Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Ghost Story of the Snow Woman


3 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4407 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 December 2015 - 11:42 AM

Ghost Story of the Snow Woman


a.k.a. Ghost Story of the Snow Witch / Ghost Story of the Snow Fairy / The Sow Woman


Titolo originale: Kaidan yukijoro


Immagine inserita



Anno: 1968

Durata: 79 min.

Regia: Tokuzo Tanaka


Cast:

Shiho Fujimura, Akira Ishihama, Machiko Hasegawa

Sen Hara, Tatsuo Hanabu, Yoshiro Kitahara




Trama. Dopo aver finalmente trovato l'albero adatto da cui ricavare la statua della dea Kannon per il tempio locale, lo scultore Shigetomo e il figlio adottivo Yosaku rimangono bloccati nella foresta a causa di una tempesta di neve. Nella capanna dove hanno trovato riparo per la notte, vengono assaliti nel sonno dalla terribile donna delle nevi. Questa, colpita dalla bellezza e dalla giovane età di Yosaku, decide di risparmiargli la vita. In cambio, però, lui non dovrà mai raccontare a nessuno quello che ha visto. Riportato in paese, Yosaku mantiene la promessa e ottiene l'incarico di portare a termine il lavoro del suo maestro. Un giorno, una giovane donna trova riparo dalla pioggia sotto il tetto della casa dell'artista, dove vive con la madre adottiva. Invitata ad entrare, la ragazza si rivela gentile ed educata, al punto da conquistare il cuore di entrambi. Per i tre tutto sembra prendere una bella direzione, ma uno sfortunato incidente ne mette in discussione il futuro.


Immagine inserita



Approfondimento a cura di Meiko Kaji [contiene spoiler]

Più che una opinione, la seguente è un semplice confronto di due versioni dello stesso racconto fantastico.
Tra le tante storie che il folclore giapponese ha proposto nel corso della storia, quella della yuki-onna o donna delle nevi è diventata, grazie alla versione di questo film, senz'altro una delle mie preferite. Quattro anni prima era stata filmata da Masaki Kobayashi, come parte, insieme ad altre tre storie, del celebre Kaidan (Storie di fantasmi, 1964), la cui visione, parzialmente deludente, ho fatto seguire pochi giorni dopo. Essenzialmente, la storia proposta in Kaidan segue fedelmente una delle versioni più frequentemente raccontate, quella che vede la donna delle nevi assassinare col suo fiato gelido un vecchio taglialegna che, insieme al giovane figlio Minokichi, aveva trovato riparo da una tempesta in una capanna. Il ragazzo assiste inorridito all'assassinio, poi la donna si avvicina anche a lui ma, colpita dalla sua bellezza e dalla sua giovane età, non ha il coraggio di ucciderlo. In cambio della vita, però, si fa promettere di non rivelare mai a nessuno quello che ha visto. Riportato in paese, dove vive con l'anziana madre, il giovane mantiene la promessa. Poco tempo dopo, una bella ragazza educata e timida fa ingresso nel suo mondo, e poco tempo dopo i due si sposano. Messi al mondo tre figli, vivono una vita in pace, ma una sera, colpito da come un raggio di luce abbia fatto assomigliare la moglie alla creatura da lui incontrata quella terribile notte, Minokichi tradisce la promessa e le racconta dell'incontro di dieci anni prima. La donna gli rivela di essere lei la donna incontrata, ma anche questa volta non lo uccide: ripreso il suo sembiante (labbra blu, pelle bianchissima, lunghi capelli neri) si allontana, ma raccomanda all'uomo di trattare sempre con devozione i figli, altrimenti tornerà ad ucciderlo. Minokichi si dispera per aver tradito la parola data, mentre la yuki-onna si allontana nelle distese innevate della notte. Nonostante la bellezza della messinscena, questa versione della storia non mi ha convinto sul piano emozionale. Ad una prima lettura letterale sembra tutto senza senso (è un racconto folcloristico, dopotutto), la donna delle nevi rimane colpita dal giovane, per cui (questo mi sembrerebbe il motivo principale) torna con sembianze umane e si unisce a lui in matrimonio, mette al mondo tre figli ma alla fine è costretta a partire a causa del tradimento del marito. “Tradimento” relativo, tutto sommato, se si pensa che Minokichi dichiara, a dieci anni di distanza, di non essere neppure certo se abbia sognato. Inoltre è chiaro che la sua promessa non abbia alcun valore, in quanto estorta con la minaccia della morte. Dunque: la donna delle nevi prima lo fa promettere, poi va a stare con lui, poi lo accusa di aver tradito la parola ed abbandona i bambini nel momento del bisogno della madre, minacciando ancora rappresaglie. Tutto questo mi rende difficile essere d'accordo con la pur affascinante interpretazione (la più interessante che abbia trovato e che consiglio vivamente di leggere, d'accordo o no con le idee espresse dall'autore) che ne dà @OGM nella sua bella opinione sul film (su filmtv.it)

Fantasma è dunque anche la coscienza, un’entità impalpabile che è controllore e giudice della nostra fedeltà alla parola data. La violazione di una promessa fatta in cambio della vita è una leggerezza in cui l’ingratitudine si somma al tradimento. Per Minokichi, la giusta punizione, inflittagli dalla “donna della neve”, è la condanna ad essere per sempre marito e padre nella solitudine, privato dell’amore coniugale, e costretto a farsi interamente carico del gravoso impegno di crescere tre figli.

Per accettare che la yuki-onna rappresenti la Coscienza, bisogna staccarsi di molto dalla lettera degli avvenimenti: altrimenti sarebbe colpevole delle minacce di cui sopra, oltre che dell'abbandono non solo del marito colpevole/innocente, ma allo stesso modo dei figli a maggior ragione innocenti. Secondo me, tutto sommato, si tratta di una storia, così proposta, dal bel sapore folcloristico, fotografata benissimo, ma senza una logica stringente, sia sul piano letterale che metaforico. E neppure per “vaghi cenni” vengo ispirato da qualcosa.

Questi “vaghi cenni” (perché a questi, mi pare, si deve affidarsi con simili storie) mi convincono maggiormente in Ghost Story of the Snow Woman.


Immagine inserita



La versione del film in esame, che preferisco nettamente, aggiunge un elemento importante. Le vittime dell'assalto iniziale non sono due taglialegna, ma uno scultore di statue sacre buddhiste cui è stata commissionata la statua in legno più importante della dea Kannon per il tempio locale, e il figlio adottivo ed apprendista. Trovato l'albero giusto, i due trovano rifugio da una tempesta improvvisa in una capanna dove sono assaliti nel sonno dalla yuki-onna. Dopo la promessa fatale, Yosaku (così si chiama in questa versione) si risveglia in casa della madre adottiva, inventa una storia credibile dei fatti e viene incaricato di portare a termine il lavoro del suo genitore/maestro. Avviene l'incontro con la giovane e timida Yuki, mostrato con buona sensibilità e delicatezza, cui segue la morte della madre che chiede a Yuki di sposare il figlio. Nasce un solo bambino, la vita sembra procedere felice, ma l'intendente locale ottiene di far intagliare un statua anche ad un famoso maestro, nella speranza di screditare Yosaku e poter approfittare della moglie. La statua del famoso maestro viene presentata, ma il Priore esclude di poterla ammettere nel tempio: nonostante la bellezza indiscutibile, manca della qualità essenziale richiesta ad una statua per poter diventare oggetto di preghiera: uno sguardo compassionevole. Da parte sua, Yosaku ha quasi completato l'opera, ma non riesce a visualizzarne un viso degno, che scorge poco tempo dopo in quello della moglie. Ma ancora manca lo sguardo compassionevole, e decide di rivolgersi agli dei per avere l'ispirazione, recandosi con yuki e il figlio alla funzione festiva. Qui, per la seconda volta, lo sciamano che celebra la funzione avverte la presenza di un fantasma, che aveva colpito cinque anni prima con dell'acqua bollente. Fuggita a casa, Yuki subisce il tentativo di violenza da parte dell'intendente, ma la yuki-onna lo elimina insieme alle guardie. Raggiunta dal marito e dal figlio, viene raggiunta dallo sciamano che l'accusa di essere un fantasma, ma il marito lo mette in fuga. È solo a questo punto che l'uomo le racconta dell'incontro con la donna delle nevi. Nonostante ami la moglie, deve ammettere che ci sia qualcosa di strano, tra lui e la statua, un'ombra scura che lo segue costantemente.

Ero io”, conferma Yuki. “Nonostante tutto, alla fine ne hai parlato. Non avresti dovuto. Per tutti questi anni, ho pregato tante volte che rimanessi in silenzio. Da quando sono diventata tua moglie, ho conosciuto la felicità umana. E da quando è nato Tarô, abbiamo vissuto insieme felicemente. Ho pregato solo di non perdere questa felicità. Ma alla fine tu...tu hai parlato! Ora... ti devo uccidere. Hai rotto la tua promessa!

Il pianto del figlio addormentato però la raggiunge, e lei decide altrimenti.

Prenditi cura di Tarô al mio posto! E completa la tua opera, fai che sia uno splendore.

Situazione molto differente dalla volontà di castigo della versione precedente: qui la donna delle nevi è costretta, dalla finzione fiabesca, ad abbandonare dolorosamente il suo posto, ma ancora incoraggia il marito, sempre poco fiducioso di sé, a terminare l'opera. L'accento è posto sulla donna portatrice di benedizioni, capace di illuminare e fare sacrifici in un mondo duro ed egoista, più che sul castigo e sulle colpe, che sembrano svanire come neve al sole del calore della creatura dei ghiacci. Il castigo si abbatte in realtà su di lei, eterna prigioniera delle distese innevate senza fine. E, naturalmente, guardando gli occhi della yuki-onna che si allontana nella notte, Yosaku scorge finalmente lo sguardo compassionevole che scolpirà in quelli della dea.

Immagine inserita



Il film opera anche un ribaltamento dell'usuale attribuzione delle doti divine compassionevoli e i peggiori sentimenti umani come l'odio: il fantasma, debole di fronte alla forza dello sciamano, viene colpito senza pietà, costretto a stare in difesa, a nascondersi davanti all'odio feroce di un uomo di potere, dal quale ci si aspetta una diversa comprensione della vita: che sia, appunto, compassionevole. Sempre per vaghi cenni sembra venir proposto un nuovo testamento in luogo di quello antico: lo sciamano scacciato appare come lo vanire della furia vendicativa dell'occhio per occhio predicato ai nostri padri, e nella figura del fantasma, temuto ed odiato, che si allontana, l'apparizione di un nuovo ordine delle cose. Il tutto, sottolineato dalle belle musiche di Alkira Ifukube, sempre sospese tra il sentimento di mistero e orrore (ogni tanto sembra di sentire dei passi regolari, quasi volesse suggerire qualcosa che si muove mentre la tempesta infuria) e quello della rassegnazione religiosa.

Piccola curiosità musicale. Visto il tema, vorrei proporre l'ascolto di questo preludio di Rachmaninoff: da ragazzino, il suo ascolto mi procurava sempre la visione di una foresta innevata notturna. Appaiono i fantasmi, niente affatto spaventosi, autentiche anime in pena, come se tornassero sulla terra e tentassero di toccarla coi piedi, ogni volta frustrati dall'impossibilità di attuare il loro proposito. Poi, con le prime luci dell'alba, svaniscono, seguendo l'indicazione del compositore “perdendo” (“morendo”), e un nuovo giorno ha inizio.

Rachmaninoff: Preludio in sol diesis minore Op.32 No.12 (pianista: Vladimir Horowitz) https://www.youtube....h?v=Kxpi6zi2NqA


------------------------------------------------------


SOTTOTITOLI

(versione: 1,46)



Traduzione: Meiko Kaji




Ordina il DVD su
Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 17 December 2015 - 12:24 PM


#2 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4407 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 December 2015 - 12:08 PM

Grazie a Meiko Kaji per questa bella proposta e per l'intenso approfondimento, con l'interessante confronto tra questo film con la versione del racconto data da Kobayashi nel suo noto Kwaidan (uscito in dvd pure in Italia)

Messaggio modificato da fabiojappo il 17 December 2015 - 12:34 PM


#3 andreapulp

    Microfonista

  • Membro
  • 157 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 23 December 2015 - 12:07 AM

Non conosco questo regista, grazie mille per la proposta :)

#4 Raio

    PortaCaffé

  • Membro
  • 1 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 25 August 2017 - 08:11 AM

grazie mille





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi