Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Ardor

Traduzione di Creep

6 risposte a questa discussione

#1 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5671 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 04 September 2008 - 10:33 PM














La scoperta dell'infedeltà del marito getta una giovane donna in una profonda crisi depressiva. Per ritrovare la serenità perduta, il marito decide di trasferirsi con la moglie e la figlia in campagna. Qui, la donna incontra un medico e inizia con lui una complicata relazione...

Tratto da www.cinemacoreano.it








Da www.cinemacoreano.it

Ardor di Byun Young-joo
di Davide Cazzaro

Ardor è la storia di un adulterio; e forse è questo che stupisce maggiormente, la capacità di un certo cinema di continuare a coinvolgere e appassionare con intrecci usati e abusati da tempi immemori. L'approccio a simili soggetti è reso problematico dal costante rischio di cadere nel già visto, nella maniera o nella banalità e riuscire ad aggiungere qualcosa di nuovo e di realmente intenso ad un genere saturo come pochi altri è un'operazione che va davvero esaltata. Autrice di questa rara perla è Byun Young-joo, classe 1966, documentarista di fama internazionale da sempre acuta osservatrice e investigatrice della donna e della sua condizione. Per il debutto nella fiction Byun trasporta sul piano dell'affabulazione tutta la sua sensibilità e il suo modo di vedere la donna adattando per lo schermo il best seller coreano The one exceptional day in my life di Jeon Kyung-lin; ciò che stupisce maggiormente è la capacità di descrivere in pienezza l'ardore e il sentimento che infiamma questa relazione extraconiugale. La regista dimostra un'invidiabile padronanza di tutti gli elementi stilistici e narrativi riuscendo da una parte a costruire un'atmosfera bucolica e mistica in cui far nascere, consumare e abortire tragicamente questo intrepido adulterio e dall'altra a far trasparire con forza la sua opinione a proposito: "Mi-heun [la protagonista] perde la sua femminilità a causa dell'infedeltà del marito. La cosa più importante per lei è diventare nuovamente una donna, e questo accade quando si innamora di In-kyu [il dottore]. Il loro amore è intenso e doloroso, condannato da tutti ma io credo che sia il tipo di amore eccezionale che li fa maturare maggiormente. L'amore non può essere giudicato. L'amore illecito è semplicemente un'altra forma di amore intenso ed appassionato che non può essere negato." Interesse primario della regista era quello di rappresentare come si deve sentire una donna in una simile condizione, alla disperata ricerca di qualcuno che possa (ri)dare un senso a quella vita che credeva felice accanto a suo marito.
La tematica femminile in Ardor assume particolare pregnanza dato che è interpretata da una regista donna; in una società che è stata - e in buona parte ancora è - caratterizzata da un maschilismo rampante (mondo del cinema compreso), sarebbe motivo di grande interesse critico, nonché sociologico, poter raffrontare la figura della donna adultera in Ardor con personaggi analoghi in opere del trentennio 1960-80 frutto di un apparato produttivo e realizzativo rigorosamente maschile. Invitato al prossimo Festival di Berlino, Ardor ha tutte le potenzialità per rappresentare e magari promuovere ulteriormente un certo "attivismo cinematografico" femminile che da qualche anno sta prendendo piede in Corea (e in questo paese tradizionalmente sessista ciò assume una rilevanza del tutto particolare); oltre ai due recenti exploit femminili quali Take Care of My Cat di Jeong Jae-eun e The Way Home di Lee Jeong-hyang, prova tangibile di questa realtà emergente è il Women's Film Festival in Seoul (WFFIS), giunto nel 2002 alla quarta edizione e che di anno in anno si segnala come importante manifestazione per fare il punto sulla produzione asiatica femminile e, come recita il sottotitolo del festival, per "vedere il mondo attraverso gli occhi delle donne."










Regia
Byun Young-Joo

Sceneggiatura
Byun Young-Joo; Kim Jae-yeon

Fotografia
Shin Hyuk-joon

Scenografia
Lee Geun-ah

Montaggio
Park Gok-ji

Musica
Cho Young-wook

Interpreti
Kim Yunjin (Mi-heun), Lee Jong-won (In-gyu), Ha Seung-Ri (Su-jin),
Kim Min-kyeong (Young-woo), Kye Seong-Yong (Hyo-kyung),
Son Byung-ho (Marito della proprietaria dell'area di servizio)

Produttore
Kim Me-hee

Produzione
Fun & Happiness

Distribuzione
Cinema Service


Corea del Sud, 2002, 112'









Trailer













Sottotitoli







Ordina il DVD su

Immagine inserita











Immagine inserita


#2 princerick

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2093 Messaggi:
  • Location:Seul
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 September 2008 - 12:45 AM

grazie creep

#3 Nataku

    L'Estinto

  • Membro
  • 6710 Messaggi:
  • Location:in una stringa
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 September 2008 - 05:36 AM

bene :)
Il mio blog
Il brāhmana Dona vide il Buddha seduto sotto un albero e fu tanto colpito dall'aura consapevole e serena che emanava, nonché dallo splendore del suo aspetto, che gli chiese:
– Sei per caso un dio?
– No, brāhmana, non sono un dio.
– Allora sei un angelo?
– No davvero, brāhmana.
– Allora sei uno spirito?
– No, non sono uno spirito.
– Allora sei un essere umano?
– No, brahmana, io non sono un essere umano [...]
– [...] E allora, che cosa sei? [...]
– [...] Io sono sveglio. »[/size]

Cos'è dunque questo nulla? Come si può descriverlo se è indicibile? Il buddhismo ricorre alla metafora dell'onda. Un'onda non cade dall'acqua dall'esterno, ma proviene dall'acqua senza separarsene. Scompare e torna all'acqua da cui ha tratto origine e non lascia nell'acqua la minima traccia di sé. Come onda si solleva dall'acqua e torna all'acqua. Come acqua esso è il movimento dell'acqua. Come onda l'acqua sorge e tramonta, e come acqua non sorge e non tramonta. Così l'acqua forma mille e diecimila onde e tuttavia resta in sé costante e immutata.

Così rispose ad un tale che sosteneva che non esistesse il movimento: si alzò e si mise a camminare" (Diogene)
Antico proverbio cinese:
"quando torni a casa picchia tua moglie, lei sa perchè".

#4 vision

    Operatore luci

  • Membro
  • 279 Messaggi:
  • Location:treviso
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 September 2008 - 05:48 PM

deve essere mio. grazie!
se qui adesso/ ripenso al percorso/ della mia passione/ somigliavo ad un cieco / senza paura del buio (Akiko Yosano)

I miei lavori:

http://ledivanjaponais.deviantart.com/

http://ledivanjaponais.tumblr.com

Hikinige di Mikio Naruse [completato]
Candy Rain [50%]

[ho messo in una scatola tutti i miei ricordi.]

#5 TomFrost2

    Cameraman

  • Membro
  • 510 Messaggi:
  • Location:Reggio Emilia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 September 2008 - 01:15 PM

Deve essere interessante. Ringrazio e prendo.

#6 sonoro

    Nippofilo

  • Membro storico
  • 5292 Messaggi:
  • Location:Tokyo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 September 2008 - 06:02 PM

la sun di Lost... ma nudeggia? ^_^
NICKMATTEL E' UN NANO SFIGATTO

#7 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5671 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 06 September 2008 - 06:05 PM

 sonoro, il Sep 6 2008, 07:02 PM, ha scritto:

la sun di Lost... ma nudeggia? ^_^

Si, proprio lei. Diciamo che fa vedere il meglio di sé in tutti i sensi :) .

Immagine inserita






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi