Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * * 3 Voti

[RECE][SUB] Marketa Lazarová


17 risposte a questa discussione

#1 Rocchio

    PortaCaffé

  • Membro
  • 17 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 May 2014 - 10:04 AM

Marketa Lazarová

Immagine inserita



Regia: František Vláčil
Paese: Cecoslovacchia
Anno: 1967
Genere: Drammatico, Storico
Durata: 162'
Lingua: Ceca
Interpreti: Magda Vásáryová (Marketa), Frantisek Velecký (Mikolás), Josef Kemr (Kozlík)



Immagine inserita Immagine inserita

Sinossi

“Rudi briganti e brigantesse di nobile lignaggio, fra cui Mikoláš, l’indomito cavalier bandito; un giovanissimo e sprovveduto conte dell’Impero; Marketa Lazarová, «placida vergine» destinata alla vita del chiostro e dagli eventi tramutata in «splendida amante»; un tenace e ambizioso capitano del re che dall’assolvimento del suo difficile compito di disinfestare dai briganti le strade regie si aspetta l’agognato titolo nobiliare. Sullo sfondo, una fosca Boemia feudale del XIII secolo.”


Immagine inserita


Commento

Marketa Lazarová, capolavoro indiscusso della cinematografia ceca, è lungo senza essere epico, crudo senza essere realistico, e fondamentalmente laico pur impiegando simbolismo cristiano e pagano. Tratto da Il cavalier bandito e la sposa del cielo (Markéta Lazarová), di Vladislav Vančura, pubblicato a Praga nel 1931. La storia si svolge in Boemia nel Medioevo, epoca in cui coesistono e collidono il cristianesimo e il paganesimo, la centralità del feudo e la nascita di un potere egemone, i cechi e i tedeschi, l’Oriente e l’Occidente. Il conflitto tra due famiglie rivali diventa l’occasione per mettere in scena due contrapposte visioni del potere: Kozlík, pagano, con la sua prolifica famiglia, accentra il potere su se stesso; e Lazar, cristiano, che pensa già a una nuova nazione unita sotto un potere più forte, in cui lui avrà un ruolo centrale. La combinazione di una narrazione ellittica con uno stile visivamente ricco e suggestivo produce potenti ed affascinanti scene. Le battaglie sono mostrate ma solo minimalmente, l’attenzione si focalizza invece su aspetti suggestivi ed evocativi che richiamano forti simbolismi, come ad esempio le figure di animali selvatici come lupi, rapaci, cervi e serpi. Nell’andamento magmatico della vicenda, dove il tempo del racconto sembra seguire gli stati emotivi dei singoli personaggi, grazie a un uso espressionista del sonoro, legato ai diversi punti di vista interni alla storia, si compone poco a poco un’allegoria delle pulsioni umane, immerse in paludi melmose, circondati da lupi bramosi di carne e mercenari pronti a godere della distruzione. Il finale di questo folle racconto sembra volerci suggerire addirittura una sorta di morale, ovvero che, dalla violenza può nascere un’amore scevro da ideologie religiose.

Magnifico, senza alcun ombra di dubbio, alcune inquadrature sono memorabili, numerosi i tecnicismi avanguardistici. Inutile voler cercare di trovare tutti i possibili collegamenti con gli altri mostri sacri del cinema quali Dreyer, Kurosawa, Bergman e Tarkovskij, a cui chiaramente il film strizza l’occhio, d’ora in avanti è bene cominciare ad adoperare pure Vláčil come termine di paragone e dove possibile anche il neologismo “vlaciliano”.


Regista

František Vláčil, classe 1924, studiò storia dell’arte ed estetica all’università Masaryk di Brno iniziando a lavorare in vari gruppi artistici e atelier prima di mettersi dietro la macchina da presa. Il più anziano della terza generazione della FAMU (la Scuola di cinema e televisione della Accademia di arti dello spettacolo di Praga), negli anni Sessanta, gira film del tutto originali rispetto al resto della produzione cinematografica del paese, infatti egli non appartiene propriamente alla Nová Vlna, la Nouvelle Vague cecoslovacca. Il suo linguaggio cinematografico si avvicina maggiormente a quello dell'immagine statica e del suono non realistico, più che alla testimonianza diretta del quotidiano e alla poesia della luce e del movimento. I suoi film a sfondo storico sono caratterizzati da affascinanti tecniche cinematografiche e dai dettagli storici usati per scavare nella spiritualità e nella psiche dei personaggi. Per portare a termine Marketa Lazarová impiegò sei anni di lavorazione, insistendo perché gli attori vivessero come i personaggi del racconto e entrassero a tal punto nel ruolo da rimanere per lunghi periodi al freddo, nella neve con indosso solo degli stracci in zone dalle critiche condizioni climatiche.


Immagine inserita



N.d.T.

Il linguaggio non è aulico e ricercato come nell’originale al fine di non complicare la comprensione della già troppo frammentata trama del film.
Nella scene in cui si parla del cervo sconfitto e ogni tanto viene mostrata la piccola chiesa, sulla sinistra si vede un uomo, probabilmente un addestratore, in jeans e camicia che richiama il cervo.



Immagine inserita


Traduzione e recensione: Rocchio
Revisione: JulesJT
Resync (V2): anonymous



SOTTOTITOLI
(Versione: Blu-ray Criterion)
Allega file  Marketa.Lazarová.AsianWorld.zip   82.42K   237 Numero di downloads



Messaggio modificato da JulesJT il 29 August 2016 - 07:57 PM


#2 cuorenucleare

    Ciakkista

  • Membro
  • 61 Messaggi:
  • Location:Napoli
  • Sesso:

Inviato 10 May 2014 - 10:40 AM

Sembra meraviglioso! :em41: L'ho già ordinato in edicola... speriamo arrivi presto! :em17:

Grazie mille! :Ola:

Messaggio modificato da cuorenucleare il 10 May 2014 - 10:40 AM


#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4423 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 May 2014 - 12:20 PM

Grazie mille. Sottotitoli caricati.

Che dire? Uno dei migliori esordi di sempre ne L'Altro Cinema.
Il mio plauso a Rocchio per l'impegno profuso nella suddetta traduzione.
Davvero meticoloso e appassionato.

Orsù! Non indugiate oltre e gustatevi quello che è universalmente riconosciuto come un tassello fondamentale della storia del Cinema.

Buona visione! :em69:

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#4 polpa

    It’s Suntory Time!

  • Membro storico
  • 9216 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

Inviato 10 May 2014 - 01:18 PM

Filmissimo. Grande Rocchio e grande Jules! Lo rivedrò al più presto in versione Criterion blu ray, che ogni tanto manda un segnale luminoso dallo scaffale in cui è gelosamente riposto. :em999:

#5 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 May 2014 - 01:46 PM

Grazie mille per la traduzione. Un'altra gemma si aggiunge alla collezione di AltroCinema.

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#6 LL ©

    Operatore luci

  • Membro
  • 460 Messaggi:
  • Location:Olduvai
  • Sesso:

Inviato 10 May 2014 - 01:53 PM

Grande Rocchio! Sono anni che mi riprometto di vederlo! Ora ho un'ottima occasione!
Graziegrazie! :)
SOTTOTITOLI TRADOTTI PER ASIAN WORLD
Tomato kecchappu kôtei / Shūji Terayama / 1970

SOTTOTITOLI TRADOTTI PER ALTRO CINEMA
Honor de cavallería / Albert Serra / 2006 ◦ Un chapeau de paille d'Italie / René Clair / 1927 ◦ Thaïs / Anton Giulio Bragaglia / 1916

"Le cinéma est une invention sans avenir" (Louis Lumière)

Decorato al petto di rarissima medaglia di Uomo Tette™ dal Reverendo lordevol in data 08/07/2013

#7 vasumitra

    Operatore luci

  • Membro
  • 330 Messaggi:
  • Location:bologna
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 May 2014 - 02:06 PM

capolavoro ENORME. miliardi di volte grazie per i sottotitoli.
asilo sotto il mio passo tutto il giorno
i loro festini smorzati mentre la carne cade
erompendo senza paura né vento favorevole
le guantilope del senso e del nonsenso corrono
prese dai vermi per quel che sono


1935 samuel beckett

constant shallowness leads to evil

Immagine inserita

#8 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4423 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 May 2014 - 04:37 PM

Aggiunta nel file .zip una nuova versione dei sottotitoli di Marketa L. (denominata V2) ad opera di un resyncer anonimo.
Riferimenti --> Blu-ray Criterion Collection.

Messaggio modificato da JulesJT il 10 May 2014 - 04:41 PM

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#9 Rocchio

    PortaCaffé

  • Membro
  • 17 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 May 2014 - 05:14 PM

Lieto che l'impegno e la passione con cui ho trattato questo progetto vengano apprezzati. Spero di poter essere stato d'aiuto a tutti coloro che avevano paura ad affrontare un film così complesso e lungo in inglese o altri idiomi. Guardatelo ha fatto e continua a fare scuola, non conoscerlo fino ad oggi era normale ma, d'ora in avanti per qualsiasi buon cinefilo sarà un'opera da conoscere obbligatoriamente. Buona visione.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi