Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE] The Housemaid (2010)

Traduzione di creep

27 risposte a questa discussione

#1 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5670 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 02 October 2010 - 09:48 AM

Immagine inserita





THE HOUSEMAID

하녀






Immagine inserita Immagine inserita





Immagine inserita





Lee Eun-yi è una donna divorziata sui trent’anni semplice e ingenua che viene assunta come tata da una famiglia altolocata, ma ben presto Hoon, il padrone di casa, che è sempre stato abituato ad ottenere ciò che vuole fin da bambino, si approfitta di lei mettendola incinta. La governante Cho Byung-sik riferisce la relazione adulterina a Mi-hee, la suocera di Hoon, che si adopera affinché Eun-yi abortisca e non rappresenti così più una minaccia per la figlia Hae-ra e i suoi nipoti.





Immagine inserita





Basata sul classico The Housemaid del 1960 di Kim Ki-young, la nuova versione di Im Sang-soo non è un vero e proprio remake, ma più una sorta di rivisitazione aggiornata ai tempi d’oggi, visto che la sceneggiatura differisce quasi totalmente dall’originale. Se nel classico del 1960 protagonista era una madre di famiglia della classe media che lottava per diventare abbiente, mezzo secolo dopo quella donna diventa talmente ricca da non avere altri obiettivi da raggiungere se non quello di difendere la posizione sociale raggiunta con le unghie e con i denti. Ed è comunque qui che intervengono elementi che si ricollegano al cinema di Kim Ki-young, come la fissazione per la riproduzione, che per Kim Ki-young serviva a prolungare l'esistenza tramite la discendenza, mentre con Im Sang-soo diventa un lasciapassare per il benessere. A ricordare il remake di Kim ki-young, se non proprio il suo cinema, vi sono anche dei dettagli di sfondo, omaggi impercettibili, dal ripiglino in ospedale ad oggetti della mobilia che ricordano quelli usati da Kim Ki-young in altri suoi film, o il discorso di Hoon sull’importanza del ruolo della domestica ("Ma lei crescerà i miei figli... E cucinerà il cibo che mangerò. È una persona importante. Dovrei accoglierla in maniera appropriata.") e la reazione di Hae-ra sull’impurezza di Hoon, ma niente di sostanziale. In questo modo Im Sang-soo tende a sdoganarsi dal peso di una pedissequa riproduzione, approfondendo da buon sociologo le dicotomie di classe e di genere, ancor più marcate nella modernità raggiunta di oggi piuttosto che negli anni 60, in cui quella classe media che oggi si sta sempre di più sfaldando muoveva i primi passi, e dove la “donna insetto” che irretiva l’uomo, si arrende alla disillusione del mito dell’emancipazione, in una società che pur nelle sue contraddizioni rimane oggi sostanzialmente ancorata ad una struttura patriarcale, e ci riuscirebbe se verso la fine non rincorresse Kim Ki-young proprio sul suo campo, spingendo l’acceleratore su un grottesco indecifrabile, contraddittorio e slegato dal contesto fino a quel punto narrato. Esempio lampante è proprio il personaggio della domestica, che prima decide di vendicarsi e poi s’impicca rinnegando le sue intenzioni iniziali, o il quadretto familiare finale, talmente incomprensibile da sfuggire a qualsiasi lettura: Le pin up di Hollywood, ingenue vittime dello star system e dei poteri forti (Robert(o) Kennedy? Roberto Benigni? :em41:) come la domestica del titolo? Mah!

Se Kim Ki-young considerava l’uomo un inetto dipendente dalle donne, Im Sang-soo ne riproduce una versione più egoistica e sicura di sé. Il personaggio della governante, elemento di novità rispetto all’originale del 1960, rispecchia il ruolo femminile, come mostrato anche nell’incipit inziale, dove le donne sono rappresentate come gli elementi della società che fanno girare il mondo, lavorano nell’ombra e sacrificano la loro felicità per il bene dei propri figli maschi, che nel caso di Hae-ra diventeranno degli uomini come Hoon, e in una società patriarcale dura a morire è in ciò che risiede il loro successo personale. Emblematico in questo senso è il discorso della madre:

“Non c'è bisogno che te la prenda con Hoon. Fin da quando è nato, ha ottenuto sempre tutto quello che voleva. Qualsiasi cosa vedesse, se la voleva, era sua. Ad ogni costo. Tutti gli uomini che fanno parte di quella famiglia sono fatti così. Guarda tua suocera. Ha patito le pene dell'inferno a causa di quegli uomini. La gente comune non può neanche immaginare quanto. Ma ha sopportato tutto fino a diventare chi è oggi. E guardala adesso. Non c'è anima viva che non baci la terra su cui cammina. Anche tu sarai come lei. E i tuoi figli saranno come Hoon. È quello che vogliamo entrambe, dico bene? Lascialo andare a letto con chi gli pare. In seguito, potrai godere dei benefici del tuo ruolo e vivere come una regina.”

Cast delle grandi occasioni e interpretazioni degne del loro nome. A partire da Jeon Do-yeon, che ha il ruolo complesso di una domestica allo stesso tempo ingenua e disinibita, irresistibile nel finale quando fa il verso ad Hoon, ma il personaggio cucitole addosso manca della personalità ruspante e schizofrenica dell'attrice dell'originale, risultando spesso spaesata, più vittima provocata che carnefice provocatrice, e non basta una cicatrice sulla coscia a restituire quel fascino macabro che aveva Lee Eun-shim. Seo Woo interpreta un personaggio viziato e intrattabile, inedito rispetto ai ruoli che è avvezza interpretare, ma sorprendentemente tagliato su misura per lei, mentre Yun Yeo-Jong da' vita a un personaggio irresistibilmente ironico, attestandosi come vero anello di congiunzione con il suo “regista-feticcio” Kim Ki-young. Piccolo cameo per Moon So-ri che interpreta la dottoressa, e almeno una volta nella vita, in un’unica scena, si vedono recitare a fianco le migliori attrici del cinema coreano.





Immagine inserita





Titolo Originale
Hanyo

Versione
The Housemaid Korea 2010 1,46

Genere
Thriller

Regia e Sceneggiatura
Im Sang-soo

Soggetto
Kim Ki-young

Interpreti
Jeon Do-yeon (Lee Eun-yi); Lee Jung-Jae (Go Hoon);
Yun Yeo-Jong (Cho Byung-sik); Seo Woo (Haera);
Ahn Seo-Hyeon (Nami); Park Ji-yeong (Mi-hee);
Hwang Jeong-min-I (amica di Eun-yi); Moon So-ri (dottoressa)

Musiche
Kim Hong-jib

Fotografia
Lee Hyeong-deok

Montaggio
Lee Eun-su

Produzione
Chae Hui-seung, Choe Pyeong-ho

Sito Ufficiale
http://www.housemaid.co.kr

Corea del Sud 2010, 106 min.







Immagine inserita











Sottotitoli





ATTENZIONE
Questo titolo è ora reperibile nei migliori negozi e store-on line.
Asian World si prefigge la promozione e la diffusione della cultura cinematografica asiatica.
Per questo motivo i sottotitoli relativi a questo film sono stati ritirati.
Supporta anche tu il cinema asiatico, acquistando questa pellicola in dvd.

The Housemaid










Immagine inserita


#2 Giangi

    Microfonista

  • Membro
  • 163 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 02 October 2010 - 10:25 AM

na mandrakata!
La storia mi intrippa assai
grazie!
ciao
Gianluca (Ji An-Luk ^_^)


Immagine inserita

#3 battleroyale

    Kimkidukkiano Bjorkofilo

  • Collaboratore
  • 4423 Messaggi:
  • Location:Lecco
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 October 2010 - 12:23 PM

Dopo essermi goduto l'originale un paio di mesi fa, finalmente mi sono visto anche questo remake di Im Sang-Soo. Che dire? L'originale era un capolavoro di una potenza straordinaria, in grado di urlare anche dopo cinquant'anni. Godeva di un senso macabro della tensione, sessualmente massacrante e trovava il suo punto di forza nell'inferno finale, dopo essere partito con un pathos lento. C'erano un po' le manie dei coreani del post-guerra lì, con un feticismo sfrenato per i veleni e con le fobie di un popolo alla ricerca di un equilibrio. E soprattutto c'era Kim Ki-Young, che con una regia sicura carambolava sequenze intense e bellissime, aiutandosi con un cast straordinario.
Im Sang-Soo cerca di cambiare le carte in tavola, inseguendo (giustamente) la propria filosofia di cinema. Il nuovo "The Housemaid" è un film elegantissimo, curato, sia nella forma che nel contenuto, praticamente impeccabile e -(s)fortunatamente- perfetto. Se c'era una cosa che nell'originale era un asso nella manica era proprio il miscelare con grazia eleganza e istinto selvaggio, qui invece sembra di intraprendere un viaggio nella borghesia più sfrenata. Colori che viaggiano tra le tonalità bianco-rosa, vasche da bagno con idromassaggio, uomini incravattati e donne bellissime in abiti lussuosi, pianoforti a coda, stanze immense... Insomma, tutta una confezione.
La storia? C'è eccome, ed è raccontata con il pathos nichilista-elegante che caratterizza l'Im Sang-Soo di "La Moglie Dell'Avvocato".
Più sessualmente esplicito e meno psicologico, il nuovo "The Housemaid" è spettacolo; un buon film (che si allontana non poco dall'originale di Ki-Young, pur mantenendo lo spunto originale) che però non riesce a dare alcuna emozione rispetto all'originale, che -al contrario- lasciava dentro quella straordinaria sensazione di sporca cattiveria difficile da lavare via.

Questo nuovo capitolo della filmografia di Im Sang-Soo sembra a certi melò coreani contemporanei: più dediti a catturare lo spettatore con belle immagini e quindi a catturare l'occhio, più che il cuore. Il risultato è eccellente, ma suona più come un esercizio di stile sulla perfezione cinematografica. Attori magnifichi, finale splendido. Bello, dunque, ma lontano anni luce dal vero "Housemaid".
Sweet Like Harmony, Made Into Flesh... You dance by my side, children sublime!


Immagine inserita



Le mie recensioni cinematografiche: http://matteo-bjork-...i.blogspot.com/

Lungometraggi subbati per aw: Lunchbox, Wool 100% , Tomie: Revenge, Sexual Parasite: Killer Pussy, Pray, Violated Angels, Go Go Second Time Virgin (Migliore attrice al XIV AW Award), A Slit-Mouthed Woman, Kuchisake, Teenage Hooker Became Killing Machine In DaeHakRoh, Marronnier, Raigyo, X-Cross, Loft (premio alla miglior regia al XV AW Award), The House, Evil Dead Trap 2 , Id, Female Market, The Coffin, Art Of The Devil 3, Coming Soon, Wife Collector, Nang Nak , Whispering Corridors 5: A Blood Pledge, Grotesque, Gonin, 4bia , Lover, Unborn But Forgotten, Life Is Cool , Serial Rapist, Noisy Requiem, Pig Chicken Suicide, Tamami: The Baby's Curse, Nymph, Blissfully Yours, La Belle, February 29, The Cut, Zinda, Rule Number One, Creepy Hide And Seek, M, Visage, Female, Naked Pursuit, Today And The Other Days, Red To Kill, Embracing, Kaleidoscope, Sky, Wind, Fire, Water, Earth, Letter From A Yellow Cherry Blossom, The Third Eye, 4bia 2, The Whispering Of The Gods, My Ex, The Burning, The Haunted Apartments, Vegetarian, Vanished, Forbidden Siren, Hole In The Sky (fabiojappo feat. battleroyale), Invitation Only, Night And Day, My Daughter, Amphetamine, Soundless Wind Chime, Child's Eye, Poetry, Oki's Movie , Natalie, Acqua Tiepida Sotto Un Ponte Rosso, The Echo, Gelatin Silver, Love, Help, Hazard, Late Bloomer, Routine Holiday, Olgami- The Hole, Caterpillar, The Commitment, Raffles Hotel, Ocean Flame, The Sylvian Experiments, Bloody Beach, The Vanished, Dream Affection, White: The Melody Of The Curse, Eighteen, I Am Keiko, Guilty Of Romance, Muscle, Birthday, Journey To Japan, POV: A Cursed Film, Exhausted, Uniform Virgin: The Prey, Gimme Shelter

Serie tv subbate per aw: Prayer Beads

Cortometraggi subbati per aw: Guinea Pig: Flowers Of Flesh And Blood, Guinea Pig: Mermaid In The Manhole, Guinea Pig: He Never Dies ,4444444444, Katasumi , Tokyo Scanner, Boy Meets Boy , Kyoko Vs. Yuki, Dead Girl Walking, Sinking Into The Moon, Suicidal Variations, House Of Bugs, Tokyo March, Emperor Tomato Ketchup, Birth/Mother, I Graduated, But..., Fighting Friends, Ketika, Lalu dan Akhirnya, South Of South, Incoherence, Imagine

L'altro Cinema: Drawing Restraint 9 , La Concejala Antropofaga, Subjektitüde

Inwork: Rec (60%), Kisses (50%), Serbis (90%)

#4 battleroyale

    Kimkidukkiano Bjorkofilo

  • Collaboratore
  • 4423 Messaggi:
  • Location:Lecco
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 October 2010 - 12:38 PM

Recensione fighissima, comunque! :em41: :em83: :em63: :em41:
Grande creep!
Sweet Like Harmony, Made Into Flesh... You dance by my side, children sublime!


Immagine inserita



Le mie recensioni cinematografiche: http://matteo-bjork-...i.blogspot.com/

Lungometraggi subbati per aw: Lunchbox, Wool 100% , Tomie: Revenge, Sexual Parasite: Killer Pussy, Pray, Violated Angels, Go Go Second Time Virgin (Migliore attrice al XIV AW Award), A Slit-Mouthed Woman, Kuchisake, Teenage Hooker Became Killing Machine In DaeHakRoh, Marronnier, Raigyo, X-Cross, Loft (premio alla miglior regia al XV AW Award), The House, Evil Dead Trap 2 , Id, Female Market, The Coffin, Art Of The Devil 3, Coming Soon, Wife Collector, Nang Nak , Whispering Corridors 5: A Blood Pledge, Grotesque, Gonin, 4bia , Lover, Unborn But Forgotten, Life Is Cool , Serial Rapist, Noisy Requiem, Pig Chicken Suicide, Tamami: The Baby's Curse, Nymph, Blissfully Yours, La Belle, February 29, The Cut, Zinda, Rule Number One, Creepy Hide And Seek, M, Visage, Female, Naked Pursuit, Today And The Other Days, Red To Kill, Embracing, Kaleidoscope, Sky, Wind, Fire, Water, Earth, Letter From A Yellow Cherry Blossom, The Third Eye, 4bia 2, The Whispering Of The Gods, My Ex, The Burning, The Haunted Apartments, Vegetarian, Vanished, Forbidden Siren, Hole In The Sky (fabiojappo feat. battleroyale), Invitation Only, Night And Day, My Daughter, Amphetamine, Soundless Wind Chime, Child's Eye, Poetry, Oki's Movie , Natalie, Acqua Tiepida Sotto Un Ponte Rosso, The Echo, Gelatin Silver, Love, Help, Hazard, Late Bloomer, Routine Holiday, Olgami- The Hole, Caterpillar, The Commitment, Raffles Hotel, Ocean Flame, The Sylvian Experiments, Bloody Beach, The Vanished, Dream Affection, White: The Melody Of The Curse, Eighteen, I Am Keiko, Guilty Of Romance, Muscle, Birthday, Journey To Japan, POV: A Cursed Film, Exhausted, Uniform Virgin: The Prey, Gimme Shelter

Serie tv subbate per aw: Prayer Beads

Cortometraggi subbati per aw: Guinea Pig: Flowers Of Flesh And Blood, Guinea Pig: Mermaid In The Manhole, Guinea Pig: He Never Dies ,4444444444, Katasumi , Tokyo Scanner, Boy Meets Boy , Kyoko Vs. Yuki, Dead Girl Walking, Sinking Into The Moon, Suicidal Variations, House Of Bugs, Tokyo March, Emperor Tomato Ketchup, Birth/Mother, I Graduated, But..., Fighting Friends, Ketika, Lalu dan Akhirnya, South Of South, Incoherence, Imagine

L'altro Cinema: Drawing Restraint 9 , La Concejala Antropofaga, Subjektitüde

Inwork: Rec (60%), Kisses (50%), Serbis (90%)

#5 YìdàlìRén

    Operatore luci

  • Membro
  • 470 Messaggi:
  • Location:米兰
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 October 2010 - 01:07 PM

Ho già rinunciato a vedere qualche film perché le versione 1,45 sono introvabili :em41: . Però questo mi intriga veramente parecchio :em41: :em41: :em66: . Ogni suggerimento è ben accetto :) .

Immagine inserita


#6 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3553 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 October 2010 - 02:59 PM

Grazie creep! Secondo me questo pseudo remake è un ottimo film!
Non varrà l'originale, ma vale più di una visione!

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#7 Woo-jin

    PortaCaffé

  • Membro
  • 36 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 October 2010 - 05:03 PM

YìdàlìRén, il 02 October 2010 - 01:07 PM, ha scritto:

Ho già rinunciato a vedere qualche film perché le versione 1,45 sono introvabili :em41: . Però questo mi intriga veramente parecchio :em41: :em41: :em66: . Ogni suggerimento è ben accetto :) .
condivido appieno

fra l'altro ho scaricato i subs eng per la versione xtm e confrontandoli con questi sembrano due film totalmente diversi,nn corrisponde nemmeno una battuta

Messaggio modificato da Woo-jin il 03 October 2010 - 11:48 AM


#8 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5670 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 04 October 2010 - 05:03 AM

E ti credo... le versioni xtm sono notoriamente tradotte con l'autotranslator, ovvero coi piedi, mentre questa è tratta direttamente dal dvd, ma se ti riferisci ad esempio alla versione dvd adattata per l'xtm che è presente su kloofy, le battute combaciano tutte, ovviamente e come sempre seguendo il senso del discorso, non facendo la traduzione letterale. Se magari vai un po' più sullo specifico...

Immagine inserita


#9 Mr. Noodles

    Operatore luci

  • Membro
  • 305 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 04 October 2010 - 10:47 AM

quando arriveranno i subs per l'originale? :em41:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi