Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RETRO] Im Kwon-taek


10 risposte a questa discussione

#1 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5671 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 08 March 2014 - 11:45 AM

Im Kwon-taek


Immagine inserita



Il padre del cinema nazionale coreano




Im Kwon-taek nasce a Jangseong, Jeollanam-do, e cresce a Gwangju. Dopo la guerra di Corea si trasferisce a Seul (1956), dove Jeong Chang-hwa, il regista del film Cinque dita di violenza (1972), gli offre un lavoro come assistente di produzione. Jeong Chang-hwa lo raccomanda per la regia di un film nel 1961. Il debutto come regista di Im risale alla pellicola del 1962, Farewell to the Duman River (Dumanganga jal itgeola). Prima del 1980 diventa noto soprattutto per le sue regie di film commerciali, riuscendo a produrne almeno otto l'anno, per rispettare il numero programmato dal governo. Il suo desiderio di realizzare film artisticamente più soddisfacenti gli fa dirigere il suo film del 1978 Jokbo (Genealogy), ma il punto di svolta della sua carriera avviene nel 1981, quando realizza il film Mandala. Da questo punto in avanti le sue opere vengono considerate a tutti gli effetti film d'autore e sono regolarmente accolte nei festival cinematografici internazionali, dove vincono numerosi premi. Il Cinema di Im si distingue per l’esplorazione di temi legati al passato della Corea e si concentra sull’identità culturale coreana nei tempo moderni. Tra i film più importanti di Im del recente passato spiccano Sopyonje (1993) e Chunhyang (2000), che si concentrano entrambi sull’arte musicale coreana tradizionale del pansori. Il secondo è anche basato su una leggenda tradizionale coreana. Oltre ad essere stato un successo di critica, Sopyonje ha anche ottenuto successo al botteghino, diventando il primo film nazionale ad attirare più di un milione di spettatori nella sola Seul. Anche Ebbro di Donne e di Pittura (2002) ha ottenuto un successo di critica, facendogli guadagnare il premio come miglior regista al Festival di Cannes. Im Kwon-taek è stato anche premiato con l’orso d’oro alla carriera al festival di Berlino nel 2005. Il prestigio di Im Kwon-taek, portato dal successo di critica dei suoi film, è coinciso con l’avvento della New Wave Coreana. Insieme ad altri registi come Park Gwang-su e Jang Sun-woo, Im è riconosciuto come uno dei fondatori del movimento, che ha portato riconoscimenti di critica internazionale e interesse per il cinema coreano.
Nell’aprile del 2007 Im ha realizzato il suo centesimo film, Beyond the Years, una sorta di sequel di Sopyonje. Nel novembre del 2007 il governo francese ha conferito a Im il titolo di cavaliere della Legion d’Onore.

Nel 2013 è stato aperto un museo dedicato a Im, nel campus universitario di Dongseo a Busan.


Tratto da Wikipedia










Immagine inserita





Ritratto di Im Kwon-taek da parte di Gianluca Gibilaro per www.cinemacoreano.it





Immagine inserita





Filmografia

  • The War and an Old Man ( Jeonjaenggwa No-in ) (1962)
  • Farewell Duman River ( Dumangang-a Jal Itgeora ) (1962)
  • Sinmungo ( Sinmungo ) (1963)
  • For My Husband ( Mangbuseok ) (1963)
  • Man Is Not Popular ( Namjaneun Anpallyeo ) (1963)
  • The Power for Ten Years ( Simnyeon Sedo ) (1964)
  • Her Majesty Yeonghwa ( Yeonghwa Mama ) (1964)
  • The Regular Tardy Student ( Dangol Jigagsaeng ) (1964)
  • The Result of the Ambition ( Yokmang-ui Gyeolsan ) (1964)
  • The Teacher with Ten Daughters ( Sipjamae Seonsaeng ) (1964)
  • The Heartbreaking Story ( Danjanglok ) (1964)
  • The King and the Servant Boy ( Wanggwa Sangno ) (1965)
  • Fading in the Rain ( Bissok-e Jida ) (1965)
  • Battlefield and a Female Teacher ( Jeonjanggwa Yeogyosa ) (1965)
  • Nilliri( Nilliri ) (1966)
  • I Am a King ( Naneun Wang-ida ) (1966)
  • Ok-i Makes a Judge Cry ( Beopchangeul ulrin ok-i ) (1966)
  • Nostalgia ( Manghyang Cheolli ) (1967)
  • A swordsman ( Pung-unui Geomgaek ) (1967)
  • A Red-and-blue Gauze Lantern ( Cheongsachorong ) (1967)
  • Returned Left-handed Man ( Doraon Oensonjabi ) (1968)
  • Lady in Dream ( Mongnyeo ) (1968)
  • A Man Like the Wind ( Baramgateun Sanai ) (1968)
  • Femme Fatale, Jang Hee-bin ( Yohwa, Jang Hee-bin ) (1968)
  • Eagle of Wild Field ( Hwang-ya-ui Dogsuri ) (1969)
  • Escaping Shanghai ( Sanghae Talchul ) (1969)
  • A Precious Sword, A knife of Thunder ( Loegeom, Beongaekal ) (1969)
  • The Night of Full Moon ( Siboya ) (1969)
  • Sorry to Give You Trouble ( Sinse Jom Jijagu-yo ) (1969)
  • Rainy Gomoryeong Hill ( Binarineun Gomoryeong ) (1969)
  • Three Generations of Men (1969)
  • Chase the Woman (Geu yeojaleul jjoch-ala) (1970)
  • A Mysterious Sword (Bigeom) (1970)
  • Rain Outside the Porthole (Binalineun seonchangga) (1970)
  • A Sword Under the Moon (Wolha-ui geom) (1970)
  • A Man Who Arrived by Night Train (Bamchalo on sana-i) (1970)
  • One-eyed Park (Aekkunun Bak) (1970)
  • A Crape-Myrtle with Morning Dew (Iseulmaj-eun baeg-ilhong) (1970)
  • Woman with Long Eyelashes (Sognunseob-i gin yeoja) (1970)
  • A Bout in 30 Years (30nyeonman-ui daegyeol) (1971)
  • Don't torture me anymore (Naleul deo-isang goelobhiji mala) (1971)
  • The two revengeful hunchbacks (Wonhan-ui du kkobchu) (1971)
  • Snow Falls on the Bloody Street (Wonhan-ui geoli-e nun-i nalinda) (1971)
  • A second mother (Duljjae-eomeoni) (1971)
  • Whirl of betrayals on Myeongdong (Myeongdongsamgugji) (1971)
  • Revenge of the sword(Yogeom) (1971)
  • Seize the Precious Sword (Samgugdaehyeob) (1972)
  • Cruel history of Myeong Dong (Myeongdongjanhogsa) (1972)
  • One who comes back and the other who has to leave (Dol-a-on ja-wa tteona-ya hal ja) (1972)
  • Weeds (Jabcho) (1973)
  • The big chase (Daechugyeog) (1973)
  • Obaekhwa (Obaeghwa) (1973)
  • Testimony (Jeung-eon) (1973)
  • Parade of Wives (Anaedeul-ui haengjin) (1974)
  • Yeonhwa (Yeonhwa) (1974)
  • I won't cry (Ulji anh-euli) (1974)
  • Yeonhwa 2 (Yeonhwa) (1974)
  • Yesterday, Today, and Tomorrow (Eoje, oneul geuligo nae-il) (1975)
  • Why Did I Do That? (Wae geulaessdeonga) (1975)
  • Wife (Anae) (1976)
  • Bare Feet In The Snow (Maenbal-ui nungil) (1976)
  • Wang Sib Ri, My Hometown (Wangsimni) (1976)
  • Does the Nak-Dong River Flow? (Nakdonggang-eun heuleuneunga) (1976)
  • Japanese Invasion in the Year of Imjin and Gye Wol-hyang (Imjinlangwa Gye Wolhyang) (1977)
  • The Life of Ok-rye (Okryegi) (1977)
  • Genealogy (Jogbo) (1978)
  • So Close Yet Far (Gakkabgodo meon gil) (1978)
  • Mother's Face Above Those Waves (Jeo pado-wi-e eomma eolgul-i) (1978)
  • Evergreen (Sanglogsu) (1978)
  • Divine Bow (Singung) (1979)
  • No Glory (Gisbal-eobneun gisu) (1979)
  • Tomorrow After Tomorrow (Nae-il tto nae-il) (1979)
  • Mismatched Nose (Jjagko) (1980)
  • Mrs. Speculator (Bogbu-in) (1980)
  • Mandala (Mandala) (1981)
  • Tears of the Idol (Usang-ui nunmul) (1981)
  • Polluted Ones (O-yeomdoen jasigdeul) (1982)
  • Village of Haze (Angemaeul) (1982)
  • Abengo Airborne Corps (Abengo gongsugundan) (1982)
  • Daughter of Fire (Bul-ui ttal) (1983)
  • Crying in a Butterfly's Embrace (Nabipumeseo wuleoss-da) (1983)
  • You Can't Stop a Flowing River (Heuleuneun gangmul-eul eojji mag-eulya) (1984)
  • Kilsodeum (Gilsotteum) (1985)
  • Ticket (Tiket) (1986)
  • Surrogate Mother (Ssibat-i) (1986)
  • Adada (A-dada) (1987)
  • Prince Yeon-san's Life (Yeonsan-ilgi) (1987)
  • Aje Aje Bara Aje (Aje Aje Bara Aje) (1989)
  • The General's Son (Janggun-ui adeul) (1990)
  • The General's son 2(Janggun-ui adeul 2) (1991)
  • Fly High Run Far-Kae Byok (Gaebyeog) (1991)
  • The General's Son 3 (Janggun-ui adeul 3) (1992)
  • Sopyonje (Seopyeonje) (1993)
  • The Tae Baek Mountains (Taebaeksanmaek) (1994)
  • Festival (Chugje) (1996)
  • Downfall (Chang) (1997)
  • Chunhyang (Chunhyangdyeon) (2000)
  • Ebbro di Donne e di Pittura (Chihwaseon) (2002)
  • Raging Years (Haryu Insaeng) (2004)
  • Beyond the Years (Cheon-nyeon-hak) (2006)
  • Hanji (Dalbit Gireoolligi) (2010)
  • Make Up ( Hwa-jang) (2013)






Immagine inserita





Retrospettiva




La retrospettiva che presentiamo dal 10 al 30 Marzo io e Mizushima76 si estende nell'arco di tre settimane in cui verranno rilasciati i sottotitoli di sei film del maestro in ordine cronologico, con altrettanti approfondimenti che includono commenti dello stesso regista, utili a comprendere non solo i film, ma anche il carattere sinceramente modesto e perfezionista del maestro. Si comincia con Wangsimni, il film che ha innescato il suo interesse e amore per le proprie origini, che poi ha approfondito meglio in seguito con Genealogy, il film della svolta autoriale che giunge a maturazione con i successivi Mismatched Nose e soprattutto Mandala. I successivi Festival del 1996 e Hanji del 2010 si concentrano su elementi della tradizione culturale coreana come il rito funebre coreano e la carta tradizionale coreana, che sottolineano l'interesse di quest'autore per l'identità culturale del suo paese.





Immagine inserita


Immagine inserita


#2 Kiny0

    Direttore della fotografia

  • Moderatore
  • 1651 Messaggi:
  • Location:Italian Okinawa
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 08 March 2014 - 01:27 PM

Spettacolo! Bravi, ragazzi!

Immagine inserita


Tradotti per AsianWorld Cinema Asiatico Lost in Beijing (2007), Buddha Mountain (2010: w/ fabiojappo), Dirty Maria (1998), Samurai Rebellion (1967), The Ravaged House (2004: w/ fabiojappo), Freesia: Bullet Over Tears (2007), Cuffs (2002), Tokyo Marigold (2010: w/ fabiojappo), Villon's Wife (2009), Yellow Flower (1998), Going My Home - ep.06 (2012), A Gap in the Skin (2005); Altro Cinema A Time for Drunken Horses (2000), Marooned in Iraq (2002), Mio in the Land of Faraway (1987); Retrospettive Kumakiri Kazuyoshi (w/ fabiojappo & Tyto), Asano Tadanobu (w/ calimerina66, fabiojappo & ReikoMorita); Recensioni Il racconto di Watt Poe (1988); Revisioni 1778 Stories of Me and My Wife (2011), Under the Hawthorn Tree (2011), Mekong Hotel (2012), Headshot (2011), BARFI! (2012), Rhino Season (2012), Metéora (2012), Secret Chronicle: She Beast Market (1974), The Other Bank (2009), The Good Road (2013), Just the Wind (2012), Daf (2003), AUN (2011), Jin (2013), Day and Night (2004), Nothing's all bad (2010), Saving General Yang (2013), Miss Zombie (2013), Legend of the Wolf (1997), Here comes the Bride (2010), Omar (2013), The Missing Picture (2013), The Legend of the Eight Samurai (1983), A Scoundrel (1965), Hope (2013), Empress Wu Tse-Tien (1963), Be with You (2018), Rage (2016), Himeanole (2016), Her Love Boils Bathwater (2016), Cutie Honey: Tears (2016); Lavori in corso: Cinema Asiatico Snakes and Earrings (35%), Dragons Forever (10%); Altro Cinema -.

#3 polpa

    Itís Suntory Time!

  • Membro storico
  • 9216 Messaggi:
  • Location:Roma
  • Sesso:

Inviato 10 March 2014 - 12:09 PM

Grandissimi! Ma allora Mizushima vive e lotta ancora con noi (ma in incognito)?! :)

#4 Shimamura

    Agente del Caos

  • Moderatore
  • 3563 Messaggi:
  • Location:La fine del mondo
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 11 March 2014 - 04:03 PM

Grandisima retrospettiva, grazie mille!

Hear Me Talkin' to Ya



Immagine inserita



Subtitles for AsianWorld:
AsianCinema: Laura (Rolla, 1974), di Terayama Shuji; Day Dream (Hakujitsumu, 1964), di Takechi Tetsuji; Crossways (Jujiro, 1928), di Kinugasa Teinosuke; The Rebirth (Ai no yokan, 2007), di Kobayashi Masahiro; (/w trashit) Air Doll (Kuki ningyo, 2009), di Koreeda Hirokazu; Farewell to the Ark (Saraba hakobune, 1984), di Terayama Shuji; Violent Virgin (Shojo geba-geba, 1969), di Wakamatsu Koji; OneDay (You yii tian, 2010), di Hou Chi-Jan; Rain Dogs (Tay yang yue, 2006), di Ho Yuhang; Tokyo Olympiad (Tokyo Orimpikku, 1965), di Ichikawa Kon; Secrets Behind the Wall (Kabe no naka no himegoto, 1965) di Wakamatsu Koji; Black Snow (Kuroi yuki, 1965), di Takechi Tetsuji; A City of Sadness (Bēiqíng chéngshì, 1989), di Hou Hsiao-hsien; Silence Has no Wings (Tobenai chinmoku, 1966), di Kuroki Kazuo; Nanami: Inferno of First Love (Hatsukoi: Jigoku-hen, 1968) di Hani Susumu; The Man Who Left His Will on Film (Tokyo senso sengo hiwa, 1970), di Oshima Nagisa.
AltroCinema: Polytechnique (2009), di Denis Villeneuve ; Mishima, a Life in Four Chapters (1985), di Paul Schrader; Silent Souls (Ovsyanky, 2010), di Aleksei Fedorchenko; La petite vendeuse de soleil (1999), di Djibril Diop Mambéty; Touki Bouki (1973), di Djibril Diop Mambéty.
Focus: Art Theatre Guild of Japan
Recensioni per AsianWorld: Bakushu di Ozu Yasujiro (1951); Bashun di Ozu Yasujiro (1949); Narayama bushiko di Imamura Shohei (1983).

#5 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5671 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 20 November 2014 - 11:59 AM

Si vanno ad aggiungere nuovi film di Im Kwon-taek che è possibile vedere in streaming in HD sul canale Youtube del Korean Film Archive:




VILLAGE OF HAZE




.

Immagine inserita


#6 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5671 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 27 November 2014 - 12:17 PM

KILSODEUM




.

Immagine inserita


#7 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5671 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 04 December 2014 - 11:53 AM

TICKET




.

Immagine inserita


#8 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5671 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 11 February 2016 - 09:02 AM

Wang Sib Ri, My Hometown


















Immagine inserita


#9 creep

    antiluogocomunista

  • Amministratore
  • 5671 Messaggi:
  • Location:Rome
  • Sesso:

Inviato 12 February 2016 - 07:42 AM

Genealogy





















Immagine inserita






1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi