Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Au Revoir Taipei

Traduzione di Cignoman

24 risposte a questa discussione

#1 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 February 2011 - 02:21 AM

Au Revoir Taipei

Scritto e diretto da Arvin Chen

Immagine inserita

Titolo originale: "Yi yè Tái bei"
A.k.a. "First Page Taipei"
Nazionalità: USA / Taiwan
Anno: 2010
Durata: 85'
Cast artistico: Hsiao-chuan Chang, Yue-Lin Ko, Amber Kuo, Jack Yao
Produttore esecutivo: Wim Wenders
Musiche: Du-Che Tu
Montaggio: Justin Guerrieri

Immagine inserita

Premi e riconoscimenti:
Best Asian Film (NETPAC) al Berlin International Film Festival 2010
Premio della giuria (Jury Award) al Deauville Asian Film Festival 2010
Premio del pubblico (Audience Award) al San Francisco Asian American International Film Festival
Golden Durian (Best Film) Award al Barcelona Asian Film Festival 2010
Best Narrative Feature al Asian Film Festival di Dallas

Immagine inserita
Immagine inserita
Immagine inserita


Trama: Kai è un ragazzo di Taipei come tanti, forse più ingenuo di altri. La sua ragazza, Fei, è partita per Parigi e non s'è più fatta viva. Per ingannare il tempo Kai la sera si siede in una libreria e cerca di imparare a parlare il francese, ma con scarso successo. Una giovane commessa della libreria, Susie, finisce per notarlo e gli rivolge la parola incuriosita, ma lui la ignora. Finalmente una sera Fei risponde al telefono, ma per cumunicargli che la loro relazione è al capolinea. Kai non la prende bene ed è ossesionato dall'idea di raggiungere Fei a Parigi: con quali soldi, però?

Diverte e convince sotto tutti i punti di vista, consiglio la visione a tutti!



Immagine inserita
Immagine inserita
Immagine inserita


La recensione di Edoardo Becattini:
Da quando ha visto partire dinnanzi a sé il taxi che ha condotto la fidanzata ad un volo per Parigi, Kai ha il cuore spezzato e non riesce a pensare ad altro che al giorno in cui potrà raggiungerla. Le sue giornate a Taipei trascorrono lentamente, fra un lavoro come fattorino per il ristorante dei suoi genitori e serate in libreria passate a studiare nozioni di grammatica francese. La sua assidua presenza attira la curiosità di Susie, una giovane dipendente del bookshop, che si intenerisce per la sua situazione e cerca di tirargli su il morale. Quando, in una delle brevi e sporadiche conversazioni su internet, Kai si rende conto che sta perdendo la sua amata, disperato, si rivolge ad un piccolo boss del quartiere, Brother Bao, perché lo aiuti a partire al più presto per la Ville Lumière. Giovani romantici, gangster improbabili, poliziotti gelosi, goffi balli di gruppo e jiaozi al vapore in quantità, sono gli elementi che colorano questa commedia romantica surreale in cui tutto appare come un gioco. Gli innamorati portano con leggerezza il peso dei gravosi tormenti del cuore, i gangster sono ragazzini in tenuta sgargiante che fanno minacce con pistole giocattolo, i boss della malavita conducono traffici loschi ma sotto sotto sono dei sentimentali, e perfino i poliziotti antepongono le difficoltà coniugali al loro ruolo istituzionale. Ognuno di loro si diverte fanciullescamente a fare la sua piccola parte in un gioco ancora più grande con gli stereotipi e le caratterizzazioni del noir occidentale. Quel che tuttavia distingue lo spirito ludico dell'esordiente Arvin Chen da una banale parodia giovanile di Marcel Carné o Jean-Pierre Melville è la configurazione della città di Taipei, che Chen non rende una semplice cartolina ma un luogo fatto di luci al neon e di vicoli bui dove poter vivere o sognare un'avventura diversa ad ogni angolo della strada. L'universo reale descritto dal continuo movimento dei personaggi (che, nell'arco di una sola notte, fuggono attraverso interi quartieri, utilizzando tutti i mezzi di trasporto) non ammette nessun establishing shot e non include nessun elemento facilmente riconoscibile. All'interno della “vera” Taipei costruisce invece un universo di assoluta finzione, dove ogni cosa è sostituita da un suo artificio ludico (dalle pistole alla droga, dalla danza alle telenovelas scadenti che passano in televisione) e dove per entrare bisogna sottostare alle regole del gioco. Su tutto il progetto, Wim Wenders pone la sua approvazione come produttore esecutivo, forse attratto dal girovagare dei personaggi attraverso una città fatta di luci e colori.



Immagine inserita
Immagine inserita
Immagine inserita


Il regista Arvin Chen: Sino-americano cresciuto in California, dopo essersi laureato alla UC Berkeley in architettura conosce il grande regista taiwanese Edward Yang tramite amici di famiglia e diventa suo assistente. Dopo circa due anni di lavoro con Yang torna in California per studiare alla USC School of Cinematic Arts. Nel 2005 è di nuovo a Taipei per girare il cortometraggio "Mei" (il suo film-tesi di diploma post laurea, "Master of Arts" in inglese) che ha vinto in seguito l'Orso D'Argento alla berlinale. Nel 2010 arriva al prestigioso festival di Berlino con il suo primo lungometraggio "Au revoir Taipei" / "First page Taipei" e vince il premio per il miglior film asiatico. Ha citato in un intervista del 2006 i registi da sui si sente influenzato: Shunji Iwai, Wong Kar-Wai, Ang Lee, Edward Yang, ma si sente "figlio" soprattutto dal cinema americano dei tardi anni '70: Hal Ashby, Francis Ford Coppola e il primo Woody Allen.


Intervista al regista apparsa su "Il Manifesto":
(l'aveva già postata il nostro François Truffaut)

Dopo essersi cimentato con i documentari come è nata l'idea per questo lungometraggio?
Cercavo un'alternativa alla città di Parigi per scrivere una commedia romantica e volevo che Taipei fosse quell'alternativa nel cinema.

Quali sono state le principali difficoltà?
Scrivere la sceneggiatura. I problemi organizzativi e di produzione sono niente rispetto alla scrittura. In produzione hai sempre molte persone pronte ad aiutarti nei problemi, con la scrittura invece, ti ritrovi sempre solo col tuo laptop ed è molto più complicato.

La storia si svolge tutta in una notte, perché?
Perché la notte è molto più romantica e Taipei è molto più bella di notte che di giorno. Anche se non è stato facile bagnare le strade ogni notte per rendere l'effetto riflesso dell'acqua a cui tenevo molto.

Lei si è formato negli Stati uniti, qual è il cinema da cui ha tratto ispirazione?
Molto cinema francese, il musical americano degli anni '50. In Au revoir Taipei volevo rappresentare Taipei offrendo un omaggio a Parigi e a Fino all'ultimo respiro. Ma c'è anche molto Wes Anderson di Bottle rocket e i fratelli Cohen di Raising Arizona. Ma più che influenza direi che ho rubato! Mi sono sempre piaciute le commedie slapstick, quelle in cui tutti sembrano idioti patentati che hanno a che fare con situazioni grottesche pur mantenendo una certa inespressività nel volto.

A proposito degli attori come si è orientato nella scelta?
Nel film c'è un solo attore professionista Lawrence Ho. Gli ho chiesto di somigliare un po' a Owen Wilson, di rappresentare quel tipo di ironia pura, con il volto quasi inespressivo di un personaggio che vuole fare il cattivo e che non ci riesce. Gli altri personaggi sono un po' più semplici, ma altrettanto efficaci. Era importante per me raggiungere un buon livello di video gag per rendere l'idea della commedia.

E qual'è la sua idea di commedia romantica?
Per me la vera forza di una commedia romantica sta nell'accennare le situazioni: non c'è bisogno di baci o abbracci. Le cose possono essere anche non dette.In più mi diverte l'aspetto della goffaggine. Non c'è niente di meglio di un gruppo di idioti che vogliono fare i cattivi e di un altro che vuole innamorarsi!

Cosa sta preparando adesso?
Un film ambientato nel 1983 sempre a Taipei, un'altra commedia romantica che si svolge nel mondo degli affari. Ha presente L'appartamento di Billy Wilder?



Immagine inserita

Links utili:
INTERVISTA AL REGISTA ARVIN CHEN (I) (in inglese)
INTERVISTA AL REGISTA ARVIN CHEN (II) (in inglese)
CORTOMETRAGGIO "MEI" DI ARVIN CHEN: LINK I / LINK II

VERSIONE SOTTOTITOLI: GiNJi
Allega file  Au.revoir.Taipei.AsianWorld.zip   24.27K   178 Numero di downloads


Immagine inserita


Permettetemi di ringraziare particolarmente François Truffaut per aver segnalato questo titolo: guardare il film e tradurlo è stato tempo ben speso.


Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 23 December 2014 - 06:02 PM

Immagine inserita


#2 battleroyale

    Kimkidukkiano Bjorkofilo

  • Collaboratore
  • 4424 Messaggi:
  • Location:Lecco
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 February 2011 - 11:31 AM

Non perdetelo!
Non è la solita commedia romantica da quattro soldi, ma è un film originale, fresco e divertente.
Il finale, poi, è splendido!

Grazie per i subs, amico! :dancesmile: :mukka: :seal:

Messaggio modificato da battleroyale il 17 February 2011 - 11:31 AM

Sweet Like Harmony, Made Into Flesh... You dance by my side, children sublime!


Immagine inserita



Le mie recensioni cinematografiche: http://matteo-bjork-...i.blogspot.com/

Lungometraggi subbati per aw: Lunchbox, Wool 100% , Tomie: Revenge, Sexual Parasite: Killer Pussy, Pray, Violated Angels, Go Go Second Time Virgin (Migliore attrice al XIV AW Award), A Slit-Mouthed Woman, Kuchisake, Teenage Hooker Became Killing Machine In DaeHakRoh, Marronnier, Raigyo, X-Cross, Loft (premio alla miglior regia al XV AW Award), The House, Evil Dead Trap 2 , Id, Female Market, The Coffin, Art Of The Devil 3, Coming Soon, Wife Collector, Nang Nak , Whispering Corridors 5: A Blood Pledge, Grotesque, Gonin, 4bia , Lover, Unborn But Forgotten, Life Is Cool , Serial Rapist, Noisy Requiem, Pig Chicken Suicide, Tamami: The Baby's Curse, Nymph, Blissfully Yours, La Belle, February 29, The Cut, Zinda, Rule Number One, Creepy Hide And Seek, M, Visage, Female, Naked Pursuit, Today And The Other Days, Red To Kill, Embracing, Kaleidoscope, Sky, Wind, Fire, Water, Earth, Letter From A Yellow Cherry Blossom, The Third Eye, 4bia 2, The Whispering Of The Gods, My Ex, The Burning, The Haunted Apartments, Vegetarian, Vanished, Forbidden Siren, Hole In The Sky (fabiojappo feat. battleroyale), Invitation Only, Night And Day, My Daughter, Amphetamine, Soundless Wind Chime, Child's Eye, Poetry, Oki's Movie , Natalie, Acqua Tiepida Sotto Un Ponte Rosso, The Echo, Gelatin Silver, Love, Help, Hazard, Late Bloomer, Routine Holiday, Olgami- The Hole, Caterpillar, The Commitment, Raffles Hotel, Ocean Flame, The Sylvian Experiments, Bloody Beach, The Vanished, Dream Affection, White: The Melody Of The Curse, Eighteen, I Am Keiko, Guilty Of Romance, Muscle, Birthday, Journey To Japan, POV: A Cursed Film, Exhausted, Uniform Virgin: The Prey, Gimme Shelter

Serie tv subbate per aw: Prayer Beads

Cortometraggi subbati per aw: Guinea Pig: Flowers Of Flesh And Blood, Guinea Pig: Mermaid In The Manhole, Guinea Pig: He Never Dies ,4444444444, Katasumi , Tokyo Scanner, Boy Meets Boy , Kyoko Vs. Yuki, Dead Girl Walking, Sinking Into The Moon, Suicidal Variations, House Of Bugs, Tokyo March, Emperor Tomato Ketchup, Birth/Mother, I Graduated, But..., Fighting Friends, Ketika, Lalu dan Akhirnya, South Of South, Incoherence, Imagine

L'altro Cinema: Drawing Restraint 9 , La Concejala Antropofaga, Subjektitüde

Inwork: Rec (60%), Kisses (50%), Serbis (90%)

#3 vision

    Operatore luci

  • Membro
  • 279 Messaggi:
  • Location:treviso
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 February 2011 - 11:55 AM

:dancesmile: grazie cignoman. Non vedo l'ora di gustarmelo.
se qui adesso/ ripenso al percorso/ della mia passione/ somigliavo ad un cieco / senza paura del buio (Akiko Yosano)

I miei lavori:

http://ledivanjaponais.deviantart.com/

http://ledivanjaponais.tumblr.com

Hikinige di Mikio Naruse [completato]
Candy Rain [50%]

[ho messo in una scatola tutti i miei ricordi.]

#4 Picchi

    Operatore luci

  • Membro
  • 452 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 February 2011 - 12:03 PM

Grazie!! mi sa che stasera me lo sparo subito :dancesmile:

"猿も木から落ちる" (Anche le scimmie cadono dagli alberi)





Immagine inserita


#5 giappy

    PortaCaffé

  • Membro
  • 5 Messaggi:
  • Location:Cagliari prov.
  • Sesso:

Inviato 17 February 2011 - 12:23 PM

Da vedere subito!!!! Grazie :dancesmile:

Messaggio modificato da François Truffaut il 17 February 2011 - 12:54 PM
Occhio al disclaimer, please! :)


#6 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4487 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 February 2011 - 12:38 PM

Grazie, metto in lista per i prossimi giorni ! :dancesmile:

#7 François Truffaut

    Wonghiano

  • Amministratore
  • 13036 Messaggi:
  • Location:Oriental Hotel
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 February 2011 - 12:51 PM

Ringrazio il buon cigno per averci regalato questo film, ennesimo esempio della vitalità del nuovo cinema taiwanese, finalmente sempre più protagonista su AsianWorld con le release di The Most Distand Course, Hear Me, Yang Yang, One Day. :dancesmile:

Non approcciatevi alla visione pensando di imbattervi in un capolavoro che vi riporterà ai tempi d'oro della precedente new wave taiwanese: come dice battle, il film è una commedia fresca, romantica e divertente con una atmosfera sospesa, portabandiera del buon cinema che avanza nell'isola di Formosa. Non è poco!

Sono curioso di vedere come verrà accolto dalla community.

Il mio commento: QUI.

Me lo rivedo volentieri.
Sottotitoli per AsianWorld: The Most Distant Course (di Lin Jing-jie, 2007) - The Time to Live and the Time to Die (di Hou Hsiao-hsien, 1985) - The Valiant Ones (di King Hu, 1975) - The Mourning Forest (di Naomi Kawase, 2007) - Loving You (di Johnnie To, 1995) - Tokyo Sonata (di Kiyoshi Kurosawa, 2008) - Nanayo (di Naomi Kawase, 2008)

#8 Nosferatu

    Operatore luci

  • Membro
  • 456 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 February 2011 - 01:38 PM

Grazie, questo me lo faccio decisamente a breve. Non vedo l'ora. :dancesmile:

Immagine inserita

«Sono venuti quelli dei Cahiers du cinéma, e mia figlia mi diceva che volevano sapere il tessuto connettivo tra quella targa che oscilla all'inizio del film Sei donne per l'assassino, dove c'è un temporale, e il telefono che casca quando la Bartok muore. Io non mi ricordavo neanche come finiva il film...»
(Mario Bava)

Tradotti per AsianWord:
A Summer at Grandpa's - Beautiful - Rice People - License to Live (con can tak)
Little Note - Night Train - Helpless

#9 ronnydaca

    Cameraman

  • Membro
  • 803 Messaggi:
  • Location:Sardegna
  • Sesso:

Inviato 17 February 2011 - 03:17 PM

Grazie Cignuzzo, metto in lista pure io. :dancesmile:

In attesa di migrazione






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi