Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * * 1 Voti

[RECE][SUB] Les Maîtres Fous

Traduzione di noir

11 risposte a questa discussione

#1 noir

    Cameraman

  • Membro
  • 669 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 November 2007 - 07:22 PM

Les Maîtres Fous

Immagine inserita



1956 (250.97)


SOTTOTITOLI
Allega file  Les_Maitres_fous.ita.by.noir.rar   10.25K   236 Numero di downloads



Regia: Jean Rouch
Genere: Documentario etnografico
Francia, 1955



Jean Rouch è una figura di primo piano per quel che riguarda l'utilizzo dei mezzi audiovisivi nella ricerca antropologica. Dal secondo dopoguerra fino al 2004, anno della sua morte, il suo è stato un impegno continuo, sia dal punto di vista produttivo, realizzando più di 120 filmati, sia in merito alla riflessione sul linguaggio cinematografico e il rapporto tra osservatori e osservati.


Jean Rouch realizza Les Maîtres Fous tra il '54 e il '55 in Ghana (che all'epoca si chiamava Costa D'Oro) documentando un rito di possessione della setta songhai degli Hauka. Questo culto, nato in Niger nel 1925, ha la particolarità di contenere nel proprio pantheon gli spiriti dei rappresentanti del potere coloniale occidentale che nei momenti di ritualità entrano nel corpo dei fedeli facendoli cadere in uno stato di transe che porta ad atteggiamenti violenti e nettamente distinti dal normale comportamento sociale, in una sorta di grottesca rappresentazione delle dinamiche di potere tipiche dell'Occidente conquistatore. Per le sue caratteristiche il culto degli Hauka ha trovato repressione da parte dell'amministrazione coloniale, che vedeva in esso il manifestarsi del disagio e dell'opposizione al regime. La ritualità Hauka è presente anche nei luoghi dove si sono stabilizzati i migranti songhai, ed è in uno di questi, Accra, che Rouch realizza il suo documentario.

Dalla visione di Les Maîtres Fous emerge fortemente l'approccio di Rouch al cinema etnografico.. La sua è la scelta di rendere evidenti tutte le particolarità della tecnica di registrazione audiovisiva, rifiutando qualsiasi tentativo di visione distaccata che punti ad una scientificità dell'immagine. Un riprendere per molti versi emozionale, spesso intuitivo. La telecamera Bell and Howell usata da Rouch d'altronde doveva essere ricaricata ogni 20 secondi e quindi l'arte del regista consiste anche nella sua capacità di cogliere l'attimo. Gira sempre con la macchina a mano, riuscendo così ad effettuare rapidi movimenti, progressivi avvicinamenti, dando l'idea dell'umanità dell'occhio che filma, la telecamera non è altro che un'appendice di Rouch, un suo prolungamento ad è quindi uno strumento in mano alla sua soggettività. La troupe è ridotta all'osso, una costante nella produzione del cineasta francese che si avvale di un numero sparuto di collaboratori, quasi sempre appartenenti al mondo culturale che si prefigge di cogliere con la sua arte. E' sempre lui in prima persona che si immerge nella cultura filmata. In Les Maîtres Fous i progressi della tecnica non permettevano ancora la registrazione dell'audio in presa diretta e quindi la sonorizzazione fu fatta successivamente alle riprese, aggiungendo pure un commento del regista, altra costante della sua produzione, che contribuisce a spiegare la sua visione che è tutt'altro che oggettiva e universale. Una visione che è frutto del dialogo, e che quindi non è mai un dato certo, ma uno dei tanti discorsi che si possono fare su un tema. Le alterne reazioni che nel tempo hanno accompagnato le proiezioni del suo documentario sugli Hauka non fanno altro che evidenziare la natura soggettiva e pure ambigua della visione. Quando Les Maîtres Fous fu mostrato per la prima volta a Parigi al Musée de l'Homme da Marcel Griaule, ad un pubblico composto anche da alcuni studenti africani, l'indignazione fu generale, fu ritenuto lesivo della dignità degli africani. Le forti immagini del rito, pur se accompagnate dalle parole di Rouch, che non le presentava come disumane bizzarrie provenienti da una cultura "primitiva" da mercificare per appagare un pubblico di curiosi, ma che anzi le contestualizzava e le ricollegava pure a pratiche tipicamente occidentali nella sostanza non molto diverse, vennero quindi ritenute offensive. Successivamente la stessa pellicola fu letta con altri occhi, fu interpretata come un'impattante documentazione della rappresentazione della violenza coloniale riprendendo quello che è esplicito fin dal titolo. I maestri folli sono sì gli Hauka che penetrano nel corpo degli appartenenti alla setta ma sono pure i rappresentanti del potere occidentale sulle cui caratteristiche gli spiriti sono modellati.

Con la possibilità della registrazione dell'audio sincronizzato alle riprese Rouch potenzierà la sua idea di "cinema diretto", rendendolo ancora di più un prodotto dell'interazione, del dialogo con i soggetti filmati, inseguendo un rapporto sempre più immediato tra cinema e realtà, pur con la costante consapevolezza che non esiste una verità filmica universale. Il suo stile sarà un'influenza non solo per l'ambito della documentazione etnografia ma pure per quello del cinema più in generale. La Nouvelle Vague francese porrà infatti come suo pensiero fondante la cosiddetta politique des auteurs, la responsabilità del discorso filmico e dei significati che veicola poggiante tutta sulle spalle del regista, tratto che emerge chiaramente nella produzione di Rouch.

Messaggio modificato da JulesJT il 21 December 2014 - 01:41 PM
Riordino RECE


#2 noir

    Cameraman

  • Membro
  • 669 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 November 2007 - 07:35 PM

E' uno dei documentari più potenti che abbia mai visto. Ci ho messo una vita per tradurne i sottotitoli perchè all'inizio avevo solo dei pessimi sottotitoli in spagnolo e la mia conoscenza del francese non è buonissima. Ultimamente ho trovato dei buoni sottotitoli in inglese e ho terminato la traduzione per poi scoprire che da poco è passato pure su Fuori Orario sottotitolato in italiano... :death:
Vedetelo perchè ne vale proprio la pena.

Un'avvertenza. Nel film ad un certo punto si vede l'uccisione e la cottura di un cane che poi viene mangiato. Se pensate che questo possa infastidirvi non vedetelo.

#3 Akira

    Undertaker

  • Moderatore
  • 3593 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 04 November 2007 - 08:46 PM

Sì infatti, credo fosse 10-15 giorni fa... (il passaggio su FO intendo) Volevo provare a vederlo ma mi sò addormentato...

#4 noir

    Cameraman

  • Membro
  • 669 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 November 2007 - 08:52 PM

Recuperalo, fidati! Alla fine dura meno di mezz'ora, quindi se non piace non è nemmeno una grande perdita di tempo...:death:
Si trova pure la versione di Fuori Orario ma i miei sottotitoli sono per la versione di miglior qualità in dvd.

#5 Nausicaa

    Cameraman

  • Membro
  • 671 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 04 November 2007 - 08:53 PM

Mi incuriosisce!
Ho resistito alla scena con la giraffa :em15: in Sans soleil (bellissimo :em41: ), ce la farò anche qui... forse :em15:

#6 polpa

    It’s Suntory Time!

  • Membro storico
  • 9216 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

Inviato 04 November 2007 - 10:49 PM

Grandissimo nuar! Meglio later che never :em41:
Uppato subito. :em15:

#7 BOKE

    Microfonista

  • Membro
  • 230 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 November 2007 - 09:14 AM

Bello!! :D
L'ho visto tempo fa con la coda dell'occhio su Fuori Orario e mi è sembrato molto interessante.
Grazie mille noir :em12:
AsaNisiMasa

#8 suiseki

    Cameraman

  • Membro
  • 511 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 05 November 2007 - 10:59 AM

grazie, lo vedrò presto!!!! :em12:

Suntoryzzata ufficialmente in data 27/01/2007 Aisssshipal!!!!

"In viaggio il primo giorno ci si chiede perchè si è partiti, chi ce l'ha fatto fare. I giorni successivi ci si domanda come si farà a tornare indietro."

Sub AW: b420; Sub Altro Cinema: Obaba

#9 Dan

    It’s Suntory Time!

  • Membro
  • 5332 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 November 2007 - 12:34 PM

Ah, sì. *passato due settimane fa su Fuori Orario assieme a un capolavoro e un film pessimo*
Uno dei corti-capolavori di Rouch, indagine sulla follia, la repressione, il potere. Però:

Visualizza Messaggionoir, il Nov 4 2007, 07:35 PM, ha scritto:

Un'avvertenza. Nel film ad un certo punto si vede l'uccisione e la cottura di un cane che poi viene mangiato. Se pensate che questo possa infastidirvi non vedetelo.


In realtà, l'uccisione, lo smembramento e la cottura vengono citati soltanto indirettamente, quasi nulla viene mostrato, non lo trovo affatto forte. Piuttosto, intimoriscono maggiormente gli umani.
Comunque, proposta necessaria, noir, bravissimo.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi