Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

- - - - -

[RECE][SUB] Burden of Dreams (Blank su Fitzcarraldo)

tradotto da lazarus gordon

10 risposte a questa discussione

#1 lazarusg

    Ciakkista

  • Membro
  • 70 Messaggi:
  • Location:Berlin
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 November 2009 - 08:40 PM

Immagine inserita
un film di Les Blank

VERSIONE SOTTOTITOLI: (AEN 699.64)

DOCUMENTARIO SU FITZCARRALDO DI WERNER HERZOG


I sogni hanno un peso.
Herzog lo sa molto ma molto bene perché nel Novembre del 1981 trainò su per una montagna, nel mezzo della giungla, sulle rive di un fiume limaccioso, un sogno pesante tonnellate e tonnellate.
Les Blank c'era e lo ha filmato.
Burden of dreams è il documentario sulla lavorazione di Fitzcarraldo.
Blank segue passo passo la creazione del film partendo dalla genesi e giungendo alla realizzazione del sogno. Ma la storia contenuta fra questi due estremi ha dell'incredibile, e di seguito tenterò brevemente di riassumerla.
Innanzi tutto nella prima location l'intera troupe ebbe problemi con le tribù locali e così si dovette spostare a Iquitos, chilometri e chilometri più a sud; in seguito, il protagonista Jason Robards, dopo 5 settimane di girato, si ammalò gravemente e gli fu vietato il ritorno sul set. La sua spalla, Mick Jagger, a causa del prolungarsi delle riprese fu costretto a tornare nel vecchio continente per esigenze discografiche, così il suo ruolo fu cancellato. Al posto di Robards, come è noto, venne chiamato Klaus Kinski con cui il film venne ricominciato da capo.


Si comprende di come le riprese avvennero in un contesto di grande precarietà in cui Herzog si faceva letteralmente in quattro per riuscire a guidare gli indigeni e l'intero cast, soprattutto durante le scene di massa. Oltre agli ovvi problemi di comunicazione, anche se il buon Werner se la cava con lo spagnolo, Herzog dovette far fronte ad una discrepanza etnica fra la troupe occidentale e quella nativa. Fu deciso di separare i due accampamenti non per questioni "razziste", ma semplicemente perché gli usi e costumi erano totalmente diversi. Come sottolinea il regista bavarese agli indios non sarebbe piaciuto il cibo occidentale e alla troupe quello locale. Inoltre, in seguito all'immobilità delle riprese, fra gli indigeni (e non solo, anche Kinski si lamentava) serpeggiava un certo scoramento condito da profusa noia. Per cercare di migliorare la situazione, Herzog, dopo il suggerimento di un prete missionario, ingaggiò una prostituta per evitare tensioni (cioè, una puttana nel backstage, non so se mi spiego, roba d'altri tempi). Come se non bastasse alcuni nativi vennero feriti quasi mortalmente da alcune frecce, uno di questi, per esempio, riportò una lunga ferita dal collo fino alla spalla.
Parecchio complicata fu la realizzazione della scena madre. Herzog inizialmente si avvalse di un ingegnere brasiliano che pronosticò una catastrofe se il regista non avesse cambiato idea. La catastrofe non ci fu, ma i cavi trainanti si spezzarono e la scena è proprio quella che si vede nel film. Successivamente l'ingegnere brasiliano fu sostituito da un team di professionisti peruviani e la barca fu finalmente portata sopra la montagna, ma nel frattempo la troupe, utilizzando un'altra nave girò la sequenza sulle "rapide della morte" dove il direttore della fotografia, Thomas Mauch, storico collaboratore del regista, si ferì gravemente ad una mano dopo che la barca urtò contro una parete rocciosa.


Va da sé che dopo la visione del film più epico di Herzog questo documentario acquista grande valore perché oltre a svelare il dietro le quinte dell'opera, accoglie le confessioni di un Herzog sconsolato dagli eventi: "Se credessi nel diavolo direi che il diavolo era qui ed è ancora qui". Ma anche maledettamente tenace nel raggiungere il suo sogno.

fonte: http://pensieriframm...-of-dreams.html

Allega File(s)


Messaggio modificato da JulesJT il 16 December 2014 - 09:33 PM
Riordino RECE


#2 lazarusg

    Ciakkista

  • Membro
  • 70 Messaggi:
  • Location:Berlin
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 November 2009 - 08:49 PM

quello che non capisco č come mai in questo documentario sono assenti le sfuriate di Kinski... (almeno leggendo i sottotitoli non compaiono)... stessa cosa nel documentario su Cobra Verde...

Secondo me Kinski quando era ancora in vita ha vietato di diffondere quel materiale o l'hanno fatto i registi stessi per evitargli cattiva pubblicitŕ, visto che giŕ stava sul cazzo a tutti ed era abbastanza emarginato dal mondo del cinema...

solo dopo la sua morte Herzog si č appropriato di quel materiale...

#3 lazarusg

    Ciakkista

  • Membro
  • 70 Messaggi:
  • Location:Berlin
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 November 2009 - 12:37 AM

EDIT: SOTTOTITOLI IN FASE DI REVISIONE
facevano schifo!

Messaggio modificato da lazarusg il 30 November 2009 - 03:52 PM


#4 Kitano

    Operatore luci

  • Membro
  • 482 Messaggi:
  • Location:Pescara
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 07 November 2009 - 12:48 PM

Grazie infinite anche per questa ennesima perla :em16: :em16:



#5 zamzam

    PortaCaffé

  • Membro
  • 6 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 November 2009 - 06:14 PM

Lo aspettavo da tanto tanto tempo

Grazie assai

SawadeeKa ZAMZAM

#6 lazarusg

    Ciakkista

  • Membro
  • 70 Messaggi:
  • Location:Berlin
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 November 2009 - 03:04 PM

ehm mi sono accorto che i sottotitoli fanno schifo... li sto revisionando ora guardando il film
č evidentemente impossibile fare una buona traduzione senza vedere al contempo il film, capire il contesto e i toni dei discorsi... contando anche il fatto che a volte sono i sottotitoli stessi in inglese ad essere un po' ambigui, magari nella punteggiatura...

tra 2-3 ore dovrebbero essere pronti e revisionati

sorry

#7 elgrembiulon

    maledetto punk

  • Membro storico
  • 5736 Messaggi:
  • Location:Ĺ, Norge
  • Sesso:

Inviato 30 November 2009 - 04:06 PM

Visualizza Messaggiolazarusg, il 30 November 2009 - 03:04 PM, ha scritto:

č evidentemente impossibile fare una buona traduzione senza vedere al contempo il film, capire il contesto e i toni dei discorsi

eh giŕ... ;)
Subs Asian: Takeshis' (rece by polpa and subs no longer available, maledizione!!), Aparajito (L'Invitto), 4:30, The Scent Of Green Papaya

Subs Altro Cinema: Ariel (subs no longer available),Kaldaljós, Children of Nature (Börn náttúrunnar), Řyenstikker (TlwtN1),Den brysomme mannen (The bothersome man)(TlwtN2), Voksne Mennesker, La libertad, Vinterkyss (TlwtN3), Valehtelija (The Liar) (RS1), Rosso (RS2), Fantasma, Bleeder, The Man From London (A londoni férfi), Bronson

in work: Mýrin (Jar City) (3%)

Suntoryzzato ufficialmente in data 27/01/2007



Nessuna commedia coreana tradotta dal 24/07/2005.

La natura e le sue leggi erano nascoste nelle tenebre. Poi Dio disse: "Sia fatto Tesla", e tutto fu luce. (B.A. Behrend)

#8 lazarusg

    Ciakkista

  • Membro
  • 70 Messaggi:
  • Location:Berlin
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 November 2009 - 07:06 PM

FATTO
adesso sono una cosa seria ;)
erano una cosa orrenda!! soprattutto nella prima parte... da metŕ avevo fatto giŕ meno castronerie

enjoy!

#9 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 December 2009 - 02:58 PM

Grazie molte!:em41:

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi