Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Délibáb


1 risposta a questa discussione

#1 Dries

    Microfonista

  • Membro
  • 211 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 May 2016 - 02:02 PM

Immagine inserita


Titolo internazionale: Mirage
Anno: 2014
Paese: Ungheria
Regia: Szabolcs Hajdu
Durata: 90'


Trama:

Un calciatore africano ,a causa di un crimine commesso, è costretto a fuggire e a cercare rifugio
nella campagna ungherese .Lo troverà in una vecchia fattoria nella quale vige ancora la schiavitù e sarà costretto a lottare per la sua libertà e per la sua vita.

Commento:

Onestamente ricordo poco di questo film, un po' perché non mi ha fatto impazzire,secondo perché c'è davvero poco da ricordare.
L'ho tradotto a scatola chiusa , fidandomi della firma Hajdu che di solito è una garanzia ma se come me vi aspettavate ti toccare i livelli del bellissimo Bibliothèque Pascal o di White Palms siete nel posto sbagliato.

Délibáb è una sorta di Django Unchained perciò non aspettatevi un film commovente-profondo sulla lotta alla schiavitù nera , ma è anche un film tipicamente dell'est, per cui non aspettatevi manco azione a mille sangue e sparatorie in quantità come invece sarebbe lecito aspettarsi da un western.

OK, Dries... ma quindi che cazzo di film è Délibáb? Cosa dobbiamo aspettarci?

Bella domanda.
Delibab è un film col quale mi è praticamente difficile trovare dei paragoni e il che di solito è un bene, ma in questo caso forse non del tutto.
Pervaso da un minimalismo atipico in pellicole di questo genere ( neanche 200 battute se non ricordo male) Delibab è un viaggio allucinato in quella parte di Ungheria rurale grezza e razzista che con ogni probabilità ha qualche nesso con i luoghi dell'infanzia del regista ma che purtroppo lascia lo spettatore arido come le sconfinate pianure ungheresi.

Tuttavia la maestria di Hajdu dietro la mdp è innegabile e dal punto di vista puramente formale il film gode anche di ottimi momenti come ad esempio il piano sequenza (oddio, a memoria mi pare fosse un piano sequenza) finale, per cui non sconsiglio a priori di darci un'occhiata se siete a corto di film da visionare :em16:



Traduzione: Dries
Revisione: Shimamura


SOTTOTITOLI
(Versione: DVD)
Allega file  Mirage.2014.AsianWorld.zip   5.81K   21 Numero di downloads


Messaggio modificato da JulesJT il 08 May 2016 - 06:09 PM


#2 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4211 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 May 2016 - 06:10 PM

Grazie, Dries. Sottotitoli allegati.

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster,

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi