Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] L'intendente Sansho

Traduzione di Mizushima76

11 risposte a questa discussione

#1 Gacchan

    Fondatore

  • Membro storico
  • 2416 Messaggi:
  • Location:La Città degli Angeli
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 11 March 2005 - 12:12 PM

L'intendente Sansho
(Sanshô Dayû)


Immagine inserita


Traduzione di Mizushima76
Revisione di Polpa
imbt
Legend.of.Bailiff.Sansho.1954


Trama
Nel Giappone dell'XI secolo, il governatore della provincia di Tango è costretto a dimettersi a causa delle sue idee umanitarie. Rifiutandosi di aumentare le tasse ai contadini per finanziare la guerra e arricchire ulteriormente la nobiltà feudale, viene condannato all'esilio nella lontana Tsukushi. La moglie (Tamaki) e i due figli piccoli (Zushio e Anju) vengono affidati al fratello di lei.
Prima del soffertissimo distacco, il governatore affida una piccola statuetta, raffigurante la Dea della pietà, a suo figlio maggiore, cercando di trasmettergli, insieme ad essa, i suoi insegnamenti e i suoi valori morali.

Dopo sei anni, Tamaki viene allontanata dalla casa del fratello. Abbandonati da tutti, la donna, la nutrice e i due bambini decidono di affrontare un lungo e pericoloso viaggio per poter reincontrare il padre, di cui non hanno più notizie...


Commento
un po' spoileroso

...Tratto da una leggenda medievale rielaborata dal romanziere Mori Ogai (sceneggiata da Yoda Yoshikata e Fuji Yahiro) è uno dei capolavori dell'ultimo Mizoguchi. Insolitamente più maschile che femminile rispetto ai film precedenti, segue un percorso duplice: da una parte si presenta come un "film di formazione" in cui il giovane protagonista apprende la necessità di una propria rivolta morale, dall'altra è un'intensa meditazione sull'oppressione sociale e politica esercitata dalla Storia e dal Potere. Energico e brusco nella prima parte (che contiene dei flashback, rarissimi per l'autore), più disteso ed elegiaco nella seconda, culmina in una scena finale - il ritrovamento della madre sulla spiaggia - che è uno dei momenti più emozionanti di tutto il cinema di Mizoguchi.

Dal dizionario Mereghetti



Con "L'intendente Sansho", Mizoguchi ottiene il terzo Leone d'argento consecutivo alla Mostra del cinema di Venezia dopo Vita di Oharu, donna galante, 1952 e I racconti della luna pallida d'agosto, 1953, affermandosi come uno dei maggiori registi sulla scena internazionale.
Di rara perfezione formale, il film possiede anche una sceneggiatura impeccabile, sia nel soggetto che nei dialoghi, davvero memorabili. Inutile aggiungere che la fotografia (noti i riferimenti ad Utamaro nella filmografia del regista) raggiunge cime di ineguagliata bellezza così come la recitazione della sempre eccellente Tanaka Kinuyo.
Oltre alla riflessione morale, sociale e politica, questa volta Mizoguchi azzarda anche dei pensieri filosofici sul rapporto fra storia umana e natura, fra inutili violenze e sopraffazioni della prima e la potenza soverchiante della seconda: spesso è proprio l'insistenza sul paesaggio, lirico e poetico in contrapposizione alla brutalità umana, ad essere particolarmente eloquente.
Se è vero che "L'intendente Sansho" è il più "maschile" fra quelli del regista, il più femminista e femminile dei registi giapponesi conferma ancora una volta la sua nomea: sono le figure femminili della madre e della sorella, infatti, a infondere a Zushio la forza e la convinzione necessarie per perseguire con determinazione, a discapito del successo materiale e sociale, gli ideali di umanità comunicategli dal padre; così come sono le donne, tranne alcune significative eccezioni, a incarnare i valori positivi condivisi dal regista.
"L'intendente Sansho" è un film profondamente pessimista, in cui gli uomini sono hobbesianamente paragonati a lupi, assetati di sangue e di potere. Mizoguchi si rifiuta di idealizzare il passato di fronte all'avanzare della modernità (come spesso accadeva nei contemporanei jidaigeki); il regista denuncia invece con forza l'universalità della malvagità umana nel tempo e nello spazio.
Non a caso chiamamo "classici" quelle opere d'arte che riescono sempre a rimanere terribilmente attuali.

Per chi desideri approfondire l'analisi di questo capolavoro del cinema mondiale consiglio questa bella recensione in inglese: Bailiff Sansho


Info sul film
Regia: Mizoguchi Kenji
Nazione: Giappone
Anno: 1954
Durata: 120m
Sceneggiatura: (dal racconto di Mori Ogai: "Sanshô Dayû") Yahiro Fuji, Yoda Yoshikata
Prodotto da: Nagata Masaichi (Daiei)
Musiche originali: Hayasaka Fumio, Mochizuki Tamekichi, Odera Kanahici
Fotografia: Miyakawa Kazuo
Montaggio: Miyata Mizuso
Scenografia: Ito Kisaku, Nakajima Shozaburo

Interpreti: Tanaka Kinuyo (Tamaki), Hanayagi Yoshiaki (Zushio), Kagawa Kyôko (Anju), Shindô Eitarô (Sansho)

Premi: Leone d'argento, Venezia, 1954


Un grazie di cuore a Polpa :flow: che, con la consueta gentilezza e competenza, ha dato un contributo più che determinante alla qualità complessiva della traduzione.



Buona Visione







Sottotitoli




Ordina il DVD su

Immagine inserita







Messaggio modificato da Kiny0 il 21 April 2012 - 12:02 AM


.::1 liter of Tears ;___; AW Fan Club::.

#2 polpa

    It’s Suntory Time!

  • Membro storico
  • 9214 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

Inviato 20 August 2005 - 11:37 AM

Semplicemente uno dei più bei film che abbia mai visto. Già votato, col massimo dei voti :)

#3 YamaArashi

    AW Samurai !

  • Webmaster
  • 3838 Messaggi:
  • Location:Frontiera Nord Ovest
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 21 August 2005 - 11:15 AM

Mizoguchi ci rivela la sua classe, tutta la sua eleganza e la sua emozionante "morigeratezza esplosiva". Questo film ha una delicatezza e allo stesso tempo un intensità incredibili.
La canzone della madre che giunge ai figli portata dal vento è un espressione di poesia di quelle che non vedremo mai più in un film.

#4 _Benares_

    Soft Black Star

  • Membro storico
  • 4763 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 21 August 2005 - 11:18 AM

un film semplicemente immenso. punto.

#5 mieru79

    PortaCaffé

  • Membro
  • 1 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 23 June 2006 - 06:53 PM

....immagini della recensione sparite :em41:

#6 mizushima76

    Direttore della fotografia

  • Membro storico
  • 1962 Messaggi:
  • Location:Firenze
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 23 June 2006 - 07:52 PM

Posso farci poco Mieru! :( Non ho la più pallida idea di dove l'ho messe :P . Mi dispiace.

Magari quando ho tempo ne metto delle altre ;) . Grazie per la segnalazione :mukka: !

----> VicePresidente del Comitato per il Ritorno alla Gloria del Forum di Asianworld <----
----> Co-fondatore del Comitato contro Cecilia Cheung e Kelly Chen <----
----> Vicepresidente orgoglioso e alla pari del "Ken Matsudaira and family fan club" <----
DANDY GAY LOVER
Suntorizzato il 23/03/2007


#7 sonoro

    Nippofilo

  • Membro storico
  • 5292 Messaggi:
  • Location:Tokyo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 September 2006 - 03:57 PM

aspettavo il momento giusto per poter prendere sto film e ora che posso pero' la mia edicola dice che e' finito. Non e' che qualcuno cortesemente puo scrivermi un mp per dirmi come arrivarci? grazie mille
NICKMATTEL E' UN NANO SFIGATTO

#8 mizushima76

    Direttore della fotografia

  • Membro storico
  • 1962 Messaggi:
  • Location:Firenze
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 September 2006 - 11:12 PM

sonoro, il Sep 15 2006, 03:57 PM, ha scritto:

aspettavo il momento giusto per poter prendere sto film e ora che posso pero' la mia edicola dice che e' finito. Non e' che qualcuno cortesemente puo scrivermi un mp per dirmi come arrivarci? grazie mille

Visualizza Messaggio


Sonoro-san, hai un mp :em16:

----> VicePresidente del Comitato per il Ritorno alla Gloria del Forum di Asianworld <----
----> Co-fondatore del Comitato contro Cecilia Cheung e Kelly Chen <----
----> Vicepresidente orgoglioso e alla pari del "Ken Matsudaira and family fan club" <----
DANDY GAY LOVER
Suntorizzato il 23/03/2007


#9 feder84

    Direttore del montaggio

  • Membro+
  • 2610 Messaggi:
  • Location:Brescia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 January 2008 - 10:35 PM

Splendido affresco di Mizoguchi sull'umanità nel suo duplice aspetto di crudeltà (Sansho che costringe gli uomini in schiavitù e li tortura se disobbediscono) e di bontà infinita (la sorella che si sacrifica perché il fratello possa riabbracciare la mamma), il tutto coronato dal monito del padre ai due figlioletti "Senza pietà un uomo non è un essere umano". Girato con uno stile impeccabile, che rimanda alla pittura cinese e giapponese, con lunghi piano sequenza ed un montaggio che rinuncia all'azione. Splendido.
In una notte della tarda primavera del quinto anno dell'era Meiwa, finisco di scrivere quest'opera, accanto alla mia finestra, mentre, cessata la pioggia, è apparsa la luna appena velata; perciò, nell'affidarla al tipografo, la intitolo Racconti di pioggia e di luna.


Firmato: Seishi kijin
Sigillo: Shikyo kojin
Yugi Sanmai





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi