Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Jess + Moss


2 risposte a questa discussione

#1 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4093 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 20 August 2015 - 08:16 PM

Immagine inserita



Regia: Clay Jeter
Paese: Stati Uniti
Anno: 2011
Genere: Drammatico
Durata: 83'
Lingua: Inglese
Interpreti: Sarah Hagan (Jess), Austin Vickers (Moss)


Immagine inserita Immagine inserita


Sinossi

Le vicende di Jess e Moss, due adolescenti immersi nell'America rurale alla ricerca de sé stessi e del loro passato nascosti all'interno di valigie abbandonate.

Immagine inserita


Fin dall’inizio Jess + Moss presenta la sua natura ambivalente; le primissime inquadrature mostrano frammenti di un mistero: i due protagonisti fanno i conti con una materia oscura, opaca. I titoli di testa scorrono su un’immagine, apparentemente fissa, in cui i due ragazzi percorrono una strada che li porta dal fondo fino al primissimo piano: il racconto sarà, prima di tutto, un percorso.
Le vicende che vedono Jess e Moss protagonisti, immersi in un paesaggio americano rurale mai dei tutto civilizzato, sono narrate all’insegna della sospensione temporale, il tempo dell’azione è decisamente subordinato a quello della riflessione. I protagonisti sono soli in un mondo altro, portatore di un’adultità traumatica e traumatizzante, attivatore di un ricordo precedentemente rimosso, ma anche stimolo alla scoperta di sé stessi prima che del proprio passato. Il percorso dei due protagonisti è scandito con gradualità e asistematicità dalla condivisione di esperienze ludiche e drammatiche, dalla maieutica emersione del passato rinchiuso in valigie abbandonate.
Jeter decide di utilizzare un duplice registro estetico lavorando sulla qualità dell’immagine digitale, sul colore e sull’uso della luce: il passato e i ricordi dei due ragazzi sono mostrati attraverso immagini sgranate, sporche, dai colori spenti e consumati; il presente, la vitalità con la quale i due protagonisti affrontano un mondo più grande di loro, misterioso e accattivante, sono resi alla perfezione da una fotografia dai colori accesi ed una messa in scena sempre studiata nei minimi dettagli, dalle scelte compositive alle proporzioni all’interno del quadro. A far da ponte tra i due registri stilistici vi è la colonna sonora, presenza ambigua e incoercibile né ad una delle due categorie spazio/temporali, né tantomeno ad uno solo dei regimi diegetico ed extra-diegetico. Ad ogni canzone si sente (e spesso si vede) un vinile posizionarsi sul giradischi, la puntina che cerca la traccia, il nostalgico fruscio sonoro che rimanda alla dimensione del ricordo e della memoria.
Jess + Moss si inserisce in quel solco di opere in auge tra la fine degli anni Settanta e gli anni Ottanta che hanno privilegiato il racconto di formazione, il bildungsroman adolescenziale, il tema del passaggio all’età adulta, spesso inserito in un paesaggio di provincia rurale e parzialmente selvaggio e che vede come propria stella polare i romanzi di Mark Twain. Sebbene non riesca a mantenere il proprio rigore stilistico fino alla fine (in conclusione cede alla tentazione dei ralenti), il lavoro di Jeter dimostra grande padronanza del mezzo e una notevole capacità di stratificazione dei personaggi senza ricorrere a didascalici dialoghi. In particolare il personaggio di Jess è articolato in modo da mettere in luce la difficoltà di ricorprire più ruoli, quello di bambina (bisognosa di affetto e di una famiglia che le è sempre mancata), quello di ragazza (vogliosa di soddisfare i propri desideri adolescenziali), quello di madre (nei confronti del piccolo Jess), una scissione obbligata e col tempo sempre più lacerante. Entrambi i personaggi però denotano bisogni comuni, da una parte quello del sogno e della fantasia (espresso dal carattere ludico delle loro interazioni), dall’altra quello della crescita, una tensione costante alla maturazione individuale ed indipendente resa dall’autore in modo a tratti commovente.
[fonte: Attilio Palmieri per spietati.it]


Immagine inserita


Traduzione: JulesJT


SOTTOTITOLI
(Versione: 720p)
Allega file  Jess+Moss.AsianWorld.zip   21.54K   57 Numero di downloads



Messaggio modificato da JulesJT il 15 November 2015 - 02:47 PM


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4000 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 October 2015 - 03:08 PM

Ha dei momenti molto belli e un certo fascino evocativo (sarà anche l'ambientazione, il registratore a cassette che usavo pure io...), però con l'andare dei minuti devo dire mi ha "stancato" un po'. E mi ha lasciato in parte la sensazione di trovarmi di fronte al giovane regista che fa il "fighetto"

Grazie della proposta !

#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4093 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 October 2015 - 07:45 PM

Visualizza Messaggiofabiojappo, il 01 October 2015 - 03:08 PM, ha scritto:

(...) però con l'andare dei minuti devo dire mi ha "stancato" un po'.

Sì, credo che avrebbe funzionato meglio come corto/mediometraggio.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi