Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Tamako in Moratorium


8 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Produttore

  • Moderatore
  • 3997 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 31 October 2014 - 07:08 PM

Tamako in Moratorium

Moratoriamu Tamako もらとりあむタマ子


Immagine inserita

Anno: 2013
Durata: 78 min.

Regia: Yamashita Nobuhiro
Sceneggiatura: Mukai Kosuke

Cast:
Maeda Atsuko (Tamako)
Kan Suon (il padre)
Tomita Yasuko (Yoko)



Immagine inserita


Tamako si è appena laureata all'università di Tokyo, ma ora è tornata a vivere con il padre che nel paese natale, Kofu, gestisce un piccolo negozio di articoli sportivi. Tamako non lavora e non cerca un'occupazione, non aiuta il padre e trascorre il suo tempo solo a mangiare, dormire, leggere manga, guardare la tv, giocare ai videogiochi. Trailer


Immagine inserita



Un piccolo film dalla levità profonda che per lo stile, per il rapporto padre-figlia, per la ritualità dei gesti dei personaggi ricorda un pochino il cinema di Ozu. Scandito dal susseguirsi delle quattro stagioni racconta in fondo una situazione molto attuale, ben presente anche (e soprattutto) in Italia: neolaureati senza un lavoro e aspettative verso il futuro. Lo fa in maniera particolare, con il ritratto affettuoso di questa slacker. Ma dietro la commedia aleggia il fantasma del dramma di una generazione alla quale è stata tolta la speranza.


Immagine inserita




SOTTOTITOLI
(versione: Paddy)




Speciale Nobuhiro Yamashita




Ordina il DVD su

Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 22 May 2016 - 09:48 AM


#2 battleroyale

    Kimkidukkiano Bjorkofilo

  • Collaboratore
  • 4423 Messaggi:
  • Location:Lecco
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 01 November 2014 - 11:06 AM

Sembra molto bello! :3
Lo vedrò!
Grazie Fabio <3


La condanna dei nostri giorni: essere incapaci di mantenersi e vivere un inferno piuttosto che essere se stessi e tentare di raggiungere i propri sogni.
Un film all'apparenza piccolissimo, ma che lascia tanto e che non si perde in inutili lungaggini: il ritmo è lento, giapponesissimo (a tratti ricorda persino Ozu) eppure racconta tanto: dal rapporto conflittuale padre-figlia all'abbandono totale della società nei confronti dei giovani, cosa attuale praticamente in tutto il mondo.
Il tutto con il piglio da commedia pastellata di Yamashita, che ho già amato con "Linda Linda Linda".

Consigliato.

Messaggio modificato da fabiojappo il 01 November 2014 - 05:39 PM
unione messaggi consecutivi

Sweet Like Harmony, Made Into Flesh... You dance by my side, children sublime!


Immagine inserita



Le mie recensioni cinematografiche: http://matteo-bjork-...i.blogspot.com/

Lungometraggi subbati per aw: Lunchbox, Wool 100% , Tomie: Revenge, Sexual Parasite: Killer Pussy, Pray, Violated Angels, Go Go Second Time Virgin (Migliore attrice al XIV AW Award), A Slit-Mouthed Woman, Kuchisake, Teenage Hooker Became Killing Machine In DaeHakRoh, Marronnier, Raigyo, X-Cross, Loft (premio alla miglior regia al XV AW Award), The House, Evil Dead Trap 2 , Id, Female Market, The Coffin, Art Of The Devil 3, Coming Soon, Wife Collector, Nang Nak , Whispering Corridors 5: A Blood Pledge, Grotesque, Gonin, 4bia , Lover, Unborn But Forgotten, Life Is Cool , Serial Rapist, Noisy Requiem, Pig Chicken Suicide, Tamami: The Baby's Curse, Nymph, Blissfully Yours, La Belle, February 29, The Cut, Zinda, Rule Number One, Creepy Hide And Seek, M, Visage, Female, Naked Pursuit, Today And The Other Days, Red To Kill, Embracing, Kaleidoscope, Sky, Wind, Fire, Water, Earth, Letter From A Yellow Cherry Blossom, The Third Eye, 4bia 2, The Whispering Of The Gods, My Ex, The Burning, The Haunted Apartments, Vegetarian, Vanished, Forbidden Siren, Hole In The Sky (fabiojappo feat. battleroyale), Invitation Only, Night And Day, My Daughter, Amphetamine, Soundless Wind Chime, Child's Eye, Poetry, Oki's Movie , Natalie, Acqua Tiepida Sotto Un Ponte Rosso, The Echo, Gelatin Silver, Love, Help, Hazard, Late Bloomer, Routine Holiday, Olgami- The Hole, Caterpillar, The Commitment, Raffles Hotel, Ocean Flame, The Sylvian Experiments, Bloody Beach, The Vanished, Dream Affection, White: The Melody Of The Curse, Eighteen, I Am Keiko, Guilty Of Romance, Muscle, Birthday, Journey To Japan, POV: A Cursed Film, Exhausted, Uniform Virgin: The Prey, Gimme Shelter

Serie tv subbate per aw: Prayer Beads

Cortometraggi subbati per aw: Guinea Pig: Flowers Of Flesh And Blood, Guinea Pig: Mermaid In The Manhole, Guinea Pig: He Never Dies ,4444444444, Katasumi , Tokyo Scanner, Boy Meets Boy , Kyoko Vs. Yuki, Dead Girl Walking, Sinking Into The Moon, Suicidal Variations, House Of Bugs, Tokyo March, Emperor Tomato Ketchup, Birth/Mother, I Graduated, But..., Fighting Friends, Ketika, Lalu dan Akhirnya, South Of South, Incoherence, Imagine

L'altro Cinema: Drawing Restraint 9 , La Concejala Antropofaga, Subjektitüde

Inwork: Rec (60%), Kisses (50%), Serbis (90%)

#3 Woody

    Microfonista

  • Membro
  • 154 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 November 2014 - 01:33 PM

Grazie Fabio!

#4 halleluwah

    PortaCaffé

  • Membro
  • 5 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 November 2014 - 10:11 PM

Ho letto Ozu e ho visto la Maeda e mi ci sono fiondato. Davvero carino.
Mi sarebbe piaciuto un minimo di svolgimento in più,
Spoiler
ma è sempre una buona aggiunta al discorso su quella fetta di popolazione definibile ''NEET''.
Molto bella la scena
Spoiler

Grazie mille fabiojappo!

#5 firvulag

    PortaCaffé

  • Membro
  • 28 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 November 2014 - 04:03 PM

Altro film visto al FEFF.. molto Giapponese come svolgimento (ritmo lento, inquadrature statiche e situazioni che in un attimo passano dal deprimente all'assurdo) e tutto sommato raggiunge pienamente l'intento di descrivere la deprimente situazione vissuta da molti giovani (non solo in Giappone) incapaci di trovare la propria via in un mondo che apparentemente non li vuole.

Il rapporto con il padre fa da scenario e completa il quadro. A me è piaciuto e lo consiglio, certo occorre essere amanti del genere o essere in serata, non ci sono scene drammatiche o crude o altro, il tutto è leggero ma il ritmo è lento e descrittivo di una realtà statica.

#6 Tyto

    Microfonista

  • Membro
  • 208 Messaggi:
  • Location:Pistoia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 November 2014 - 01:17 PM

Grazie Fabio, lo vedo senz'altro.
file:///C:/Users/Francesco/Desktop/Francesco/Personale/inkan/Inkan.jpgImmagine inserita

#7 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1453 Messaggi:
  • Location:Alghero (SS)
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 16 November 2014 - 11:03 PM

Davvero carino. I film che piacciono a me!

Sono riuscito a farlo vedere anche a un mio amico che odia leggere i sottotitoli, ma la trama lo ha colpito, visto che il tema è attualissimo. Alla fine però non gli è piaciuto granché perché diciamo che finisce all'improvviso.

Immagine inserita


Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2010: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema: - Mio in the Land of Faraway (10%)

#8 Brick

    PortaCaffé

  • Membro
  • 17 Messaggi:
  • Location:Friuli
  • Sesso:

Inviato 17 November 2014 - 02:02 AM

Vedo che in genere è stato intepretato come un "vorrei lavorare, ma non trovo", ma non so, l'ho visto più come una crisi esistenziale, una sorta di hikikomori funzionale, rifiuto di crescere, isolamento e infantile paura dei mutamenti del sistema di supporto familiare. Bella interpretazione del padre, rende bene la mancanza di comunicazione emotiva, che esplode solo quando c'è abbastanza rabbia per supportarla.
A parte tutto, bella la protagonista, varrebbe solo per lei. :em41:

#9 MisterDiPla

    Ciakkista

  • Membro
  • 92 Messaggi:
  • Location:Provincia Di Frosinone
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 20 December 2016 - 10:06 PM

Ringrazio Fabiojappo per la recensione e la traduzione...

Niente da fare...questi sono i miei film...questo è il cinema che amo, il cinema giapponese che amo.

Tamako in Moratorium è uno spaccato della nostra società (non solo di quella giapponese)...è vita nonostante tutto.

Non sapere quale sia il tuo posto nel mondo, nella tua società e il vuoto che ne comporta...l'isolamento come rifugio per nascondersi dalla vita che va comunque avanti...che ti viene a cercare...la mancanza di stimoli e la sfiducia in se stessi e negli altri...il lasciarsi andare...sapendo di poter 'contare' anche sull'affetto e sui sensi di colpa dei genitori...la paura nel e del futuro...andare incontro all'esistenza a colpi d'inezia.
Questo e molto altro è Tamako in Moratorium.

Due scene mi hanno colpito...quando in inverno Tamako (la Maeda bellissima) va al minimarket in tutona con le ciabattone aperte con annessi calzettoni...per me è poesia!...e la scena in qui vede la sua amica piangere alla fermata del treno...è come se andare avanti o rimanere indietro non faccia alcuna differenza per la vita.

Oltre alla Maeda bisogna fare un elogio anche a Suon Kan e alla sua interpretazione nel ruolo del padre.

Sinceramente c'è tanta delusione sulla parte finale...non dico che dovesse durare 2 ore...ma effettivamente questo finale sbrigativo...finito con il testimone del fardello esistenziale e generazionale che passa con una battutina da una che ha concluso da poco l'università a un liceale...ecco mi ha fatto girare i cocones e non poco.
Yamashita ci lascia cosi...come se la storia di Tamako fosse solo un espediente per questo 'finalone' leggermente profetico sul Giappone che verrà...peccato...altri 20 minuti per dare il contentino allo spettatore una volta simpatizzato con Tamako potevano e dovevano (secondo me) starci.
Amaro in bocca...dico seriamente...nonostante abbia apprezzato tantissimo il film.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi