Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Crazy Racer



5 risposte a questa discussione

#1 Senbee

    Microfonista

  • Membro
  • 147 Messaggi:
  • Location:Il Villaggio Pinguino.
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 27 September 2011 - 06:29 AM

Crazy Racer



Immagine inserita

Titolo originale: 疯狂的赛车 (Fēngkuáng de Sàichē)
Titolo occidentale: Crazy Racer
Titolo alternativo: Silver Medalist
Nazione: Repubblica Popolare Cinese
Anno: 2009
Versione: AC3-ViSiON NoRar
Genere: Comico / Commedia / Umorismo nero
Regia: 宁浩 (Ning Hao)
Con: 黄渤 (Huang Bo)
Durata: 110 min.
Lingua: Cinese (mandarino)




Trama - Hao Geng è un bravo ciclista, ma un giorno il ricco e malvagio Fala Li lo incastra, provocando una condanna per doping e la morte del suo amato coach. Mentre Hao Geng giura di dargli giusta sepoltura, assistiamo alle tragicomiche imprese di un manipolo di disastrosi gangster alle prese con il mancato traffico di droga ad opera di un misterioso e agilissimo spacciatore thailandese. Hao Geng nel frattempo assolda due killer da strapazzo per dare una lezione al truffatore. La polizia brancola nel buio e non capisce cosa sta succedendo, anche perché i finti soldi da bruciare al funerale verranno scambiati per veri dai gangster, il camioncino usato da Hao Geng per rifarsi una vita verrà scambiato per ben altro, il ricco truffatore che fregò Hao Geng avrà un litigio con l'insopportabile moglie grassona (vittima a sua volta di uno dei protagonisti) che finirà in maniera inaspettata, i due sicari da strapazzo finiranno per scambiare una vittima per un'altra... e molto altro!

Recensione - Ning Hao aveva già stupito il mondo con il suo delizioso Crazy Stone (forse prossimamente su questi schermi) dimostrando che forzando un po' la censura cinese si può riuscire oggi in Cina a fare nonostante tutto del sano umorismo intelligente. Qui si supera, dirigendo in maniera impeccabile la sceneggiatura più complicata con l'intreccio più a orologeria che si sia mai visto sugli schermi cinesi. I paragoni arrivano persino a scomodare Blake Edwards: non è probabilmente il caso, ma la tenuta stagna della complessissima trama (mi raccomando cercate di non perdere un solo secondo del film e annotate bene i personaggi!) che genera equivoci continui che si sommano stratificandosi in un parossistico e surreale coacervo inestricabile di tragicommedia è il vero protagonista del film. Ogni equivoco ne genera altri in ogni sottotrama, ed è tutto collegato magistralmente. Un lavoro davvero che trabocca ingegno, reso leggero, divertentissimo e ben comprensibile da una regia e interpreti in stato di grazia. Va detto che il film non è il "solito film cinese" che o piace agli occidentali e ai critici ed è di nicchia o piace alla censura e al popolo cinese ed è mainstream: si tratta di un prodotto popolare, di grande successo, che si prende anche qualche piccola inaspettata libertà nei confronti di una censura non più così feroce come un tempo (credo che sia la prima volta che in un film cinese mainstream ci sono dei poliziotti dipinti come cretini) e che mette d'accordo tutti.
Vidi il film al Far East di Udine. Lo valutai positivamente ma allora mi sfuggì la reale bellezza di questa pellicola, perché non ebbi modo e tempo di apprezzarne bene la complessità della trama, una specie di perfetto meccanismo a orologeria. Vuoi perché i sottotitoli erano troppo veloci (ho completamente risincronizzato quelli italiani), vuoi perché con la quantità di film che si vedono a Udine è difficile seguire attentamente un plot così complesso in cui sono i dettagli che contano. Il consiglio quindi è quello di vederlo attentamente e di rivederlo per apprezzare tutti i dettagli che probabilmente si perdono durante la prima visione (spesso a causa dei sottotitoli e della difficoltà a comprendere certi passaggi molto "cinesi").

Nota per la traduzione - Non è soltanto una traduzione dai sottotitoli inglesi, ma una revisione attenta realizzata insieme a una madrelingua cinese (la mia ragazza, NdR) e un adattamento piuttosto libero alla cultura italiana. Ho cercato di privilegiare l'effetto che una certa battuta fa su un cinese e di tradurre tale effetto in un contesto più conosciuto in Italia, più che tradurre letteralmente la battuta stessa (per esempio: se nell'originale vedi degli uomini vestiti in giacca e cravatta e ci si riferisce a loro con un modo di dire intraducibile derivato da un telefilm di mafia e polizia locale, in italiano diventa "i tizi tipo Infernal Affairs"). C'è anche un problema linguistico piuttosto complicato: gli aiutanti del malvagio Li Fala hanno delle magliette ognuna con un ideogramma diverso, che messi in fila danno uno slogan pubblicitario. Tali aiutanti dopo un paio di slogan ben composti, non si mettono più in fila bene, e l'inversione degli ideogrammi genera scritte grottesche e divertenti. In italiano ho cercato di inventare un gioco simile in cui scambiando le parole si ottengono significati molto vicini a quelli del film. Ma purtroppo il risultato non può essere materialmente efficace come in originale, anche perché il sottotitolo scorre via veloce in mezzo ai sottotitoli dei dialoghi, quindi cercate per favore di immedesimarvi nello spettatore cinese e al limite di fermare un secondo per leggere meglio... Infine: ho tradotto anche molte scritte che nei sottotitoli inglesi non c'erano, e ho corretto qualche evidente errore di traduzione dal cinese all'inglese. Sicuramente mi saranno sfuggite alcune imperfezioni o refusi tipografici, quindi vi esorto a segnalarmeli per future versioni rivedute e corrette.

Note culturali - Per la comprensione di uno dei punti chiave della trama è necessario sapere che nei funerali tradizionali si usa gettare in aria soldi (molto) finti. Inoltre occorre sapere che in Cina la polemica popolare nei confronti di chi fa affari nel mercato immobiliare e nelle contraffazioni è enorme, in generale nei confronti di tutti i nuovi ricchi che fanno fortuna sfruttando le necessità più umane della gente non abbiente (la casa, la tomba di famiglia, le medicine). In particolare, proprio all'inizio, il "cattivo" si presenta con il nome di Li Fala, plausibile ma evidentemente falso: invertendo il nome con il cognome si ottiene infatti la pronuncia cinese dell'italianissimo brand "Ferrari", di cui evidentemente con le persone più sprovvedute lo sfrontato truffatore si finge il presidente. Infine, non stupitevi se la sigla finale è "Bella Ciao": in Cina il motivetto è molto noto per motivi ben descritti su questa pagina di Wikipedia.

Note tecniche - I sottotitoli sono in codifica UFT-8, realizzati su piattaforma Linux. Sono da intendersi rilasciati sotto licenza Creative Commons BY-NC-SA da Stefano Droghetti e Xian Lu.



Allega file  Crazy_racer.srt   79.77K   46 Numero di downloads






Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 21 December 2014 - 05:26 PM

Il mio audioblog sulla Cina, le canzoni, le guide su Linux: www.stefanodroghetti.co.nr

#2 Cialciut

    Direttore del montaggio

  • Membro
  • 2241 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 27 September 2011 - 07:05 PM

Grazie Senbee, Non credo di aver mai visto qualcosa del genere di provenienza cina mainland.
Quindi mi incuriosisce ed approfitto.

SNIAPA!™ addicted n° 3
Socio del "Ken Matsudaira and family fan club"


#3 Tyto

    Microfonista

  • Membro
  • 208 Messaggi:
  • Location:Pistoia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 28 September 2011 - 02:32 PM

Grazie Senbee. Se poi la traduzione è con la consulenza di una madrelingua, che dire, siamo sul professionale!
Lo vedrò con piacere!
file:///C:/Users/Francesco/Desktop/Francesco/Personale/inkan/Inkan.jpgImmagine inserita

#4 asturianito

    Produttore

  • Membro+
  • 3413 Messaggi:
  • Location:Bancomat d'Italia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 29 September 2011 - 08:11 PM

Che bel film, ne ho un ottimo ricordo.
Corri, corri, più corri e più guai trovi, più i guai ti inseguono e più ti tocca correre, più corri e più rischi di rimanerci secco.
Bisogna imparare a gestirsi quando si corre in bici: sa gestirsi la Cina che corre tanto?
Grande Ning Hao.
Non si possono prendere quattro gol contro aversari
che passano tre volte nostra metà campo. (V. Boskov)


Immagine inserita



Immagine inserita



#5 Senbee

    Microfonista

  • Membro
  • 147 Messaggi:
  • Location:Il Villaggio Pinguino.
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 September 2011 - 06:47 AM

Sono d'accordo con questa interpretazione del film. Non è così esplicita, ma per un cinese lo è, decisamente. Non a caso questo piccolo film ha avuto un successo al botteghino del tutto inaspettato, enorme, anche se si è limitato al pubblico giovane e colto (che comunque è tantissimo e non era mai andato così in blocco a vedere un film).
Il mio audioblog sulla Cina, le canzoni, le guide su Linux: www.stefanodroghetti.co.nr

#6 sobek

    雪狐

  • Membro
  • 513 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 October 2011 - 05:03 PM

Grazie per i sub di qualità veramente notevole, in tutti i sensi. :em41:
Venendo al film: folle commedia dal ritmo costantemente sopra le righe, venature da fratelli Coen con i personaggi che finiscono in situazioni ben più grandi di loro spinti dall'ambizione e dal denaro; i due killer da quattro soldi sono assolutamente esilaranti, alcuni momenti del film sono notevolissimi, tutti i personaggi sono ottimamente caratterizzati, anche quelli minori (vedi la moglie grassona). Nonostante l'incessante tourbillon di malintesi e di equivoci il regista tiene sempre in mano la pellicola, mostrando doti inusuali.
La metafora sociale della Cina moderna indubbiamente sembra calzare alla perfezione.
Passi Bella Ciao in Platform e in un altro lavoro che ora non mi sovviene (forse Sunflower? ), ma qui, al di là di tutto ci sta veramente come i cavoli a merenda, peraltro in una bella versione :em41:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi