Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * * 1 Voti

[RECE][SUB] Korkoro


2 risposte a questa discussione

#1 gattamatta

    Microfonista

  • Membro
  • 102 Messaggi:
  • Location:Trento
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 December 2012 - 05:46 PM

Korkoro / Liberté / Freedom

Immagine inserita




Lingua: Francese, Rom e Tedesco

Titolo originale: Özgürlük
Nazione: Francia
Anno: 2009
Genere: Drama
Durata: 111 Min.
Regia: Tony Gatlif
Cast:
Franck Adrien | Cédric Weber | Jan Oliver Schroeder | Alain Blazquez | Arno Feffer | Tincuta-Anita Mezei | Francisc 'Csangalo' Mezei | Thomas Baumgartner | Raya Bielenberg | Bojana Panic | Kevyn Diana | Ilir Selmoski | George Babluani | Arben Bajraktaraj | Rufus |Carlo Brandt | Mathias Laliberté | James Thiérrée | Marc Lavoine |Marie-Josée Croze |


Immagine inserita

Il film è stato premiato al Grand Prix of the Americas, Public Award, Ecumenical Prize at the Montreal Film Festival 2009, Menzione speciale al MedFilm Festival di Roma 2010

Una famiglia di zingari è in viaggio attraverso la Francia durante la seconda guerra mondiale. Con loro c'è il piccolo Claude, un trovatello abbandonato dai genitori. Giunti nella zona dove tradizionalmente si fermano a lavorare per alcuni mesi nelle vigne, scoprono che le nuove leggi impediscono loro di condurre una vita nomade. Nonostante la protezione offerta loro dal sindaco Theodore e dalla maestra della scuola locale, vengono arrestati e internati, poi liberati di nuovo proprio grazie al sindaco, che offre loro una proprietà dove possono insediarsi. Ma il richiamo della vita nomade è troppo forte e radicato e il cambiamento appare insostenibile.(fonte http://www.filmtv.it)

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Con immenso talento Tony Gatlif punta sulla tragedia della quale è stata vittima la popolazione Rom durante le persecuzioni naziste. Il film riesce ad uscire dai confini storici mettendo in luce la dolorosa sorte che subiscono in particolare nella nostra epoca. Tony Gatlif è maestro nell'arte di trasmettere un messaggio, il suo film è un inno alla vita, alla fantasia, alla musica e all'anima di un popolo.

Immagine inserita

Immagine inserita

Tony Gatlif è il cineasta che più di ogni altro ha descritto e diffuso la vita e la cultura Rom, quel macrocosmo colorato e libero, spesso vittima di intolleranze e pregiudizi. Liberté affronta il «samudaripen», il genocidio Rom che durante la Seconda guerra mondiale sterminò tra i 250 e i 500mila zingari in territorio europeo. Una ricostruzione storica drammatica, dall’alto valore pedagogico.(fontehttp://www.rendezvouscinemafrancese.it)

Immagine inserita

Immagine inserita

Sottotitoli di Handydandy (proposta di alakirti)


SOTTOTITOLI

Allega file  Korkoro.AsianWorld.zip   17.87K   40 Numero di downloads
(AYMO-699)


Messaggio modificato da Shimamura81 il 05 December 2012 - 07:38 PM


#2 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 December 2012 - 07:38 PM

Grazie mille gattaccia, subs allegati :em69:

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#3 Sazuke

    Operatore luci

  • Membro
  • 251 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 December 2012 - 07:30 PM

Grazie! :em07:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi