Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

* * * * - 1 Voti

[RECE][SUB] Interlude in the Marshland


2 risposte a questa discussione

#1 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4083 Messaggi:
  • Location:Walhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 04 December 2016 - 09:06 PM

Immagine inserita


Titolo originale: "Uppehåll i myrlandet"
Regia: Jan Troell
Paese: Svezia
Anno: 1965
Genere: Cortometraggio - Drammatico
Durata: 30'
Lingua: Svedese


Immagine inserita Immagine inserita


Sinossi

Kvist - frenatore che lavora sulle tratte ferroviarie dei treni trasportatori di carbone in Svezia - decide tutt'a un tratto di fermarsi in una sperduta località rurale mosso da un irrefrenabile sentimento di libertà.
In quel luogo ritroverà la serenità esistenziale che probabilmente andava cercando da chissà quanto tempo.


Immagine inserita


Commento di JulesJT

Prima collaborazione di uno dei pesi massimi del cinema svedese e quello che di fatto considero un'istituzione del mondo della recitazione: Max von Sydow. Il fortunato duo avrà poi modo di lavorare nuovamente insieme in alcuni lungometraggi storici quali The Emigrants e The New Land ma è in questo corto degli anni '60 che subito possiamo apprezzarne i singoli talenti.
Troell si è dimostrato fin da subito un mostro della m.d.p. offrendoci delle inquadrature mozzafiato con una cura particolare per la prospettiva in termini di composizione fotografica (profondità di campo e primi piani suggestivi) mentre Sydow impartisce lezioni recitative con la sua inconfondibile mimica facciale.
L'opera in questione non presenta comunque una morale ben definita, bensì inscena quello che è un bisogno primordiale: la libertà. Kvist - il protagonista - pare aver subìto una sorta di "risveglio" spirituale dal momento che si atteggia in modo assai ambiguo (espressioni quasi inebetite, esaltazione di una natura circostante relativamente arida ma per lui splendida, ecc...), insomma, avverte l'incontenibile necessità di assaporare al massimo ogni istante della vita.
Il cortometraggio non ci propone quindi un autentico epilogo ma piuttosto si interrompe nella quotidianità degli eventi, in questa dimensione caratterizzata da tranquillità e pacatezza.
Il titolo è basato su un racconto di Eyvind Johnson (Premio Nobel per la Letteratura nel 1974), sceneggiato a quattro mani nonché co-prodotto insieme a Bengt Forslund.


Immagine inserita


Traduzione e recensione: JulesJT


SOTTOTITOLI
(Versione: Blu-ray)
Allega file  Interlude.in.the.Marshland.AW.zip   3.63K   21 Numero di downloads



Messaggio modificato da JulesJT il 04 December 2016 - 09:08 PM


#2 fabiojappo

    Produttore

  • Moderatore
  • 3997 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 06 December 2016 - 08:28 PM

Grazie, mi è sempre piaciuto Max von Sydow e mi ha fatto piacere vederlo anche in questo interessante corto di un maestro, non molto conosciuto, del cinema svedese. Come evidenziato nella presentazione colpisce la ricerca di una profondità di campo che giocando anche con le rotaie spinge lo sguardo all'orizzonte. La scena riportata nella breve clip è un esempio fighissimo.

#3 rita

    PortaCaffé

  • Membro
  • 14 Messaggi:
  • Sesso:

Inviato 09 December 2016 - 09:16 PM

Spero di trovarlo e condividere l'emozione di questo cortometraggio. Conosco i film di Jan Troell e questo deve sicuramente avere un'atmosfera particolare. Molte grazie!





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi