Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Prince Avalanche


2 risposte a questa discussione

#1 gattamatta

    Microfonista

  • Membro
  • 102 Messaggi:
  • Location:Trento
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 November 2013 - 03:53 PM

Immagine inseritaImmagine inseritaImmagine inserita

PRINCE AVALANCHE


Titolo originale: Prince Avalanche
Nazione: USA
Anno: 2013
Genere: Comedy | Drama
Durata: 75 Min.
Regia: David Gordon Green
Cast:
Paul Rudd, Emile Hirsch, Lance LeGault, Joyce Payne, Gina Grande, Lynn Shelton,
Larry Kretschmar, Enoch Moon, David L. Osborne Jr., Danni Wolcott

Traduzione: Handydandy

Revisione: Shimamura


Immagine inserita

IMDb: 6,4/10 from 4.274 users (1 win & 1 nomination)


Orso d'argento per la regia al Festival di Berlino 2013



Trama e recensione


Dopo alcune incursioni non troppo felici nella commedia action-demenzial-hollywoodiana, David Gordon Green recupera la sua anima indipendente con un'operazione rigenerante. Alla base di tutto c'è una piccola deliziosa commedia islandese, Either Way, che vede protagonisti due operai addetti alla manutenzione delle strade nel profondo Nord. Venuto a conoscenza dell'opera, Green ha percepito assonanze con la propria sensibilità tali da decidere di far proprio il progetto trasferendolo dalla tundra finlandese alle lussureggianti foreste texane, vicino a dove risiede. A inaugurare Prince Avalanche sono, infatti, le immagini del violentissimo incendio che, nel 1987, divorò 750.000 acri di bosco nel Texas Centrale. Le scene, potenti e violente, contribuiscono a instaurare fin da subito quel tono ambiguo, sospeso tra realtà e sogno, che caratterizzerà l'intera pellicola. Nell'estate successiva all'incendio Alvin (Paul Rudd) e Lance (Emile Hirsch) accettano un lavoro per conto della società addetta alla manutenzione del manto stradale che li terrà lontani dalla città e completamente immersi nella natura per due mesi. Tra i due uomini, 'quasi' cognati, si instaurerà un rapporto complicato e a tratti conflittuale.
Prince Avalanche è una pellicola sorprendente sotto numerosi punti di vista. Il film, in concorso alla 63° Berlinale, si distingue prima di tutto per l'eccezionale intensità emotiva ottenuta attraverso l'alternanza di momenti prettamente comici e scene liriche. Nel film emerge lo sguardo poetico e struggente di Green che, a tratti, sembra voler bucare l'anima. Coraggiosamente il regista affida il ruolo chiave del film, quello del solitario Alvin - figura distante, eccentrica, sognatrice, amante della lingua e cultura tedesca - a un attore 'condannato' a personaggi comico-romantici come Paul Rudd. Il suo sguardo limpido e malinconico ben si presta a interpretare un uomo in fuga che ama profondamente, nonostante il suo comportamento risulti sfuggente e incomprensibile. L'amore di Alvin per la sorella di Lance (questa la vera ragione per cui Alvin ha ingaggiato il cognato pigro e scapestrato) è fuori dal tempo. In ogni minuto libero l'operaio si diletta a scrivere lettere, pensieri e poesie rivolte alla sua bella di cui ha con sé la foto, ma non ha problemi a rifugiarsi nella foresta senza farsi sentire da lei per settimane. L'unico momento in cui farà una telefonata, cercando il contatto diretto, sarà quello della crisi. Il compito di far da contraltare a questo personaggio, buffo e profondo al tempo stesso, è affidato a Emile Hirsch che qui sfodera il meglio del suo repertorio comico somigliando sempre di più a un giovane Jack Black. Il contrasto tra i due caratteri crea un'alchimia magica sia nella parte più 'parlata' del film, costellata da frequenti battibecchi, sia nelle scene di pura interazione fisica.

Immagine inserita
Immagine inserita
Immagine inserita
Immagine inserita



Uno degli elementi più potenti della pellicola di David Gordon Green è proprio la fisicità. Nei momenti di solitudine la macchina da presa si incolla al corpo dei suoi interpreti rubandone movenze, tic comportamentali, mettendone a nudo i difetti. Il risultato sono scene di grandissima libertà visiva (si pensi all'entrata nel fiume di Lance con gli stivali addosso) valorizzate da una fotografia suggestiva, studiata apposta per far emergere l'elemento naturalistico in cui gli attori sono immersi, e da un montaggio a tratti sperimentale. Quanto alle scaramucce e ai duetti comici, sembrano presi di peso da un'ideale antologia della slapstick comedy. A intensificare l'effetto comico degli inseguimenti e delle lotte tra i due contribuiscono, inoltre, i loro abiti da lavoro e i buffi attrezzi retrò di cui sono dotati. Lavorando per sottrazione (a cominciare dal numero degli interpreti), David Gordon Green raggiunge una forma artistica quasi perfetta. Nell'isolamente naturalistico, lontano dalla civiltà, due uomini si mettono a nudo l'uno di fronte l'altro lasciando trapelare frammenti del proprio animo. Senza filtri, senza barriere. Risata e commozione si mescolano continuamente in un mix in cui trovano spazio momenti di grande lirismo, favoriti da uso sapiente della soundtrack - composta dagli Explosions in the Sky e da David Wingo - e dall'ottima sceneggiatura. Nel percorso on the road (mai come in questo caso definizione fu più azzeccata) che li porta a ritracciare le lingue d'asfalto texane, i nostri due (anti)eroi troveranno anche il tempo per imbattersi in un anziano camionista con la passione per l'alcool e in una misteriosa donna tedesca la cui casa è andata distrutta nell'incendio che costituiranno le sole fonti di distrazione per il duo Alvin-Lance. Figure reali, presenze fantasmatiche o proiezioni mentali dei due protagonisti? Ma è davvero importante saperlo per godere appieno della bellezza di Prince Avalanche?
(a cura di Valentina D'Amico - movieplayer.it)

Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita




SOTTOTITOLI
Allega file  Prince.Avalanche.2013.AsianWorld.zip   31.52K   88 Numero di downloads

BUONA VISIONE!

(720p WEB-DL 600)


Messaggio modificato da Shimamura il 17 November 2013 - 04:10 PM


#2 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 November 2013 - 04:11 PM

Grazie mille a Handy e alla gatta per questa eccellente proposta. Subs uppati.

Messaggio modificato da Shimamura il 17 November 2013 - 04:11 PM

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4467 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 November 2013 - 05:49 PM

Muchas gracias a todos! Era parecchio che volevo vederlo.
Brava gatti-na che si è affidata a un ottimo edicolante! ;)

Messaggio modificato da JulesJT il 17 November 2013 - 05:49 PM

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi