Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Village of Haze


1 risposta a questa discussione

#1 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5673 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 20 November 2014 - 11:45 AM

Immagine inserita

Angemaeul

안개마을






Immagine inserita





Immagine inserita







A Su-ok (Jeong Yun-hee) viene assegnata una cattedra per insegnare nella scuola elementare di un villaggio di montagna sperduto. Appena arriva al villaggio, Su-ok incrocia lo sguardo di un uomo trasandato di nome Kae-chul (Ahn Sung-ki), che la mette in soggezione. Le donne del villaggio, composto da individui che discendono dagli stessi antenati, offrono a Kae-chul vitto e alloggio, nonostante egli sia un forestiero, e ciò suscita la curiosità di Su-ok. Un giorno, un abitante del villaggio di nome Hwa-chun bastona Kae-chul, accusandolo di aver avuto rapporti sessuali con sua moglie. Gli uomini del villaggio respingono l’accusa: sostengono che Kae-chul non possa commettere adulterio perché è impotente. Diventata sospettosa sul rapporto tra Kae-chul e le donne del villaggio, Su-ok chiede alla prostituta San-wol di appurare che Kae-chul sia davvero impotente. Qualche giorno dopo, Su-ok trova conferma alle sue supposizioni, notando una donna che scappa da un campo dopo aver consumato un rapporto sessuale con Kae-chul, e riflette sulla natura del villaggio, dove l’anonimato garantito in città non esiste, poiché tutti gli abitanti del villaggio hanno legami di sangue. A differenza degli uomini, che possono sfogare i propri istinti sessuali avendo rapporti con la prostituta muta San-wol, alle donne viene negata questa possibilità. Si rende così conto che in quella società chiusa, dove la moralità confuciana e i valori tradizionali sono tenuti in altissima considerazione, l’unica persona che può soddisfare il desiderio sessuale represso delle donne e garantire allo stesso tempo l’anonimato, è proprio Kae-chul, che rende inoltre possibile la sopravvivenza di un villaggio composto interamente da consanguinei.





Immagine inserita







"Il fascino artigianale di toccare un tema importante tramite una piccola storia" (Kim Young-jin)

Basato sulla novella di Lee Mun-yeol, "L’isola dell’anonimato (Ikmyeong-ui seom)," Village of Haze è uno dei film che inaugurarono la svolta autoriale del regista Im Kwon-taek negli anni 80. Nonostante il breve tempo impiegato per realizzarlo, Village of Haze è considerato un testo cinematografico altamente sofisticato. Ricevette il plauso della critica sia dentro che fuori il territorio nazionale, guadagnando addirittura un invito al London Film Festival. Narrato dalla voce fuori campo dell’insegnante Su-ok (Jeong Yun-hee), Village of Haze è composto per la gran parte dalla sua descrizione, presentata da un punto di vista che somiglia a quello di un‘antropologa, delle caratteristiche del villaggio di consanguinei in cui il film è ambientato. A differenza della novella di Lee Mun-yeol, che evita di trattare le differenze di genere, Im Kwon-taek aggiunge il personaggio della muta San-wol per dimostrare che anche in un villaggio di consanguinei, il sesso oppresso è sempre quello femminile. Infatti, questo principio diventa ancora più chiaro nell’ambiente ristretto del villaggio. Gli uomini del villaggio possono sfogare i loro istinti sessuali alla luce del solte tramite San-wol, ma le donne sono costrette a nascondere le loro scappatelle nel vilaggio panottico.
Offrendo interpretazioni praticamente non verbali per tutto il film, Jeong Yun-hee e Ahn Sung-ki formano una coppia straordinaria. I primi piani sul volto di Jeong rivelano efficacemente la curiosità intellettuale e il turbamento sessuale del personaggio. Allo stesso modo, il contrasto tra lo sguardo sagace di Ahn e il suo borbottio inarticolato suscita un’impressione inquietante e sinistra.


Tratto da Koreanfilm.org





Immagine inserita







Genere
Drammatico

Regia
Im Kwon-taek

Sceneggiatura
Song Gil-han

Soggetto
Lee Mun-yeol

Produzione
Park Chong-chan

Interpreti
Jeong Yun-hui, Ahn Sung-ki,
Park Ji-hun, Jin Bong-jin,
Oh Young-hwa

Direttore della Fotografia
Jung Il-sung

Luci
Cha Jung-nam

Montaggio
Kim Chang-sun

Musiche
Kim Jung-gil

Direzione artistica
Lee Tai-woo



Corea del Sud, 1982, 93'





Per gentile concessione del Korean Film Archive, è possibile vedere il film in HD con i sottotitoli in italiano di AsianWorld. Buona Visione!







Theme Song
Alison Moyet - Only You








Altri film di Im Kwon-taek presenti su AsianWorld:


Wangsimni
Genealogy
Mismatched Nose
Mandala
Kilsodeum
Ticket
Surrogate Mother
Sopyonje
The Tae Baek Mountains
Festival
Chunhyang
Raging Years
Beyond the Years
Hanji





Immagine inserita





Sottotitoli







Ordina il DVD su

Immagine inserita












Immagine inserita


Immagine inserita


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4445 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 21 November 2014 - 08:45 PM

Questo mi interessa molto. E devo recuperare diversi di Im !





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi