Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Female Prisoner Scorpion: Beast Stable

Traduzione di Akira

6 risposte a questa discussione

#1 Akira

    Undertaker

  • Moderatore
  • 3586 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 06 July 2007 - 12:27 AM

Female Convict Scorpion: Beast Stable

Joshuu Sasori, Kemono Beya

Immagine inserita



Titolo: Female Convict Scorpion: Beast Stable
Titolo Originale: Joshuu sasori: Kemono-beya
Paese: Giappone
Anno: 1973
Regia: Ito Shunya
Cast: Kaji Meiko, Narita Mikio, Lee Reisen, Watanabe Yayoi, Nambara Koji, Fujiki Takashi
Durata: 87'
Genere: Drammatico



Sinossi


Dopo essere fuggita dal Detective Kondo, Nami trova temporaneo rifugio in un bordello dove conosce Yuki.
Yuki ha una vita difficile, prostituta, nascondendo il proprio fratello malato di mente in un armadio per evitare che combini guai.
Nami trova lavoro come sarta, ma gli yakuza ricompaiono subito con intenzioni poco piacevoli...


Commento


La serie dei Joshuu Sasori, pietra angolare del cinema exploitation nipponico, conta una dozzina di film (6 fino al 1977 poi una ripersa negli anni '90). Ito innaugura la serie dirigendo i primi tre capitoli. I tre capolavori di Ito Shunya ci conducono ai confini di un cinema estremamente livero ed innovatore nel modi di affrontare i generi a priori codificati.

Ricordiamo un attimo il punto di partenza: Matsu è in prigione, dopo essere stata tradita dal suo amante. Nell'inferno del carcere, la giovane ferita diviene un animale selvaggio e ribelle, al punto di venir soprannominata Sasori, lo Scorpione. Libertà e vendetta sono i suoi principali obiettivi, ed ciascun episodio non sarà che una variazione su questi due temi.
Sarebbe troppo semplice descrivere l'evoluzione della serie come una negazione progressiva dei codici del cinema d'exploitation. In effetti, se la prima opera si ricollega al genere WIP - Woman In Prison - (ed anche al Rape and Revenge, un'introduzione perfetta per i neofiti del bis asiatico), i capitoli successivi se ne allontanano progressivamente.
Nonostante una sceneggiatura ricca di elementi sulfurei (un'immersione lugubre nel mondo della prostituzione), questo terzo episodio intitolato Beast Stable, è letteralmente trasceso dalla regia di Ito Shunya, che gli insuffla una libertà dal tono assoluto. Nonostante la storia si ambienti in un Giappone urbano abbastanza realista e profondamente depressivo, l'evocazione di stile eleva il film ben oltre la semplice polemica sociale nello stesso modo in cui ciascun genere citato (il WIP, il western, il polar, il manga, il gore, il fantastico) e ciascuna influenza (Ito aveva sicuramente visto i film di Suzuki Seijun, poteva aver visto quelli di Mario Bava?) vengono assimilitati, rivitalizzati, sublimati. Oltrepassa lo stadio di semplice collage pop: tutto il film è attraversato da un soffio onirico e barocco assolutamente straordinario.

La regia esplode nell'utilizzo brillante dello Scope, un senso dell'inquadratura e del montaggio notevolmente inventivo e poetico. La linearità della storia è sconquassato dall'irruzione improvvisa del grottesco (le braccia tagliate del poliziotto all'inizio che risbucano in modo quantomeno inatteso) o di un surrealismo stupefacente, un'incredibile capacità di creare delle immagini di una bellezza grafica profondamente importante, vicino ad un Dario Argento nella sua vena più astratta e più poetica. Non sarà facile da dimenticare il momento in cui Sasori emerge dalla fiamme in mezzo alle fogne o il piano finale che termina sullo sguardo intenso e potente di Kaji Meiko, il genere di sguardo nero ebano che non rinnegherebbe un Sergio Leone. Kaji Meiko, d'altronde. Come non parlarne? L'attrice del mitico Lady Snowblood, che ha trovato qui il suo altro grande ruolo cult. Creatura sublime dalla bellezza glaciale, dagli occhi penetranti, permea il film del suo carisma.
Si vocifera che sia stata lei che suggerì a Ito di limitare il numero dei suo dialoghi, rendendo il suo personaggio ancora più opaco e fascinoso. Si sa anche che gli eccessi scabrosi del cinema d'exploitation non la tentarono molto (lasciò la Nikkatsu che all'epoca era specializzato nei roman-porno) e rimpianse l'uscita di scena di Ito Shunya al punto di abbandonare la saga dopo il quarto episodio. La sua aura luccicante è indissociabile dall'impatto che può avere il film sullo spettatore. E' senza dubbio una delle più belle icone femminili del cinema bis, incarnazione potente e radicale della rivolta.

Ludo Z-Man




Qui il trailer del film:




Immagine inserita Immagine inserita


Immagine inserita Immagine inserita
Immagine inserita Immagine inserita


Immagine inserita Immagine inserita
Immagine inserita Immagine inserita




.:Buona Visione:.






Sottotitoli






Ordina il DVD su

Immagine inserita



Messaggio modificato da Kiny0 il 22 October 2012 - 10:50 AM


#2 YamaArashi

    AW Samurai !

  • Webmaster
  • 3838 Messaggi:
  • Location:Frontiera Nord Ovest
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 July 2007 - 08:42 AM

Ma vieni!!!!


Sasori in libertà!!

#3 lordevol

    Turbo Pucci Love Suntory revolution®

  • Membro
  • 3629 Messaggi:
  • Location:Heavenly Forest
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 July 2007 - 03:03 PM

Le donne fanno del male per causa degli uomini”.

La regia è consolidata, è come sempre attenta ai particolari ma semplicemente, dopo due film, meno sorprendente.

Compaiono già in questo terzo capitolo personaggi e idee del primo. Come se si iniziasse a vivere nel ricordo (o di rendita a voler essere più adreottiani): tornano le tette, torna Youki, torna katsu, insomma si sfonda sull'approfondimento dei personaggi, dovendolo paragonare ad uno dei film di guerre stellari, direi episodio 5.
Schiacciare play sul telecomando fa rientrare in quel mondo, ci si ritrova con personaggi familiari di cui conosciamo già molto, insomma, mette benessere.
Questa volta la curiosità è il vedere come si comportano fuori dalle sbarre.

Film scuro nel complesso come i precedenti a differenza del quarto capitolo, purificato, solare e lindo.
Tornano i soliti codici che tanto mi erano piaciuti nel primo, torna il rossetto ad indicare una dona disperata e incattivita e torna il vestito elegante per la vendetta.
Ma non è solo un film autoreferenziale, i tocchi di stile ci sono e non fanno rimpiangere quell'ora e mezza passata a far brillare le retine: la scena del bar stereoscopica, le mani titubanti e e bramose del ritardato sul suo corpo, il parallelismo tra i due aborti (visione sconsigliata agli stomaci deboli), la Gioconda/Scorpion cubettosa dietro la finestra dell'ambulatorio del massacro, la pioggia di fiammiferi o l'enfatizzazione degli aghi da cucito come possibili armi omicida. Tutto di gran classe.

La variazione sul tema della violenza lascia perdere per questa volta la violenza sessuale e il lesbismo per fare entrare in scena incesto e prostituzione.

come può un fiore sbocciare quando è già appassito?

Orè!

PS Ho sofferto nella scena della mazza da golf!


Immagine inserita


Immagine inserita


#4 _Benares_

    Soft Black Star

  • Membro storico
  • 4763 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 06 July 2007 - 03:10 PM

Ottimo, lo aggiungo alla lista dei film da vedere. :)

#5 rainCrimes

    Microfonista

  • Membro
  • 166 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 July 2007 - 05:56 PM

grazie per il lavorone!!!
..io adoro questa serie! :P
user posted image user posted image

#6 paulus35

    Direttore della fotografia

  • Membro
  • 1097 Messaggi:
  • Location:Kogal World
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 07 July 2007 - 12:02 AM

Vai così!!! :em37: :em09: :em12:
Grazie! :P
Immagine inserita

Traduzioni film asiatici
Ikinai ~ Tokyo Eleven ~ Install ~ Shibuya Kaidan ~ Shibuya Kaidan 2 ~ Angel Guts 2 - Red classroom ~ Meatball Machine ~ Sick Nurses ~
The Chanting ~ Stereo Future

Traduzioni a cura del JAF (Jappop Fansub Project)
A Gentle Breeze in the Village (by Blaze) ~ Backdancers (by paulus35) ~ Cruel Restaurant (by paulus35) ~
Sidecar ni inu (by Lastblade) ~ The Masked Girl (by paulus35) ~ 700 Days Of Battle: Us VS. The Police (by Sephiroth) ~ Aoi Tori / Blue Bird (by paulus35) 33% ~ The Fure Fure Girl (by Lastblade&paulus35) 01%

#7 polpa

    It’s Suntory Time!

  • Membro storico
  • 9211 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

Inviato 31 August 2017 - 09:28 PM

Sequenza iniziale fra le migliori di tutta la serie (e poi lei al cimitero, col braccio tagliato del poliziotto ammanettato alla sua mano e uno sguardo da demone: eccezionale!) e tragicamente splendido il personaggio della giovane prostituta incestuosa. Direi che invece , giunta al terzo episodio, la serie regge ancora molto bene, forse il ritmo rallenta un po' troppo e si fa ripetitivo nella seconda parte, ma è comunque un gran bel Sasori anche questo.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi