Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * - 1 Voti

[RECE][SUB] Blind Kind


1 risposta a questa discussione

#1 JulesWU

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4048 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 12 March 2017 - 01:17 PM

Immagine inserita


Regia: Johan van der Keuken
Paese: Olanda
Anno: 1964
Genere: Documentario - Sperimentale
Durata: 25'
Lingua: Olandese




Immagine inserita Immagine inserita


Sinossi

In questo piccolo capolavoro Van der Keuken pone l'accento su tematiche quali la disabilità visiva nell'età evolutiva, l'integrazione sociale e la relativa percezione dell'ambiente dei portatori di handicap.

Immagine inserita


Commento di JulesWU

Prima opera cinematografica del talentuoso filmmaker olandese da me visionata e che subito mi lasciò ben impressionato. Van der Keuken era un regista decisamente poliedrico, non a caso mescolava la cinematografia ad altre sue professioni, quella di fotografo in primis; è infatti noto per aver realizzato in oltre 40 anni di carriera più di 50 documentari nei quali ha spaziato dalla fiction, alla sperimentazione, al lungometraggio di stampo didattico e/o socio-culturale che più si avvicina a questa tipologia cinematografica.
Non aveva quindi uno stile ben delineato, forse lo si può riconoscere proprio per il dinamismo che caratterizza i suoi film. In Blind Kind, particolarmente, focalizza l'attenzione su giovani con deficit visivi durante il loro processo di formazione scolastica e di orientamento nella società.
Ma non solo, in neanche mezz'ora ha fornito a questi ragazzi la possibilità di esternare le proprie sensazioni e il loro modo di percepire lo spazio circostante nel quale sicuramente giocano un ruolo fondamentale i sensi dell'udito e del tatto. Va da sé che laddove esiste una manchevolezza, si è costretti ad affinare altre capacità.
Di fatto una persona ipovedente possiede una sensibilità sia uditiva che tattile fuori dal comune proprio perché deve sfruttarle maggiormente rispetto ai cosiddetti "normodotati" per interagire col mondo esterno più efficacemente.
Il regista olandese ha utilizzato sapientemente i suoni, le musiche e lo slow motion riprendendo in particolare i loro gesti per provare a trasmetterne le sensazioni. Davvero un lavoro egregio e privo di pietismi di sorta che merita di essere conosciuto dovunque.

Immagine inserita


Traduzione e recensione: JulesWU


SOTTOTITOLI
(Versione: DVD)
Allega file  Blind.Kind.AsianWorld.zip   3.45K   15 Numero di downloads



Messaggio modificato da JulesWU il 19 March 2017 - 08:38 PM


#2 paxy

    Ciakkista

  • Collaboratore
  • 91 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 19 March 2017 - 08:25 PM

C'è un mondo intero dietro la disabilità visiva e van der Keuken lo rappresenta con una sensibilità esemplare ma soprattutto con lo sguardo lucido di chi rifiuta leziosità dozzinali. Meno formale del Blind di Wiseman ma altrettanto incisivo. Grande proposta, frà!
Sito web - Pagina Facebook - Canale YouTube

Traduzioni Cinema Asiatico:
The Clone Returns Home (Nakajima); The Backwater (Aoyama); Over Your Dead Body (Miike); Behemoth (Liang); Genpin (Kawase)

Traduzioni L'altro Cinema:
Je t'aime, je t'aime (Resnais); Horse Money (Costa); Nathalie Granger (Duras), Our Man (Costa), Ossos (Costa), Ne change rien (Costa)

Focus:
Pedro Costa





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi