Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Manhã de Santo António


  • Non puoi rispondere a questa discussione
Nessuna risposta a questa discussione

#1 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4211 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 27 November 2017 - 07:44 PM

Immagine inserita


Titolo internazionale: Morning of Saint Anthony's Day
Regia: João Pedro Rodrigues
Paese: Portogallo
Anno: 2012
Genere: Cortometraggio - Sperimentale
Durata: 25'
Lingua: Portoghese
Interpreti: Lydie Barbara, Joana Areal, Filipe Abreu


Immagine inserita Immagine inserita

Tra i corti, forse il miglior Rodrigues.
Il regista portoghese rende omaggio, del tutto casualmente, alla propria città natale e alle celebrazioni della Giornata di Sant'Antonio (festa nazionale del patrono di Lisbona dove, per tradizione, gli innamorati sono soliti scambiarsi vasi di basilico con garofani di carta ed estratti di poesie), tratteggiando un'atipica parabola di romeriana memoria nella quale assistiamo a un insolito risveglio.
Un'avanzata di silenziosi corpi dall'andamento caduco per le strade ancora deserte di una Lisbona che ha appena spento le luci della notte. Un nuovo giorno è alle porte, e tra evasioni sui binari di una ferrovia, o segni di cedimento sulle rampe di una metropolitana, nella globale indolenza c'è ancora chi, smartphone e un vaso di poesie in mano, cerca di contrastare il tempo che fugge e stabilire un contatto, ma inutilmente. Finendo così per lasciarsi sommergere con le proprie aspettative dalle acque di un lago fino all'anno venturo, o scagliare la rabbia di un'occasione persa davanti all'effigie marmorea del patrono, spargendo a terra i frammenti dei versi del poeta che lo ha ispirato (Fernando Pessoa).


Immagine inserita


"L'idea per questo film è nata da una foto che ho scattato con il mio telefono cellulare mentre ero sulla strada di casa per Lisbona, alla prima fermata della metropolitana, nelle prime ore seguenti la vigilia delle celebrazioni di Sant'Antonio, il 13 giugno. Quella sera avevo preso l'ultima metro verso il centro città. Il treno era colmo di ragazzi e ragazze, varie tribù urbane in uno stato di piena euforia. Alcuni cantavano al suono dei bonghi, altri ballavano, altri ancora bevevano strani intrugli da bottiglie di plastica che venivano passate in giro. Quell'ultima corsa in metro ha segnato l'inizio di una festa che si è protratta per tutta la notte. Nelle prime ore del mattino, ho preso il primo treno per tornare a casa, alle 06:30. Il contrasto non poteva essere più netto. Anche se il convoglio era allo stesso modo colmo di gente come la sera prima, ora, in quel momento regnava un silenzio assoluto. Il treno non stava trasportando persone, ma corpi esausti e catatonici, mezzi addormentati e pronti a risvegliarsi come per istinto meccanico nell'istante in cui raggiungevano la loro destinazione. Sempre con lo stesso ritmo e avvolti nello stesso silenzio, senza alcun saluto, come se ognuno di loro fosse stato lì, da solo. Lasciando il convoglio non ho potuto resistere e, guardando attraverso il finestrino, ho visto un'immagine (quella che poi ho catturato con il mio cellulare) simile a molte altre che avevo già visto quella mattina, ma che mi sembrava riassumesse, in qualche modo, quella strana situazione d'apatia. All'interno, tre ragazzi dormivano, due sedevano uno di fronte all'altro e il terzo era disteso a faccia in giù sul pavimento, in parte occupando il corridoio longitudinale. Ho fatto il tragitto verso l'uscita a piedi, stando dietro a un gruppo di giovani. Quando ho raggiunto la strada, ho osservato le altre uscite. Da ognuna di esse, più giovani stavano uscendo, e tutti si muovevano allo stesso modo, silenziosamente, attraverso le vie di una città che stava ancora dormendo. Una volta in strada, ognuno tornava alle loro abitazioni con lo stesso andamento meccanico, un ritmo alcolizzato che nella mia testa mi è sembrato eminentemente coreografico. Ho inevitabilmente pensato alle coreografie geometriche e malinconiche di Buster Keaton o di Jacques Tati, ma anche alle performances danzanti di Pina Bausch. Ho pensato alla festa di Sant'Antonio come un'enorme coreografia, e così n'è uscito una sorta d'inconsapevole omaggio ad una delle celebrazioni più popolari di Lisbona." João Pedro Rodrigues
[Fonte: Frank ViSo per visionesospesa.blogspot.it]


Immagine inserita


Recensione: Frank ViSo
Traduzione: JulesJT



SOTTOTITOLI
(Versione: DVD)
Allega file  Manha.De.Santo.Antonio.AsianWorld.zip   669bytes   11 Numero di downloads



Messaggio modificato da JulesJT il 27 November 2017 - 10:13 PM

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster,

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi