Vai al contenuto

IP.Board Style© Fisana
 

[RECE][SUB] Winter Vacation


5 risposte a questa discussione

#1 fabiojappo

    Regista

  • Moderatore
  • 4579 Messaggi:
  • Location:Alghero
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 14 May 2020 - 01:55 PM

Winter Vacation

Han jia


Immagine inserita

Paese: Cina
Anno: 2010
Durata: 91 min.
Genere: Drammatico

Regia: Li Hongqi

Cast:
Bai Junjie, Zhang Naqi, Bai Jinfeng, Bao Lei


Immagine inserita



Presentazione di MarcoMx

Vincitore del Pardo d'Oro al Festival di Locarno 2010 - dopo che l'anno primo aveva trionfato un altro film cinese, She, A Chinese - Winter Vacation è una delle pellicole più originali apparse negli ultimi anni nel panorama festivaliero internazionale. L'opera diretta da Li Hongqi è una pellicola tanto surreale quanto delicata, dominata dall'immobilità. Di fatto, una trama vera e prorpia non c'è, ma a ipnotizzare lo spettatore ci sono i lunghi e fissi piani d'ambientazione che fotografano il desolato paesaggio invernale cinese, i tempi dilatati e i folli sipiarietti tra i personaggi. Nel film, dove non esiste un vero protagonista, si segue l'indolente convivio di quattro amici che, in un paesino nel nord della Cina, trascorrono placidamente l'ultimo giorno delle vacanze invernali discorrendo degli argomenti più disparati. La scuola è importante? Quanto vale l'educazione scolastica nella vita reale? L'amore adolescenziale può interferire con gli studi?

Di un paese un tumultuosa crescita industriale, Li Hongqi sceglie scientemente di raccontare chi non ne è al centro. Il lavoro è oculatamente epurato da Winter Vacation e tale esclusione concerne personaggi di ogni età: una donna in età da impiego è mostrata mentre fa la spesa, i ragazzini non vanno neanche a scuola, poiché siamo nel mezzo delle loro vacanze invernali. I due volti che ricorrono maggiormente sono quelli dello "zio", un signore già in pensione, e del suo nipotino "in un certo senso in pensione anche lui" e già in crisi esistenziale (come i suoi coetanei). I due, grazie sopratutto alla capacità del regista di dirigere i bambini, sembrano una consumata coppia uscita da anni di gavetta nel cabaret. Ma agli occhi dell'autore tutti i personaggi, non solo i menzionati, sono come marionette - immortalate senza un solo movimento di macchina - burattini di una deliziosa commedia dell'assurdo. Tuttavia, le risate non possono celare la malinconia di fondo dell'opera, popolata da protagonisti in cronica depressione, senz'altro favorita dal gelo del clima stagionale e delle relazioni interpersonali. E dalla desolazione di una grigia periferia confinata ai margini del progresso economico e sociale.



Immagine inserita


SOTTOTITOLI

Traduzione: MarcoMx




Immagine inserita


Messaggio modificato da fabiojappo il 14 May 2020 - 02:11 PM


#2 JulesJT

    Wu-Tang Lover

  • Moderatore
  • 4679 Messaggi:
  • Location:Valhalla degli Otaku
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 May 2020 - 11:41 AM

Grazie! Questo lo attendevo da un po'.

Immagine inserita


Cinema Asiatico:
Welcome to the Space Show, Udaan (2010), Goyōkin, Fuse, Dragon Town Story, The River with No Bridge, ILO ILO, A Time in Quchi
Still the Water, Norte - the End of History, The Terrorizers, Yi Yi, Stray Dogs, Tag,
Cemetery of Splendour, A Brighter Summer Day,
Labour of Love,Double Suicide, Japanese Girls at the Harbor, Nobi (Fires on the Plain), The Postmaster, Radiance, Liz and the Blue Bird
Modest Heroes,
The Seen and Unseen, Killing

L'Altro Cinema:
Kriegerin, Chop Shop, Marilena de la P7, Kinderspiel, Kes, Abbas Kiarostami (special), Hanami, L'enfance nue, Short Term 12
Mamasunción, The Rocket, The Selfish Giant,
Argentinian Lesson, Holubice, The Long Day Closes, Mon oncle Antoine, O som do Tempo
Mammu, es tevi mīlu, Skin, Une histoire sans importance, Couro de Gato, Los motivos de Berta, Ne bolit golova u dyatla, Valuri, Club Sandwich
, Whiplash, The Strange Little Cat, Cousin Jules, La fugue, Susa, Corn Island, Beshkempir, The Better Angels, Paul et Virginie, Im Keller, Ich Seh Ich Seh, Harmony Lessons, Medeas, Jess + Moss, Foreign Land, Ratcatcher, La maison des bois, Bal, The Valley of the Bees, Los insólitos peces gato, Jack, Être et avoir, Egyedül, Évolution, Hide Your Smiling Faces, Clouds of Glass, Les démons, On the Way to the Sea, Interlude in the Marshland, Tikkun, Montanha, Respire, Blind Kind, Kelid, Sameblod, Lettre d'un cinéaste à sa fille, Warrendale, The Great White Silence, Manhã de Santo António, The Wounded Angel, Days of Gray, Voyage of Time: Life's Journey,Quatre nuits d'un rêveur, This Side of Paradise, La jeune fille sans mains, La petite fille qui aimait trop les allumettes, CoinCoin et les Z'inhumains, Brothers, Permanent Green Light, Ryuichi Sakamoto: Coda, Travel Songs, Reminiscences of a Journey to Lithuania

Drama: Oshin, Going My Home
Focus: AW - Anime Project 2013, Sull'Onda di Taiwan, Art Theatre Guild of Japan, Allan King

#3 MarcoMx

    PortaCaffé

  • Membro
  • 11 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 15 May 2020 - 06:25 PM

Spero piaccia!

#4 Iloveasia

    Microfonista

  • Membro
  • 126 Messaggi:
  • Location:Milano
  • Sesso:

Inviato 16 May 2020 - 09:46 AM

Francamente, non vedo tutta questa originalità ii un film che ha come numi tutelari certo cinema scandinavo (Karusimaki, ma soprattutto Andersson), contrassegnato dall''esterma laconicità, lunghi piani fissi, immobilismo e tempi dilatati. Capisco che il problema è anche, innanzitutto, mio, ma per me il rischio è che questo tipo di cinema diventi "di maniera": e, soprattutto, la noia.

#5 Dries

    Microfonista

  • Membro
  • 220 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 17 May 2020 - 04:40 PM

qualche buon anima che mi aiuti con la versione ?? perchè ne trovo solo una che ha 17 sec di delay e non riesco a fixarla con Sw :em87:

#6 Dries

    Microfonista

  • Membro
  • 220 Messaggi:
  • Sesso:

  • I prefer: cinema

Inviato 20 May 2020 - 12:52 AM

finalmente l'ho visto, che dire ??? UNA MERAVIGLIAAAAAAA :em83: :em83: :em83:
Personalmente lo colloco un filino sotto a Routine Holiday ma solo perchè qui manca quel piglio smaccatamente weird che lo rendeva sottilmente inquietante.
Ad ogni modo Li Hongqi è un genio e spero che in futuro verranno tradotti tutti i suoi lavori perchè il verbo va diffuso il più possibile.

Ogni silenzio, inquadratura , rumore, (non)espressione facciale o dialogo ,qui è centellinato in modo chirurgico tanto da esser decisivo per creare un siparietto a volte grottesco, a volte malinconico ma sempre straniante e ipnotico.

E' impossibile spiegare il fascino di un opera del genere, bisogna vederla per capire... la scena in cui il nonno si commuove guardando routine holiday è di una genialità tale che vale da sola la visione :em83: :em83: :em83:

-Cosa vuoi fare da grande ?
- L'orfano !

:em16:





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi