Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[CURIOSITY] Museo-Casa Stibbert


  • Non puoi rispondere a questa discussione
Nessuna risposta a questa discussione

#1 ╬shta

    Cameraman

  • Moderatore
  • 589 Messaggi:
  • Location:Emilia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 21 November 2015 - 03:43 PM

Frederick Stibbert, nato e morto a Firenze tra fine '800 e inizio del '900, è stato un collezionista d'arte e imprenditore. Fiero del suo essere metà toscano, fa della sulla villa estiva Montughi la sua più grande opera. Grazie al consistente patrimonio di famiglia e all'acume negli affari poté a soli 22 anni iniziare a concretizzare la sua passione.
Il progetto di Stibbert si articolò nel corso degli anni. La sua collezione spazia tra armamenti, armature, vasellame e oggetti d'arte di ogni tipo e di ogni epoca.

Un cenno speciale va alle Sale Giapponesi, al quale Frederick si interessò in concomitanza con la riapertura del Sol Levante all'occidente intorno al 1880. Tale collezione è tra le più cospicue al di fuori del Giappone stesso.

Pensate che la collezione è talmente vasta che Frederick decise di acquistare la villa accanto alla sua in modo da poter esporre tutte le sue opere.

La casa-museo, alla sua morte è stata lasciata alla Città di Firenze con la clausola di mantenere le collezioni nel luogo e negli ambienti pensati e di aprire il Museo al pubblico.


Immagine inserita

Alcune armature europee


Immagine inserita

Una delle sale islamiche


Immagine inserita

Una delle sale islamiche: armamenti e costume tipico


Immagine inserita

Armamenti: spade, scudi e archi islamici



Sale Giapponesi

Immagine inserita

Sella dello Shogun Tokugawa, fatta in legno laccato

Immagine inserita


Immagine inserita

Maschera: demoni dagli occhi d'oro e alcuni Tengu


Immagine inserita

Armamenti e armature europee e la famosa sala della cavalcata


Sala da ballo con ritratti della famiglia e uno dei salotti della casa con le pareti in cuoio

Immagine inserita

Immagine inserita

Alcuni fucili e il mantello che Napoleone (figura che Stibbert ammirava)

indossò per l'incoronazione a Re d'Italia


Stibbert amava ricomporre le armature seguendo un senso estetico invece che storico.
Si avvalse di artigiani per la creazione dei supporti e per la valorizzazione di ogni suo pezzo d'arte.

Queste foto sono solo una briciola di quello che potete trovare nel museo-casa. Io ne sono rimasta meravigliata e impressionata, non solo per gli oggetti presenti, ma anche per la casa in sé, rimasta quasi intatta anche nell'arredamento.

Ultima nota, attorno alla casa vi è anche il giardino: una piccola oasi assolutamente imperdibile.

L'unico tasto dolente, se così vogliamo dire, è che la visita è a tempo ed è sempre accompagnata da un custode. Per la visita alle sale giapponesi c'è l'obbligo di prenotare, senza costi aggiunti.
Le sale sono un po' in ombra e ciò rende difficile vedere bene gli oggetti, quasi tutti conservati in teche di vetro. Si possono fare foto, ma è vietato l'uso del flash.

Per concludere, come diceva sempre Stibbert: Per aspera sic itur ad astra!

Messaggio modificato da ╬shta il 21 November 2015 - 11:16 PM

❀ ••• ••• ••• ❀


Traduzioni: Mai Mai Miracle (di Sunao Katabuchi, 2009) - Happy Ero Christmas (di Lee Geon-dong, 2005) - Flower in the Pocket (di Liew Seng Tat, 2007) - Summer Vacation 1999 (di Shusuke Kaneko, 1988) - Haru's Journey (di Masahiro Kobayashi, 2010) - Otona Joshi no Anime (Special 1, 2011) - Usagi Drop (di Sabu, 2011) - Yellow Elephant (di Ryuichi Hiroki, 2013) - We Were There parte 1&2 (di Miki Takahiro, 2012) - Cherry Tomato (di Jung Young-Bae, 2007) - The Assassin (di Hou Hsiao-Hsien, 2015) - 100 Yen Love (di Masaharu Take, 2014), Fruits Of Faith (di Yoshihiro Nakamura, 2013) - Umi No Futa (di Keisuke Toyoshima, 2015), Close-Knit (di Ogigami Naoko, 2017), Run Genta Run (di Tasaka Tomotaka, 1961)
Traduzioni in Collaborazione: Love For Live (di Gu Changwei, 2011) - Typhoon Club (di Somai Shinji, 1985) - Inochi (di Tetsuo Shinohara, 2002)
Revisioni: Tenchi: The Samurai Astronomer (di Takita Yojiro, 2012)
Drama: Seirei no Moribito (2016-2017), Chang-Ok Letter (di Iwai Shunji, 2017)

FOCUS SOMAI SHINJI: Sailor Suit and Machine Gun (1981) - The Catch (1983) - Moving (1993) - The Friends (1994)








❀ ••• ••• ••• ❀


Immagine inserita


❀ ••• ••• ••• ❀


Immagine inserita


rescue, rehab, release. . . and inspire






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi