e alle sciarpe blu mongole ('khadak') che, come talismani, danzano nel vento.”

Bénedcite Prot, Cineuropa (Tradotto dal francese)







1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi