Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Street of Shame

Traduzione di Cignoman

32 risposte a questa discussione

#19 ronnydaca

    Cameraman

  • Membro
  • 803 Messaggi:
  • Location:Sardegna
  • Sesso:

Inviato 18 October 2009 - 04:11 PM

No a me problemi non me ne crea, tanto basta usare il blocco note per cambiare la codifica, non ho idea di che estensione sia....

Diciamo che con utf-8 io ho le accentate tutte sbagliate, basta che risalvo in ansi per risolvere.

Che software usi in linux per fare i sub?

In attesa di migrazione


#20 Truman Galapagos

    Microfonista

  • Membro
  • 105 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 28 October 2009 - 09:56 PM

Non mi aspettavo un film così duro, nonostante ci sia sempre un fondo di leggerezza se non ironia, questo film mi ha abbastanza distrutto dopo la visione. Mizoguchi ci dice apertamente che è un mondo di merda, che le persone sono egoiste e che gli interessi vengono prima di qualsiasi altra cosa.
E credo che la cosa incredibile di Mizoguchi sia il modo con cui riesce a dirti tutto questo senza mai forzare sul dramma, c'è questo sottile equilibrio tra la vita e la morte che dovrebbe essere la nostra esistenza, per cui di fronte alle tragedie della vita si tira avanti in qualsiasi modo. Non c'è speranza quanto accettazione, o meglio la speranza è nella nostra testa.
Io non ho mai avuto talento per la vita normale.

#21 François Truffaut

    Wonghiano

  • Amministratore
  • 13061 Messaggi:
  • Location:Oriental Hotel
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 November 2009 - 04:44 PM

Non è ai livelli di Donne della notte o de La donna crocifissa (due film che analizzavano la condizione della prostituzione femminile), ma è comunque un dramma dei bassifondi di grande spessore umanistico. Dove le meretrici, strette tra un destino malevolo e una società che le rigetta ipocritamente ma allo stesso tempo se ne serve, diventano il fulcro di una disamina della società giapponese dell'epoca e delle sue attitudini. Anche se si tratta dell'ultima fatica di Mizoguchi, si sente la mano del regista di alto rango che fu (i suoi decantati piani-sequenza, celebri per il loro rigore morale e formale, non hanno perso smalto, e i sentimenti che hanno animato tutto il suo cinema - il coraggio, lo spirito di abnegazione, il senso di disperazione - riescono ancora a interessare). E però lascia la sensazione che Mizoguchi ricorra con troppa disinvoltura al repertorio personale (più che ad un itinerario che esplori strade non battute in passato) e gestisca il film con uno dei leitmotiv della sua cifra stilistica (il gusto pittorico che deriva dai suoi studi artistici).
Una pellicola compassata? Me lo domando senza voler togliere nulla al valore e ai meriti dell'opera.

Grazie Cigno. :em41:
Sottotitoli per AsianWorld: The Most Distant Course (di Lin Jing-jie, 2007) - The Time to Live and the Time to Die (di Hou Hsiao-hsien, 1985) - The Valiant Ones (di King Hu, 1975) - The Mourning Forest (di Naomi Kawase, 2007) - Loving You (di Johnnie To, 1995) - Tokyo Sonata (di Kiyoshi Kurosawa, 2008) - Nanayo (di Naomi Kawase, 2008)

#22 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 09 November 2009 - 09:11 PM

Visualizza MessaggioFrançois Truffaut, il 09 November 2009 - 04:44 PM, ha scritto:

Grazie Cigno. :em41:

Ci lasci sempre osservazioni e idee degne di attenzione! Grazie a te ! Auguro mille di questi Mizoguchi a tutti! ! ! Perché persino le sue opere minori valgono molto più della media delle produzioni contemporanee... almeno per me.

Immagine inserita


#23 François Truffaut

    Wonghiano

  • Amministratore
  • 13061 Messaggi:
  • Location:Oriental Hotel
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 10 November 2009 - 12:05 AM

Visualizza MessaggioCignoman, il 09 November 2009 - 09:11 PM, ha scritto:

Perché persino le sue opere minori valgono molto più della media delle produzioni contemporanee... almeno per me.

Non hai tutti i torti.
Sottotitoli per AsianWorld: The Most Distant Course (di Lin Jing-jie, 2007) - The Time to Live and the Time to Die (di Hou Hsiao-hsien, 1985) - The Valiant Ones (di King Hu, 1975) - The Mourning Forest (di Naomi Kawase, 2007) - Loving You (di Johnnie To, 1995) - Tokyo Sonata (di Kiyoshi Kurosawa, 2008) - Nanayo (di Naomi Kawase, 2008)

#24 feder84

    Direttore del montaggio

  • Membro+
  • 2610 Messaggi:
  • Location:Brescia
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 30 November 2009 - 09:58 PM

Visualizza MessaggioCignoman, il 09 November 2009 - 09:11 PM, ha scritto:

Perché persino le sue opere minori valgono molto più della media delle produzioni contemporanee

Su questo non ci piove!
In una notte della tarda primavera del quinto anno dell'era Meiwa, finisco di scrivere quest'opera, accanto alla mia finestra, mentre, cessata la pioggia, è apparsa la luna appena velata; perciò, nell'affidarla al tipografo, la intitolo Racconti di pioggia e di luna.


Firmato: Seishi kijin
Sigillo: Shikyo kojin
Yugi Sanmai

#25 moonblood

    Microfonista

  • Membro
  • 184 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 02 February 2010 - 09:02 PM

Volevo ritornare un attimo sul file dei sottotitoli.
Non è sicuramente un .srt ma non so come riconoscere l'estensione corretta.
Guardando il film sul computer, le lettere mi appaiono di grosse dimensioni.
Se lo guardo sul televisore non mi appaiono propio.

Allora li ho salvati con Subtitleworkshop in un reale file .srt e ora posso vederli anche in TV.
E guardando il film sul PC non sono più enormi ma della dimensione classica dei files .srt.

Io uso Windows XP.

#26 Cignoman

    Direttore del montaggio

  • Membro storico
  • 2847 Messaggi:
  • Location:Nowhere
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 05 February 2010 - 01:24 PM

Visualizza Messaggiomoonblood, il 02 February 2010 - 09:02 PM, ha scritto:

Volevo ritornare un attimo sul file dei sottotitoli.
Non è sicuramente un .srt ma non so come riconoscere l'estensione corretta.
Guardando il film sul computer, le lettere mi appaiono di grosse dimensioni.
Se lo guardo sul televisore non mi appaiono propio.

Allora li ho salvati con Subtitleworkshop in un reale file .srt e ora posso vederli anche in TV.
E guardando il film sul PC non sono più enormi ma della dimensione classica dei files .srt.

Io uso Windows XP.
Mah, sono sempre più perplesso a riguardo... io sono partito dal file dei sottotitoli in inglese, non l'ho riformattato.

Immagine inserita


#27 polpa

    It’s Suntory Time!

  • Membro storico
  • 9223 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

Inviato 16 April 2010 - 11:32 AM

Visualizza MessaggioFrançois Truffaut, il 09 November 2009 - 04:44 PM, ha scritto:

Non è ai livelli di Donne della notte o de La donna crocifissa (due film che analizzavano la condizione della prostituzione femminile), ma è comunque un dramma dei bassifondi di grande spessore umanistico.
(...)
Una pellicola compassata? Me lo domando senza voler togliere nulla al valore e ai meriti dell'opera.

Madonna quanto è bello Donne della notte! uno dei 3 dvd della Raro su Mizoguchi, se non erro.
Concordo con te, FT, che quest'ultimo film sia bello senza essere devastante. Però è anche vero che l'ho visto molto tempo fa e che dovrei rivederlo.





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi