Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Memory House


1 risposta a questa discussione

#1 Dries

    Microfonista

  • Membro
  • 237 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 April 2021 - 01:04 PM

Immagine inserita


Titolo originale: Casa de antiguidades
Anno: 2020
Regia:Joao Paulo Miranda
Paese: Brasile
Durata: 93 minuti
Cast: Antonio Pitanga, Ana Flavia Cavalcanti, Sam Louwyck

Trama
Cristovam, un nativo brasiliano, lavora per un caseificio di proprietà austriaca. Solo e discriminato dagli abitanti del luogo, scopre una casa abbandonata piena di oggetti che gli ricordano le sue origini...

Fonte recensione (anonimacinefili.it)
La memoria e il pericolo della perdita della cultura al centro di Memory House, opera prima di Joao Paulo Miranda Maria presentata in concorso al Torino Film Festival 38. Una pellicola da non sottovalutare, molto stratificata e di dura denuncia su quanto sta accadendo nel Brasile di oggi. Il film racconta la storia di Cristovam (Antonio Pitanga), un uomo di colore originario delle zone rurali del nord del Brasile, che si trasferisce in una città del sud, in un’ex colonia austriaca. Lì l’anziano lavora in una fabbrica di latte e si ritrova quotidianamente a contatto con persone xenofobe e conservatrici. Cristovam si sente estraneo rispetto alla comunità, ma qualcosa cambia quando scopre una casa abbandonata ricca di oggetti che lo riportano alle sue origini: l’uomo decide di trasferirsi lì, dove piano piano i ricordi sembrano prendere vita, spingendolo verso una drastica trasformazione.
Come dicevamo, Memory House è un film dai molteplici livelli di lettura, che affonda nella tradizione folkloristica del Brasile per portare in scena il caos socio-culturale che imperversa nel Paese presieduto da Jair Bolsonaro. Il regista Joao Paulo Miranda Maria si prende dei rischi e si schiera in prima linea per denunciare le disfunzionalità e, soprattutto, le azioni non democratiche che si stanno palesando nello Stato sudamericano. Il conservatorismo e le azioni fasciste - pensiamo al razzismo e all’intolleranza - che troviamo nel film sono il riflesso di quanto accade quotidianamente in Brasile, ma anche in altri Paesi.
Memory House è una metafora del Brasile odierno, dove un movimento separatista - se così possiamo definirlo - esiste di fatto. Il regista di Porto Feliz vuole mettere in risalto che la perdita di memoria e di cultura è un pericolo per la democrazia. Del resto è lo stesso protagonista, Cristovam, a rappresentare generazioni di brasiliani ed è lui il principale esempio di cultura brasiliana, attraverso i suoi gesti e le sue azioni.
Memory House ci parla dell’oggi, ma anche del domani: perché il futuro è legato al passato e non v’è una contrapposizione tra bene e male. Il film presenta un Brasile perso nel tempo, con un futuro conflittuale e quasi antiquato. Un Paese che si muove verso il passato, credendo che sia il futuro.
Joao Paulo Miranda Maria per la sua opera prima ha ripreso uno dei filoni di maggior successo della settima arte brasiliana, ovvero il Cinema Novo: Memory House ricorda il cinema di Glauber Rocha, andando ad esplorare tematiche sociali sempre più centrali come la segregazione, i mutamenti storico-sociali e i pericoli dell’assenza di democrazia, legati all’orrore delle guerre.
Non manca qualche problema in fase di sceneggiatura, con alcuni riempitivi che potevano essere lasciati da parte per approfondire magari alcuni personaggi secondari, mentre non può che meritare applausi l’interpretazione sfornata da Antonio Pitanga (protagonista di Keeper of Promises di Anselmo Duarte, unico film brasiliano a vincere la Palma d’Oro): lui incarna la storia, è la parte interiore del film, tanto da rappresentare più generazioni. Straordinario.


SOTTOTITOLI

Allega file  Memory.House.AsianWorld.zip   7.28K   28 Numero di downloads

Traduzione: Dries


Messaggio modificato da fabiojappo il 18 April 2021 - 04:49 PM


#2 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4824 Messaggi:
  • Location:Valhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 11 May 2021 - 06:58 PM

Grazie, fratello!

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes,
The Seen and Unseen, Killing, Dwelling in the Fuchun Mountains, The Woman Who Ran,


L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains, Brothers, Permanent Green Light, Ryuichi Sakamoto: Coda, Travel Songs, Reminiscences of a Journey to Lithuania, Retouch, Barn, Fauve, Fragment of an Empire, Ravens, The Trouble with Being Born, Without, Limbo (2020),

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King, Jonas Mekas,





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi