Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Hahithalfut


5 risposte a questa discussione

#1 gattamatta

    Microfonista

  • Membro
  • 102 Messaggi:
  • Location:Trento
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 August 2013 - 02:59 PM

THE EXCHANGE



Immagine inserita



Titolo originale: Hahithalfut
Nazione: Israele
Anno: 2011
Genere: Drama
Durata: 94 Min.
Regia: Eran Kolirin
Cast:
Rotem Keinan, Sharon Tal and Dov Navon

Traduzione: alakirti

Revisione: Shimamura



Immagine inserita

IMDb: 6.3/10 from 97 users (1 win & 10 nominations)


Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita



Trama


Un uomo torna a casa in un orario in cui di solito è via, un orario in cui la luce è diversa e in cui si sente solo il rumore del frigo. A quell'ora del giorno così insolita, gli sembra di essere capitato nella casa di uno sconosciuto, vuota, silenziosa e desolata. A quel punto inizia a vedere cose che non aveva mai notato, quasi come se fosse un turista in casa sua: polvere che danza nei raggi di luce bianchi, sua moglie addormentata nel loro letto. L'uomo inizia ad osservare la sua vita in una nuova prospettiva, senza essere del tutto certo che questa sia davvero la sua vita.



Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


Recensione


Quando Sigmund Freud scrisse Das Unheimliche, cioè uno dei saggi più celebrati del suo percorso ricerca, probabilmente non immaginava che sarebbe stato oggetto di ripetute attenzioni da parte del Cinema. Quella forma di grande intrattenimento popolare che nell’anno della pubblicazione del saggio (il 1919) non veniva nemmeno riconosciuta come arte, ma che condivideva con la “sua” psicanalisi l’anno di nascita. Non poteva immaginarlo perché non pensava che due fenomeni apparentemente così distanti in realtà fossero l’espressione della medesima Rivoluzione: quella dello sguardo. È con l’ausilio del Cinema e della Psicanalisi infatti, che l’uomo novecentesco si distanzia radicalmente da quello del secolo precedente. Proprio perché inizia a guardare in un altro modo: osservando se stesso da fuori (con il primo) e scrutandosi dentro (con la seconda).

Esattamente come quello dell’uomo novecentesco, anche l’itinerario di Oded, il dottore di ricerca in Fisica dell’Università di Tel Aviv protagonista di Hahithalfut (The Exchange), allo stesso modo: guardando le cose diversamente. Tanto che si può interpretare il suo percorso come una grande metafora di quello intrapreso dall’Uomo moderno, pronto a mutare il rapporto con la realtà che lo circonda proprio in virtù di uno sguardo differente. Il percorso di Oded infatti, inizia proprio quando, tornando a casa in un orario inusuale, si trova costretto a osservare gli oggetti del proprio quotidiano, oggetti familiari dunque, sotto una diversa luce. Facendoli sembrare diversi, appunto. È proprio questa irruzione del perturbante – definizione del “non noto, non familiare” (Unheimlich) che Freud deriva dalla stessa etimologia di casa (in tedesco: Heim), cioè luogo della familiarità – a sconvolgere la vita del ricercatore. Il quale progressivamente inizia a comportarsi stranamente, a modificare le proprie abitudini, i propri rapporti, le proprie relazioni. Un percorso a tappe in cui dall’osservazione degli oggetti, passa a quella di se stesso in luoghi non abituali (ad esempio denudandosi davanti allo specchio del pianerottolo condominiale) e poi a quella delle persone che lo circondano, a cominciare da Tami, sua moglie.
La ricerca di punti di vista inconsueti porta inevitabilmente a traiettorie nuove: emblematica in tal senso è la sequenza in cui, nel cortile del palazzo in cui vivono i due giovani coniugi, Tami passa accanto a Oded senza accorgersi della sua presenza, solo perché lui occupa una posizione non abituale in un orario non abituale, visto che a quell’ora si dovrebbe trovare all’Università. Ben presto a lui si unisce un vicino di casa (Yoav), con il quale inizia a sperimentare un diverso modo di rapportarsi allo spazio che li circonda. I due si mettono a urlare agli appartamenti vuoti, oppure si nascondono nel rifugio antiatomico alla ricerca di nuovi punti di osservazione. Grazie a Yoav, il ricercatore prende coscienza della forza dello sguardo, della sua capacità di “ferire” (come evidenzia una battuta della moglie di Yoav, ignara del fatto che Oded sia stato mandato nel suo ufficio dal marito, che lo anche informato della “debolezza” della donna). Tappa che prelude a un ulteriore cambiamento, quello che coincide con la presa di distanza dalla realtà, della pura osservazione. Un distacco favorito da uno sguardo privo di empatia, attraverso il quale la realtà viene semplicemente osservata, senza intervenirvi. Neppure quando il padre di Yoav, i movimenti del quale sono seguiti a distanza da una panchina dai due vicini complici, ha un infarto e cade a terra. La rottura di questo progressivo percorso di astrazione avviene quando la moglie di Oded, incuriosita dal mutato comportamento del marito, inizia a seguirlo. Anch’essa dunque inizia a osservarlo da lontano, generando di conseguenza un ribaltamento del punto di vista che inevitabilmente porta a modificare il rapporto creato dal compagno con la realtà. A questo punto a Oded non resta che compiere l’ultima tappa. Prendendo il solito autobus che ogni mattina lo porta all’Università decide di non scendere alla solita fermata, di proseguire oltre. Arriva al capolinea e si trova di fronte il mare, sulla battigia due uomini che giocano a racchettoni. Quando la pallina scagliata da uno di questi gli finisce accanto al piede, Oded capisce che il suo percorso contemplativo è giunto alla fine. Si china, raccoglie la pallina e la rilancia. Decidendo così di intervenire nuovamente nella realtà. Un finale che sembra il ribaltamento di Blow-up. Non a caso Antonioni (l’ombra del quale sembra aleggiare per tutto il film), non a caso un altro film sullo sguardo e sulla (im)potenza.
(Francesco Crispino - Venezia, 10-09-2011)



Immagine inserita Immagine inserita
Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita Immagine inserita



BUONA VISIONE!


SOTTOTITOLI

Allega file  The Exchange.AsianWorld.zip   12.29K   55 Numero di downloads


(Vers. HORiZON)


Messaggio modificato da Shimamura il 05 August 2013 - 02:20 PM


#2 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 August 2013 - 02:16 PM

Grazie mille gattaccia, a te e al traduttore alakirti.

Sottotitoli caricati :em69:

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#3 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4476 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 August 2013 - 02:31 PM

Grazie a tutti per il lavoro svolto.
Un altro titolozzo aggiunto in archivio...... siamo vicini alle 400 candeline! :em72:

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains,

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#4 Re Nah Toh

    PortaCaffé

  • Membro
  • 23 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 09 August 2013 - 08:05 PM

Grazie mille!!

Messaggio modificato da Re Nah Toh il 09 August 2013 - 08:06 PM


#5 Alakirti

    PortaCaffé

  • Membro
  • 11 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 14 August 2013 - 11:08 PM

Dipende da che dipende... Da che punto guardi il mondo... Tutto dipende... così cantava Jarabe De Palo,
riferendosi alla percezione e osservazione del mondo visibile.
Figuriamoci se passiamo il (non) tempo ad osservare "contesti" che riguardano sfere della conoscenza
che includono neuroni,microtubuli,subparticelle atomiche,quark,neutrini, il Nulla...

Siamo proprio convinti di conoscere Colui che osserva? E se invece le nostre certezze su ciò che siamo sono solo
fondate su "personaggi in uso" o io illusori creati dall'essere stesso o da altri lontano/i dalla Realtà con la r maiuscola...
Chi osserva Chi?
Detto questo... tutto dipende (in questo caso) da chi guarda un film. Ci sono pellicole che per tematiche contestualizzate permettono e facilitano vari livelli di fruizioni più o meno complessi e così sottili per questo molto semplici...
Questo film inizia citando il paradosso di E.P.R. e quindi il Principio d'Indeterminazione di Heisenberg,
l'Esperimento di Aspect, l'Entanglment e la Non Localita', il Gatto di Schrodinger...

Se si parte da questo tipo di fruizione che film diciamo di aver visto/percepito?
Un po' più di Noi stessi...?
Se invece siamo a digiuno di queste ipotesi, teorie, conoscenze, consapevolezze, intuizioni... può accadere di sentir dire in una sala: "ma che film è questo, boh... parla di un uomo o più uomini un po' matti, di gelosia, di ossessioni, ma che stronzo lui...
di Parmenide,Cechov, Pirandello, ha preso da Antonioni..."
e via dicendo... limitando-ci/si forse... ma è giusto così...



Alcuni intenti espressi (poco pretestuosi e pretenziosi nonostante il film inizia, si sviluppa e finisce con la fisica quantistica..)
del regista presente anche al 7° Pitigliani Kolno'a Festival di Roma 2012
“Questo film è figlio di una riflessione, seguita al successo del mio precedente La banda: ho viaggiato molto, soprattutto per frequentare luoghi come questo, fuori dai soliti contesti abituali. La sensazione più evidente è quella di un vuoto, strano e al tempo stesso piacevole: non si fa nulla di speciale, in realtà, e questo ti permette di guardare molto. Si apre un mondo nuovo,
e proprio questa è la sensazione che ho voluto continuare ad esplorare nel film”.


BomBòn aka El Perro 2004 Carlo Sorin... Immagine inserita

by Alakirti

Messaggio modificato da Dariani il 15 August 2013 - 08:23 PM


#6 Alakirti

    PortaCaffé

  • Membro
  • 11 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 23 August 2013 - 09:50 PM

...forse qualcuno/a ha "rifiutato" di vedere questo film
per il mio "spocchioso, insulso e contaminante" punto di svista...
ma la pellicola seppur "stranina" fa sor Immagine inserita


...- Dormiro' sul tavolo della cucina.
- E sul pianoforte!
- Camminero' nel bagno con le mie scarpe.
- E sulle piastrelle del soggiorno!...

Roba da matti, eh! Immagine inserita





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi