Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * * 1 Voti

[RECE][SUB] Fragment of an Empire


  • Non puoi rispondere a questa discussione
Nessuna risposta a questa discussione

#1 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4721 Messaggi:
  • Location:Valhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 June 2020 - 12:08 PM

Immagine inserita

Titolo originale: Oblomok imperii (Обломок империи)
Regia: Fridrikh Ermler
Paese: Ex URSS
Anno: 1929
Genere: Drammatico - Muto
Durata: 96'
Lingua: Russo
Interpreti: Fyodor Nikitin (Filimonov), Lyudmila Semyonova (moglie di Filimonov),
Yakov Gudkin (soldato ferito)




Immagine inserita Immagine inserita


Sinossi

Storia di un giovane uomo, Filimonov - arruolato nell'esercito dello Zar durante la Prima Guerra Mondiale - che è vittima di amnesia totale a causa dello shock derivante dalle granate.
Comincia quindi a riguadagnare la memoria solo qualche anno dopo e fa di tutto per capire cosa sia successo quando il suo paese è ormai stato completamente trasformato dalla Rivoluzione Russa dell'ottobre 1917.

Immagine inserita

Cenni storico-biografici sull'autore

Lo stesso regista, Ermler, venne arruolato nell'esercito nel 1916 all'età di diciotto anni per combattere la causa dello Zar nella Prima Guerra Mondiale. Nato come Vladimir Breslav in una famiglia ebrea in Lettonia, non ebbe un'istruzione formale.
Tuttavia, la sua capacità di parlare tedesco lo resero utile come spia per l'esercito zarista sotto il nome di Fridrikh Ermler. Dopo lo storico scontro bellico, Ermler si unì con entusiasmo ai bolscevichi e fu assegnato alla Cheka, la polizia segreta creata per combattere la controrivoluzione.
Per tutta la sua vita Ermler fu conosciuto come un membro del Partito Comunista, assai attivo e impegnato a livello politico, particolare che traspare chiaramente da quest'opera cinematografica.
Una volta sconfitta l'Armata Bianca, Ermler cercò di realizzare il sogno giovanile per diventare un attore, ma presto si accorse di non avere talento nella recitazione e puntò invece a diventare un regista.
Dopo un breve periodo trascorso presso l'Istituto di arti dello schermo di Leningrado con i suoi insegnanti e l'ideologia dei tempi passati, Ermler fondò una nuova scuola di cinema, la Cinema Experimental Workshop (KEM), con l'obiettivo di rivoluzionare l'intera professione.
Cavalcando slogan quali "Nessun sentimento!", “Abbasso Stanislavsky! e "Lunga vita a Meyerhold!" aprì la strada a quello che credeva essere un approccio "proletario" al cinema.
"Un cineasta dovrebbe essere come un ebanista", dichiarò lui stesso. Il cinema per lui era un mestiere, non un'arte.
Sarebbe stato troppo pretenzioso e successivamente realizzò film che sposavano il pensiero di un attivista politico.
Con il suo terzo film, Katka the Apple Seller (1926), la carriera di Ermler iniziò a decollare. Storia di una giovane contadina che lascia il suo villaggio natale per lavorare nella grande città di Leningrado è stata la prima collaborazione tra Ermler e l'attore Fyodor Nikitin, che interpreta il ruolo principale di Filimonov in Fragment of an Empire.
Fu grazie a The Parisian Cobbler (1927) che Ermler riuscì a trovare un veicolo efficace per far sì che i suoi film affrontassero i problemi della società sovietica contemporanea, film che non erano semplicemente vuote glorificazioni di tutto ciò che era sovietico, ma piuttosto pellicole che presentavano sia sovietici cattivi che eroi, film per affrontare problemi sovietici.
Questo genere divenne noto come il "film bytovoi", e The Parisian Cobbler fu il primo. Il periodo cinematografico bytovoi, o "Slice-of-life" (spaccati di vita), durò fino al 1934, quando poi a causa delle grandi purghe staliniste diventò pericoloso identificare mostrare dei "cattivi" o "problemi" sovietici.
Tali categorie potevano cambiare di giorno in giorno e un singolo passo falso avrebbe potuto essere interpretato come un'azione da nemico dello Stato, seguita poi dall'esilio o persino dalla morte.
Il neofita Ermler imparò rapidamente il suo mestiere. Il lavoro di un giovane regista non sottoposto sorveglianza divenne presto profondo, sfumato e stratificato.
"Da un punto di vista psicologico", scrisse il documentarista e storico cinematografico britannico Paul Rotha nel 1930 a proposito di Fragment of an Empiree, "la regia di Ermler fu sorprendente. Il processo per cui il subconscio della mente dell'uomo (Filimonov), in particolare il ritorno della sua memoria attraverso un'associazione di idee latenti, è stato rappresentato con una potenza straordinario. Dalla morte al vuoto, dal vuoto alla perplessità, dalla perplessità alla comprensione, i mutevoli stati mentali sono stati sottilmente rivelati."
Il partner di Ermler in Fragment, ovviamente, era l'attore che interpretava Filimonov, Fyodor Nikitin. La collaborazione tra loro due sarebbe dovuta essere impossibile; erano come olio e acqua.
Nikitin proveniva da un afamiglia aristocratica, aveva un'istruzione eccellente ed era un ammiratore confermato del metodo Stanislavsky. Per prepararsi al ruolo di Filimonov, Nikitin si è travestìda assistente medico nella clinica psichiatrica di Forel, dove ha studiò i pazienti con amnesia. Ermler credeva nell'approccio più esterno alla performance di Vsevolod Meyerhold e si divertì a trascinare il suo attore protagonista sul set. Eppure, qualunque fosse lo strumento utilizzato, Ermler vide che Nikitin stava diventando un grande interprete. Complessivamente realizzarono quattro film insieme.
Alla fine delle riprese di Fragment, tuttavia, i due non poterono più tollerarsi a vicenda e non lavorarono mai più sullo stesso set.
Tuttavia, nelle sue memorie pubblicate nel 1970, pochi anni dopo la morte del regista, Nikitin parlò con ammirazione dell'uomo che lo aveva infastidito così tanto. "Sono felice di essere stato per tre anni il compagno d'armi di Fridrikh Ermler", ricordò lui stesso.
"Il figlio semianalfabeta del farmacista di Rezekne accanto a un soldato della rivoluzione, produttore delle più talentuose cronache cinematografiche del partito, un regista di fama mondiale. Sicuramente questa fiaba biografica si avverte il potente vento di ottobre." [fonte: silentfilm.org]

Immagine inserita


Traduzione: JulesJT


SOTTOTITOLI
(Versione: Blu-ray)
Allega file  Oblomok.Imperii.AsianWorld.zip   4.44K   4 Numero di downloads



Messaggio modificato da JulesJT il 15 June 2020 - 12:51 PM

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes,
The Seen and Unseen, Killing

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains, Brothers, Permanent Green Light, Ryuichi Sakamoto: Coda, Travel Songs, Reminiscences of a Journey to Lithuania, Retouch, Barn, Fauve, Fragment of an Empire,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King, Jonas Mekas,





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi