Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Microhabitat


6 risposte a questa discussione

#1 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5685 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 06 August 2020 - 06:02 AM

Immagine inserita

PRESENTA

MICROHABITAT

so-gong-nyeo

소공녀


ITSGOINGDOWN






Immagine inserita Immagine inserita





Immagine inserita







Mi-So (Esom) lavora come donna delle pulizie da 3 anni e guadagna 45,000 won (€32) al giorno. Il suo ragazzo, Han-Sol (Ahn Jae-hong), è uno studente squattrinato che desidera diventare un disegnatore di webtoon. Sebbene Mi-So sia povera, è felice fintanto che può fumare sigarette, bere whisky e stare insieme al suo ragazzo. Sfortunatamente, il prezzo delle sigarette e l’affitto del suo appartamento aumentano e Mi-So, per far quadrare i conti, si vede costretta a rinunciare momentaneamente al suo appartamento, sicura di poter trovare appoggi temporanei presso i componenti della sua vecchia band, che se la passano meglio di lei, ma solo in apparenza.






Immagine inserita







Titolo Originale
소공녀 (so-gong-nyeo)


Genere
Drammatico


Regia e Sceneggiatura
Jeon Go-woon



Interpreti
Esom, Ahn Jae-hong,
Kang Jin-ah, Kim Gook-hee,
Lee Sung-wook, Choi Deok-moon,
Kim Jae-hwa, Jo Soo-hyang,
Kim Ye-eun, Kim Jae-rok,
Lee Yong-nyeo, Park Yeong-I,
Kim Hee-won, Park Ji-young



Corea del Sud, 2017, 106′







Immagine inserita







L’esordio alla regia della giovane Jeon Go-woon denuncia con leggerezza le storture di un sistema capitalistico che erode a colpi di inflazione la serenità degli individui, costringendoli a conformarsi in ruoli sociali sostenibili per quanto soffocanti, a meno che non si decida di vivere secondo le proprie regole, senza compromessi, felici ma reietti.

Mi-So (Esom), a prima vista sembrerebbe una ragazza che ha scelto il suo stile di vita semplice ma spensierato. In realtà scopriamo durante la visione che è orfana dei propri genitori (senza quindi il più fondamentale “strumento di welfare”) e che ha dovuto rinunciare agli studi (e di conseguenza ad ascendere nella scale sociale) perché non poteva più permettersi di pagare le tasse universitarie. Dietro la sua serena accettazione dello stato delle cose nasconde però un’inquietudine di fondo che somatizza nell’invecchiamento precoce dei suoi capelli.

A Mi-So per vivere bastano comunque un “tetto e un bagno”, ma l’affitto è uno schema ponzi piramidale in cui padroni di casa chiedono aumenti del canone mensile a padroni di casa che chiedono aumenti del canone mensile a una ragazza sola che vive in una topaia piena di scarafaggi. A pagarne le conseguenze sono gli ultimi e ad ingrassare sono i veri parassiti che vivono di rendita.

Non appena il governo aumenta perfino la sua marca di sigarette preferita, Mi-So preferisce lasciare l’appartamento, piuttosto che rinunciare ad una delle sue poche fonti di sollievo. Inizia così per lei la sua “crociera” presso i vecchi componenti della sua band a cui si rivolge per una sistemazione temporanea, in modo che possa risparmiare abbastanza soldi per il deposito cauzionale di un appartamento in affitto dal canone più economico. Essendo stata lei in passato ad ospitare i suoi amici nella sua umile dimora, aiutandoli nel momento del bisogno, spera che siano loro questa volta ad offrirle ospitalità, ma la situazione è più complicata del previsto.

La “bassista” Moon-yeong (Kang Jin-ah) è una donna che vive da sola, e per sostenere il suo tenore di vita persegue la carriera a suon di straordinari a scapito della sua salute (si inietta flebo di ricostituenti per ovviare al calo di zuccheri) e dei rapporti personali (preferisce non avere gente in casa), e se da una parte vede in Mi-So quello che poteva diventare se non si fosse adeguata alle esigenze del sistema sociale, dall’altra la invidia per il suo vivere secondo le proprie regole. Le ricorda di quando era adolescente e non si avevano responsabilità, ma poi si cresce e si deve lottare per sopravvivere.

Pur non ricevendo ospitalità da chi sta meglio di lei, Mi-So viene comunque accolta calorosamente dalla “tastierista” Hyeon-jeong (Kim Gook-hee) che non se la passa di certo meglio. Sposata a un fannullone con genitori a carico, Hyeon-jeong abita in una specie di ghetto e passa la vita sbrigando le faccende di casa e rimpiangendo le cure amorevoli della madre.

Non volendo più disturbare l’amica, Mi-So si rivolge al “batterista” Dae-yong (Lee Sung-wook), il tenerone della band con un divorzio alle spalle che lo ha fatto piombare in una profonda depressione, e vivendo ora da solo è asfissiato dal pagamento di un mutuo ventennale per una “casa-prigione” che col tempo si svaluterà a tal punto da non poterla più rivendere.

Rispettando l’esigenza di Dae-yong di restare da solo, Mi-So chiede ospitalità al “cantante” Rok-i (Choi Deok-moon), il quale le propone di sposarlo per soddisfare il desiderio dei propri genitori di vederlo sistemato e per offrirle quella sicurezza che solo un matrimonio di convenienza può garantirle, ma Mi-So rifugge ovviamente inorridita.

L’unica che sembra poterle offrire ospitalità senza problemi è la “chitarrista” Jeong-mi (Kim Jae-hwa), ormai sposata ad un uomo facoltoso che ha comprato la casa accanto alla loro per la madre di lei, in modo che quando escono di casa possono lasciarle il loro bambino, che per un lapsus freudiano viene definito “afflizione” anziché “benedizione”. Mi-So si offre di sdebitarsi con l’amica aiutandola nelle faccende di casa, ma attira su di sé l’occhiataccia della domestica, preoccupata di poter perdere il proprio lavoro. Non appena Mi-So disturba involontariamente il suo ambiente familiare (uscendo a fumare col marito), Jeong-mi le getta spietata tutto il suo sincero livore di donna conformata che non comprende il comportamento di chi preferisce spendere soldi per quei pochi piaceri che la vita ha da offrire, piuttosto che adoperarli per una sistemazione.

Mi-So se ne va rifiutando l’elemosina della poco empatica amica e oltre a non avere più una casa in cui alloggiare, perde anche una delle sue clienti, la prostituta Min-ji (Jo Soo-hyang), verso cui Mi-So prova compassione e un po’ si riconosce. “Che c’è di male nell’essere facili?” dice Mi-So ad una Min-ji in lacrime, incinta di un bambino di cui non conosce il padre, che c’è di male nel fare ciò che si vuole fare e nell’essere quel che si vuole essere?

Anche Han-sol (Ahn Jae-hong), il ragazzo di Mi-So, vorrebbe fare quel che gli piace. Vorrebbe diventare un disegnatore di webtoon, ma ai concorsi viene scartato. Vivendo in uno studentato per soli uomini non può permettersi nemmeno una stanza riscaldata per fare l’amore con la sua ragazza. Non può prendere in affitto un appartamento per loro perché deve ancora saldare i suoi prestiti studenteschi. E sono costretti a donare il sangue per andarsi a vedere un film al cinema. Pur di vivere come una persona normale, Han-sol è disposto a rinunciare ai suoi sogni di fumettista, ad offrirsi volontario per un lavoro di due anni all’estero che possa consentirgli di guadagnare abbastanza per poter comprare una casa al suo ritorno. E Mi-So gli dà del “traditore”, perché come i suoi amici, Han-sol scende a compromessi con le consuetudini di una società che richiede di conformarsi, che permette di vivere solo sottostando alle proprie condizioni.

Dopo uno struggente commiato con il proprio ragazzo, Mi-So si reca in un bar a bere del whisky, l’unica fonte di sollievo che le rimane, insieme alle sigarette. Anche il prezzo del whisky è aumentato a causa dell’aumento dell’affitto del bar, ma Mi-So non scende a compressi, non rinuncia alla sua felicità. Beve il suo whisky, fuma la sua marca preferita e costosa, e
Spoiler
.


Il film è valso nel 2018 il Premio come Miglior Regista Esordiente a Jeon Go-woon ai trentanovesimi Blue Dragon Awards e ai cinquantacinquesimi Daejong Film Awards, dove ha vinto anche il premio per la Migliore Sceneggiatura. Inoltre ha fatto guadagnare alla Esom di Scarlet Innocence il suo primo premio come Migliore Attrice Protagonista ai diciannovesimi Busan Film Critics Awards.












Sottotitoli


Immagine inserita


#2 LL ©

    Operatore luci

  • Membro
  • 480 Messaggi:
  • Location:Olduvai
  • Sesso:

Inviato 06 August 2020 - 09:02 AM

Mi sa che questo fa proprio per me :em25:

Grazie per la proposta!
SOTTOTITOLI TRADOTTI PER ASIAN WORLD
Tomato kecchappu kôtei / Shūji Terayama / 1970

SOTTOTITOLI TRADOTTI PER ALTRO CINEMA
Honor de cavallería / Albert Serra / 2006 ◦ Un chapeau de paille d'Italie / René Clair / 1927 ◦ Thaïs / Anton Giulio Bragaglia / 1916

"Le cinéma est une invention sans avenir" (Louis Lumière)

Decorato al petto di rarissima medaglia di Uomo Tette™ dal Reverendo lordevol in data 08/07/2013

#3 masakatzu79

    Operatore luci

  • Membro
  • 296 Messaggi:
  • Location:FOGGIA
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 August 2020 - 07:44 PM

Interessante, e dannatamente particolare. Aspettavo di vederlo da tempo, grazie di averlo tradotto!

#4 ladyglamrock

    Ciakkista

  • Membro
  • 66 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 21 August 2020 - 11:18 AM

grazie! :D

#5 ggrfortitudo

    Cameraman

  • Membro
  • 552 Messaggi:
  • Location:Ozieri (SS)
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 22 August 2020 - 09:37 PM

Grazie, creep, da tempo non mi godevo così un film.
Amo le trame in cui i protagonisti vagano, tra rimpatriate e desideri di vita migliore.
Credevo fosse un film leggero ma, da metà in poi, diventa assai inquietante e tragico: forse la metafora della vita.

P.S. La protagonista, Mi-So, assomiglia molto alla mia prof. di greco dell'università.

:South_Korea: :South_Korea: :South_Korea: :South_Korea:

#6 Woody

    Microfonista

  • Membro
  • 177 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 18 September 2020 - 10:12 AM

Dalla trama sembra semplice, ma interessante. Lo guarderò sicuramente, grazie per la proposta!

#7 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4738 Messaggi:
  • Location:Valhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 21 September 2020 - 05:34 PM

Questo è davvero un bel film. Guardatelo.

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes,
The Seen and Unseen, Killing

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains, Brothers, Permanent Green Light, Ryuichi Sakamoto: Coda, Travel Songs, Reminiscences of a Journey to Lithuania, Retouch, Barn, Fauve, Fragment of an Empire,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King, Jonas Mekas,





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi