Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Nymph

traduzione di battleroyale, revisione di Akira

62 risposte a questa discussione

#1 battleroyale

    Kimkidukkiano Bjorkofilo

  • Collaboratore
  • 4424 Messaggi:
  • Location:Lecco
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 January 2010 - 07:27 AM

Nymph



Immagine inserita


Titolo: Nymph
Titolo Originale: Nang Mai
Regia: Pen-Ek Ratanaruang ( :em41: :em41:)
Con: Jayanama Nopachai, Porntip Papanai, Wanida Termthanaporn, Chamanun Wanwinwatsara
Genere: Drammatico-Horror (imdb aggiunge fantasy... ancora una volta dubito che abbiano visto il film)
Produzione: Thailandia, 2009
Durata: 92'
imdb: 6.3/10 (136 voti) http://www.imdb.com/title/tt1424366/
Versione: Allzine
Traduzione: battleroyale
Revisione: Akira




Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


May e Nop sono una giovane coppia sposata in crisi che, per ritrovare il proprio equilibrio, decide di passare qualche giorno in una foresta. Il clima tra i due è teso: si parlano a stento, Nop vorrebbe far l'amore con May, ma lei non si fa toccare poichè ha una segreta storia extraconiugale con un collega di lavoro, litigano... Poi, il giorno dopo, May si sveglia e Nop non è più accanto a lei. Inizia a cercarlo senza successo. Disperata, May denuncia la scomparsa di Nop alla polizia locale, scoprendo che in quella foresta sono scomparse diverse persone. Tornata a casa, la ragazza, distrutta, va a letto. Quando si risveglia ritrova Nop sdraiato sul divano. May non sa come possa essere tornato, ma è felice di aver ritrovato suo marito, che, tuttavia, comincia a comportarsi in modo strano, molto strano: non mangia mai, beve tantissima acqua e pare aver scoperto l'oscuro segreto della moglie. Quando May riceve l'inquietante chiamata della polizia tutto precipita: è stato ritrovato un cadavere maschile nella foresta...



Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


Silenzi che urlano.


(rece dal mio blog di cinema orientale cinema_asiatico)
Pen-Ek Ratanaruang è una delle più affascinanti realtà del cinema contemporaneo asiatico, oltre che thailandese. Il suo stile è minimale, ipnotico, in grado di scarnificare e rivitalizzare qualasiasi genere secondo la sua firma: dal dramma esistenziale (Last Life In The Universe), al thriller (Invisible Waves). Ma ora il regista thailandese ha deciso di affondare del suo stile unico nell'horror: "Nymph" è un film tanto inspiegabile quanto affascinante.

Già dal primo fotogramma si è immersi già in cinema particolarmente alto: la telecamera fluttua tra i rami oscuri. Oscilla tra i rami e si perde. E' la vita del cinema, della telecamera. Noi assorbiamo il silenzio della foresta e lo facciamo nostro. Una ragazza grida ma non ce ne accorgiamo, rapiti dalla bellezza che ci circonda.

Ed è per dieci minuti abbondanti che ci pare di essere in quella foresta, a condividere dolori con i personaggi, con i protagonisti silenziosi, quasi in lutto. Il lutto delle loro emozioni.

Il regista pare che riesca a filmare anche all'interno dei suoi attori, metaforicamente parlando ovviamente. Riesce a farci sentire le loro emozioni. Così come nel capolavoro "Last Life In The Universe" Ratanaruang è riuscito a tagliuzzare una trama da potenziale thriller drammatico, così in "Nymph" ha spezzato le regole dell'horror e ne ha plasmato il suo "Antichrist": un bellissimo dramma surreali con scaglie horror e con radici profonde nei sentimenti più reconditi dell'uomo.

Un film bellissimo, stralunato e coinvolgente, che affonda in un terrore embrionale eche sfocia nella follia. Meraviglioso. L'ennesimo colpo di genio di un grande maestro, da cui ci si aspetterebbero, sempre, grandi cose.



Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


(recensione di Antonio Spera):
In pochi ricordano il suo nome, ma la sua cifra stilistica è inconfondibile. Il regista thailandese Pen-ek Ratanaruang, già autore dei bellissimi e convincenti The Last Life in the Universe e Ploy, non si smentisce mai. I suoi film possono piacere o no, ma è sotto gli occhi di tutti il suo straordinario talento visionario, la sua genialità nel costruire le storie, la sua follia distruttrice del reale, l’eleganza con cui muove la macchina da presa.
Il suo ultimo film, Nang Mai (Nymph), presentato a Cannes 2009 nella sezione Un Certain Regard, inizia subito sprigionando la classe dell’autore. In un lunghissimo piano sequenza (quasi 10 minuti) la macchina da presa fluttua lentamente all’interno di una foresta evitando i fitti rami degli alberi ; una ragazza corre disperata inseguita da due uomini e quando viene presa e stuprata, l’obiettivo la inquadra nascondendosi dietro agli alberi. Poi, continuando il suo movimento, la cinepresa si allontana immergendosi nel verde della foresta ; vola alto, poi si riabbassa, fino ad avvicinarsi lentamente ai corpi senza vita dei due stupratori stesi nell’acqua in un ruscello.
Mentre si guarda questa scena non viene da domandarsi come sia stata girata perché si è totalmente affascinati ed avvolti nel contesto (sovra)naturale rappresentato. E così è per tutta la durata della pellicola. Pen-ek Ratanaruang crea un’atmosfera “altra”, a metà tra il dramma familiare ed il thriller paranormale, in cui uomo e natura si fondono, in cui non si riesce a distinguere il sogno dalla realtà, il vero dalla visione interiore, la leggenda dalla vita vera. In quest’atmosfera lo spettatore rimane immerso e costretto. Sebbene, proprio per questo disorientamento narrativo, lo svolgimento degli eventi non risulti ben chiaro, il film tiene il pubblico attaccato allo schermo, non tanto per il suo ritmo – anzi, esso è molto lento e riflessivo – quanto perché spinge a ricercare le motivazioni dei fatti in un universo psicologico e sovrannaturale che non dà punti di riferimento evidenti.
Gli spettatori così come i personaggi vivono una realtà che non esiste o che comunque non è come appare. L’ordine del mondo in cui si ritrovano i protagonisti, dopo la loro gita nella foresta, è dettato dalla natura e dai suoi spiriti e quindi è imperscrutabile ed ingovernabile. I valori cambiano, i sentimenti assumono forme diverse, i rapporti interpersonali prendono nuove strade. Forse neanche il regista Pen-ek Ratanaruang comprende fino in fondo le cause degli eventi narrati. Ma d’altronde la sua arte cinematografica è un fiume incontenibile e caotico di idee e di follia. Cercare di capirla fino in fondo sarebbe un’azione sbagliata ed inconcludente. L’unico modo per apprezzarla è lasciarsi travolgere dai flussi che emana e dalla poesia del suo stile.




Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita




(recensione di Nicola Picchi):
Un piano sequenza di otto minuti definisce le coordinate dell'ultimo Pen-ek Ratanaruang, un piano sequenza ingannevole che nasconde al suo interno un'ellissi temporale: in una foresta due uomini stuprano una donna e dopo alcuni, ipnotici minuti di contorsioni della steadycam, i medesimi aggressori vengono mostrati, ormai cadaveri, mentre galleggiano in un fiume. Questo prologo segna l'inizio di "Nymph", l'opera forse più ermetica, irrisolta e indecifrabile del regista thailandese.
Un'apparente incursione nel fantastico puro, che nasconde in filigrana una melanconica riflessione sui rapporti interpersonali e sull'infedeltà, analoga a quella del precedente "Ploy". La cifra stilistica e' la stessa: un felpato onirismo in cui sogno e realtà si fondono l'uno dentro l'altra, e in cui il linguaggio viene piegato a minimi, impercettibili spostamenti di senso.

Lo spazio naturale, pervaso di senso panico, e lo spazio urbano sono i due poli opposti tra cui oscillano i protagonisti di "Nymph". Da un lato un universo disarmonico, rigidamente strutturato, alienato, dove i rapporti tra le persone seguono tappe obbligate (il matrimonio, il tradimento), dall'altro lo spazio sintonico, libero, istintuale della natura, in cui forse è possibile sanare una frattura, ricostruire un equilibrio tra l'uomo e il cosmo ormai definitivamente incrinato.
La Ninfa del titolo, che sia un'evoluzione della figura femminile che vediamo nel prologo, una ninfa dei boschi o una driade, è il simbolo catalizzatore di questa dicotomia insanabile.
E' d'obbligo ricorrere alla classicità, ricordando che un frammento di Eschilo ci insegna che le ninfe "offrono il dono della vita", mentre Plutarco usa una parola specifica per definire chi è posseduto dalle ninfe (nymphóleptos, traducibile con ninfolessia), possessione non da intendersi nella moderna accezione cattolico-occultistica, ma come metamorfosi, ebrezza divina che porta felicità e conoscenza.
Nop ricompone l'armonia facendo l'amore con la ninfa fra le radici di un albero, in una scena curiosamente simile a quella dell' "Antichrist" di Lars Von Trier, anche se al posto dell'allucinato nitore della pittura fiamminga omaggiata dal regista danese abbiamo un misticismo di stampo animista che rammenta l'Apichatpong Weerasethakul di "Tropical Malady".


Immagine inserita

Immagine inserita

Immagine inserita


Nop, nel suo immaginario ritorno a casa, è infatti radicalmente mutato.
Rifiuta di mangiare e consuma esclusivamente grandi quantità di acqua, assimilato da May al grande albero che domina la foresta, contro cui sfogherà tutta la propria aggressività e frustrazione.
Evitando prevedibili derive in odore di manicheismo (vedi "L'albero del male" di Friedkin), Ratanaruang sembra optare per una riconciliazione, come appare evidente dalle ultime parole proferite da Nop, prima di scomparire per sempre nella giungla.

Nopachai Jayanama è il classico protagonista passivo alla Ratanaruang e, pur mancando del carisma di Tadanobu Asano in "Last Life in the Universe" e "Invisible Waves", se la cava dignitosamente, così come la May di Wanida Termthanaporn, anche se i veri protagonisti del film sono la languida e sognante regia di Ratanaruang, la fotografia di Charnkit Chamnivkaipong e il suggestivo sound design di Koichi Shimizu, che dà voce e respiro alla foresta.
La versione definitiva approvata dal regista è più breve di circa 15 minuti rispetto a quella presentata a Cannes, e il film è dedicato a Wouter Barendrecht, produttore della benemerita "Fortissimo Films" recentemente scomparso.




Immagine inserita


:em41: :em41: BUONA VISIONE! :em41: :em41:






Allega file  NYMPH ITA.zip   7.84K   229 Numero di downloads




Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 03 November 2014 - 04:45 PM

Sweet Like Harmony, Made Into Flesh... You dance by my side, children sublime!


Immagine inserita



Le mie recensioni cinematografiche: http://matteo-bjork-...i.blogspot.com/

Lungometraggi subbati per aw: Lunchbox, Wool 100% , Tomie: Revenge, Sexual Parasite: Killer Pussy, Pray, Violated Angels, Go Go Second Time Virgin (Migliore attrice al XIV AW Award), A Slit-Mouthed Woman, Kuchisake, Teenage Hooker Became Killing Machine In DaeHakRoh, Marronnier, Raigyo, X-Cross, Loft (premio alla miglior regia al XV AW Award), The House, Evil Dead Trap 2 , Id, Female Market, The Coffin, Art Of The Devil 3, Coming Soon, Wife Collector, Nang Nak , Whispering Corridors 5: A Blood Pledge, Grotesque, Gonin, 4bia , Lover, Unborn But Forgotten, Life Is Cool , Serial Rapist, Noisy Requiem, Pig Chicken Suicide, Tamami: The Baby's Curse, Nymph, Blissfully Yours, La Belle, February 29, The Cut, Zinda, Rule Number One, Creepy Hide And Seek, M, Visage, Female, Naked Pursuit, Today And The Other Days, Red To Kill, Embracing, Kaleidoscope, Sky, Wind, Fire, Water, Earth, Letter From A Yellow Cherry Blossom, The Third Eye, 4bia 2, The Whispering Of The Gods, My Ex, The Burning, The Haunted Apartments, Vegetarian, Vanished, Forbidden Siren, Hole In The Sky (fabiojappo feat. battleroyale), Invitation Only, Night And Day, My Daughter, Amphetamine, Soundless Wind Chime, Child's Eye, Poetry, Oki's Movie , Natalie, Acqua Tiepida Sotto Un Ponte Rosso, The Echo, Gelatin Silver, Love, Help, Hazard, Late Bloomer, Routine Holiday, Olgami- The Hole, Caterpillar, The Commitment, Raffles Hotel, Ocean Flame, The Sylvian Experiments, Bloody Beach, The Vanished, Dream Affection, White: The Melody Of The Curse, Eighteen, I Am Keiko, Guilty Of Romance, Muscle, Birthday, Journey To Japan, POV: A Cursed Film, Exhausted, Uniform Virgin: The Prey, Gimme Shelter

Serie tv subbate per aw: Prayer Beads

Cortometraggi subbati per aw: Guinea Pig: Flowers Of Flesh And Blood, Guinea Pig: Mermaid In The Manhole, Guinea Pig: He Never Dies ,4444444444, Katasumi , Tokyo Scanner, Boy Meets Boy , Kyoko Vs. Yuki, Dead Girl Walking, Sinking Into The Moon, Suicidal Variations, House Of Bugs, Tokyo March, Emperor Tomato Ketchup, Birth/Mother, I Graduated, But..., Fighting Friends, Ketika, Lalu dan Akhirnya, South Of South, Incoherence, Imagine

L'altro Cinema: Drawing Restraint 9 , La Concejala Antropofaga, Subjektitüde

Inwork: Rec (60%), Kisses (50%), Serbis (90%)

#2 Franšois Truffaut

    Wonghiano

  • Amministratore
  • 12992 Messaggi:
  • Location:Oriental Hotel
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 January 2010 - 10:03 AM

Oh, grazie battle. Questo provo a papparmelo subito.

Cinema Taiwanese su AsianWorld.it



Immagine inserita

Naomi Kawase: il cinema, i film

Immagine inserita



Sottotitoli per AsianWorld: The Most Distant Course (di Lin Jing-jie, 2007) - The Time to Live and the Time to Die (di Hou Hsiao-hsien, 1985) - The Valiant Ones (di King Hu, 1975) - The Mourning Forest (di Naomi Kawase, 2007) - Loving You (di Johnnie To, 1995) - Tokyo Sonata (di Kiyoshi Kurosawa, 2008) - Nanayo (di Naomi Kawase, 2008)

#3 paolone_fr

    GeGno del Male

  • Disattivato
  • 6977 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 15 January 2010 - 10:58 AM

grandissimo film, come giÓ commentato nell'altro thread.
soggettiva iniziale stupefacente per tecnica e impatto.

#4 sobek

    雪狐

  • Membro
  • 513 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 January 2010 - 11:35 AM

Ottimo BR , seguo Fransuas :em31:

#5 elgrembiulon

    maledetto punk

  • Membro storico
  • 5736 Messaggi:
  • Location:┼, Norge
  • Sesso:

Inviato 15 January 2010 - 11:38 AM

grazzie mille battle! :em31:
Subs Asian: Takeshis' (rece by polpa and subs no longer available, maledizione!!), Aparajito (L'Invitto), 4:30, The Scent Of Green Papaya

Subs Altro Cinema: Ariel (subs no longer available),Kaldaljˇs, Children of Nature (B÷rn nßtt˙runnar), ěyenstikker (TlwtN1),Den brysomme mannen (The bothersome man)(TlwtN2), Voksne Mennesker, La libertad, Vinterkyss (TlwtN3), Valehtelija (The Liar) (RS1), Rosso (RS2), Fantasma, Bleeder, The Man From London (A londoni fÚrfi), Bronson

in work: Mřrin (Jar City) (3%)

Suntoryzzato ufficialmente in data 27/01/2007



Nessuna commedia coreana tradotta dal 24/07/2005.

La natura e le sue leggi erano nascoste nelle tenebre. Poi Dio disse: "Sia fatto Tesla", e tutto fu luce. (B.A. Behrend)

#6 Kitano

    Operatore luci

  • Membro
  • 482 Messaggi:
  • Location:Pescara
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 January 2010 - 01:14 PM

Grazie, ero in attesa :em69:



#7 Hikaruno5

    Microfonista

  • Membro
  • 238 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 15 January 2010 - 05:37 PM

Il pi¨ importante film thailandese del 2009. :em69:
Lo aspettavo, grazie.

Immagine inserita

Se ti dicessi che ho scritto questa canzone per te,
mi crederesti?

Sub AW: The love of Siam, Eternal Summer


#8 paolone_fr

    GeGno del Male

  • Disattivato
  • 6977 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 15 January 2010 - 06:02 PM

Visualizza MessaggioHikaruno5, il 15 January 2010 - 05:37 PM, ha scritto:

Il pi¨ importante film thailandese del 2009. :em69:
dopo Fireball, naturalmente
:em07:

#9 Hikaruno5

    Microfonista

  • Membro
  • 238 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 15 January 2010 - 07:05 PM

Visualizza Messaggiopaolone_fr, il 15 January 2010 - 06:02 PM, ha scritto:

dopo Fireball, naturalmente
:em66:

In un qualche mondo perverso, forse si. :em16:
Anche dopo khan Kluay 2 allora. :em16:

Messaggio modificato da Hikaruno5 il 15 January 2010 - 07:05 PM

Immagine inserita

Se ti dicessi che ho scritto questa canzone per te,
mi crederesti?

Sub AW: The love of Siam, Eternal Summer






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi