Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Spring Awakens


9 risposte a questa discussione

#1 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 28 December 2011 - 10:17 AM

- - SPRING AWAKENS - -



Immagine inserita




Regia di Naruse Mikio


Titolo originale: Haru no mezame
Titoli alternativi: Il risveglio della primavera / L'Éveil du Printemps
Anno: 1947
Durata: 89'
Cast artistico: Tatsuya Ishiguro, Haruko Sugimura, Yoshiko Kuga, Takashi Shimura, Yuriko Hanabusa, Choko Iida, Sachiko Murase

Sceneggiatura di Mikio Naruse e Toshio Yasumi

Fotografia di Shunichiro Nakao

Scenografie di Keiji Kitagawa

Musiche di Nobuo Iida



TRAMA - - Kumiko, le sue amiche e i suoi amici alle prese con le tensioni e i piccoli grandi traumi della prima adolescenza, nel tentativo di dipanare il mistero affascinante e a volte inquietante della sessualità.


Immagine inserita
Ecco un'opera di Naruse che, a mio avviso, va analizzata in parallelo al suo Sincerity (Mogokoro) del 1939: entrambi due film attribuiti da qualche critico miope alla cosiddetta "epoca buia" nella produzione del Maestro, entrambi due film sugli adolescenti, ma prodotti in un contesto sostanzialmente mutato. Il Giappone è cambiato, la guerra è finita: se in Sincerity vengono veicolati valori coerenti con la retorica dell'imperialismo militarista, qui siamo di fronte ad un documento interessantissimo che testimonia lo sforzo compiuto dagli occupanti americani e dal generale-shogun MacArthur, attraverso il Civil Information and Education (CIE), per fare del cinema un veicolo di educazione del nuovo Giappone democratico. Ancora soltanto propaganda? No, per fortuna. Naruse in questa pellicola affronta i risvolti sociali e psicologici inerenti l'educazione sessuale degli adolescenti, lo potremmo definire un "melodramma educativo". La censura del regime imperiale giapponese aveva bandito per anni i riferimenti espliciti alla sessualità e persino i baci nei film, ma con l'arrivo degli americani le cose sono radicalmente cambiate e l'approccio suggerito non è più repressivo ma scientifico.

Immagine inserita

Pensateci per un momento: un tema del genere nel 1947! La domanda è quanto mai classica: come nascono i bambini? A mio avviso ancora una volta il Maestro dimostra una grande sensibilità e una capacità di rappresentazione di grande valore cinematografico e umano, restituendoci un ritratto dell'adolescenza fresco e assai credibile, assieme ad una tensione palpabile tra il bisogno di svelare e la necessità di alludere, tra le istanze melodrammatiche e quelle edificanti, tra gravità e leggerezza. I personaggi principali sono sei adolescenti di una piccola città di provincia, tre maschi e tre femmine, alle prese con la primavera della loro vita, da cui il titolo: la più sensibile dei sei è la protagonista, Kumiko (interpretata da Yoshiko Kuga), figlia di genitori piuttosto severi e all'antica, avida lettrice delle poesie ottocentesche del tedesco Christian Johann Heinrich Heine. Ecco che la poesia, e i riferimenti all'amore fisico in essa contenuti, diventano il primo di una lunga e variegata serie di segnali che polarizzano l'attenzione della ragazza sul mistero della sessualità. Una cameriera viene cacciata perché si incontra di nascosto con il suo innamorato, viene trovata dagli insegnanti una fotografia pornografica a scuola, nascono bambini, ragazze si maritano, le riviste e l'arte propongono immagini che fanno leva sulle forme femminili, le allusioni degli adulti ecc...

Immagine inserita

In questo contesto tumultuoso, Kumiko viene invitata dagli amici ad unirsi ad una sorta di circolo artistico-letterario i cui animatori sono il fratello della sua amica Hanae, il pittore in erba Noshiro e il figlio del dottor Ogura, Koji. L'aspetto più riuscito, secondo me, è proprio la rappresentazione di questo bisogno degli adolescenti di fare gruppo, di trovare un'identità di cui farsi forti attraverso la coesione, la creatività: un po' come nei teenage movies di oggi che parlano di band giovanili, i ragazzi di Spring Awakens si danno arie da bohemienne e flirtano, ma soprattutto creano quella struttura sociale alternativa alla famiglia che dà modo a ciascuno di sviluppare la propria individualità emancipandosi dalla famiglia e venendo a contatto con un mondo plurale, più vasto, stimolante. Così si diventa adulti. La sensibilità di Kumiko la rende particolarmente vulnerabile all'angoscia provocata dai silenzi pudibondi di una società repressiva, rappresentata in prima istanza da sua madre (l'attrice Haruko Sugimura, qui ancora giovanissima e piuttosto bella). Al polo opposto troviamo la figura del medico (interpretato dal grande Shimora Takashi de L'angelo ubriaco di Kurosawa), padre di Koji, che rappresenta l'approccio moderno, scientifico, filo-americano, se vogliamo, ma soprattutto a mio avviso confuciano. È lui il saggio, lo scienziato, l'uomo sensibile, lungimirante, l'uomo del buon senso, che dà valore all'educazione. Brilla come un faro per scacciare i residui di un medioevo che, da noi in Italia, trova il suo parallelo nella cultura cattolica tradizionalista. In una scena lo vediamo porgere al figlio, innamorato di Kumiko, un manuale di educazione sessuale: cose che da noi nel 1947... Ma il mosaico descritto nel film è ben più vasto, i personaggi secondari ci mostrano un'articolazione di approcci e atteggiamenti interessante e realistica, si tocca esplicitamente anche il tema delle gravidanze indesiderate causate, a detta del dottor Ogura, proprio dall'ignoranza e dall'abdicazione della famiglia al suo ruolo di ente educatore di prima istanza. In particolare un approccio diverso al problema viene dalla famiglia di Hanae, la cui madre è una donna di mondo, smaliziata, realista, un'imprenditrice che gestisce la locanda Akebono e conosce bene l'arte dell'intrattenimento maschile: nelle sue parole vi è l'esplicita condanna della repressione imposta dalla famiglia alla legittima affermazione dell'individuo nelle questioni d'amore, contemperata però dal buon senso e dall'esperienza.

Immagine inserita

Riporto di seguito qualche dialogo illuminante tratto dal film, in cui si può leggere anche una tendenza a tratti didascalica, quasi da cinegiornale educativo. Il fratello di Hanae agli amici, sull'ipocrisia strisciante: "Oggigiorno la gente sembra tanto progressista, ma in certe questioni, come il sesso, è regredita, invece". Le ragazze discutono dell'emancipazione femminile: "Ma uomini e donne hanno gli stessi diritti. Se una ragazza studia con impegno, può arrivare lontano anche lei". Le parole del dottor Ogura: "Viene un momento per dei genitori in cui si deve smettere di pensare ai figli come a dei bambini. Fa parte del dovere dei genitori assicurarsi che i cambiamenti che vivono i figli vengano affrontati nel modo giusto. È pericoloso lasciare che un adolescente faccia le proprie esperienze senza una guida. I genitori devono impegnarsi perché i figli difendano ciò che va difeso e li devono aiutare a vivere la loro adolescenza con spensieratezza e senza traumi".

Spero che le mie parole vi abbiano incuriositi, Naruse non delude (memorabile la scena climax del bacio rubato mostrato ma non mostrato su di un prato, così come quella del litigio tra Kumiko e la madre reticente a parlare della sessualità), ma il valore di questo film, ripeto, a mio avviso sta soprattutto nel testimoniare l'evoluzione dei costumi nel Giappone degli anni dell'occupazione. La prima scena di bacio esplicito in un film giapponese, comunque, si trova in Twenty-Year-Old Youth (Hatachi no seishun), di Sasaki Yasuchi, del 1946.


Allega file  Spring.Awakens.AsianWorld.zip   23.08K   29 Numero di downloads

VERSIONE: 897

Immagine inserita



NOTA IN CALCE - - In questo film recita la parte della protagonista, Kumiko Hirobe, l'attrice allora sedicenne Yoshiko Kuga: si trattò della sua seconda interpretazione dopo quella nel film collettivo Four Love Stories prodotto dalla TOHO. Figlia di un nobile giapponese membro della camera alta negli anni '30, Yoshiko Kuga diventerà una delle stelle del cinema giapponese. Basta citare qualche titolo per "spaventarci": L'angelo ubriaco e L'idiota di Akira Kurosawa, Racconto crudele della giovinezza di Nagisa Oshima, Buon giorno e Fiore d'equinozio di Yasujiro Ozu, Older Brother Younger Sister e Delinquent Girl di Mikio Naruse, Portrait of Madame Yuki e The Woman in the Rumor di Kenji Mizoguchi, Banka di Heinosuke Gosho, Zero Focus di Yoshitaro Nomura. Nel 1961 sposò Akihiko Hirata, l'attore famoso per la sua partecipazione ai più celebri film del genere kaiju e per la trilogia Samurai di Hiroshi Inagaki.





Ordina il DVD su
Immagine inserita


Messaggio modificato da Cignoman il 05 January 2012 - 01:22 PM

Immagine inserita


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4240 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 03 January 2012 - 11:46 AM

Citazione

Ecco un'opera di Naruse che, a mio avviso, va analizzata in parallelo al suo Sincerity (Mogokoro)

Grande Cigno !!! A me "Sincerity" era piaciuto molto.

#3 Asaka

    Direttore della fotografia

  • Membro storico
  • 1302 Messaggi:
  • Location:Sotto un pianoforte. O davanti. Dipende.
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 03 January 2012 - 12:06 PM

Grazie Cigno!!! Splendida proposta che vedrò sicuramente al più presto! E ottima recensione!!
Yoshiko Kuga me la ricordo in "Hakuchi"; aveva il ruolo che nel libro corrisponde ad Aglaja, ed era perfetta come controparte della grande Hara Setsuko :em41: :em41:

#4 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1563 Messaggi:
  • Location:Alghero (SS)
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 03 January 2012 - 12:18 PM

Gran bella recensione, guarderò sicuramente! ;) :em69:

Immagine inserita


Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2010: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002), Mio in the Land of Faraway (1987); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), Secret Chronicle: She Beast Market (1974), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema -.

#5 Dan

    Itís Suntory Time!

  • Membro
  • 5332 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 03 January 2012 - 12:21 PM

Sebbene non tra le vette dell'Inclito (visto che è stato chiamato in causa, trovo Magokoro superiore), un delicato ritratto di una giovinezza post-'45 giapponese, ma anche, e soprattutto, un racconto della gioventù in generale. Lo ricordo molto differente dal solito Naruse anche come approccio, colpisce in particolar modo per la sua dimensione umana. Sicuramente da vedere!

#6 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 03 January 2012 - 01:39 PM

In generale devo dire Dan che anche io preferisco Magokoro come film in se stesso, Spring Awakens è interessante più come antenato dei teenage movies e come documento sull'uso del cinema come veicolo di valori progressisti durante l'occupazione americana!

P.S. A chi servisse un'edicola, basta scriveremi.

Messaggio modificato da Cignoman il 03 January 2012 - 01:45 PM

Immagine inserita


#7 Dan

    Itís Suntory Time!

  • Membro
  • 5332 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 03 January 2012 - 05:08 PM

Citazione

antenato dei teenage movies
Verissimo! :em83:

#8 Tyto

    Microfonista

  • Membro
  • 208 Messaggi:
  • Location:Pistoia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 January 2012 - 11:36 AM

Un film di Naruse che non ho ancora visto... una delle poche gioie della vita!
Grazie Cigno e complimenti per la recensione davvero interessante.
file:///C:/Users/Francesco/Desktop/Francesco/Personale/inkan/Inkan.jpgImmagine inserita

#9 Picchi

    Operatore luci

  • Membro
  • 452 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 January 2012 - 11:49 AM

Grazie Cigno! Il tuo nome ormai è una garanzia. Magokoro mi era piaciuto molto, questo non me lo perderò di certo. Puoi mandarmi un pm per l'edicola? così non ci perdo tempo... che viziata! :em89: GraSSie

"猿も木から落ちる" (Anche le scimmie cadono dagli alberi)





Immagine inserita






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi