Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * * 1 Voti

[RECE][SUB] Black Robe


11 risposte a questa discussione

#1 ascione

    Ciakkista

  • Membro
  • 79 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 24 January 2013 - 05:02 PM

Black Robe / Manto nero


di Bruce Beresford, 1991


Immagine inserita


Regia: Bruce Beresford
Sceneggiatura: Brian Moore, tratta dal romanzo dello stesso autore
Uscita: 5 settembre 1991
Durata: 101 minuti
Distributore: Samuel Goldwyn Company
Lingua: Inglese + Latino, Cree, Mohawak, Algonquin
Nazione: Australia - Canada


Cast:
Lothaire Bluteau
Aden Young
Sandrine Holt
Tantoo Cardinal
Gordon Tootoosis
August Schellenberg

Musica: Georges Delerue


Il film ha vinto il 'Genie Award' come Best Canadian Film.




Trama


Ambientato in Canada nel 1634, il film ha inizio nel piccolo insediamento francese che in seguito diventerà la città di Quebec. Gli indiani Algonquin subiscono i tentativi di evangelizzazione da parte dei missionari gesuiti, che loro chiamano 'Manti neri'. Samuel de Champlain, fondatore dell'insediamento, invia padre Laforgue, un giovane prete gesuita, a raggiungere la missione cattolica in un lontano villaggio Huron.




Immagine inserita


Commento


A meno che non si abbia qualche conoscenza del periodo di storia coinvolto o di cosa sia stata quella terra e la sua gente, guardare questo film ripaga le aspettative man mano che la narrazione si snoda su per il San Lorenzo. La storia infatti si srotola lentamente sulla corrente del grande fiume canadese, che scava il suo corso nella terra degli Uroni e degli altri popoli che vivono lungo le sue rive.
Gratificati fin dall'inizio dalla notevole fotografia e dalla qualità dei personaggi, appare chiaro come non siano quasi riscontrabili influenze della onnipresente politica del cinema hollywoodiano, intervenendo al contrario solo uno scarno intreccio romantico tra due co-protagonisti ad alleggerire una altrimenti spietata sequenza di eventi lungo l'imponente fiume, incupita da un ferocemente ostile - ma spettacolare – paesaggio, coperto di una neve accecante.
L'approccio "realistico" e obiettivo alla vita di quei popoli restituisce uno sguardo graffiante su quelle terre a quei tempi ed è già di per sé un risultato encomiabile.
Nessuno dei molti films sulle popolazioni indigene del Nord America riesce come questo a definire un pathos solido, palpabile, che viene avvertito perfino a livello fisico quando sopraggiungono le sopracitate sequenze, e tutto è avvolto in una corposa, avvincente colonna sonora, la sola cosa, insieme alla suddetta perigliosa vicenda sessuale, che addolcisce e rende "epica" accompagnandola, la risalita del poderoso fiume. Un approccio simile forse è presente solo in un altro film sulla materia, questa volta - e coraggiosamente - hollywoodiano: "Ulzana's Raid", un western revisionista, estremamente crudo, ispirato ad un fatto reale, un'incursione nel territorio dei “bianchi” capeggiata da Ulzana, apache Chiricahua che fuoriuscito dalla riserva semina morte insieme a un piccolo gruppo di Apaches. Un memorabile Burt Lancaster, guida assunta dall'esercito, alla domanda: "... Come può non odiare persone che fanno cose come queste?" risponde: "...no... sarebbe come odiare il deserto perché non c'è acqua".





Immagine inserita


Immagine inserita


Immagine inserita


SOTTOTITOLI


Allega file  BlackRobe.AsianWorld.zip   17.42K   64 Numero di downloads


Trailer



Messaggio modificato da Shimamura81 il 26 January 2013 - 05:47 PM


#2 Asaka

    Direttore della fotografia

  • Membro storico
  • 1302 Messaggi:
  • Location:Sotto un pianoforte. O davanti. Dipende.
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 24 January 2013 - 07:00 PM

Grazie Ascione, il tema mi interessa molto, lo verò quando possibile. Thank you! :em41:

#3 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1631 Messaggi:
  • Location:Italian Okinawa
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 24 January 2013 - 09:13 PM

Mi sa che lo cerco :), anche perché c'è Sandrine Holt. In Rapa Nui, "non so perché", mi colpì... :em06:

Immagine inserita


Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2010: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002), Mio in the Land of Faraway (1987); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), Secret Chronicle: She Beast Market (1974), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013), Empress Wu Tse-Tien (1963), Be with You (2018), Rage (2016), Himeanole (2016); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema -.

#4 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 26 January 2013 - 05:45 PM

Grazie mille, subs uppati

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#5 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1631 Messaggi:
  • Location:Italian Okinawa
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 28 January 2013 - 12:42 AM

Finito di vedere ora. In una sola parola: bellissimo. Strano però che un film del genere non sia mai stato distribuito in Italia.

P.S. Ho votato la discussione.

Immagine inserita


Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2010: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002), Mio in the Land of Faraway (1987); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), Secret Chronicle: She Beast Market (1974), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013), Empress Wu Tse-Tien (1963), Be with You (2018), Rage (2016), Himeanole (2016); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema -.

#6 gattamatta

    Microfonista

  • Membro
  • 102 Messaggi:
  • Location:Trento
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 January 2013 - 01:27 PM

Grazie per questa bella chicca!

#7 BadGuy

    Cameraman

  • Membro
  • 622 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 02 February 2013 - 11:01 AM

Allettata/'ingannata' dalla citazione di Ulzana/Lancaster/Aldrich, me lo sono sparata.
Non mi è piaciuto. Il pathos, se c'era, non l'ho sentito. Gli autoctoni, ok, ci sono, così il paesaggio, ma sono quasi un contorno. Al film interessano di più gli psico-turbamenti del prete zorro che gli dà il titolo e dei quali, francamente, in quel contesto, non mi è fregato nulla. Colonna sonora inutilmente magniloquente.
Non so... la sensazione è stata quella di un film (tv) senza baricentro.

Comunque grazie per i sottotitoli. :)

#8 ascione

    Ciakkista

  • Membro
  • 79 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 11 July 2013 - 08:18 PM

Visualizza MessaggioKiny0, il 28 January 2013 - 12:42 AM, ha scritto:

Finito di vedere ora. In una sola parola: bellissimo. Strano però che un film del genere non sia mai stato distribuito in Italia.

P.S. Ho votato la discussione.
Guarda che il film è effettivamente uscito( l'ho visto al cinema nel '92 ) solo che -probabilmente per la sua durezza non commerciale- è girato quanto un chiar di luna.

Yot.

#9 ascione

    Ciakkista

  • Membro
  • 79 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 11 July 2013 - 08:59 PM

Visualizza MessaggioBadGuy, il 02 February 2013 - 11:01 AM, ha scritto:

Allettata/'ingannata' dalla citazione di Ulzana/Lancaster/Aldrich, me lo sono sparata.
Non mi è piaciuto. Il pathos, se c'era, non l'ho sentito. Gli autoctoni, ok, ci sono, così il paesaggio, ma sono quasi un contorno. Al film interessano di più gli psico-turbamenti del prete zorro che gli dà il titolo e dei quali, francamente, in quel contesto, non mi è fregato nulla. Colonna sonora inutilmente magniloquente.
Non so... la sensazione è stata quella di un film (tv) senza baricentro.

Comunque grazie per i sottotitoli. :)
Come: "Gli autoctoni, ok, ci sono, così il paesaggio"?Io dico che sei tu che ti sei fatta "turbare" dal prete. Lui è solo il filo guida della narrazione, come la caccia di Lancaster lo era di Ulzana's r.
Il pathos che non hai sentito -il 1620, la Quebec di pali, il viaggio alla "Conrad" e la precarietà della condizione umana (per riassumere tutto il resto senza stare a "diaframmare") si avvolge intorno al prete come una anaconda intorno al capibara.
E chiaro come uno specchio che il gesuita -distruttore di "autoctoni" suo malgrado- diventa il pretesto per farti entrare in un contesto mai approfondito fino allora - se ti vuoi spallare ri-guardati l'ultimo dei mohicani- .
La musica serve a far digerire l'amara pillola-amara non per te, per il resto del pubblico- e se hai una certa dote musicale prova a riascoltarla, perchè nonostante sia..diciamo echeggi un apparente magniloquenza segue su una falsariga la musica del periodo, il tardo rinascimento.
Sei tu il baricentro di quel film, provaci ancora,Sam.

ps. se conosci altri western o storici che non cercano di arruffianarsi il pubblico come usualmente fanno soprattutto in america, ti prego di segnalarmeli,
allora pregherò per te in San Jacobi

e grazie per la critica,

Yot





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi