Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] In Love and the War


4 risposte a questa discussione

#1 Usagi_chan

    Ciakkista

  • Membro
  • 93 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 18 January 2012 - 06:43 AM

Immagine inserita


IN LOVE AND WAR


Titolo Originale: Jeokkwaui Dongchim

conosciuto anche come Sleeping with the enemy

Genere: Drammatico-Azione

Paese: Corea del Sud

Anno: 2011

Durata: 135 minuti

Regia: Park Keon Hong


Starring:

Kim Ju Hyuk, Jung Ryeo Won


http://souldrama.forumfree.it/



Trama

1950 Corea del Sud… Prima di stilare un sunto della trama di questo film, mi sento in dovere di fornire dei cenni storici. Alla fine della seconda guerra mondiale, la Corea fu occupata dai sovietici al Nord e dagli americani al Sud, quindi si ritrovò divisa in due al 38° parallelo. Nel 1948 si formarono rispettivamente un governo filosovietico presieduto da Kim Il Sung al Nord, e un governo nazionalista filoamericano al Sud presieduto da Rhee Syng Man. Infine il 1950 ha rappresentato per la Corea del Sud il periodo d’invasione dell’esercito nordcoreano. In questo contesto ha inizio la nostra storia. Kim Jung Woong è un ufficiale nordcoreano che arriva col suo plotone nel villaggio di Seokjeongri. è un uomo che crede fermamente di poter cambiare il mondo per renderlo un posto migliore, e per farlo pensa che ci sia bisogno di liberare il Paese dall’oppressione filoamericana. Non ha fatto i conti però col proprio passato. Quando era solo un ragazzo conobbe e s’innamorò di una ragazza di nome Park Sul Hee. Tuttavia gli eventi tragici di cui furono protagonisti, loro malgrado, non permisero di approfondire il rapporto. Ormai uomo e soprattutto soldato fedele al regime comunista di Kim Il Sung, Jung Woong occupa il villaggio sopraccitato in nome degli ideali che persegue. Sul Hee, ormai diventata adulta, è in procinto di sposare Nam Taek Su, capo del Partito Giovanile Anti Comunista. Prossimi alle nozze, destino vuole che Taek Su sia chiamato alle armi dai suoi amici rivoltosi, perché giunge la notizia dell’occupazione di Seul da parte dell’esercito nordcoreano. Sul Hee dopo aver appreso della sua partenza, capisce che il sogno di convolare a nozze è ormai infranto. Nel frattempo il villaggio assiste con sgomento all’arrivo dei nordcoreani. La loro tranquillità viene quindi turbata bruscamente e a farne le spese per primi, sono i giovani del posto che vengono reclutati per combattere in difesa del regime. In questo contesto il film ci mostra vari aspetti dei personaggi… Il capo villaggio che pur di difendere sua nipote Sul Hee e gli abitanti, finge di sposare gli ideali comunisti e accoglie il tenente Kim Jung Woong offrendogli persino di soggiornare in casa sua; la testarda Sul Hee che col suo modo di ragionare riesce a far di nuovo breccia nel cuore del Tenente; Su Won, madre di Sul Hee, che si concede a Jae Hoon, un popolano, per solitudine. Ed infine quest’ultimo che impazzisce quando suo figlio Suk Ho viene ucciso dopo un attacco aereo sferrato sul villaggio… Ogni dittatura ha schemi ben precisi, ogni regime richiede sacrifici umani. Quando Kim Jung Woong ordina di scavare delle fosse per garantire una difesa al villaggio contro i bombardamenti aerei, non si rende conto che il piano supremo è quello di eliminare tutti gli abitanti del posto ritenuti delle spie al servizio del nemico…




SOTTOTITOLI

Allega file  In.Love.And.War.ITA.Asian.World.it..rar   34.53K   41 Numero di downloads




Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da Kiny0 il 09 March 2013 - 12:48 PM


#2 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 18 January 2012 - 01:36 PM

Grazie dei subs, sembra carino.

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#3 YdlRn

    Operatore luci

  • Membro
  • 470 Messaggi:
  • Location:米兰
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 18 January 2012 - 01:53 PM

Da vedere sicuramente. Grazie dei subs.

Immagine inserita


#4 Usagi_chan

    Ciakkista

  • Membro
  • 93 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 18 January 2012 - 03:39 PM

È un film a tratti drammatico e a tratti divertente...spero vi piaccia!

#5 YdlRn

    Operatore luci

  • Membro
  • 470 Messaggi:
  • Location:米兰
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 23 January 2012 - 11:44 PM

Visualizza MessaggioUsagi_chan, il 18 January 2012 - 03:39 PM, ha scritto:

È un film a tratti drammatico e a tratti divertente...spero vi piaccia!
Esatto. Certe scene fanno parecchio ridere. Mi è rimasta in mente la scena in cui, per ritardare gli scavi, 3 sudcoreani tirano la terra nel buco del loro vicino sinistro creando il classico caso di cane che si morde la coda.
L'unica cosa che mi ha lasciato con l'amaro in bocca è stata la facilità con cui Jung-Woong ha convinto Ha-Jun: per come si è svolto il film e per quello che ha vissuto il suo personaggio l'ho trovata una scena troppo sbrigativa. È, tuttavia, l'unico neo che sono riuscito a trovare in un film che, nonostante le due ore e passa non annoia mai ed anzi diverte spesso riuscendo a mettere anche scene tristi, senza pesare troppo né in un senso, né nell'altro.

Immagine inserita






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi