Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Mother


5 risposte a questa discussione

#1 calimerina66

    Microfonista

  • Membro
  • 138 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 December 2012 - 12:00 AM

Mother (Haha)


Immagine inserita

  • Titolo internazionale: Mother
  • Titolo originale giapponese: Haha
  • Regia: Shindo Kaneto
  • Sceneggiatura: Shindo Kaneto
  • Produzione: Kindai Eiga Kyokai
  • Direttore della Fotografia: Kuroda Kiyomi
  • Anno: 1963
  • Durata: 100 min.
  • Genere: Drammatico
  • Lingua: Giapponese
  • Nazionalità: Giappone
  • Revisione dei sottotitoli: Picchi
  • Cast: Otowa Nobuko, Sugimura Haruko, Takahashi Koji, Tonoyama Taiji, Sato Kei

Sinossi
In una Hiroshima post-atomica, una madre single, Tamiko (Otowa Nobuko), deve affrontare la malattia del figlioletto. Chiede un prestito per le cure a sua madre (Sugimura Haruko) la quale rifiuta perché quel poco che ha serve a far studiare l'altro figlio, Haruo (Takahashi Koji). Tamiko, nella speranza di salvare il bambino, accetta suo malgrado il matrimonio con l'anziano signor Tajima (Tonoyama Taiji) che si offre di pagare le spese mediche...


E' il film che segna la fine del primo periodo di Shindo, quello segnato dai riferimenti autobiografici e dall'attenzione problemi sociali, e l'affacciarsi dell'interesse per le pulsioni erotiche dell'uomo. In questa madre che conduce la sua dura battaglia quotidiana avendo sempre ben visibile sullo sfondo il simbolo di Hiroshima dopo la bomba, il Genbaku Dome, l'istinto di sopravvivenza e il desiderio di essere madre sono un tutt'uno con le pulsioni erotiche. Tornano i riferimenti autobiografici (Hiroshima è la città natale di Shindo e con Children of Hiroshima e Sakura-tai Chiru questo film parla degli effetti della bomba atomica). Inoltre una performance strepitosa di Otowa Nobuko e Sugimura Haruko, attrice dei film di Ozu e Naruse.Per approfondimenti, rimando al post di Shimamura81.



- Buona visione -



SOTTOTITOLI

(versione 899)


Allega file  Mother.asianworld.zip   23.8K   43 Numero di downloads



Retrospettiva Kaneto Shindo





Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 15 October 2017 - 12:45 PM

Sottotitoli in italiano di film giapponesi e note storico-culturali

http://calimerina66.livejournal.com/

Immagine inserita


Immagine inserita


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4411 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 December 2012 - 10:13 AM

Una delle specialità del grande cinema giapponese sono i ritratti di donne alle prese con le difficoltà (e le sfortune) della vita. "Mother" di Shindo non risulta essere una delle massime rappresentazioni, ma è sicuramente un film da vedere ! A prestare il volto alla protagonista è una intensa, come sempre, Otowa che gareggia per bravura con la Sugimura. Interessante anche la figura del fratello minore, Haruo, con il suo silenzioso malessere, la noia...

Grazie calimerina !!!

#3 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 December 2012 - 07:08 PM

Un'altra perla! ! ! :em73:

Immagine inserita


#4 cuorenucleare

    Ciakkista

  • Membro
  • 61 Messaggi:
  • Location:Napoli
  • Sesso:

Inviato 10 December 2012 - 01:15 AM

Grazie!

#5 Umberto D.

    Microfonista

  • Membro
  • 149 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 14 December 2012 - 05:57 PM

concordo con Fabio! nel cinema giapponese ci sono tanti buoni-ottimi lavori in cui la regia è facilmente riconoscibile per quella particolare delicatezza-tenerezza nell'affrontare i drammi, specie quelli nel mondo femminile; e questo è un grande merito, perchè grazie ad esso non risultano ne pesanti e ne scontati.

La maggior parte dei film segue lo stesso schema: azione, cut, azione, cut.

Si limitano a seguire una trama. Ma la storia non è solo nelle azioni umane,

tutto può essere storia. Un uomo che aspetta in un angolo può essere una storia." Béla Tarr


#6 Dan

    Itís Suntory Time!

  • Membro
  • 5341 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 December 2012 - 12:56 AM

Una cantata a metà tra l'elegia dell'uomo giapponese del dopoguerra e il ritratto di donna. E a metà si ferma, infatti. A tratti un po' insistito, a tratti anodino: convince poco, onestamente. Considerando i reperibili, tra i primi del regista, è quello meno valido di sicuro. Prescindibile.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi