Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] On the Silver Globe


13 risposte a questa discussione

#1 Flugel

    PortaCaffé

  • Membro
  • 12 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 October 2013 - 08:48 AM

Immagine inserita


Titolo originale: Na Srebrnym Globie


Genere: Drammatico, Fantascienza


Paese e anno: Polonia 1977/1987


Regia: Andrzej Zulawski


Durata: 166 '


Traduzione: Flugel (Vojna)


"Blandire la maggioranza è l'imperativo del Pianeta Cinema. Per quanto mi riguarda, non faccio concessioni agli spettatori, queste vittime della vita che pensano che ogni pellicola venga prodotta esclusivamente per il loro piacere, e che non sanno nulla della loro stessa esistenza". (Andrzej Zulawski)


Film di fantascienza criptico e visionario, tratto dal romanzo "The Lunar Trilogy" scritto tra il 1901 e il 1911 dallo zio del regista, Jerzy Zulawski. Quella arrivata a noi è una versione mutilata e abbastanza confusa, priva di ben 1/5 di pellicola, parte non completata nel 1978, quando il Ministero polacco della Cultura per (imbarazzanti) ragioni politiche impose la sospensione delle riprese e la distruzione completa di bobine, scenografie e costumi. La versione reperibile sul mercato estero è quella a cui Zulawski ha messo mano nel 1987, presentata a Cannes l'anno seguente, utilizzando i brandelli di prellicola salvati dal rogo e portati clandestinamente in salvo all'estero. In tale versione le scene mancanti sono state sostituite dalla loro descrizione verbale ad opera dello stesso regista, montata su insulse immagini riprese dalle strade di una cittadina polacca degli anni Ottanta. Il film è disseminato di fitti dialoghi metaforici incentrati su questioni filosofiche, parabole religiose e problematiche esistenziali di difficile comprensione anche nei sottotitoli in inglese (proprio per questo sarebbe auspicabile la pubblicazione di una sua versione con sottotitoli in italiano).

Immagine inserita

Molto utile è cercare di riassumere la complicata trama, ambientata in tre scenari differenti. Nel primo scenario quattro astronauti composti da tre uomini e una donna decidono di abbandonare la terra per dare vita ad una nuova civiltà all'insegna dell'assoluta libertà. Un guasto alla loro astronave li obbliga ad atterrare su un pianeta desolato non dissimile dal nostro (splendide le location del film, in realtà girato in Mongolia), dove questi iniziano a riprodursi dando origine ad una civiltà primitiva fatta dai loro discendenti, dediti in seguito ad abitudini tribali e arcani riti pagani. Solo uno dei quattro astronauti sopravviverà e sarà soprannominato dalla bizzarra tribù "The Old Man" e idolatrato come un Messia. Questi si immedesimerà talmente nella parte da tramutarsi in una specie di profeta e ordinerà le leggi della nuova comunità, per poi abbandonarla e scomparire nelle montagne, non prima però di avere inviato, tramite un piccolo razzo spaziale, un videomessaggio registrato alla Terra. Nel secondo scenario vediamo uno scienziato di nome Marek che riesce a decodificare il videomessaggio dell'uomo e decide di partire alla volta del pianeta sconosciuto per scoprire l'evoluzione di tale nuova civiltà. Quando arriva sul pianeta, scopriamo che la primitiva tribù, provata dalla difficile quotidiana lotta per la sopravvivenza, ha subito una lacerante scissione che ha portato alla nascita di due differenti bande. La situazione è complicata dal fatto che alcuni strani esseri mutanti telepatici, simili a orrendi volatili preistorici dagli occhi luminescenti (chiamati Shernes), hanno schiavizzato buona parte della popolazione e stanno probabilmente dando vita ad una nuova mostruosa razza, incrociandosi con i discendenti degli astronauti. Marek verrà considerato la reincarnazione di "The Old Man" dalle tribù del pianeta e di conseguenza considerato e trattato come una specie di salvifico Messia. Si metterà così alla loro guida per sconfiggere i misteriosi Sherns, determinando una sconvolgente esplosione di inaudita violenza sull'isola (tra cui scene di impalamenti a livello di Cannibal Holocaust).


Ma l'insicurezza e l'instabilità della personalità di Marek causeranno il suo crollo psichico, che porterà la tribù a smascherarlo per poi lapidarlo e crocifiggerlo, in una scena di inquietante e indimenticabile violenza, che dimostra come la tanto agognata Nuova Civiltà non sia altro che un inferno dominato dall'anarchia e dalla follia. Il terzo scenario è incentrato sulla vita di un ragazzo in una base spaziale della Terra, forse lo stesso Marek da giovane. Questo spezzone evidenzia le similitudini tra le barbarie del nostro pianeta e quelle del Silver Globe ed è accompagnato da una straniante colonna sonora rock. Il modo di fare cinema di Zulawski vuole affacciarsi sull'orlo dell'abisso di sofferenza dell'anima umana e tutto questo crea malessere e disagio nello spettatore, praticamente messo a nudo dalle aggressive situazioni inscenate nelle sue pellicole. Il suo è un cinema faticoso da guardare, apparentemente assurdo e delirante, spesso doloroso e talora insostenibile, ma mai gratuito. Passare attraverso una sua pellicola è come rischiare la vita, provoca un'emozione scuotente, forse che non si vuole più ripetere, ma che rimane eternamente incastonata nella memoria. Questo film si distingue per molti elementi, in primo luogo per alcune memorabili sequenze post-apocalittiche, poi per la penetrante recitazione teatrale debitrice del teatro di Grotowski, per il viscerale rapporto che instaura tra immagine filmica e spettatore, per gli stupefacenti e inventivi costumi di scena, per gli enigmatici alieni Shernes (bizzarro incrocio tra angeli e demoni) e per la straordinaria padronanza nell'uso della telecamera, capace di dare vita a movimenti di macchina, angoli di ripresa e carrellate nervose, degne dei più grandi maestri della Settima Arte. Peccato non poter vedere la versione integrale di questo radicale ufo di celluloide, incentrato sul fondamentale e sempre centrale tema della libertà.

(fonte: http://scaglie.blogspot.it)



SOTTOTITOLI
(Versione: 1.95)


Allega file  Na Srebrnym Globie.AsianWorld.zip   41.65K   100 Numero di downloads


Messaggio modificato da JulesJT il 20 December 2014 - 11:54 PM
Riordino RECE


#2 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3548 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 October 2013 - 11:43 AM

Sottotitoli caricati, grazie mille a Flugel per la sua proposta, e benvenuto tra Noi ;)

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#3 moonblood

    Microfonista

  • Membro
  • 184 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 October 2013 - 12:00 PM

Io e Zulawski non siamo mai andati d'accordo, però questo me lo procuro di certo.
Grazie mille!

#4 JulesWU

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4018 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 October 2013 - 01:01 PM

Grazie mille anche da parte mia, Flugel!
....e congratulazioni per il tuo debutto su AsianWorld.
Altro Cinema ha sempre bisogno di nuova linfa vitale. :em66:

Messaggio modificato da JulesJT il 10 October 2013 - 08:41 AM


#5 Flugel

    PortaCaffé

  • Membro
  • 12 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 October 2013 - 01:26 PM

Ciao grazie mille! Moonblood,se non vai molto d'accordo con Zulawski è meglio che non guardi questo film,è sicuramente il suo lavoro piu complesso,a causa dell'interruzione decennale nei lavori il film è quasi incomprensibile in certi punti.

#6 moonblood

    Microfonista

  • Membro
  • 184 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 October 2013 - 06:01 PM

Visualizza MessaggioFlugel, il 09 October 2013 - 01:26 PM, ha scritto:

Ciao grazie mille! Moonblood,se non vai molto d'accordo con Zulawski è meglio che non guardi questo film,è sicuramente il suo lavoro piu complesso,a causa dell'interruzione decennale nei lavori il film è quasi incomprensibile in certi punti.

Ma sicuramente lo vorrò vedere, lo Zulawski degli anni '70 mi manca, infatti devo vedere ancora "Diabel " e "The Third Part of the Night".

#7 Kitano

    Operatore luci

  • Membro
  • 482 Messaggi:
  • Location:Pescara
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 October 2013 - 10:45 PM

Benvenuto finalmente!!

E grazie per il film!

Messaggio modificato da Kitano il 09 October 2013 - 10:45 PM




#8 vasumitra

    Operatore luci

  • Membro
  • 330 Messaggi:
  • Location:bologna
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 12 October 2013 - 01:25 AM

zulawski sempre e comunque. grazie mille! :em41:
asilo sotto il mio passo tutto il giorno
i loro festini smorzati mentre la carne cade
erompendo senza paura né vento favorevole
le guantilope del senso e del nonsenso corrono
prese dai vermi per quel che sono


1935 samuel beckett

constant shallowness leads to evil

Immagine inserita

#9 bowman

    Cameraman

  • Membro
  • 738 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 15 November 2013 - 07:06 PM

Altra traduzione che mancava, grazie!
Sottotitoli per Altro Cinema: Spalovač mrtvol, Golem, Sanatorium Pod Klepsydra, Vtáčkovia, siroty a blázni, Das schloss , Postava k podpírání , PrevraŠčenije, Mucedníci lásky, Posetitel Muzeya, Kinetta, O slavnosti a hostech, Iavnana, Pokój saren, Amerika, Sami, Menschenkörper, Klassenverhältnisse, Woyzeck, De grafbewaker, Muukalainen, Na wylot, Zbehovia a pútnici, Cztery noce z Anna, Kynodontas, Katalin Varga, Gyerekgyilkosságok, Liverpool, Jeanne Dielman, 23 quai du Commerce, 1080 Bruxelles, Höhenfeuer, La Chevelure, La ville des Pirates, Szegénylegények, PVC-1, Die Verwandlung, Adoration, Zamok, Las, Toute une nuit, Ohio Impromptu, Catastrophe, Die Linkshändige frau, Mange, ceci est mon corps , L'evangile du cochon créole, A erva do rato, Le puits et le pendule, Gospodin Oformitel, Traumstadt, Fövenyóra, Le professeur Taranne, L'imitation du cinéma, Büntetőexpedició, Pőrgu, Cuadecuc, vampir, Stićenik, Filme do Desassossego, Tren de sombras, Schakale und Araber, Estorvo, O cerco (traduzione di Polax), Ha'Meshotet, What Where, Rockaby, Come and go, Naufragio, Barăo Olavo, O Horrivél, La influencia, Zirneklis, La femme 100 tętes, Alpeis, Szürkület, V gorakh moyo serdtse, Brillianty. Pokhischenie, Basta, Devyat Sem Sem, Two Gates of Sleep, Saç, You Are Not I, Sevmek zamani, Koniec świata, Poyraz, Mikres eleftheries, Uncut family, Que hay para cenar, querida?, Els Porcs, Ice cream, La invención de la carne, Dafnis y Cloe, Swedenborg, Ombres de foc, A zona, Ja tože choču, Tokyo Giants, Raoul Servais, l'Intégrale des courts métrages, Prostaya smert, Hitparkut

Sottotitoli per AsianWorld: Jao nok krajok, Hagane, Hako



...fredde luci parlano...






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi